Posts Tagged ‘Bellezza’

JOKER ha ora la data dell’anteprima mondiale, il Governo cade, voi ne uscirete? Quando, in quale trailer? Per fortuna esce il Blu-ray di Angel Heart restaurato


09 Aug

francesca dellera dellera

67694630_10214241009402026_8776485594558627840_n

Capitolo uno: dovete avere una bella vita per perdere tempo a pensare al governo

Sì, adoro la spietatezza. Poiché io sono intransigente perfino con me stesso. Sì, mi auto-critico come se a praticare l’esegesi della mia persona fosse il severissimo critico d’Arte per antonomasia, ovvero il Vittorio Sgarbi nazionale.

Ah, spesso nella mia anima non tira una bella aria. Sono cosciente dei miei limiti e cerco di sanarli ora dopo ora con fiera e ferrea abnegazione. Quando vado troppo giù, mangio un tiramisù di liscia, scorrevole masturbazione. E tutto mi pare più fluido.

Se scrivo, per esempio, un testo e, a distanza di qualche minuto dalla sua pubblicazione, m’accorgo che presenta(va) dei refusi, quanto prima, tempo e altri impegni permettendo, lo correggo immantinente.

In quanto son uomo che, appunto, quando si rende pubblico, a differenza di molti giornalisti-pubblicisti impresentabili e incolti, cura ogni dettaglio nei minimi particolari. Io sono la particolarità, d’altronde, fatta persona.

E m’angustia, mi allarma e quanto Di Maio, no, quanto mai mi preoccupa quest’Italia oramai all’arrembaggio, piena di gente che tira a campare, arrangiandosi. Ma non so per quanto.

Ah, io di tutto m’accorgo, spesso con la maggioranza son in disaccordo in quanto voce lontana dal coro e sovente anche dal mio cinico core. Come Ismaele nell’incipit del capolavoro letterario di Herman Melville, ovvero Moby Dick, appena atteggiate le vostre labbra al torvo, ecco, o siete Alba Parietti che ancora, nonostante i suoi anni suonati, s’atteggia a donna da novembre umido e piovigginoso per l’uomo navigatore delle sue cosce che furono su Google immagini dei tempi oramai andati, oppure state sinceramente gracchiando, sconsolati e borbottanti, amareggiati e stremati, rammaricati e delusi come uno spennacchiato corvo.

Ah, che brutte facce incagnite, ingrugnite, forse solo imbufalite che avete. Ma ancora qualcosa avete?

Questo è il problema.

Tira solo, appunto, una pessima aria e non quello che dovrebbe tirare quando le cosce, no, le cose si mostrano nel loro solare, incantevole splendore attizzante e indirizzante all’azione ficcante.

Frequentemente, quello è per voi intirizzito e soprattutto striminzito. Spompato e inaridito.

All’Aria che tira, Vittorio ha celebrato, forse da costernato decerebrato, l’italiana scon-fitta. Aveva ragione quando tempo fa ammonì gl’illusi dal gridare troppo presto vittoria?

Ah, Vittoria. N’ero ossessionato, una figa mai vista, da me sicuramente neppure minimamente avuta, che non mi faceva dormire la notte. Lei andava sempre a prendere il sole a Metaponto e io, sapendo che lei m’aveva snobbato e onestamente, platealmente rifiutato, per nascondere il dolore di questa mia immaginata e fantasticata scopata mai con lei (av)venuta, pontificai. Immaginando di predicare dall’alto del suo balconcino, ah, un capodopera monumentale di forme geometriche sensazionali come se fosse stato scolpito da Michelangelo. Ah, solo baciare quei suoi capezzoli grossi e palpare quel suo seno rigoglioso, meraviglioso, semmai in un amplesso caldamente serale in quel mare frizzante e ondoso, m’avrebbe aperto… le porte del paradiso mio da suo carnale moroso, oserei dire super focoso. Affogato, libidinosamente insabbiato.

Sì, un grande San Pietro. Ma io invece finii come Cristo e urlai solo, senza parole, la mia Pietà.

Sì, ogni mattina, vicino alla riva, la vedevo così angelicata eppur diabolica nell’ostentare di sua vanagloria l’estasi del suo bikini favoloso. In mezzo a quel dolcissimo, schiumoso cloro, desideravo spalmarle la mia crema ma rimasi all’asciutto. Pure bruciato vivo poiché non usai la protezione adeguata e il suo fidanzato mi cacciò un calcio nelle palle così tremendo da spappolarmele più di un castello di sabbia che si scioglie immediatamente sotto la prima pioggia battente.

Che donna. Dopo aver fatto l’amore con Vittoria, stanne certo, non hai più bisogno di nessun Sgarbi Vittorio che t’illumini sul patrimonio artistico e rinascimentale della nostra Italia fighissima.

Vittoria, donna superlativa, assolutamente. Sì, il superlativo assoluto di figa è fighissima o figona? No, figona è un accrescitivo, per forza… ah ah.

Sì, che te ne fai della Cappella Sistina se sai che, ogni notte, puoi dipingere e affrescare Vittoria, detta la birichina passerona? Non necessiti neppure di azzeccare una vincente sestina. Eh sì, Vittoria è donna zuccherosa con cui inzaccherarsi ma io, perdendovi la testa, ricevetti però soltanto un’inzuccata e nessuna inzuppata.

Perché lei indossa la quinta e già allora partii subito di eccessiva spinta. Lei sa rigenerarti, crearti a sua immagine a somiglianza, forgiandoti di scintilla divina e toccandoti con la soavità dei suoi lieti polpastrelli che accarezzano il tuo uccello bello già ritto come un carabiniere sull’attenti, donna da Altare della Patria che sa accenderti la fiamma tricolore con un magistrale pompino, oserei dire, variopinto!

Qui, sto esagerando. Ma io ci do. Senza badare a spese. A nessuna spesa. Mai sino a questo momento pagai una prostituta ma, comunque, quando vado appunto a fare la spesa e, cazzo, basta che compri un succo di frutta e ti prosciugano lo stesso. Donna, lei viene prosciugata se le offrono gratis il prosciutto?

Non ho soldi, mi decollerò, impiccandomi.

Sì, quando uno s’impicca, non sente poi tanto male. È come un bacio pungente col succhiotto, miei salsicciotti. Soprattutto scemotti.

Sgarbi ha proferito le seguenti, lapidarie parole testuali come se stesse recitando il suo Antico Testamento ai posteri, tramandando il suo sapere a un’Italia, più che da Elmo di Scipio, discinta e non più distinta.

Dominata solo dal più pericoloso, barbarico, triviale, populistico istinto.

Sgarbi è un opinionista, opinabile o no, ma sa il fallo, no, fatto suo:

è successo quello che doveva succedere. Perché non si può governare con fantasmi che non hanno un’idea, una visione politica e che sono figli di un personaggio grottesco e paradossale che si chiama Grillo. Che non c’è più da un anno. Da quando sono arrivati al governo, Grillo è sparito e ha messo lì questo piccolo fantoccio educato… non laureato, non lavorante, diventato ministro del Lavoro e vice-premier, con la visione di dare i danari a tutti quelli che poverini hanno bisogno, impedendo con ciò lo sviluppo dell’economia, creando quindi un danno terribile al Paese e chiamandosi grillini senza Grillo. Quindi, mi pare che sia inevitabile. Io dissi al mio discorso di fiducia provocatoria: nel disordine e nell’ignoranza io prospero. E sono qui per assistere al vostro declino.

Io, invece, sono sempre qui per assistere al suo cretino.

Ora, io sono apolitico sebbene apollineo. E non mi piace Di Maio. Ma che c’entra il classismo dell’essere laureati o no?

Guardi, nella mia vita ho visto professoresse di Storia e Italiano dire ai loro studenti che, senza laurea, si diventa disoccupati e pazzi. Queste donne andavano matte Per Woody Allen. Sino a prova contraria, Allen non è laureato.

Abbiamo visto questa gente “laureata” cos’è stata capace di fare alle persone. Questa gente di cultura cosa professò? Ma che vollero processare e professare?

Non vanno bene perciò i 5 Stelle ma non vanno bene nemmeno questi falsi ipocriti che prima parlano del PD da mezzi comunisti pacifisti, incitando alla rivoluzione del volersi tutti, appunto, bene, ma poi li trovi a togliere le stellette al prossimo con le loro sbrigative recensioni.

Sì, ci voleva una fortissima reazione indimenticabile. Un’impietosa lezione.

Sarebbe questa la gente che si dichiarò e ancora, ottusamente, si dichiara progressista, che va dai giovani di vent’anni e gioca, sadicamente, con le loro intime emozioni, ricattandoli psicologicamente perché a quell’età devono farsi il culo e come schiavi lavorare?

Ma che razza d’insegnamento è mai questo? Questa si chiama demagogia. Allora, cambierò religione e pregherò alla sinagoga, no, nella moschea, lontano da queste fastidiose mosche che si fingono, appunto, comuniste come quelli di Mosca, ah, sì, persone sedicenti da Cremlino ma in verità vi dico che preferisco a costoro, cioè gli impostori, un morbido gelato al cremino.

No, questa gente da me non avrà più nulla, nemmeno il reddito di dignità. Quella dignità per cui si riempiono la bocca e quella bocca ora per sempre cucita. Come si fa coi pazzi che, sedati come cavalli, sono rimasti distrutti.

Capitolo due: il celeberrimo, chi non lo conosce, auto-inganno di cui parla la borghesia stagna con la piena panza, gente che fa pena e che mi ha davvero rotto le palle abbastanza

Per molti anni, praticamente una ventina, ho sempre pensato che quando gli altri mi dicevano che, se non facevo certe “cose”, mi auto-ingannavo perché, in verità, le desideravo, ne soffrivo la mancanza e trovavo l’alibi, da loro chiamato scappatoia consolatoria, per sviare altrove, incenerendomi nella solitudine o esaltando la mia depressione a contraltare dei miei limiti patologici, chiamati genericamente o forse geneticamente disagi psicologici, magnificandomi nel fare il misantropo a tutti i costi a mo’ di rinnegazione capricciosa delle mie intime aspirazioni frustrate, sì, uso il passato remoto adesso, malsanamente e ingenuamente vi credetti.

Si chiama suggestione. Essere suggestionabili però dinanzi alla falsità delle facili deduzioni.

Guardate, lo dico dal più profondo del malincuore, sino all’altro ieri volevo persuadermi che io avessi torto e loro ragione.

Ma ho soppesato, nelle scorse ore, un’attenta, psicanalitica considerazione, un’auto-riflessione atroce. Non sarei mai voluto arrivare a questa tragica consapevolezza. A questa devastante conclusione.

Purtroppo, avevano torto. Sì, ho scritto bene. Ho detto purtroppo.

Perché, ribadisco, mi sarebbe davvero piaciuto che avessero avuto e abbiamo semmai tutt’ora piena ragione.

Poiché sarei stato e sarei un semplice coglione. Basta un po’ di eiaculazione e vedrai come ti passano le paturnie con una scopata d spontanea erezione. Oh, prendila come viene, mi dissero. Ma che vogliono dire? Non sanno parlare.

La verità è molto più grave, ancestrale, incurabile. Io non sono mai inculabile, al massimo m’inculo da solo.

Una verità destinata a macerarmi nell’animo più di come già nella totale alienazione sprofondai, annegai, m’intorpidii da tempo immane.

Tutto ciò per cui mi prodigo scrupolosamente per ottenere con vigore e determinazione, ahimè, si concretizza e si avvera con sempre maggiore mia intuizione.

Tutto ciò che inconsciamente non mi piace, invece, non (av)viene. Sì, il sesso non è che mi prenda molto. No, manco per il cazzo.

Ora, se avete lo stomaco forte e non siete malati di pregiudizi, vi spiego bene. Se voleste stare a leggere, a sentire e ad auscultare le ragioni del mio cuore, vi spiegherò tutto con coraggio, schiettezza e franca coscienza, con sana potenza. Con ponderazione. Potete dire anche ponderatezza.

Sì, so che state già ridendo, anzi, voi dite… sorridendo. Deridendomi, no, ora siete maturi e adulti, snobbarmi, sì. Prendere questa mia uscita (uscita da che?), mie checche, come l’ennesimo mio al lupo, al lupo ché poi tanto non succede niente?

La mia vita affettiva e sessuale è finita. Non c’è alcun rimedio né soluzione. Ora arriva la mia sincera costernazione.

Al che, un mio amico buontempone, goliardicamente provocatorio e giocherellone, per sdrammatizzare la serietà della mia succitata affermazione, esplode con un:

– Ah, perché mai iniziò? Ah ah!

– Purtroppo c’è sempre stata. Ora ti dico. Ciò non è inquietante, è invero terrificante. Rimarchiamo il rimarchevole.

– Dimmi pure. Onestamente, sono rimasto un po’ indietro con la tua vita. Sai com’è. È già incasinata la mia che se stessi a preoccuparmi di ciò che accade nella vita degli altri, ah, starei fresco.

Comunque, hai la mia attenzione. Ti do però mezz’ora. Ce la fai?

– Eh certo. Mi sa che ho ragione io, dannazione.

– Cioè non è mai stato un problema di timidezza, chiusura e quant’altro? In effetti, mi sa che forse è così come dici tu. Le persone timide non si scagliano contro uno alto due metri e gli saltano alla gola a costo poi di prenderle e finire, se va fatta bene, al traumatologico oppure, se va fatta male, al cimitero. Sì, certo, l’altro da te aggredito, eh già, sarebbe finito all’ergastolo ma tu saresti finito del tutto, diciamo.

– Già. Ho pensato a quanto t’ho detto in seguito al mi piace su Instagram di Francesca Dellera.

– Francesca Dellera. L’attrice?

– Attrice di che? Ah sì, come attrice del cazzo è da trecento Oscar l’ano.

– Sì, comunque lei? Quella de La carne?

– Ecco, appunto.

– Ma ancora campa, Francesca? A proposito, il ritornello di Lucio Battisti e Mogol… Francesca non ha mai detto di no… fu scritto per la Dellera?

– Ma che cazzo dici? Sì, comunque non è tanto vecchia. È dell’ano, no, anno 1965. Diciamo che, cinematograficamente parlando, a livello qualitativo, l’ha preso in culo da tempo immemorabile ma non mi addentrerei in compenetrazioni da psicanale, no, psicanalisi. Sarà cascata in depressione, le saranno cascate le tette. Sarà stata economicamente messa a novanta, alle strette. Che cazzo ne posso sapere, io?

Sono andato a fare delle ricerche in merito ai suoi mariti, no, flirt. Ha un carnet appunto carnale mica male. Insomma, da maiala. Donna dolcissima, ispirò a molti uomini, pensa, il crème au caramel. Sì, lei si è fatta tutti. Dai buzzurri che fumano le Camel ai gobbi come i cammelli, perfino Benicio Del Toro, eh sì, nomen omen, Delon Alain, anche se Alain nega d’averla inchiappettata bellament’, Berlusconi ovviamente e pure Christopher Lambert, specializzato in cosce e minigonne, vedi le sue relazioni della minchia con Parietti Alba e Diane Lane. Ah, Christopher, uomo che sa scaldare le donne meglio di una maglia di lana.

Fatto sta che Lambert, secondo me, è un attore di merda e, nonostante questo popò di figotte, un povero Cristo. Diciamocela!

Ah, guarda, Francesca è una che ha perennemente lavorato duro. Sì, si è fatta il culo per avere tre ville al mare. Si capisce.

Dal 1986 al 2006, poi non ha fatto più un cazzo, come no, ha girato la bellezza di sette film, due miniserie e forse però un milione di seghe dei suoi fan incalliti.

Sì, un sex symbol degno di notte. No, di nota. Donna indubbiamente un po’ mignotta ma, comunque sia, faccia quel cazzo che vuole. Non la giudico.

Detto ciò, asserito questo e non il mio in Francesca inserito, i titoli dei film da lei interpretati sono lo specchio della mia vita da depresso anale, no, annale.

Sì, Grandi magazzini, ovvero i centri commerciali ove vado quando sono annoiato per guardare le vetrine, aspettando l’ora di cena.

Capriccio, appunto, peccato veniale di cui vengo accusato dall’età di 14 anni in poi.

Roba da ricchi: sì, sono pure colpevolizzato se sto male. La depressione, in Italia, viene considerata una vergogna nazionale. E ti urlano che solo chi ha i soldi può permettersi di sputtanarseli, andando a fare chiacchiere con gli psicologi.

Qui si paga alla Romana. L’Italia è un Paese di falsi e, appunto, se sei diverso dagli altri, ti dicono che ti auto-inganni e ti danno della bugiarda.

Insomma, un Paese ove se non ti spacchi il culo, facendotelo/e, se aspetti il sabato sera per andare con un mignottone come la Dellera, ti fanno le smorfie come se tu fossi un bimbo, vale a dire L’orso di peluche.

Sì, a me ne diedero tante. Già pienamente adolescente, registrai dalla tv il film 4 cuccioli da salvare. Perché è un film commovente.

La gente stupida alluse malignamente:

– Ah, e chi sarebbe il quinto cucciolotto? Tu? Ah ah.

 

Sì, vidi giusto nella mia coscia e (in)coscienza, anni fa, quando decisi di mandarvi tutti a fare in culo.

Dopo che mi sverginai, impazzii davvero.

Di solito succede il contrario. Sì, per voi. Per me fu traumatico. Sì, dopo la prima volta, scopai molto. Questo va ammesso.

Ma persi la mia poesia. Quindi, fottetevi.

Vedo ora il mondo per quello che è.

Un mondo ove vendereste pure vostra madre al demonio al fine soltanto di dare un bacio alla Dellera. Io, pur di dare un bacio alla Dellera, venderei comunque il nuovissimo Blu-ray di Angel Heart che ho appena pre-ordinato. Tanto costa poco, 20 Euro, posso ricomprarlo. Ah ah.

A parte tutto, sì, non mi piace tanto il sesso. Non sto scherzando. So che questo può turbarvi. Ma scusate, se non turba me, a voi che cazzo frega? Per caso volete incularmi?

Finisco con questa:

– Stefano, non capisco perché tu ti ostini a inserire video sul tuo canale YouTube. Ho appena visto il tuo ultimo. Ho visto pure che l’hanno visualizzato solo dieci persone.

– Vedi? Ti sbagli un’altra volta. Sono undici, considerando che tu l’hai appena visionato.

Ah ah.

 

Comunque, fedelissimi e stronzissimi, dopo il mio Cuore angelico… tenere tenebre sanguigneIl diavolo è un giocattolaio Il candore svelato, libri che potete trovare in vendita su Amazon e sulle maggiori catene librarie online, sto terminando il quarto romanzo a tematica faustiana e diabolica.

Purtroppo, ho la stessa faccia da culo di Mickey Rourke. Volete farmene una croce?

Eh sì, quest’anno sarò fra gli accreditati stampa a Venezia per il Festival.

Ma reggeremo sino a fine agosto o questo stival’ cadrà a pezzi come la stessa Venezia sommersa dalle acque?

Chissà.

Adesso, vado a leccare un gelato.

E forse anche qualcos’altro.

 

di Stefano Falotico

 

angel heart blu ray

TE QUIERO – Barbara Vagnini – [Video ufficiale]


06 Jul

barbara vagnini

Seguo oramai Barbara da mesi. Oltre a essere una figa cosmica, mi pare evidente, sexy al massimo, allo spasmo, uh uh come spasimo, sì, ne sono spasimante irrefrenabile, ecco dicevo… ha una bellissima voce, è simpaticissima, ha un paio di gambe da abbronzare ogni tuo ormone anche nel più rigido inverno. Dio quanto è bona, Barbara. Una bonita. Poi è forte in questa sua canzone, mette voglia di mare, di vita, di ballare e soprattutto… ci siamo capiti.

 

di Stefano Falotico

Il mondo si divide in due categorie: chi ama cinematograficamente la bellezza di Tiziana Panella e chi fotografa la vita come se fosse un artista dal grande pennello


27 Jun

Tiziana Panella scosciata plateale

Ovviamente, Tiziana Panella è una donna bellissima. Sexy milf mai vista. È anche una brava giornalista, sebbene si sarebbe forse realizzata maggiormente come modella matura per nude glamour destinati a uomini raffinati di buon tatto e lunga vista.

Faziosa oltre ogni limite, apertamente schierata verso il PD, dinanzi a questa donna così sensuale non so più che dire. E fare…

Mi spazientisce, invero, la sua voce roca. Se fossi cieco e dovessi giudicarla in base soltanto al timbro suo vocale, penserei che stia parlando una racchia sesquipedale.

Ma non sono Andrea Bocelli e dunque, appena la vedo, i miei ormoni cantano all’unisono, accalorati come una folla gremita e scalmanata allo stadio, Con te partirò…

Detto questo, vi ricordate della vecchia pubblicità dei pennelli cinghiale?

– Ma cosa fa con quell’arnese? Ostacola il traffico.

– Devo dipingere una parete grande, ci vuole il pennello grande.

– Non ci vuole un pennello grande ma un grande pennello.

 

Di mio, sono un artista di strada, spesso distratto. Sempre meglio di molti fantomatici, sedicenti, grandi uomini che non sono capaci di apprezzare le cos(c)e migliori della vita. Dei ratti, insomma. Ma che vogliono armeggiare e amare? Io li affogherei in alto mare. Ah ah.

Ci vuole la derattizzazione, lo spurgo. Via anche le zoccole. Avranno da me solo degli sputi in faccia. Anche dei pugni malgrado non sia amante del fisting.

Bisogna godere solo di quel che viene… di botte di culo pazzesche. Fottetevene. Contemplate la bellezza incarnata nelle vostre anime e anche altrove.

Ovvero quella di un dipinto, di un grande film, il piacere di un buon libro da sfogliare a letto, semmai.

Secondo me, è così semplice vivere.

Come mai invece voi vi castrate da soli, sognando sempre ambizioni e gloria e poi rimanendo in mutande come dei coglioni?

Non va bene, eh no.

Per molto tempo, molte persone stupide mi dipinsero a cazzo loro. Non erano molto dotati.

Ora sono sbiancati.

Ci voleva un’imbiancatura non come un bel vestitino rosa bensì come la minigonna immacolata di Tiziana.

Non so se Tiziana sia, comunque, una peccatrice fra le pareti domestiche. Sono cazzi suoi.

Insomma, non statemi sul moscio, eh.

 

di Stefano Faloticotiziana panella cosce

65393337_10213951100434483_6876133930978770944_n 65512378_10213951100114475_7781214399309545472_n 65268955_10213951098074424_1797327351042801664_n

 

 

 

Notizia straordinaria: quest’anno sarò al Festival di Venezia non da comune spettatore bensì in veste di giornalista coi fiocchi, brindiamo!


26 Jun

accredito venezia
64837241_10213944660833497_3576101607303020544_n
Quello che sta succedendo alla mia vita è veramente incredibile.

Dopo disagi psicologici tremendi, roba che i più devastanti libri di Chuck Palahniuk non sono niente a confronto delle mille spaccature mentali ed emozionali del mio turbolento passato mai visto nemmeno da me stesso, ah ah, la mia vita si sta miracolosamente innalzando, giorno dopo giorno, ora dopo ora.

Grazie alla mia instancabile verve letteraria, al mio acume prodigioso, alla virtuosa mia prosa da cinematografaro sui generis, quest’anno ho ottenuto giustamente l’accredito per la prossima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Ebbene, dopo i miei inspiegabili forfait delle scorse edizioni, comunque spiegabilissimi in quanto cagionati dalle mie depressioni inguaribili eppur sanate, causati dalla segregazione razziale, oserei dire, che masochisticamente m’inflissi, costringendomi a un autoesilio figlio dei miei capricci da asilo, non sono morto a Sant’Elena come Napoleone Bonaparte ma, con buona pace dei miei detrattori, posso qui attestare che mi vedrete al lido veneziano, ove spadroneggerò da critico-imperatore della Settima Arte più elevata. Monopolizzando con amenità ogni pittoresca donna sexy. Infilandomi in qualche festa e forse in qualche sottana suggestiva come un tramonto rosso sul mare, corteggerò, che ne so, una diva di Hollywood e lei capirà che è meglio George Clooney di me perché io sono più bello e giovane di lui ma lui è più ricco, ovviamente, del sottoscritto e dunque ha più voce in capitolo per scritturarla come sua nuova amante se dovesse divorziare dalla moglie di cui s’è sinceramente annoiato.

Intanto, stamattina ho rinnovato la carta d’identità.

Adesso, figlioli, le regole sono cambiate. Nella nuova carta d’identità, elettronica fra l’altro, non compaiono più alcune voci. Come il colore dei capelli e lo stato civile, oppure la professione.

Infatti, che senso aveva? La carta d’identità dura dieci anni. Nel frattempo, uno può cambiare lavoro, sposarsi altre mille volte oppure farsi monaco, perfino biondo.

Il ragazzo, quasi mio coetaneo, che mi ha posto delle domande per rinnovarmi, appunto, il certificato, mi ha solo domandato:

– Altezza, 1 e 70. Vuole che le aggiunga due tre centimetri?

– No, guardi. L’altezza è questa. Anzi, 1 e 68. Uguale a quel nano di Tom Cruise. Ma facciamo come per Al Pacino. Che ha chiesto a quelli di Wikipedia di inserire come statura, appunto, un metro e settanta.

Non ci crede nessuno. Basti vederlo in Scarface. Lui e Steven Bauer camminano, in questa pellicola di De Palma, quasi mano nella mano e vengono inquadrati dunque uno a fianco dell’altro.

Bauer si dice che sia alto uno e ottantacinque. Dunque, Pacino non può essere uno e settanta. Peraltro, oggi molto meno. È ingobbito.

Bauer, nella suddetta pellicola, lo sovrasta di almeno mezzo metro anche se Pacino, dal punto di vista recitativo, gli è una spanna decisamente sopra.

 

Vi racconto anche questa. Dopo di me, sono entrate nello sportello comunale, altre due persone, un uomo grassissimo e una figa bestiale.

Sempre il ragazzo burocratico, diciamo:

– Buongiorno. Prego, si accomodi. Può rilasciarmi gentilmente la vecchia carta d’identità?

– Tenga.

– Non è la sua.

– Come no?

– Scusi, lei sembra un lottatore di sumo. In questa vecchia carta d’identità, dunque la foto non è la sua.

– Come no?

– Impossibile. Lei qui pesava al massimo 40 kg.

– Sono passati dieci anni.

– Capisco. Vuole che le ritocchi la foto del visone con Photoshop?

– Va bene, se per lei non è troppo impegno.

– Si figuri. Ci metto solo 5 min. Mi dica solo… come vuole che le rifacci il look della faccia? Le piace questa foto di Johnny Depp a trent’anni?

– Johnny Depp è figo.

– Allora vada per il Depp. Vuole anche che le faccia il ciuffo di banana?

– No, meglio rasato a zero come in Paura e delirio a Las Vegas. Sa più di uomo vissuto.

– Ecco, tenga. Firmi qui, arrivederci.

 

– Buongiorno, carissima.

– Buongiorno. Sta bene?

– Certo.

– La vedo sul paonazzo forte.

– Onestamente, lei è una donna stupenda. Non nego che, vedendola a mezzo metro da me, non abbia provato un certo imbarazzo. Scusi, bevo un bicchiere d’acqua.

Glup glup. Perfetto. Procediamo.

Mi potrebbe cortesemente consegnare la vecchia carta?

– Sì, certo.

– Questa però non è lei.

– Come no?

– Scusi, non vorrei apparirle offensivo. In questa foto sembra la strega di Benevento.

– Come si permette? Villano.

– No, guardi, ha frainteso. Anzi, le rinnovo ancora i complimenti. Ha fatto un notevole cambiamento.

Scusi, non vorrei sembrarle inopportuno, ma, mi dica la verità, è stata otto ore in palestra tutti i giorni e ha trovato un chirurgo plastico da premio Nobel?

– No, sa. Lì avevo solo diciotto anni. Ero bulimica e sempre incazzata col mondo. Ora mi sono sposata. Ho trovato uno che mi mantiene. Non faccio un cazzo da mattina sera. Sa, senza preoccupazioni, con la mente libera, si dice che si diventi più belli.

– Ah, questo si dice?

– Ovvio, non lo sapeva?

– Pensare, carissima, che a me mia madre ha sempre detto il contrario. Mi diceva che le donne e gli uomini che non lavorano, eh già, non hanno dignità e si lasciano andare.

– Retorica da Costituzione italiana. Invero, sono quelli che lavorano come degli schiavi a finire, oltre che imbruttiti, pure nell’anima, senza più ardori vitali perché, dopo dieci ore passate in fabbrica, sono talmente distrutti che non sanno più cosa sia l’amore.

– Signora, a lei piace Elvis?

– E a chi non piace? Ho quasi tutti i suoi cd. Ma mi mancano solamente due suoi album.

– Capisco… Vorrebbe venire a casa mia dopo il mio lavoro? I due mancanti glieli posso regalare, se volesse…

– Ci sta provando?

– Un po’ sì, detta come va detta. Per lei è un problema insormontabile?

– No, tanto mio marito torna sabato. Non lo saprà mai.

– Grande! La nuova carta d’identità è pronta. Deve solo mettere due firme. Una su questa ricevuta e una su questo documento.

– E questo documento che sarebbe?

– Oh, niente di che. Burocrazia. Lei, firmando questo documento, mi dà il nullaosta affinché possa un giorno attestare che siamo entrati, diciamo, in confidenza intima, come posso dire.

– E a che le serve attestarlo?

– Sa, quando morirò, sulla mia lapide vorrei mettere la seguente iscrizione: qui giace un dipendente comunale che fu sfigatissimo ma ebbe una notte da Elvis con una donna da favola.

– Tutto qui? Vuole che le faccia questo piacere? Il documento sarà reso pubblico?

– No, lo archivierò nel cassetto dei miei segreti inconfessabili.

– Allora a che le serve la mia firma?

– Be’, non si sa mai.elvis

 

elvis presley

di Stefano Faloticopaura delirio las vegas depp

Ho sempre amato ogni Sharon, preferisco Ludivine Sagnier a Emmanuelle Seigner, sono più bello di DiCaprio e Alain Delon in quanto più in gamba, eppur si campa


25 May

Alain+Delon+Palme+Honneur+Photocall+72nd+Annual+1_QaFo-fQ4Ll

Sì, la dovrebbe finire quel farabutto a prendervi per fessi e fesse. Racconta un sacco di balle sul mio conto perché sta morendo d’invidia. E voi poveretti abboccate alle sue maldicenze, alle sue calunnie e credete davvero che io sia un eunuco come Totò il turco napoletano.

Fumo solo più dei turchi.

Questo cacasotto che insulta solo da dietro un PC, è un piccino, un simpatico bimbino.

Ma stavolta ha incontrato uno più stronzo di lui. Può succedere, fenomeno.

Dietro i nostri esibizionismi su YouTube, io vi vedo solo slancio vitale, non vi vedo insicurezze, bisogno di conferme, depressioni, disagi, malessere, ansietà e patologie, abbasso i sociologi-psicologi

Circola voce che gli youtubers seguiti da milioni di fan o soltanto giudicati fanatici, forse come Falotico, seguito invece da una ristretta nicchia e forse, perché no, anche da qualche racchia, abbiano cercato pateticamente la via traversa dei 15 minuti di celebrità warholiana che qualche bacchettone sostiene esser addirittura deviante, un mo(n)do auto-ingannevole per trovare la luce del giorno svanita nei loro cuori pietrificatisi nella solitudine più triste.

Ma che falsità immonda, che bieca distorsione dello sguardo ipocrita di questa massa fintamente allegra e ridanciana. Festivaliera e amante dei baccan(al)i.

Io invece vedo nella finta contentezza di questa massa ruffiana e sempre apparentemente smagliante nei suoi sorrisi di plastica da manichini, da robot mercantili dell’edonismo collettivo che, ahinoi, ha preso il sopravvento e ha sopraffatto le menti più deboli, una felicità mortifera da morti viventi e, come dissi pochi giorni fa, da morti dementi.

Persone che si attorniano perennemente di compagnie coi drink in mano, fra risa sguaiate, volgarità smodate, balletti e vinelli, abbracci e osceni bacetti. Fra sorrisetti da mezze calzette e qualche cazzone al loro fianco che fa la guest star con l’occhiolino malandrino.

Donne eterosessuali ecco allora che posano non soltanto con l’uomo che hanno sposato, esibendo le loro composte pose da brave signore a modo, alternando queste images politicamente corrette a immagini raccapriccianti ove, per sentirsi trasgressive, emulano Charlotte Gainsbourg in accoppiamenti di dubbio gusto con femminone oramai scabrose solo a tua sorella, sì, donne superate come Jane Birkin e neppure in bikini, però con questi sguardi lasciavi, maliardi e un po’ da maiale assai birichine.

Delle bricconcelle, forse solo delle riccone che, parimenti ai cosiddetti ricchioni, categoria comunque rispettabilissima poiché io non sono omofobo ma stimo molto soprattutto quelli alla Greg Kinnear di Qualcosa è cambiato, al mattino recitano la parte delle brave secchione e di notte, avendo codeste una vita da frustrate, cioè ricevendo tante botte soprattutto in testa, se la montano… di amori saffici a cui non crederebbe neppure il barbone più rimbambito di Via Saffi.

Alcune di cognome fanno Laffi, altre Biffi come l’ex cardinale omonimo, ex grande uomo mai baffuto. A me sempre piaciuto. E, dopo queste pose orgiastiche in (s)mascherate da Eyes Wide Shut, dopo aver dapprima pontificato sul mondo, scrivendo didascalie santificatrici dei loro peccati ven(i)ali, scritte farisee ficcate sotto ogni loro foto in costumi discinti da grottesche ebree bruciate soltanto nel cervello, diventano come Joe Pesci se, al posto di Bruce Willis, avesse interpretato Trappola di cristallo.

Cioè sono credibili e attendibili come avvocatesse e donne di classe quanto Joe Pesci, sempre lui, sì, però di Mio cugino vincenzo.

Sì, Pesci in questo film è stato fenomenale. Grazie alla sua ruspante schiettezza, alla sua ingenua e imbranata scaltrezza, alla fine ha vinto pure la causa. Salvando quei due scornacchiati dalla forca di una società ingiusta. Formata perlopiù da fighette e da foche monache.

Queste invece sono solamente delle ignorantone cafonissime molto meno sexy di Marisa Tomei.

Vinceranno mai l’Oscar? No, il premio come belle statuine sul comò e come soprammobili da (im)mobilissime, leggasi oggetti sessuali per una vita comoda, forse sì.

Alcuni, guardando i miei video, hanno voluto intravedere in essi la necessità, da parte mia, di sfuggire alla solitudine, la voglia a dir loro addirittura pericolosa di estraniarmi dal mondo reale di ogni dì per buffoneggiare in un altrove delirante e visionario fra il mistico, il mitico in senso negativo, forse solo all’interno di un’apatia creativa da vero, velleitario indubbio fallito senza più vel(l)i. Senza pelle. Soprattutto senza palle.

Ah, ma che moralismo. Suvvia, non è da come si recita un sonetto di Shakespeare che si giudica un uomo con le vostre recensioni affrettate da chi non può comprendere le rabbie all’Al Pacino de Il mercante di Venezia.

Non è da una mia smorfia alla Massimo Troisi che potrete vincere al Lotto.

Sì, voi sognate da sempre. Vi fate i film sulla gente perché a voi basta dare alle persone una cattiva occhiata per nascondere i vostri scheletri nell’armadio e parlate retoricamente soltanto di corretta, noiosa ars amandi, coi vostri populismi, i vostri buonismi, i vostri classismi, i vostri fancazzisti che inneggiano al vogliamoci bene. Ma che state dicendo? Che farneticate? Ma che fornicate?!

Sì, perché qui quelli che non fanno nulla dal primo canto del gallo all’ultimo urletto della vostra gallina, siete voi.

Io, come tutti gli youtubers più giustamente gigioni, appunto paciniani e alla Pesci, so benissimo che il mondo è di per sé una schifezza.

E le sparo grossissime con un carisma da lasciare esterrefatta pure la fotocamera digitale che vorrebbe spegnersi e invece s’illumina radiosa, multicolorata, briosa e calorosa.

Sì, non mi sono mai fidato delle persone con troppe certezze, delle persone che puntano il dito, che vorrebbero evangelizzarti, frenarti e rabbonirti, immobilizzarti nella loro esistenza prevedibile, ripetitiva, scolastica, demagogica e banalmente appunto ipocrita.

Sono i primi che fingono di essere san(t)issimi e invece poi, attraverso account fake, vigliaccamente da dietro una tastiera offendono gratuitamente nella maniera più folle e insincera.

Perché sono invidiosi, perché tromberanno pure come delle scimmie ma rimarranno anche più stupidi della scimpanzé di Tarzan.

Lo so benissimo e sto benissimo, in tutta la mia vita non sono mai stato meglio.

Perché sono ora privo di ragazzini educati appunto alla falsità, sono lontano da ogni schema, da ogni precetto e ricetta, da ogni lutulente ricotta, da ogni vostra volgare flatulenza, da ogni vostro mal di pancia, da ogni stronzetta e da ogni pugnetta.

Io celebro la bellezza nella sua forma e nelle sue forme più armoniose, più ipnotiche, più suadenti, più poetiche.

Perché, a differenza di molti di voi, so che un giorno morirò. Questo potrebbe accadere anche da un secondo all’altro. Mi potrebbe prendere un infarto così come mi può pigliare subito pure un’infatuazione per una fata. E, con mani fatate, scrivo e parlo.

Anche stando muto come un pesce. Oppure infoiandomi troppo come Pesci. Infognandomi come quello di Casinò.

Questo è tutto per ora. Domani, sarà un’altra figona o figata, forse una faticata, forse sarò sfigato o ancora sfaticato… Certamente io vivo di faloticate.

Un mio amico mi dice:

– Ah, sei misantropo. Datti di più. Non da fare, datti per farti una come Sharon Stone.

– Sì, farò la fine di Pesci e De Niro.

– E se invece incontrassi quella di Basic Instinct?

– Ah, di male in peggio…

 

Eh già, voi ora di non me non state capendo più un Tubo, vero?

Allora, siete ridotti peggio di un uomo turbato spesso titubante, intubatevi.

Si prega di non disturbare. Mai più.

Grazie, miei uomini e donne turbate.

Io spingo di brutto o forse bellissimo, di turbo e indosso perfino i più svariati turbanti.

Io sono conturbante. Esitante ma comunque (in)esistente.

Un uomo a sé stante.

 

Ricordate: più mi prendete per il culo con batoste toste e ficcanti, più ve le do ben assestate e brillanti. Lo do alla mia lei da brillantone.

In quanto oggi son grande, domani ti spezzo il glande.

E posso permettermi di mettere in copertina una più bella di Ludivine Sagnier.

Come no?

Vendimi una penna. Avanti…candoresvelato

Ludivine+Sagnier+Les+Miserables+Red+Carpet+IHiQa-fhE_El Ludivine+Sagnier+Les+Miserables+Red+Carpet+mIIrY_bnWJll

rothstein casino

Il ritorno di Sharon Stone, l’ex donna più bella di tutti i tempi, attrice con 147 credits e un solo capolavoro, Casinò? No, il suo sguardo da casino


08 May

Sharon+Stone+Arrivals+amfAR+Inspiration+Gala+tKKytMxC8vjlSì, che fine ha fatto Sharon?

Ieri sera, mi è capitato di dare una sbirciata, ancora una volta, a Basic Instinct 2.

Una porcata micidiale. No, non perché sia scandaloso, bensì perché è scabrosamente orribile dal punto di vista cinematografico. Il film col quale il suo regista Michael Caton-Jones s’è sputtanato del tutto.

Ah, che spettacolo, Sharon, però. Aveva già il seno rifatto ma era ancora devastante. Possedeva uno sguardo fulminante da leonessa. Tant’è vero che quel bambagione di David Morrissey ha già una faccia da pesce lesso prima d’incontrarla nel film e poi, quando lei lo ammalia, lo seduce e lo fotte, diventa catatonico del tutto. Imprigionato dalla sua bellezza spaventosa che lo avvinghia lisciamente fra le sue gambe maestose. Una donna con una potenza sessuale eguale alla virilità di Viggo Mortensen in A History of Violence.

Sì, raffrontiamo questa donna dalla venustà titanica al maschione Viggo. Altrimenti poi voi femministe dite che siamo sessisti.

Tom Stall/Viggo, quest’uomo che sta nel suo bar e serve bomboloni con la crema, prepara caffè macchiati caldi con tanto di spruzzo di panna montata, un uomo squisito, delizioso ch’è sposato a Maria Bello ma da tempo la trascura, non la zucchera, diciamo. E, nel suo locale, mette su le canzoni di Michele Zarrillo per addolcire e dare un tocco musicale disneyanamente infantile appunto agli avventori rozzi della sua tavola troppo calda.

Fregandosene anche dei bullismi che il figlio riceve a scuola. Pedagogo in stile Gandhi che professa la non violenza anche quando è plateale che stiano mordendo i loro gioielli come Mike Tyson contro Evander Holyfield, come il pistolero Luis Suárez contro Chiellini.

Sì, a me nella vita son successe varie aggressioni sessuali. Essendo un semi-ascetico, a volte pure scemo e coglione, a un certo punto, son stato sbranato vivo come Sean Astin di Stranger Things 2.

Sì, questi demagoghi, no, demogorgoni, questi uomini cagneschi, sconvolti dalla mia purezza da hobbit, attentarono alla mia verginità, scarnificando la mia anima protesa alla metafisica trascendente e, non paghi del cannibalismo da Hannibal Lecter, m’indussero coattamente ad accoppiarmi alla prima cagna che avessi trovato per strada. Per una notte d’ululato da Joe Dante.

Da allora, come un licantropo, vago sconsolato nella brughiera della mia sessualità spelacchiata da cittadino felsineo. Un lupo mannaro molto italiano a Bologna.

Sì, mi obbligarono a un puttanesimo denudante ogni mia lindezza splendente poiché, dopo le loro analisi pediatriche della mia psiche, da loro reputata troppo fantasticante, addivennero follemente alla conclusione che andavo svezzato con qualche bagascia fattissima e arrogante. Scuoiandomi con offese molto pesanti da uomini sprezzanti. Oserei dire la mia anima spezzanti.

Figli di un’educazione arretratissima da anni trenta, vi andarono duro…

Al che, la mia indole rabbiosa e lupesca, acquietatasi in anni di letture elevate da filosofo zen, venne… abbattuta in un batter d’occhio, annientata in un nanosecondo dopo tanto cauto, lieve onanismo sognante, e fu trivellata, spolpata, macellata da questi iper-aggressivi machi deficienti.

Roba che, appunto, Michael Douglas, celeberrimo sciupafemmine incallito, avrebbe riso da matti. Consapevole che costoro, dinanzi a lui, donnaiolo conclamato ma anche uomo distinto quando non si piegò ai ricatti di Demi Morre di Rivelazioni, sono soltanto dei topi da topoline di fog(n)a. Delle zoccole, insomma.

Ma non perdiamoci in merde e stronze, no, stronzate.

Sharon Stone non è mai stata una grande attrice. Ha un solo capolavoro all’attivo nonostante cinquemila film da lei interpretati, ovvero Casinò. Ove recita la parte di Ginger, prostituta di classe.

Un ruolo che le calzò a pene, no, a pennello. Infatti sfiorò l’Oscar, ovvero le belle statuine che siete voi quando la vedete e l’adorate, volendola dorare.

Questo lo faccio anche io. Ma io posso, voi no. Ah ah.

Un giorno, prima di morire, vi narrerò di quando in fallo, no infatti, nel 2005 la incontrai a Beverly Hllls. Lei mi invitò a casa sua ma io rifiutai. Perché altrimenti sarei morto subito.

Una donna, sì, talmente bella che diventi omosessuale perché, se la fissi per più di tre secondi, capisci che, a lungo andare, potresti batterti il petto come King Kong. In quanto eccitato in maniera gigantescamente scimmiesca da Tarzan bestiale? No, perché t’è preso un infarto. Ah ah! Pensate alla salute!

Allora è più conveniente non guardarla proprio… ah ah.

La vedremo in The New Pope.

Paolo Sorrentino non ci ha ancora rivelato se farà la parte della suora… non credo, comunque.

E ho detto tutto.

Sì, la bellezza di Sharon, sino a qualche anno fa, ora è un po’ invecchiata, non si poteva discutere.

Ad esempio, io ho un metodo per capire se un uomo è malato di mente. Gli mostro Sharon in Basic Instinct e in Sliver.

Se costui, dopo dieci secondi abbondanti, non mostra la più minima reazione emotiva e la benché visibile erezione, bene, anzi malissimo, è subito da internare con tanto di sedazione.

Trattasi di un uomo socialmente pericoloso.

Ah ah.

Eh già, tutto si può dire di Sharon, tranne che non sia indubbiamente la donna più bella di sempre.

 

Altro che Eva Green e mignotte varie di sorca, no, di sorta. Anche di sorrata!

Qui, parliamo della super figa par excellence.

 

Sì, col tempo son diventato maestro delle freddure.

– Ah, ti piacerebbe essere stato con Sharon, vero?

– Be’, sono stato con lei e con altre donne ancora meglio di lei.

Potrebbe non essere vero ma tu sei frocio, quindi non mi interessa convincerti e sedurti.

 

Ah ah. E su questa faloticata adesso sgattaiolo.basic instinct 2

 

di Stefano Falotico

L’estrema signorilità di Richard Gere, re dei belli come io sono il principe dei ribelli


25 Jan

ar28 01487806

Sparatevi questo video e vi prego di non adoperarvi più per ambire al mio decadimento psicofisico.

Mi spiace deludere le vostre più nefaste, tristi aspettative ma, rigoglioso, splendo sempre più bello e anche dolcemente lussurioso. So che ciò ha guastato i vostri piani calunniosi e delittuosi tesi a demoralizzarmi e a volermi veder mal ridotto.

Ma, si sa, le invidie, le ipocrisie tornano indietro sempre come un boomerang atroce. E, per quanto vi accanirete tremendi a volermi veder affranto, sconsolato, amareggiato e deprivato d’ogni forza, io esisterò sempre per rompervi il cazzo e, soprattutto, per smussare le vostre bacate idiozie sulla vita, sul prossimo e sulla bellezza. Del mondo e anche della mia.

Sì, indubbiamente, quando non sono assalito da malumori perniciosi, posso competere con Richard Gere. Sono molto più basso di lui ma questo dislivello io compenso col mio cervello e forse anche con un più grosso uccello.

Sì, leggete anche questa e non mi buttate fuori dalla finestra. Io alle donne offro ginestre, mi diverto in godimenti che adorano centrar i loro canestri e, grazie al mio pindarico estro, di ogni orgasmo sopraffino son maestro oggi angelico e domani luciferino. Proprio un bel Stefanino!

Compresi tempo fa, fratelli e soprattutto sorelle, che se avessi continuato a dar retta alle reprimende che malelingue perseveravano a sferrare contro il sottoscritto, potevo già prenotare il loculo alla Certosa, qui a Bologna.

Perché, soffocato dalle loro invidie infamanti, sarei stato sempre più istigato al suicidio oppure, ben peggio, all’ebetudine più sciocca.

Mi fa spavento che a tutt’oggi, dopo il rivelarsi scandalosamente stupendo di tante sepolte verità rinnegate per timori e folli folclori di cretini coi loro ottusi clamori, ancor qualche psicopatico insista indefesso e ostinato a punzecchiarmi con far maligno e ammorbante di suo arrabbiato, malato core.

Chi dice che Richard Gere possieda solo due espressioni, dovrebbe innanzitutto guardarsi allo specchio e riflettere seriamente sulla mono-espressività della sua imbattibile quanto sconvolgente faccia da culo putrescente.

Io, ultimo dei romantici libertini, acclaro qui per l’ennesima volta il fascino di Richard. Uomo amabile, dalle donne molto amato e, in virtù di ciò, guardato con estremo e sussiegoso, perfino disgustoso, immondo sospetto da chi ovviamente non può vantare e valere la sua classe e il suo savoirfaire altolocato e giustamente pruriginoso. Un uomo eccitante. Ottimo.

In Pretty Woman sarà anche un “troione” ma, scusate, voi vorreste invece essere il DannyDeVito di Kiss? Chiariamoci molto bene. La simpatia è un conto, la bellezza un’altra troia, no, storia.

Dunque, uomini funestati da donne che non ve la danno nemmeno se avete più soldi di Berlusconi, se da codeste vi sentirete dire che siete grandi e puri, avete, sappiate perfettamente, ricevuto due delle più spregiudicate quanto ipocrite offese che un maschio può rimediare in vita sua.

Grandi non significa niente. Siete grandi perché vi fate il mazzo da mattina a sera, lavorando come dei matti? No, non siete grandi manco per il cazzo. Perché tanto, una volta che sarete in pensione, non vi ricorderà nessuno, tutti gli amici o pseudo-tali, non potendo più usufruire in maniera opportunistica dei vantaggi che offrivate loro, cominceranno a non farsi più sentire e finirete come Umberto D.

Non sarete menzionati in nessun libro di Storia e il vostro posto di lavoro sarà occupato da un giovincello molto ambizioso ma anche molto stupido che il padrone sfrutterà, come faceva con voi, per i suoi interessi porci. Costui invecchierà, diverrà appunto un pensionato e la vita andrà sempre così.

Pensate a Elvis Presley. Voce magnifica ma lui, in fondo in fondo, era solo un sempliciotto.

Eppur i potenti, pur di far soldi, lo spremettero come un limone. A lui andava comunque grassa e accettò che venisse (m)unto pur di godersela. Ma scoppiò e alla fine un brutto infarto gli pigliò.

Lo snaturarono, adulterarono la sua indole mansueta da sognatore con la testa fra le nuvole per adattarlo al mercantilismo di massa. Lui compiacque costoro perché, come sopra detto, gli conveniva e con molte donne veniva. Ma non aveva previsto lo “svenimento”. Il cardiaco collasso.

E in un tempo brevissimo, quello che si chiama un fugace lasso, cazzo…

Quindi, finiamola subito con la retorica di Sinistra. A livello teorico siamo tutti figli di un dio barbaro e dovremmo amarci, abbracciarci, volerci bene, stimarci a vicenda e reciprocamente appoggiarci. Ma è utopia menzognera e ancor più falsa e buonista di quella di Destra. Dovete esserne coscienti.

Tanto nascerà sempre la testa di minchia che vorrà avere di più e farà lo sbruffone, mangiando tutte le fette di torta, lasciandovi all’asciutto, anzi, sul bagnasciuga, come dico io. Senza limone né meloni ma in particolar modo trattandovi da coglioni.

In verità vi dico che non vi è niente di male nel capitalismo. Non è la libertà dei costumi e il divertimento a spada tratta la rovina del mondo odierno. Dunque, quelli che dicono che Berlusconi ha creato un Paese di vallette in minigonna e di teledipendenti decerebrati, in realtà mentono. Berlusconi, nella sua follia smoderata, voleva in cuor suo, ah ah, paradossalmente creare un mondo migliore, felice, da balocchi. Totalmente inconsapevole di combinare casini, ah ah.

Non certo un film di Ciprì e Maresco ove la gente, povera in canna, scoreggia da mattina a sera e miserabile non ha più fazzoletti per le lacrime.

Anche quella di Berlusconi è stata un’utopia pazza col suo sfrenato consumismo ma non più folle del retorico comunismo ipocrita. Ché poi tutti parlano, vogliono dare regole e moralizzare, pontificano ma so bene che, quando la moglie non li vede, si scatenano…

Solo io e Richard possiamo permetterci il “lusso” di perdonare, di camminare a testa alta. Di fare i baciamano, di essere addirittura patetici nei nostri romanticismi tanto esagerati da sembrare melensi, solo io e Richard deteniamo l’assoluta, magnifica verità indissolubile.

Il resto è una grande balla. Fidatevi.

Perché creeremo un mondo falso più dei falsi di oggi. Ancora più bugiardo.

Ieri, ad esempio, ho discettato di Cinema, dopo aver postato la mia recensione di Mission.

Qualcuno ha scritto che fa schifo, è un film di merda e pure la colonna sonora di Morricone provoca ribrezzo.

Ecco l’esagerazione. Va bene il realismo, va bene dire che Mission è un film retorico al massimo e che, come io ho scritto, la retorica è falsa e pomposa.

Peccato però che Mission non sia retorica. È grandeur raffinatissima, zenit della retorica al suo livello più alto, tanto retorico da non esserlo. Tanto retorico da diventare bellissimo.

Come me e come Richard.

Come dire… Tunnel of Love di Springsteen è una brutta canzone perché magnifica l’amore. E invece il mondo è brutto, sporco e cattivo. Ma questo lo sappiamo. Sappiamo che il mondo è pieno d’ingiustizie, che il sistema è fascista e che l’uomo, nella sua nuda condizione umana, è invero un essere tristissimo.

E allora? Dovremmo a ragione di ciò invece ascoltare musica senza musica, come dico io, in cui il cantante si dà delle martellate sulle palle perché vorrebbe mostrarci che è un uomo che soffre? Andasse a dar via il culo.

– Scusi, Falotico. Ma lei davvero crede di essere bello e attraente come Richard Gere? Allora lei è più pazzo di quello che pensavo.

– Infatti, non lo credo. Penso di essere molto più bello e bravo di Richard. Mi pare incontestabile questo, non crede?

– Ma lei si rende almeno conto che fa ridere la gente?

– Sì. Lei invece si rende conto che non fa ridere neanche sua moglie? Questo lo sa? Non lo sa? E allora, come diceva Totò, s’informi.

 

Applauso e che sia scosciata, no, scrosciante.

 

di Stefano Falotico

Un uomo, il sottoscritto, nitido, deterso, teso, pulito, forse troppo. Un uomo troppo. Anche per Monica Bellucci


22 Aug

39883602_10211923310621005_4798862475598495744_n

 

Introduzione, sperando d’introdurlo in Monica

Sì, si nota che son dimagrito? Sì, il mio corpo, compresso da pasticche antidepressive sfiancanti, si era un po’ ingrossato, e io ero notevolmente ingrassato, acquisendo una fisionomia da tarchiato.

Ma la fiera abnegazione della mia volontà ginnica mi ha permesso, in un batter d’occhio, di perdere i chili in eccesso, ritornando quasi al mio peso forma.

Sì, sono stato invaso da molte malignità, tese a disfarmi. Molte donne, già sfatte, deluse dalla vita, hanno attentato alla mia purezza, negli ultimi tempi, proponendomi scopate alquanto squallide. Ho lasciato che rimanessero a mangiare l’insalata con l’aceto e il loro contorno insipido di frustrazioni giornaliere. Sì, andassero a raccattare qualche sguattero e guitto giù in instrada ché m’instrado io ove meglio il mio cuore vuole. E per queste non mi duolo, ché si può dire anche dolgo.

Ah, tutte queste lucciole non mi avranno mai. Prima dovranno ritornare alle loro perdute verginità e virtuosità e, solo quando avranno restaurato il lor lindore corrotto, potranno ambire alla pulizia del mio profumo orgasmico. Sì, queste son donne sporcamente vaginali, emanano cattivi odori e invece la mia anima è impregnata di “biancheria”. Ah ah. Son uomo intimista, come un film indie, e non ho da socializzare con le loro lerce intimità. Comunque, se la modella dell’Intimissimo volesse farmi “sbiancare”, togliendosi anche quel poco che indossa, denudandosi davanti a me, porgendosi delicatamente ignuda, potrei fare uno strappo… alla regola.

Ecco, io adoro le camere d’albergo. Ove, sapete bene, i camionisti bisunti s’accoppiano con puttane di bassa lega. Sì, quei motel in cui instancabilmente ogni autotrasportatore va orgoglioso del suo tir(o).

No, io amo le camere d’albergo per una ragione molto più igienica e meno sifilitica. Perché hanno la doccia. Sì, in casa mia ho sempre avuto una vasca. È scomodissima. Innanzitutto, prima d’immergermi, la pulisco col Vim Clorex, perché ancora contiene i batteri degli altri abitanti della mia casa che ne hanno usufruito. La sciacquo, strofino le sue pareti così come Ralph Macchio di The Karate Kid dà la cera e toglie la cera…, immaginando che sia il seno di Monica Bellucci.

Dunque la riempio… Chi? La Bellucci? Magari. No, la vasca. Attento a miscelare la giusta temperatura, azionando caldo e freddo così come quando vedi sempre la Bellucci del vecchio calendario Max e devi mescidare gli ormoni prima che tu possa schizzare fuori dal “recipiente”.

Comunque, sì, la vasca da bagnata, no, da bagno, è una gran rottura di coglioni. Innanzitutto, spendi un sacco d’acqua e poi ti arrivano bollette della Madonna, poi, se non sei magro e hai ottimi riflessi, potresti scivolare e prendere delle capocciate tremende. La classica “sbandata”… e perdi la testa.

Invece, la doccia è bellissima. Uno, dopo una giornata di sudori, si spoglia alla stessa velocità con la quale un uomo eterosessuale si spoglierebbe se la Bellucci ti facesse capire che vuole il tuo sudore, e si lascia riscaldare. No, rinfrescare. Soprattutto in queste giornate estive bollenti…

Sì, dovete sapere che l’altro giorno si è bruciata… Chi? La Bellucci? No, la scheda madre del mio PC del cazzo. La temperatura troppo alta, nonostante il condizionatore, ha fuso tutto. Fortunatamente non il processore e neppure il disco dati.

E dunque ho portato il computer, o meglio la CPU, al negozio di assistenza. Ogni volta, dimagrisco cinque chili. Perché mi piglia il patema d’animo che il computer, nel tragitto in macchina, possa subire degli scossoni e che io possa fare un incidente. Capito? Non me ne sbatte che si spacchi la macchina e neppure che io mi rompa in mille pezzi, mi frega del computer, oggetto col quale lavoro prodigamente e coccolo come un figlio.

Non deve subire rotture!

Il tecnico del negozio è un uomo gentilissimo ma un po’ debosciato. Mangia le crescentine e poi ficca le sue dita negli apparecchi elettronici. Ma comunque sa riparare come Dio comanda, come ben insegnavano Lucio Battisti e Mogol:

quel gran genio del mio amico. Lui saprebbe cosa fare. Lui saprebbe come aggiustare. Con un cacciavite in mano fa miracoli. Ti regolerebbe il minimo, alzandolo un po’.

Fatto sta che il computer è a posto.

Siete voi che non siete a posto.

E io vi sposto nel cestino. Non vi cancello però. Posso recuperarvi se volete.

Basta che non vogliate più sporcarmi con sozze illazioni.

Se invece voleste sporcarmi con la Bellucci, vi regalerò un PC nuovo di zecca.

 

Personalissima classifica delle super donne da infarto per voi, vecchietti bavosi, da mia crema spalmata sulla masseuse

La mia top ten delle massime tope, dalla decima alla prima, forse meglio dalla terza in poi, basta che non porti la settima perché non mi piacciono le maggiorate:

10) Shannon Tweed, moglie di Gene Simmons. Adesso è vecchiotta, ed è sempre stata rifatta. Immagino quante volte se la sia fatta Gene ai tempi di Body Chemistry 4: Full Exposure.

Nei panni della “dottoressa” Claire Archer, sì, quel suo seno sarà stato anche bombastico ma abbisognava subito del “mastice”. Qualcosa di sensazionale che neanche la Venere di Botticelli.

9) Julianne Moore. È migliorata col tempo. In America oggi esibiva il suo primo nudo integrale, ma era sinceramente un po’ bruttina. L’altro giorno, l’ho vista nel trailer di Bel Canto e “qualcosa” ha subito intonato da tenore un gemito in do minore.

8) Roberta de Matthaeis, speaker radiofonica ed ex “conduttrice” televisiva. Osservate questa posa e il modo con cui ammicca con la cannuccia… bisogna aggiungere altro?

39512468_263538347611752_6202792808265285632_n

7) Tiziana Panella, giornalista e conduttrice del programma pomeridiano de La7, Tagadà. Una voce da cornacchia paurosa, una stronza clamorosa, una da Festa dell’Unità sebbene lecchi il culo a Salvini. Ma, quando accavalla le gambe, ti dimentichi di essere comunista. E vorresti con lei soltanto far comunella.

6) Alessia Pavese, bergamasca, Adidas athlete. Un corpo perfetto da fondista, un corpo su cui fiondarsi e in cui fondersi. Una ragazza che ti confonde, ti rende un Föhn. Sì, da definizione di Wikipedia, il favonio, più comunemente chiamato asciugacapelli, è un vento caldo e secco che può presentarsi, in differenti configurazioni bariche, su entrambi i lati della catena alpina e di quella appenninica.

Sì, ad Alessia soffierei tutto il mio calore da orogenesi! Una donna dolcissima più della foto di un bambino sui cartoni del latte della Granarolo. Con l’unica differenza che i bambini non vanno toccati, a lei succhieresti tutto, per un’ottima crème au caramel.

5) Sabrina Salerno. Donna che ha compiuto, a Marzo scorso, la bellezza di cinquant’anni. Ecco, secondo voi questa è una cinquantenne normale? Foto datata 20 Agosto 2018.

39569775_2154123157933910_447902180586815488_n

4) Una pornostar di cui non rivelerò il nome. Lussuria pura. Da non vedere mai “in azione” se il giorno dopo dovete sostenere un esame di matematica. Scombussola, diciamo così, perderete parecchio in lucidità e potreste dare i numeri.

3) Sylvester Stallone, sì, a settantadue anni, fa ancora la bella figa su Instagram.

2) Robert De Niro. Nel giorno del suo settantacinquesimo compleanno, è stato fotografato al mare col panzone debordante e flaccido. Ma il suo carisma è qualcosa che non scambierei neppure con un harem.

4F27D0BA00000578-6071523-image-m-41_1534523465414

1) Monica Bellucci è un po’ invecchiata. Guardate che non è più bella delle altre, fisicamente parlando. Ci sono donne al mondo molto più formose. Ma ha uno sguardo che ti annienta.Monica+Bellucci+62+David+Di+Donatello+Red+CyWE2HjBkC4l

 

Ci mancava anche il “caga-cazzo” con la sua moralistica paternale

Sì, qualche volta, come chiunque, mi masturbo. Ma due mattine fa mi è venuto invece lo sturbo. Ero lì che controllavo le notifiche di Facebook quando, di punto in bianco, vengo assalito in chat da un napoletano cinquantenne, probabilmente in ferie, che ha pensato “bene” di rompere le palle a uno sconosciuto molto più giovane e figo di lui. Così, perché gli tirava…

Un uomo che ha messo la sua faccia da culo dappertutto, e si dichiara laureato in Relazioni internazionali col Master ma non credo sia specializzato in quelle interpersonali. E che, col prossimo suo, ha un tatto “finissimo” che neanche fosse una trebbiatrice. Sì, questo qui doveva laurearsi in Agraria. Per arare i campi della sua nullità. Un uomo sfiorito.

Dice anche che, come lavoro, si occupa di recupero crediti. Sì, un esattore. Annamo bene…

Questa la conversazione fra me e tale porcellino:

– Stefano, da un po’ ti seguo. Anch’io sono appassionato di Cinema. Ma toglimi una curiosità. Anzi, due. Tu quanto guadagni? È un guadagno che ti permette una piena autonomia economica? E poi da quant’è che non scopi?

– Mi arrangio come meglio posso. Per quanto riguarda la mia ultima volta, non sono cazzi che ti riguardano.

– Ho il sospetto che la tua ultima volta risalga a parecchio tempo fa. Puoi dimostrarmi il contrario? Non è che ti fai le seghe? Bisogna farsi il culo!

 

Bannato.

 

E voi vorreste venirmi a dire che non ho fascino? Sì, lo ammetto, sono basso, 1 e 68. Ma anche Tom Cruise è uno e sessantotto. Lui dice un metro e settantacinque. Sì, coi tacchi…

Ma mi trovate un altro che sa essere sensuale, strafottente in senso lato anche B, e che ha appena pubblicato su Kindle-Amazon una monografia su John Carpenter?

Se me ne trovate un altro, vi scopo.

39932496_10211922521161269_8592521339133231104_n

 

di Stefano Falotico

La vita è una continua delusione, ma meglio così. Che gusto c’è a vincere sempre? Alain Delon docet, ah ah


31 Jul

Alain Delonvt1202011301pisc13

Uh, sai che noia. Essere belli come Alain Delon dei tempi d’oro, non aver bisogno di sapere niente, andare in giro per istrada, e le donne ti saltano addosso. Avere il cervello di una capra, non conoscere Mozart e pensare che Paola Cortellesi sia una brava attrice, e ricevere baci dappertutto, in ogni zona erogena del corpo, in un profluvio zampillante di potere attrattivo immediato.

Sì, un uomo alla Delon, che quella sera ha cagato storto e, mentre cagava, ha avuto un’erezione sul water ma, in quell’attimo, gli è scappato lo schizzo della pisciata per lo sforzo dell’evacuazione escrementizia, e allora ha “pittato” tutte le piastrelle di un bel giallo canarino. Al che, pulitosi, sciacquatosi, ha preso la spugnetta e ha disinfettato le pareti. Poi, si è pettinato, lavato il viso e ha indossato il suo cashmere.

Sì, appena ha aperto la porta, tutte le donne son “schizzate”. Non sapendo che Delon è invero un imbranato merdoso.

Perché di Delon vedevano soltanto il carisma a pelle, da uomo-lupo di mare. Un uomo che non importa non abbia mai letto una sola riga di Nietzsche, perché ha degli occhi che si guadagnano da vivere semplicemente per il fatto di essere i suoi occhi.

Sì, Delon, non me ne volere Alain, mi ha dato sempre l’impressione di non sapere un cazzo di niente. Il vuoto assoluto. Ma poi si apriva al sorriso e ogni Romy Schneider diventava Piscina…

Sì, La Piscine, eppur in bagno Delon aveva lordato le piastrelle di un’allegra pisciatina.

Pensate a Sean Connery. La sua ultima grande interpretazione è dell’anno 1990. In Caccia a Ottobre Rosso. Da allora, andate su IMDb se non mi credete, ha girato solo delle semi-schifezze.

Ma la casalinga di Voghera sfoglia la rivista FilmTv e nota che stasera danno il film Alla ricerca dello stregone.

– Guarda, zia, che è una stronzata cosmica.

– No, non può esserlo. C’è Sean Connery.

 

Sì, certa gente vive di rendita sul suo carisma.

E Alain Delon, adesso, se ne sta sulle colline francesi a schiacciare le mosche coi piedi a mollo nel laghetto e a scaccolarsi eppure, quando torna a Parigi, la gente lo acclama.

Ma il caso più eclatante è Andrea Occhipinti. Oggi, è un bravo produttore. Ma è diventato famoso perché aveva davvero gli occhi “pinti”… Ho detto tutto…

 

Di mio, che posso dirvi? Ho comprato una scatola di fagioli scaduti. Ma ho perso lo scontrino della COOP e ora o li butto oppure me li magno.

 

 

di Stefano Falotico

Le differenze di età: un uomo di 35 anni è moralmente lecito che stia con una diciottenne?


18 Jun

doriangraytoto

Sì, molte persone ambiscono ad essere Dorian Gray. Dorian, sì, il protagonista di uno dei più famosi libri di Oscar Wilde. Dorian pattuisce (pattuisce è bellissimo) qualcosa col Diavolo, al che gli altri invecchiano, com’è normale e fisiologico che sia, lui invece rimane cristallizzato in una perpetua giovinezza. A livello estetico. Il suo viso non accusa i segni del tempo, resta immutabilmente bellissimo, di una bellezza dionisiaca, imperturbabile ed eterna. Ma nell’animo marcisce e spasmodicamente si corrompe. Tutte le donne lo desiderano, attratte dalla sua apparenza alla Johnny Depp. Eppur Dorian in cuor suo è un vecchiaccio malefico, indisponente, vanaglorioso e soprattutto accidioso. Sostanzialmente un mostro.

Una volta dissi a mio nonno che Dorian Gray era uno stronzo ma un gran bel figo e lui mi rispose:

– Stefano, soffri di problemi alla vista?

– Perché, nonno?

– Ah, Dorian Gray era un pezzo di gnoccona inarrivabile. Aveva un paio di gambe e di curve che nemmeno Indianapolis.

– Nonno, sei rincoglionito?

– Stefano, affatto. Guardala in Totò, Peppino e la… malafemmina. Quel povero Teddy Reno viene irretito da quella diavolessa, però lo stesso continua a studiare e a laurearsi, nonostante l’apprensione dei loro zietti. Capito, Teddy? Chiamalo fesso. Con una fessa (fessa, nel dialetto meridionale, significa tocco di ottima vagina…) del genere, anch’io avrei tenuto la testa a posto. Cioè in quella zona di Dorian. Ah ah. Stefano, la donna, come diceva Totò, è mobile e noi ne siamo mobilieri…

 

Sì, Dorian Gray era un’attrice molto bella, almeno per l’epoca, una femminona che ti faceva perdere la testa. Anche se poi, nella realtà, Teddy Reno si sposò con quel cesso inaudito di Rita Pavone…

Di mio, posso dire che più gli anni passano e più divento come Dorian, quello di Wilde. Con la differenza che, oltre a giovarmi fisicamente di una magnifica esteticità da far bagnare le donne anche a dieci chilometri di distanza, la mia anima, anziché liquefarsi nel marciume, diventa ancora più salubre, romantica, purissima come un uccello che, al mattino, allo “squittire” del dì, come si suol dire, dopo notti ingorde con le passerotte, canta sull’albero della cuccagna.

Ora, io non vi vedo niente di male in una relazione fra un trentacinquenne e una maggiorenne che, sino al giorno prima, era una minorenne. Oh, semmai questa è anche una maggiorata e, a maggior ragione, il “volpone” di 35 anni è sano e giusto che si dia da “fare” con una che sa il “fallo”, fatto suo.

Di solito, questo tipo di relazioni non possono sussistere per problemi prettamente logistici. Solitamente, infatti, le persone guardano a quelli o a quelle della loro età. Quindi, una diciottenne se la fila con i suoi coetanei, e può darsi (anche può darla) che, vista l’anagrafe, sia una studentessa appena “maturanda”, a proposito di maturità, e dunque desideri accoppiarsi con gente universitaria.

Ma ciò è vero soltanto in parte. Si dice che le donne, sessualmente, maturino più in fretta degli uomini. Sì, certamente… se sono come Laura, ex mia compagna delle scuole medie. Tutti noi studenti “medi” la corteggiavamo, perché a cosce codesta era un fenomeno. Ma lei voleva crescere… e, fra una lezione di Rivoluzione francese con Robespierre e una sulla Guerra dei cent’anni, “assaggiava” quelli di Massimo, meccanico che giocava sempre alla baracchina, leccandola di “gelato al limone” dopo tutto quel sudore in officina, e la “sporcava” di “olio”, e Marco il butterato, edonista palestrato soprattutto dei suoi “quartieri bassi”. Adesso, Laura, dopo tutte queste “dure esperienze”, canta a squarciagola J-Ax ma, comunque, come a quei tempi, già “geriatrici”, va sempre matta per quell’omone di William “Bill” Spencer Jr.

Sì, una donna “beautiful”, sognava la villa a Beverly Hills ma suo marito sta messo peggio di Javier Bardem di Biutiful. Piccola borghesia veramente “cazzuta”.

Di mio, mi piace molto il fotografo francese JR, autore del cortometraggio Ellis con Bob De Niro.

Sì, mentre quest’umanità di puttanazzoni va in giro carnascialesca, brindando alla frivolezza della loro pochezza, io fantasmatico vago per le stanze dei miei ricordi, con carisma à la De Niro ermetico.

Ora, è una società abbastanza ingannevole. Prendiamo questa foto.

Everhard

 

Ma sì, ci sta. Eccome se ci sta… la diciottenne, in piena crisi tardo-adolescenziale, stufa di condividere le sue emozioni con babbei della sua età, stravolti da turbamenti nerd, si mette con uno che ha il doppio della sua età. Perché lui sa… e la protegge. Soprattutto coi soldi.

Quindi, basta coi moralismi.

– Stefano, ma tu non sei invidioso se un vecchio sta con una giovane figona?

– No, gli invidiosi sono dei poveretti. Beato lui…
Nella vita, c’è chi prende il Sole, sperando di diventare più sexy, un idiota, c’è chi prende la sola…, chi invece piglia Lucila Solá. E chi, come Leo DiCaprio, sta con la figlia. Morrone, una che ti svuota i maroni…

Di mio, mi andrebbero bene entrambe. Non mi farei troppi “problemi”… e paranoie.

 

Ho detto tutto.

Secondo voi, perché Totò, come me, si faceva chiamare il Principe? Secondo voi, perché Totò, come me, si faceva chiamare il Principe? Non solo per motivi dinastici. Perché era oltre le piccinerie, i pettegolezzi, le cattiverie e le stronzate da nani.

 

 

Manglehorn+Premiere+71st+Venice+Film+Festival+uJjNchae1eFl

 

 

di Stefano Falotico

Genius-Pop

Just another WordPress site (il mio sito cinematograficamente geniale)