Posts Tagged ‘Gli intoccabili’

A proposito di De Niro e Pacino di The Irishman, perché nessuno parla di Righteous Kill? Ne parlo io, un uomo “b movie”, arrabbiato come il detective Rooster


28 Nov

heat

padrino parte seconda

PHOTOGRAPHS TO BE USED SOLELY FOR ADVERTISING, PROMOTION, PUBLICITY OR REVIEWS OF THIS SPECIFIC MOTION PICTURE AND TO REMAIN THE PROPERTY OF THE STUDIO. NOT FOR SALE OR REDISTRIBUTION.

PHOTOGRAPHS TO BE USED SOLELY FOR ADVERTISING, PROMOTION, PUBLICITY OR REVIEWS OF THIS SPECIFIC MOTION PICTURE AND TO REMAIN THE PROPERTY OF THE STUDIO. NOT FOR SALE OR REDISTRIBUTION.

PHOTOGRAPHS TO BE USED SOLELY FOR ADVERTISING, PROMOTION, PUBLICITY OR REVIEWS OF THIS SPECIFIC MOTION PICTURE AND TO REMAIN THE PROPERTY OF THE STUDIO. NOT FOR SALE OR REDISTRIBUTION.

PHOTOGRAPHS TO BE USED SOLELY FOR ADVERTISING, PROMOTION, PUBLICITY OR REVIEWS OF THIS SPECIFIC MOTION PICTURE AND TO REMAIN THE PROPERTY OF THE STUDIO. NOT FOR SALE OR REDISTRIBUTION.

Ah ah.

Sì, Pacino e De Niro, assieme a Jack Nicholson, Dustin Hoffman e forse Robert Redford, sono considerati gli attori più iconici dei seventies.

Gli unici due della loro generazione, fra l’altro, a non aver mai girato un western.

Per tempo infinito, vissero d’una profonda rivalità.

Tant’è che, quando si parla di loro due, al cinefilo sorge spontanea la domanda: chi è il migliore?

Mi ricordo che, tanti anni fa, nella landa desolata di Matera, durante un’estate della mia adolescenza mai carnalmente vissuta, ah ah, bensì sognante la metafisica di Hollywood, alloggiando nel paese natio dei miei genitori, in Basilicata, durante un pomeriggio assolato, mi recai al più grosso videonoleggio, per l’appunto, del capoluogo lucano.

Un’intera parete era tappezzata delle VHS dei film con De Niro e Pacino. Sì, tutto ciò avvenne prima dell’avvento dei dvd, dei Blu-ray e soprattutto dello streaming.

Anzi, per l’esattezza, su una mensola erano collocati i maggiori film con De Niro e, in quella adiacente, quelli più importanti con Pacino.

Al che, entrò un altro cliente-avventore e noleggiò un film con De Niro. Perdonatemi, non mi ricordo quale affittò ma invece precisamente rimembro cosa poi successe assurdamente:

Il cliente afferrò la VHS e la consegnò al gestore:

– Ah, stasera, gusterò Prima di mezzanotte col più grande attore del mondo.

– E chi sarebbe il più grande attore del mondo?

– Be’, c’è bisogno di chiederlo? Ovviamente, Bob De Niro.

– Lei ne sarebbe così sicuro? Sa che Prima di mezzanotte è di Martin Brest, regista peraltro di Scent of a Woman?

– Ah sì? Grazie per la preziosa informazione. No, non sapevo che fosse dello stesso regista. Quindi?

– Quindi, lei sa che Pacino vinse il suo primo e unico Oscar quando De Niro, più di dieci anni prima, ne aveva collezionati già due?

– No, non lo sapevo. E con questo?

– Ecco, secondo me è un’ingiustizia assoluta. Poiché è Pacino il più grande attore del mondo!

– Suvvia, non scherziamo. De Niro non si tocca. Lui è l’eterno Al Capone, inoltre, de Gli intoccabili.

– Sì, di Brian De Palma. De Niro, dopo alcune particine abbastanza irrilevanti, divenne amico proprio di De Palma. Ma Pacino fu più grande di De Niro per De Palma. Vorrebbe venirmi, forse, a dire che le sue interpretazioni in Scarface e Carlito’s Way sono paragonabili, tralasciando The Untouchables, a quelle, sì, ottime di De Niro in Ciao America e in Hi, Mom?

Così come, vorrebbe forse obiettare sul fatto inequivocabile che Pacino fu un Mefistofele, ne L’avvocato del diavolo, decisamente una spanna sopra il De Niro/Lucifero, anzi, Louis Cyphre di Angel Heart?

E sa che le sputo ora in faccia? Pacino, in Heat, non vede proprio De Niro. Prendiamo la celeberrima scena del diner.

De Niro si limita a motteggiare qualche frase a capo chino, parlando quasi a monosillabi. Invece, l’incubo raccontato da Pacino è più lungo, più dettagliato, magnificamente recitato.

E sa che le aggiungo, pure? Pacino è sempre stato più figo di De Niro.

– Ma per l’amor di dio! Lei sta bestemmiando! Ora, visto che preferisce Pacino, parafraserò come Frank Slade del profumo di donna… entrerei col lanciafiamme in questo videonoleggio!

Robe da matti. Affermare che Pacino sia più talentuoso di De Niro, oddio, è una blasfemia!

Si vergogni! Vada a confessarsi, per la Madonna di Cristo in croce!

– Invece, io ritengo e ribadisco, impunemente, che sia Pacino il più grande. Che mi rappresentò, per esempio, quell’Oscar come miglior attore non protagonista a De Niro per Il padrino – Parte II?

E l’Oscar come protagonista a Pacino dove lo mettiamo? Fra l’altro, perché premiare come protagonista Marlon Brando per il capostipite, Il padrino, e candidare soltanto come non protagonista il mio Pacino?

Fu lui il protagonista! Questo è nonnismo, cazzo!

Sì, è ingiusto. Così come fu abominevole non dare l’Oscar a Pacino per …e giustizia per tutti!

Pacino, viva Pacino! Abbasso De Niro!

– Guardi, a questo punto, non noleggio più niente da lei.

– Sì, lei è un ammiratore sfegatato di De Niro. Scommetto che le piace persino The Fan. Le vorrei chiedere anche questo. Qual è la sua squadra di Calcio del cuore?

– La Juventus.

– Ecco, lo sapevo. Lei dovrebbe tifare per l’Inter. Lei non capisce un cazzo. Non sa niente di Cinema e di Calcio.

Anzi, ora faccio la sparata alla Al Pacino!

Sua moglie è come la consorte di Nanni Moretti in Aprile.

Al Pacino, in Heatè sempre più bello.

– E sempre più basso!

– Ti sei scopato (a) mia moglie?

– Sì, amo De Niro di Toro scatenato!

– Lei è un cornuto!

 

Sì, stanno accadendo episodi strani nella mia vita. Durante il periodo delle scuole medie, nel mio quartiere spadroneggiava la ragazza dei nostri sogni. Quella inarrivabile, la fantasia erotica idealizzata dai nostri patetici desideri puberali, pre-adolescenziali del cazzo.

Tutti i maschi, appena la vedevano in autobus, impazzivano.

Da poche ore, costei mi ha chiesto l’amicizia su Facebook.

– Sei davvero tu? Come mai mi hai chiesto l’amicizia? Da giovani, parlavamo tutti di te ma tu manco mi conoscevi. Anzi, neppure adesso mi conosci.

– Sì, ma ho appena visto che abbiamo un’amicizia in comune. Guardando le tue foto, devo ammettere che mi piacerebbe esserti amica…

 

Sapete la verità?

Vedendola invece io, in foto, devo esservi sincero.

Non è così figa come si diceva. Chissà che minchia vedemmo di bello in questa qua.

Non è un granché, a darglielo tutto, no, a dirla tutta.

Io sono molto più bello di lei, se vogliamo essere onesti.

Anzi, sapete che vi dico?

Sono pure più bravo di De Niro e Pacino.

Purtroppo, è così.

Insomma, questa mia vita è stata, come dice Pacino in Heatun disastro assoluto.

Così come Pacino di Sfida senza regole, idolatrai De Niro, prendendolo a modello.

Mi dimenticai però di questa qui del quartiere eppur mi feci dei grandissimi film in ogni posizione sul divano.

Poco altro, realisticamente scopando, no, parlando.

Dunque, come Pacino di Righteous Kill, sono veramente stufo di farmelo e riceverlo nello stesso posto da gente che spaccia e chissà per cosa o chi si spacci, da gente che millanta, ruba ma indossa la maschera dell’integerrima dignità falsa, da gente che delinque ma viene premiata, da gente che non sa usare non solo la Lingua italiana ma nemmeno quella che sta in bocca. Questa è tutta gente che fotté la ragazza più amata, per l’appunto, del quartiere. Sì, lei andò con tutti, tranne che con me. Anche perché la colpa fu mia. Me l’avrebbe offerta volentieri ma io scomparii dal mondo. Adesso è troppo tardi. Lei è diventata una zoccola ignorantissima, non sa neppure chi siano De Niro e Pacino. Scambia Pacino per Dustin Hoffman e Dustin Hoffman per Jack Nicholson. Da me, questa qui, lo prenderà solo nel culo. Ah ah.

Sì, vado matto per i b movie. Questi film sporchi, dimenticati, detestati, stroncati, dalla Critica alta inculati, snobbati, fottuti. Io sono il Critico per eccellenza. Impietoso con me stesso. Sì, la mia vita poteva essere un capolavoro ma la recensii malissimo. Devo rivederla…

Quindi, Sfida senza regole è un masterpiece. Così sia scritto, così come quella del quartiere sia (s)fatta e salutatemi sorrata! Comunque sia. Questo 2019 sarà ricordato anche per il grande ritorno di De Niro e Pacino dopo tanti film mediocri. Joker, The Irishman, C’era una volta a… Hollywood.

Per quanto riguarda la ragazza di FB, no, non è così bella come la ricordavo. Ma è sempre bella. Io invece sono meno pazzo di quello che potevo sembrare. Infatti, lo sono di più. Ah ah. Anche se a questa stronzata del pazzo non crede più nessuno, tantomeno io.

Quando mi curo, sono anche un bel ragazzo. Va ammesso, soprattutto a questa va messo, cazzo. Ah ah.

Sì, lei fu solo una leggenda metropolitana. De Niro, Pacino e il sottoscritto siamo leggende viventi.

 

di Stefano Falotico

RAMBO: LAST BLOOD, un trailer pessimo – Gli stili educativi della vita, la mia libertà da semi-eremita e Re Mida contro i moralismi guerrafondai delle teste di m… a


21 Aug

michael filipowich mindhunter 2

Capitolo 1: ha ragione Todd Solondz

Sì, inondato da una furia celestiale, sto patendo gli strazi di me addolcito, non so se rinsavito, che un tempo giacque in una torta a mille strati. Ero inasprito, guardavo come Travis Bickle il bicchiere mezzo vuoto con tanto di aspirina.

All’epoca, il mio mentale stato si era talmente illiquidito nell’essersi sciolto a mio babà, sì, un pasticcione vivente pasticcino che potevi sciogliere in bocca soltanto accarezzandolo con un bacino, che stavo in fondo sbriciolato mentre, sopra di me, tutti festeggiavano con tanto di champagne e ragazze che, fra un cocktail con ghiaccio e gelide limonate arrapanti, scaldavano… sbrinandole di leccate spompanti.

Sì, gelide limonate. Perché questi ragazzi non sapevano dare un bacio caldo come l’ardente vodka servitavi da una di Mosca.

Trattavano le ragazze come delle matriosche. Dando loro solo un’oca al semifreddo.

Fidatevi, rispetto a questi bastardi, preferirò sempre Jeff Goldblum de La mosca. Almeno, è stronzo al massimo della più sexy sua forma.

Sì, erano tutti sparpagliati in qualche festa, brindando alla faccia del mio cioccolatino.

Sì, mi spalmavano d’offese.

Ora, vi racconto una barzelletta non proprio pulitissima che Angelo, ex mio diabolico compagno delle elementari, purtroppo tragicamente deceduto in seguito a un fatale incidente stradale, raccontò alla nostra scolaresca:

un uomo ha un figlio, cioè è padre di un bambino da educare.

Per farlo crescere sano e forte, per insegnargli dapprincipio che la melassa di molti sdolcinati film hollywoodiani e disneyani non corrisponde alla realtà, spesso cinica e desolante, deprimente e piena di quotidiane delusioni sfiancanti, lo indottrina e imbocca immediatamente alla stronzaggine del mondo.

Sì, suo figlio tornò da scuola. Suo padre quel giorno non andò a lavorare e dunque, al rientro del ragazzo a casa, doviziosamente gli preparò il pranzo luculliano e appetitosamente rosolato.

Prima assieme mangiarono degli ottimi spaghetti fumanti, mischiandoli al bis di delicate eppur piccanti penne all’arrabbiata, quindi si strafogarono di bistecche al sangue. Dandoci giù pesante.

Mangiato che ebbero come dei ludri, bevendo e scolandosi due bottiglie di vino, ficcarono nelle loro bocche pure tutta la frutta. Ingozzandosi di pesche, banane, lamponi e cocomeri.

Be’, essendo ancora un periodo scolastico, forse la frutta fresca non deglutirono, più che altro il padre, ruttando e scoreggiando tra un baffo leccato e un tovagliolo macchiato, disse al figlio…

– Cogli donna Rosa quando è matura. Io ho sposato una donna di nome Violetta quando era ancora vergine e m’ha fatto viola, m’ha pelato il culo come un melone.

– Capisco, papà. Sì, ma mamma dove sta?

– A leccare la noce di cocco di un uomo più peloso di una scimmia che non ama però mangiare gli arachidi. Ragazzo mio, gli arachidi, soprattutto se salati, sono buonissimi. Sono come le patate, piacciono a tutti gli uomini. Tranne a quelli che amano prenderlo nel culo. E tu non devi mai fartelo mettere. È chiaro?

Insomma, tua madre sta con King Kong.

– Capisco, papà.

– Comunque, ora dobbiamo digerire. La vita è dura ma ancora tuo padre è forte e non finirà a vivere nella foresta. Quindi, ci pappiamo il dolce.

– Va bene.

– Eccolo qua. Gustatelo tutto, è un dolcissimo profiterole. Ti do due palline. Sì, crescerai e avrai poi due pallone.

– Grazie.

 

Il pargolo afferrò il cucchiaio, non vedendo l’ora di divorare in un sol boccone tutti quei due bignè così farciti di cacao, ripieni di panna montata cremosa.

Sì, il giovane era ancora affamato come un lupo, nonostante avesse già fatto piazza pulita di mezza cucina.

A voglia dopo a lavare i piatti, sarebbero stati cazzi.

– Oddio! Che schifo! – urlò il ragazzo. Vomitando disgustato.

– Bravo. Non è un profiterole, è merda. E tu l’hai già mangiata. Quindi, sai cosa ti aspetterà in questa vita.

– Papà, perché mi hai fatto questo?

– Te l’ho detto. Devi subito comprendere lo schifo, essere pronto perché incontrerai lungo la via della vita, eh già, merde al cui confronto la merda che hai appena rimesso, eh sì, ti sembrerà Nutella di qualità.

 

Nessuno di noi bambini rise alla barzelletta di Angelo.

La maestra, invece, contattò subito suo padre poiché secondo lei il padre era uno stronzo.

– Pronto, è lei il padre di Angelo?

– Sì, perché?

– Domani, l’aspetto.

– Io domani lavoro.

– Me ne sbatto il cazzo, signore. Suo figlio ha recitato davanti a tutta la classe una porcata.

Ora, signore, il ragazzo non può parlare in maniera così sboccata alla sua età. È colpa sua se non ha saputo imboccarlo coi giusti precetti pedagogici. Porti suo figlio a vedere Cenerentola, non gl’insegni certe stronzate senza Fantasia.

– Signora maestra, le posso dire una cosa?

– Mi dica, signore.

– Lei è una merda.

 

Ah ah.

 

Capitolo 2ieri mattina al bar è partita una rissa, per sedare il macello è intervenuto Salvini

Ieri, successe un putiferio.

Parcheggiai la macchina. Al che, attraversai la strada. Sto sempre molto attento prima di attraversare.

Eppure, uno (poi scoprirete che invece era una su una vecchia Uno) svoltò l’angolo senza guardare e stette per investirmi:

– Dio d’un Cristo della madonna puttana di Gesù! Che cazzo fai? Le pare il modo? Per fortuna son dotato di riflessi migliori di Flash Gordon, altrimenti avrei fatto la tua fine. Sì, tu sei un uomo finito. Quanti anni hai? Una trentina? Sì, sei un tipo da Cinema di Avengers. Cioè sei già fottuto.

E quella zoccoletta al tuo fianco chi è?

– Guarda che guidava lei, non io. Non te ne sei accorto? Tu, fantoccio, oltre a dover cambiare gli occhiali, devi andare pure da uno bravo…

– Ah, allora non sai una minchia del mondo. Chi dice donna dice danno. Devi guidare tu la macchina. Non farti scarrozzare da questa succhiacazzi.

Donna al volante, pericolo costante!

– Ma tu sei pure maschilista.

– Sì, tu sei frocio.

– Tu sei malato!

– Anche tu lo sarai dopo che te l’avrò suonate. Ti cureranno al traumatologico.

– Ora, faccia di porco, stai esagerando.

– Tu non sai che cos’è l’esagerazione. La tua ragazza lo sa. Ieri me la sono inculata e ha capito che tu oltre un certo limone, no, limite, non riesci a spingere.

– Adesso sei andato troppo oltre. Troppo, troppo, troppo! Tenetemi fermo!

– Ma che dici, pappagallo? Tieni zitta la bocca, piuttosto. Ricorda la stronzata che mi diceva sempre mio padre. Sei come L’orlando furioso ma non hai la classe di Ariosto, più che altro, nascesti pollo e morirai arrosto! E, dopo che le avrai prese, la tua ragazza mi farà un bocchino in questa fine di caldo agosto!

– Dio mio! Ti spacco, io ti spacco!

 

Volarono calci e pugni, tutti gli avventori del bar s’ammutolirono. Qualche avventore perfino s’avventò. Il barista intervenne per separarci. C’eravamo attaccati come delle ventose. Botte da orbi, piroette da Bruce Lee, pedate nel culo da Bud Spencer, io che tirai i capelli a questo mezzo pelato e lui che cercò di arrabattarsi, forse solo sempre più arrabbiarsi, tra mille schiaffi.

Perfino la sua ragazza, quella che guidò la macchina del cazzo, mi colpì la testa a colpi di borsetta con tanto di sbavato rossetto e i profilattici mal conservati che, dalla sua custodia, schizzarono dappertutto!

La folla andò in visibilio. Una vecchia mezza sorda, con in mano un’Oransoda, non sentì il casino pazzesco ma si divertì da matta/i.

Incitando all’urlo senile di:

– Forza, figli di troia! Datevele sode! Intanto, io ordino pure una Lemonsoda e una Pelmosoda. Spremetevi, avanti, cazzoni!

 

Uno chiamò il numero verde, uno l’ambulanza, un altro la polizia.

Nel frattempo, finii di bere il mio cappuccino e, nel frastuono generale, non pagai lo scontrino.

Sgattaiolando via con il sole del primo mattino già inoltrato nel mio calore da uomo con l’uccello a mezzogiorno che non deve mai dar conto a nessuno.

Soltanto alla ragazza del tipo da me smontato, ragazza cattiva da educare dopo il tramonto. Sì, quella della borsetta.

Infatti, prima di uscire dal locale, raccolsi uno dei profilattici della succitata minzione, no, sopra menzionativi, quindi mi girai verso il ragazzo suonato:

– Ehi, bello, questo stasera lo userò con la tua bella.

 

Nonostante fosse mezzo morto dissanguato, urlò come De Niro/Al Capone alla fine de Gli intoccabili:

– Tu non sei niente! Sei solo chiacchiere e distintivo!

Salvini lo chiuse in manicomio.

 

Capitolo 3i miei genitori mi hanno insegnato che non si conquista il rispetto e la dignità dietro la maschera delle lauree e dei titoli da mettere a brodo

Sì, la mia adolescenza fu funestata da fighetti liceali assai indignitosi. Facendo contenti i genitori, adempiendo ai loro dettami, ogni mattina si presentavano a scuola tutti compunti. E i compiti?

Anche se, a tutt’oggi, nonostante siano laureati, ancora pretendono di voler mettere a posto i miei puntini sulle i.

Ma la finissero. È una marmaglia di porcelli ipocriti. Si fanno commiserare, mentendo a loro stessi, andando in giro a dire che sono poveri e in mutande solo perché quel giorno la scema delle loro frivole socialità animalesche, eh sì, non gliel’ha data. Dunque s’inchinano al pietismo e alla retorica più falsamente sinistroide.

Sì, in seguito alle inculate pazzesche che ricevono, in quei momenti d’abbattimento devastante, leggono tutti i passi migliori di Stalin, quindi accendono Instagram e scrivono a tutte le più grandi fighe, ammonendole neanche se fossero Savonarola:

Ma non vi vergognate? Svergognate! Alla vostra età dovreste studiare, invece che star discinte a posare. Dovete sposarvi. Che cosa lascerete ai posteri?

 

E loro rispondono tutte in cor(p)o: lasceremo fiumi di sborra più del fiume Nilo. Tu invece che lascerai? Questo tuo messaggio altamente denunciabile e perseguibile legalmente?

Sì, davvero, non se ne può più di tutti questi falsi.

Meglio io ché non rinnego di avere cento film pornografici di Jules Jordan.

Se non vi piaccio, mi compro un altro filmetto e poi terrò sempre in gloria questo “pazzo”, Michael Filipowich di Mindhunter 2, il quale sostiene di conoscere sette lingue, in verità non sa parlare nemmeno la sua madrelingua correttamente, cioè praticamente assomiglia a molti di voi.

Millantate di essere artisti, grandi attori, critici d’arte e di Cinema imbattibili ma soprattutto, solo dopo aver letto due post del sito lascimmiapensa.com, pensate di aver capito tutto della vita.

Sì, devo dirvi la verità.

Mi piace romanzare le mie sfortune.

Ma indubbiamente io e John Rambo siamo forse la stessa persona.

Tutti pensano di farci il culo e ridono come matti alle nostre (s)palle.

Con molto ritardo, realizzano che i topolini sono loro.

Credono di averci sepolti vivi con una bombardata d’offese.

Sì, credo di essere sempre stato un puro. Mi commuovo e soffro dinanzi alle sciagure e alle sofferenze altrui.

Così come Rambo che, tornato dalla guerra, apprende che il suo amico è morto di Cancro.

Continua per la sua strada ma qualche arrogante continua a non sopportarlo.

Come sapete, Rocky e Rambo sono i due personaggi più iconici di Sylvester Stallone.

Rocky Balboa e Rambo sono in verità la stessa persona ma non perché a interpretare i rispettivi personaggi sia stato ed è, appunto, Stallone.

Rocky, nonostante i pugni presi, non si arrende mai.

Rambo si è già arreso. È la versione Breaking Bad di quelle tamarrate che a me piacciono.

Sì, perché io sono tamarro. M’è sempre piaciuto andare in giro e fotografare i culi delle ragazze. Però, per molti anni subii i lavaggi mentali e i condizionamenti demagogici di gente salottiera.

Che volete farci?

Volete chiamare il prete?

Be’, diverrà mio amico come quello del cazzo di Vampires.

Sì, la libertà crea joie de vivre, le ideologie, le imposizioni, le ottuse posizioni creano le psicosi.

Non c’eravate ancora arrivati?

di Stefano Falotico

dav

dav

Un grande attore è nato, forse, Miles Teller


23 Jun

Miles+Teller+Old+Die+Young+Photocall+72nd+Ueiz_JYOHzblNon so se state guardando la serie tv, si fa per dire, di Amazon Prime, Too Old to Die Young.

Una serie che, invero, serie non è, così come ho scritto nella mia recensione. Inizia in maniera turbolenta, con una scena alquanto disgustosa che può ricordare, più che Il cattivo tenente di Abel Ferrara, la versione remake di Werner Herzog con un Nicolas Cage viscido da fare schifo.

La scena in cui il corrotto Cage ricatta i due ragazzini fuori dalla discoteca e poi scopa la ragazza del tipo davanti a lui, cazzo, è veramente vomitevole, moralmente parlando.

Ecco, nell’incipit diToo Old to Die Young non assistiamo a uno stupro “legalizzato” bensì forse a qualcosa perfino di peggiore. I due sbirri, fra cui il protagonista, ricattano una ragazza. Il nero macho osceno le dice che lui e il suo collega chiuderanno un occhio se lei acconsentirà a dar lui un bel gruzzoletto.

Altrimenti, con l’accusa di detenzione di droga nel bagagliaio, la ragazza sarà spedita per direttissima in carcere, avrà la fedina penale indelebilmente macchiata e potrà immantinente dire eternamente addio ai suoi ambiziosi sogni da reginetta della città.

Un patentato motherfucker mai visto. Ma anche il suo amichetto, l’apparentemente innocente Martin, eh già, non gli è affatto da meno, è infatti parimenti al bastardone suo collega, cazzo, un lurido figlio di puttana porcellone da denunciare per criminosa umiliazione inflitta gratuitamente, previo mancia onorevolissima per disonore di oltraggio al pudore più intimo, alla castità emozionale dell’incastrata, ingenua sprovveduta, molto figa ma in tal contingenza sfigatissima.

Chiariamoci, una ragazza viziatissima, probabilmente non tanto affetta, ah ah, diciamo da immacolata verginità, una sciocchina che sta rincasando da una calda, scalmanata sera di bagordi. Dopo suoi amplessi con ragazzetti insetti molto balordi, dopo opportune sue precauzioni per non venire, in maniera venerea, infetta. Però, sebbene lorda, non meritava quest’illecito affronto virile davvero netto e poco lordo, figlio degenerato dei marci abusi di potere di una polizia merdosa e soprattutto assai vile da farci rivoltare la bile.

Cosicché, incassati i soldi che la ragazza, da loro tenuta psicologicamente in ostaggio, ha elargito ai falsi tutori dell’ordine, i due manigoldi col manganello si spartiscono il bottino, abbandonando la poveretta in mutande… economicamente parlando.

Succede un casino, un macello ed ecco che assistiamo, episodio dopo episodio, alla scalata al potere di Martin, alias Miles Teller.

L’attore spettacolare della serie è però William Baldwin. Qui, sorprendentemente, alla sua migliore prova recitativa di sempre. Sebbene appaia po’ imbolsito con una pancetta ottimamente dissimulata in camicie di manica larga… eh sì, è un riccone e il suo maggiore scopo nella vita è proteggere la figlia minorenne dalle violenze e dalle crudeltà di un mondo oramai andato a troie. Regalandole ogni lussuria, no, lusso e privilegio.

Anche se non gli fa né caldo né freddo che la sua ragazza dai capelli d’oro, ex enfant prodige come Dakota Fanning, sia stata trombata da nientepopodimeno che da Martin. All’inizio, il Baldwin non ha capito bene chi sia davvero questo Martin. Certamente non uno spiritualmente elevato come l’omonimo Scorsese. Questo Martin non sa neppure, peraltro, chi sia Jung.

Sì, è uno che bada solo a farsi il culo. Non si è mai posto domande esistenzialiste sulla vita, non ha mai psicanalizzato sé stesso per sviscerare l’escremento vivente, il verme solitario che vegeta nella sua pancia da testa di minchia. Al che Martin/Miles Teller incontra lungo il suo cammino, ecco, Freud, ovvero Mortensen di A Dangerous Method? No, John Hawkes, detto semplicemente Viggo, uno che deve aver imparato a memoria tutti i libri di Sartre e deve essersi immedesimato troppo nel cinismo della poetica pessimistica dei fratelli Coen di Non è un paese per vecchi.

Poi, in questa serie ne vediamo davvero delle belle.

Pezzi di gnocca inauditi come Cristina Rodlo. Nell’episodio 2, il regista Nicolas Winding Refn pare che voglia fare l’amore con lei attraverso la cinepresa. Vi è una scena interminabile in cui Refn inquadra Cristina semi-discinta in primissimo piano lunghissimo. Cristina in questa serie interpreta al top la parte di Yaritza. E a noi maschietti, vedendola così topa, diviene sinceramente lungo e rizz’.

In questa serie abbiamo anche la gnocca Jena Malone. No, non Gemma, Jena come Kurt Russell…

Jena Malone, da non confondere con Jim Malone/Sean Connery de Gli intoccabili.

Siamo schietti, signor Connery. Lei, nel capolavoro di De Palma, interpretò la parte di un metronotte integerrimo. Ma se, sul suo ponte, fosse passata Jena, non il ponte del finale di 1997: Fuga da New York, avrebbe abbandonato subito chiacchiere e distintivo per una serata da mezzanotte e dintorni, baciandola tutt’attorno. O no?

Dico! Siamo uomini o caporali?

Ebbene, questa serie è un noir, Miles Teller ha gli occhi chiari e io invece ce l’ho… come un nero? No, neri.

Sia il sottoscritto che il personaggio di Miles in questa serie, cazzo, spiccichiamo parola ogni era geologica. Roba da fare un baffo a Celentano, roba che intanto lo spettatore medio nostro interlocutore può finire in prigione, scontare tre anni per averci trattato da autistici e minorati mentali, poi può uscire con la condizionale, farsi pure un giro in tangenziale, riapprodare finalmente nella sua home sweet home e, solo allora, sentirà la nostra risposta.

Ma che carisma questo Miles.

Io e Miles, onestamente, siamo molto diversi. Lui è stato appena ingaggiato per recitare nel prossimo film di Sean Penn, Flag Day.

Di mio, tutti i giorni sono uguali con poche variazioni. Varie Jena Malone mi contattano su Facebook. Vorrei fotterle ma mi fotterei la vita.

A differenze di Martin/Miles, ho troppi sensi di colpa e scrupoli di coscienza.

La gente, da non confondere con l’agente, mi dice che dovrei fottermene. Ma è la stessa gente che di me, in fondo, se ne fotte.

Veramente una figata, cazzo.

Una situazione imbarazzante.

 

Miles+Teller+Old+Die+Young+Press+Conference+ZA7mnNLkgSvl

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2019+Vanity+Fair+Oscar+Party+Hosted+Radhika+FQqeefGTxB9l

 

di Stefano Falotico

Siamo ancora giovani per fare i pensionati e io cammino da gagà, tosto come McConaughey


20 Nov

Ashley-Long-1

Assisto a uno sfacelo. E io non dovrei parlare perché sono stato il campione dell’apatia, il re dei pigri, il Lebowski fattosi reale. A girovagare per molto tempo nella nebulosa delle mie abdicazioni.

Sì, eccome se mi accasciai e tante cose, soprattutto femminili cosce, persi nel buio più nero della notte senza fondo. Anche senza fondi.

Ma è proprio sulla base dei nostri mancamenti, dei nostri momentanei o duraturi svenimenti che dobbiamo risalire per non soccombere dinanzi a questa vita che non è mai facile.

Non è ancora venuto il momento di svenire, no, non svaniamo, io a te, donna, ancor vengo. A meno che tu prima non svenga. Sì, faccio un certo effetto.

Come dissi io e perfino un critico cinematografico mi rubò tal frase da me coniata in un attimo di genialità inaudita, io son fatiscente ma giammai domo.

E invero mai dormii. Il mio sguardo fu sempre vigile e quando i vigili mi fermavano perché andavo a forte velocità, oh sì, pagai ogni multa. Dilapidando un patrimonio.

Ma non me ne pento. Ma quale pentecoste! Non sono il Cristo di nessuno e nessuno infliggerà più marchi al mio costato. E voglio mangiarmi ancora molte crostatine. Costino quel che costino, cazzo, hanno aumentato il prezzo alla Coop, puttana la Mad… a di Dio!

Così come non mi pento di aver speso 1500 Euro nel 2005, abbonandomi a un sito porno. Sì, senza pudore lo sbandiero. Fu un anno di fermentazioni sessuali esagerate, ove incontrai anche una donna con la quale ci divorammo, spellammo, arrossammo e forse scopammo. Sì, forse scopammo perché lei, diciamocela, abusò della mia innocenza e mi mangiò vivo, io incosciente non capii un cazzo ma lei sì, e io non saprò mai se quello fu amore o una grande trombata. In tutti i sen(s)i.

Sì, quell’anno 2005 fu esaltante, perfino esalante, saliente e di mio pen salente. Non voglio mentirvi da uomo silente: Eccome se salì. Di un sesso al bacio, zuccherato con sale e piccante. Ficcante in lei ardevo brillante ma non ero mai soddisfatto, allora appunto sottoscrissi l’abbonamento a un bel sitarello. Tanto per rincarare la dose, come si suol dire.

Da cui mi scaricai tutto in streaming. Vero download purissimo! Ebbene, ve lo dico, bando alle ciance e ai moralismi, alle pudicizie e alle reprimende cattoliche.

Andavo matto per Ashley Long, una bionda pornoattrice che non mi faceva dormire la notte. Assalito dal più inverecondo peccato, la mia carne ogni minuto ribolliva baldanzosa, la mia pelle euforica si squagliò giocosa, desiderando quella figa immane così gioconda dal culo maestoso.

Oh Signore mio! Non fatemici pensare. Quanto penai… Che pene!

Sì, lo posso affermare orgogliosamente. Io, come Bukowski, non sono mai andato a puttane né mai vi andrò. È la mia morale folle da Travis Bickle a rendermi così retto.

Anche se per un altro di pornostar odierne, delle quali su Instagram ammiro sempre i loro tonici retti, farei uno strappo alla regola e strapperei loro anche tutto il resto. Ah ah.

Sì, dico. Siamo uomini o siamo cazzoni?

In questi anni son venuto a conoscenza degli animali più strani. Gente che, abbattutasi, per troppi bullismi mai sopiti, incorse anche nel mobbing, e a pezzi ora non gliela fa più. Elemosinando da pezzenti. Ha chiesto all’assistenza sociale la pensione d’invalidità, spacciandosi per disabile psichica quando invero è abile alla grande. E lo dimostra il fatto che questa gente si fa le canne da mattina a sera, si ubriaca da matti e inneggia a Beppe Grillo per un fancazzismo medioevale da farmi rabbrividire.

Vi siete arresi! Io mai mi arrenderò a costo che mi esporranno al ludibrio in piazza, che mi linceranno, bruciandomi come una strega maledetta.

Son uomo di acume, scrittore che insiste e la cui volontà persiste, che cadde mille volte, pigliando batoste che avrebbero steso anche Rambo.

Ma posso dirvi che, sebbene più volte, mi fu proposto di abdicare, io mai abdicai.

Fui ricoverato perché per troppo stress, e forse anche a causa di troppe fighe di quell’epoca, delirai. Diciamocela, mi telefonavano alle tre di notte, rovinando i sogni in cui ero in un prato fiorito a parlare coi puffi, mi sbatterono in riabilitazione e m’indussero a mollare.

Chiedendomi se volevo una mano. Una mano? Di che? A farmi mantenere dallo Stato, trattato da uomo danneggiato?

Ma danneggiato di che? Sì, ne ho patite tante, vissute di cotte e crude, anche di bollenti, e persi molto del mio mordente a causa di farmaci troppo “emollienti”.

Sì, subii delle infiammazioni ma posso garantirvi che il mio cervello è perfettamente intatto, il mio uccello è ancor lindo e so usar molto bene sia la Lingua italiana che giocar di altre lingue perfino con le donne di Taiwan.

Scrivo di Cinema come un ossesso, sto finendo un libro erotico. Eh sì, prima o poi sarei arrivato a questo.

Ma mica un romance come le puttanate che si vedono e vendono in giro. Qui parliamo, e posso anticiparvelo, di un libro erotico come non se ne sono mai letti.

Fra orge alla Kubrick, diavoli maledetti, una Venezia misteriosa, donne maliarde, figli di puttana bastardissimi, e un’eleganza della prosa da far invidia a García Márquez.

Nuovi amici mi hanno tirato su, li ringrazio.

E sapete perché? Perché come scrisse Mereghetti a proposito di Sean Connery di The Rock: non fa molto ma vive di rendita sul suo carisma.

 

E io sono come Jimmy Malone de Gli intoccabili.

Dunque, amico, non fare il Capone.

Io sono più testone di te e a Roma assai presto andrò a ritirare l’attestato. Perché ho vinto un concorso letterario. Ben vi sta!

Se ti sto antipatico, pigliati quest’altra testata, prova ancora a rompermi il cazzo e ti sbatto su tutte le testate. Sputtanandoti di brutto.

Ce la possiamo dire? L’Italia è sempre stata un Paese di dementi.

Li vedi a quarant’anni che seguono le partite di Calcio, riempiono di soldi quelli che son più miliardari di tutte le generazioni che avranno, guardano Carlo Conti l’abbronzato con la lampada in tv, sbaciucchiano la moglie mentre sbirciano la ballerina del varietà tutta scosciata e poi fanno la morale ai ragazzi troppo vivaci…

Appena non sanno che pesci pigliare e non vogliono confrontarsi col prossimo, lo ricattano, dicendo lui che lavorano come dei negri e si fanno il culo. E invero stanno a leggere il giornale, facendo battutine su quella nuova, carina… e bevendo caffè ai distributori automatici.

 

Io sono un artista. Che questo vi piaccia o meno. Con me non attacca.

Uno psichiatra mi disse che ero spacciato come McConaughey di Dallas Buyers Club.

Lo mandai a cagare subito. E agii di testa mia.

Avete visto?

Come sempre, avevo ragione.

Non so quanto ancora camperò ma mai arrenderò in una vitarella per tirare a campare.
Sulla mia lapide sarà scritto: qui giace la più imbattibile testa di minchia di tutti i tempi. E, fidatevi, aveva anche un ottimo arnese.

Sì, con me le donne resuscitano.

Adesso, scusate, devo mettermi il pigiama.

 

di Stefano Falotico

Stefano Falotico, Eretico e Corsaro


28 Aug

Intoccabili

In realtà lo schema delle crisi giovanili è sempre identico: si ricostruisce a ogni generazione. I ragazzi e i giovani sono in generale degli esseri adorabili, pieni di quella sostanza vergine dell’uomo che è la speranza, la buona volontà: mentre gli adulti sono in generale degli imbecilli, resi vili e ipocriti (alienati) dalle istituzioni sociali, in cui crescendo, sono venuti a poco a poco incastrandosi. Mi esprimo un po’ coloritamente, lo so: ma purtroppo il giudizio che si può dare di una società come la nostra, è, più o meno coloritamente, questo. Voi giovani avete un unico dovere: quello di razionalizzare il senso di imbecillità che vi dànno i grandi, con le loro solenni Ipocrisie, le loro decrepite e faziose Istituzioni. Purtroppo invece l’enorme maggioranza di voi finisce col capitolare, appena l’ingranaggio delle necessità economiche l’incastra, lo fa suo, l’aliena. A tutto ciò si sfugge solo attraverso una esercitazione puntigliosa e implacabile dell’intelligenza, dello spirito critico. Altro non saprei consigliare ai giovani. E sarebbe una ben noiosa litania, la mia
.

 

(Pier Paolo Pasolini)

 

Bisogna aggiungere altro, se non due scene memorabili?

Ah, io sono sempre bello, soprattutto nell’anima. Siete voi che vi vedo sul moscio. E non nascondetevi dietro questa chiacchiera del lavoro. Sì, appena cerchi empatia, contatto umano, e hai voglia di far due chiacchiere, anche perché in fondo la tanto decantata vita vera altri non è che una dolce e romantica chiacchiera, trovi una che ti risponde:

 

– Scusa, Stefano. Adesso sono incasinata.

– Non hai dieci minuti? Avevo voglia di confidarti i miei sentimenti.

– Me ne parli un’altra volta. Adesso ho dei casini.

 

Eh sì, c’è sempre un casino, ove la matrona è la regina. Accampa la scusa che deve lavorare quando, invero, io vi dico che si smalta le unghie per un uomo meno complicato del sottoscritto, ché nel bordello mai metterò piede. Un uomo animalesco, più stronzo di me, invece la soddisferà e dunque la lascerà insoddisfatta perché senza sentimento vi è solo uno squallido “imbrattamento”.

Sì, io lavorai, mi arrangio, faccio e disfo, sono inattendibile eppur, miei questuanti, che venite sempre a chiedere dei cazzi miei, ho poche cose da nascondere, se non due tre Blu-ray abbastanza “spinti”. Ma mi pare un peccato veniale. Sì, a volte servono, quando la malinconia ti assale e non c’è niente di male in una scopata virtuale. Sono molte delle scopate reali che sono davvero tacciabili di colpa pestilenziale. Donne ninfomani che vi prosciugheranno nel vostro aroma… sì, l’aroma dell’uomo che credeva nei sogni e ora, abietto, involgaritosi nel porcume e porcile, sa solo pensare a come far soldi per fregare il prossimo, ricattandolo, abusando delle innocenze giovanili e attentando alle verginità ingenue di ninfe plebee.

Ah, vi conosco, eh.

Me non mi fregate più.

Sono o non sono uomo di mondo?

Non lo so.

Scusate, ora devo dire no alla copertina del cartaceo del mio libro su Carpenter. Praticamente era perfetta ma i font sulla costa erano leggermente inesatti.

Sono un uomo Gothic Regular e come tale esigo il goticismo delle mie gote.

E su questa stronzata sparisco, per riapparire quando meno ve l’aspettate.

Zac. Ancora ve l’ho piazzato… su Amazon c’è già in Kindle.

 

Sono l’uomo da colpo di scena inaspettato, che nel frattempo crea attorno a sé un’enorme suspense, e poi si congeda nel firmamento dei ricordi grandiosi.

 

Non mi sono mai ripreso dallo shock di vedere Padre Bobby alla sbarra che mentiva, per salvare John e Tommy. Non depose solo per loro, depose contro il riformatorio Wilkinson e per tutto il male che vi aveva regnato troppo a lungo. Ma mi dispiaceva che avesse dovuto farlo.

Non so voi, mi sembrate sempre così tranquilli. Io, alle volte, ho paura. Paura che possa succedere qualcosa di brutto alle persone a cui voglio bene. I miei genitori ecco che escono a sera inoltrata, ma non so se rientreranno a casa. E finché non chiudono la porta ho l’assillo che, non essendo più fisicamente forti come a vent’anni, qualche mal intenzionato possa aggredirli. Oppure che a mio padre pigli un malore. E che mia madre inciampi nel viottolo e possa franare sul selciato, rompendosi la testa. Non ha più i riflessi di un tempo.

Un giorno moriremo tutti. È ciò che molti si dimenticano. E cancellano ogni cosa, bruciano i momenti passati assieme.

Quindi, cari “adulti” tromboni, finitela di giudicare le nostre vite, ché hanno una vita davanti. Si sbaglia, si azzecca la mossa giusta, si soffre e si gioisce.

La vita non è un’equazione, non è un teorema, non è un giochino.

Non so se questo mio scritto sia poesia o sia una scemenza, io credo sia poesia.

Adesso, dopo che vi ho commosso, devo fumare una sigaretta. Eh, lo so, sono arrivato a tre pacchetti al giorno. Ma le ansie crescono ed è giusto che sia così. Il mondo tranquillamente bugiardo non mi è mai piaciuto, e lo combatterò sempre. Pensando, riflettendo, ponderando, non esprimendo e lanciando mai giudizi avventati. Quello che invece molti di voi non fanno, quasi mai. Sentenziando con prosopopea e lardosa supponenza.

Ok, adesso cazzeggio.

 

di Stefano Falotico

Elegante De Niro Intoccabile che compare alla sfilata di Armani e conferma Madoff per la HBO


24 Jun

Sì, a Milano era presente anche Lui, L maiuscola di eleganza e classe superbe. Cioè, Robert De Niro, accompagnato dalla moglie che, dopo la sfilata di alta moda a celebrare uno stilista mito, autore degli abiti de Gli intoccabili, ha sfilato Egli stes(s)o in centro, fotografato dai paparazzi e discutendo brevemente dei suoi progetti.

GOOD FRIENDS: Robert De Niro and Giorgio Armani go way back and the Oscar winner showed his support to the designer by attending his namesake show on Tuesday. “It feels right,” De Niro said simply and with a big smile about wearing Armani for so long. “There are a number of  projects I am working on, but first I will play [Bernie] Madoff on HBO,” said the actor.

After the show, Armani once again cautioned against “the easy, excessive game of provocation” of a number of designers. “It’s counterproductive,” he said, touting fashion that “you want to see worn by your brother, your brother’s friend or a professional who doesn’t want to look old, and wear more contemporary clothes.” Armani said he was very pleased he had received an unexpected  phone call from Italy’s president of the Chamber, Laura Boldrini. “She said she appreciated my work and how it represented Italy.” Asked by one reporter about Milan, Armani said he adored it, as it was a “small big city. The locales are all easily accessible, handy, but it’s also an important city where people work hard.”

 

 

Il Mondo è pieno di ingiustizie, e i criminali vanno combattuti


06 Jun

Il caso Stefano Cucchi è un’altra vergogna del nostro “sistemino” di bugie, ipocrisie, omertà e “silenziatori”. Il nuovo Che Guevara! Sono io, dammi una rivoltella e ti rivolto la “frittata!”

Scocca l’ira in aula, i parenti della vittima accusano i carnefici assolti, i mass media sciacalli per lo scandalo col quale vendere solo la propria “reputazione” sui giornali, al fine della “medaglia al valore” di chi è più bravo in lacrime da coccodrillo…

le forze dell’“ordine” provan a contenere la rissa, qualcuno urla “Sei solo chiacchiere e distintivo!”, i medici sono “intoccabili”, le verità si ribaltano, lo zibaldone permetterà ai mostri di scorrazzar a piede libero su sorrisino “zabaione”, peraltro “immune” in altre “munizioni” e botte “punitive”, sedazione, il giudice prende cento gocce di Valium per reprimere, di complesso di colpa, il suo aff-r-ettato “verdetto” allucinante, i berretti verdi incitano alla guerriglia, intervengono i marines per fermare il Carlino di Marina Ripa di Meana, in preda alla rabbia l’Italia abbaia, ma tanto passerà tutto sotto silenzio, un’altra volta, oramai è andata via una vita, chi ripara il danno? Era solo un daino! Figli di puttana!
La vendetta serve? Ci vuole Carter del migliore Sylvester Stallone. Quando il “martelletto” decreta un arbitr(i)o assurdo, il giustiziere della Notte è Charles Bronson.

Righteous Kill. Sì, come Pacino che, disgustato da tanto schifo, diventa egli stesso demiurgo “elevato” a sparare, non solo di monologo. Per ripulire il Mondaccio dalle merdacce. Morirà ammazzato, ma sarà un eroe (non) infetto.

Pigliamo Goodfellas di Scorsese. Ray Liotta, un “impostore” o forse un ragazzo di vita, dopo essersi assoldato alla manovalanza invalida del crimine, guarda lo spettatore, si alza dalla poltroncina e mette alla berlina chi è “bellino”.

Gigioneggia da grande pavone. Passa per coglione ma, almeno, fa il Saviano sia per salvarsi e sia per non perdonarli.

Salve, non sono Henry Hill ma atletico alla Terence dell’accoppiata con Bud Spencer, di cognome omonimo, specie in Altrimenti ci arrabbiamo, ove non sono teneri coi “tenenti duri”.

Sono qui, a testimone di me stesso, dopo un infimo “terzo grado”, inventato per puro “sfregio” da una famiglia di mafiosetti che, non tollerando il mio stile di vita, “anomalo” e “sbagliato” perché non allineato al lor modo di concepirla “goliardici” e di frivolezze “scacciapensieri e da cacciatori delle topine” (eh sì, della feccia da fogne), voglio proprio confessare tutta tutta la verità, come un “bimbetto” che caga nel vaso di “nasini”.

Dinanzi a tali ottusi, seduti di fronte a me, l’indicherò successivamente con pari “indagine” additante, posso orgogliosamente asserire, nel mio camminar a testa alta, che ci troviamo di fronte a dei criminali della peggior specie. Quelli che celano i “cadaveri”, nascondono le prove, e dopo vanno a festeggiare…

“Codesti”, già “pluralizzarli” mi par un eufemismo troppo decoroso dirimpetto, io proprio la rettitudine morale, ai voltagabbana (col “gabbiano” allegretto nei “grilletti”…) vorrei sputare in faccia, ma m’arrestereste, consegnandomi alla previdenza sociale.

Quindi, di tutta mia elevatezza, contro i boriosi, verserò le loro lagrime amare in un versetto “satanico”, a memoria dei posteriori, ah ah, e al fine che tali crimini bestiali non avvengano più in futuro. In quanto garante delle purezze e di chi non si svenderà mai dietro pezzi di carta per attestare il suo “valore”. A differenza dei qui presenti, avvezzi a sparlare dietro i “culi” parati.

Pensate che a questi spacciatori… non solo di finto intelletto, interessi davvero ciò che si presume abbian studiato, ottenendo “nullaosta” per il “lasciapassare”, non tacciabile di porcata assurda?

No, insistettero, per farmi il “sedere”, nella mentalità fascista m’appunto incontrarono una “merda” egualmente “omicida”. Non adopero il punteruolo ma la punta della biro.
Bianco assassino premeditato ma su cui mettere i puntini sulle i, depurandoli dai brufoli.

Avvocato, l’arringa a questi da “merendine” con le “meringhe”, mi lasci il Diritto, in costituzion(al)e robusta e sana, di pronunciarla a viva voce da me.

Ecco, “annotiamone” uno. Il suo nome è M., un povero idiota sfruttatore del prossimo, arrivista e “cinico”.

Dopo aver “usato” una persona come “tassista”, dopo tutta la mia benevolenza, una mattina si sveglia, credendosi più “cresciuto” e inizia una psicologica guerra.

A base di ricatti, provocazioni sulla sessualità, persino intimidazioni al suicidio e al delinquere, per il suo infantile delirio da “vincente”. Ha vinto che? Vigliaccone!

Venga consegnato alle carceri, assieme alle cretinette sue “amichette”. Almeno, in gattabuia ne avrà da “pelare” di “patatine”.

Sull’altro, soprassiederei. Trattasi di disturbato totale con manie di “grandezza”, elevate quanto la chitarrina del suo plettro a carezzar scemotte sotto il plaid del poi prenderle a pedate. Nel “Finché la vacca va, lo lascio andare…”.

Invidioso cronico, all’epoca del “liceo”, tormentava coloro che riteneva “sfigati”, alludendo, di telefonate minatorie e infamie sempre dello stesso “cavo”, che fossero malati di “schizofrenia”.

Prendendo contatti con chiunque, nel metter questa “pulce” nell’orecchio.
Divertendosi da “matti”, quando poi ne alterava la pazienza. Schifoso pazzo!

La madre, invece, è una frigida complessata che avrà scopato solo l’unica volta che ha messo al Mondo tali obbrobri. Fra l’altro, questo inseriamolo “socialmente” all’“integrazione” asessuata di tal frigida annacquata, in quel frangente non godette neanche. Cazzi suoi!

Non soffrì neanche quando li partorì dall’utero, in quanto anestetizzata senza bisogno di “insensibilità” nelle zone già bassissime del suo cervellotico “organo” monotono.
Eh sì, una professoressa da canzonetta per “pigliarla”… come “viene”.

Il marito è un disgraziato. Sognava di scoparsi Moana Pozzi ma rimase nel pozzo. Per di più, voleva far neri gli extracomunitari ma io passerei col rosso davanti alle sue strisce, non solo pedonali.

Sì, un “drogato” di nostalgia in quanto sua moglie “Algida” e i figli degli “stecchini” da gelato Sammontana.

Spogliamo nudi i nazisti!

 

Finiamola con le ingiustizie. Il troppo stroppia e ora ti spacco le ossa!

>

 

 

L’Italia è Selvaggia Lucarelli


06 Mar

 

L’urlo lancinante, insopprimibile, quasi “insopportabile” degli idioti!


“La prenderò larga”, come avviene con le mie donzelle, che io “orlo” a “suffragio universale”:
taluni biechi personaggi, che (conta)miranono la mia libertina indole “
untouchable”, raccontando frottole per cavarsi da impacci del tribunale, mi “tributeranno” delle grida come Billy Drago gettato in pasto al vuoto da un Kevin Costner intransigente e “rigidamente morale”

“Capitolo 1”, col grassetto, col rossetto di loro che “la vendono”, col neretto a bruciarle

Orsù, son Brancaleone per le giraffe: in marcia, miei “prodi”, “erti” da (e)rettili, marciamo da marci e “ovuliamole” queste marce, ingravidiamo ogni “cos(ci)a” a bollarle di marchi!

Che vestito indossi? Che taglia è? Un Armani di marca? Te la “fai” col Marcantonio?
Bene, sgozzate quest’incravattato coi taglierini, afferrate la 
“(g)riffa e “graffiatela” da uomini-armadio. Raffaella Carrà faceva cagar’!

Ecco i “sogni nel cassetto!”. Ve “li diamo” noi!

Puttana, levati la sottana! Puttaniere, beccati il “cannone!”.
Stronzo, ti smerdo!
Fancazzista, ti sfanculo!

Renato Zero
! Venditi! Basta con Antonello Venditti, buono solo a “incipriarsi” la bonazza Ferillona Sabrina di “cappella” al “coppolone”. Evviva la “pummarola!”. “Sughino” nelle poltrone “sofà” coi “fusilli”.

Quanto sei bella Roma quand’è sera (che Antonello “canta” da quann’ è seer’ mentre “la insedera”)
quando la luna se specchia
dentro ar fontanone 
(sotto la Luna, Venditti “schizza”)
e le coppiette se ne vanno via,
quanto sei bella Roma quando piove

Quanto sei bella Roma quannè er tramonto (aho, stronzo, er pupon’)
quando l’arancio rosseggia
ancora sui sette colli
e le finestre so’ tanti occhi,
che te sembrano dì 
(alba chiara Vasco Rossi…) quanto sei bella (come il cazzo…)

Oggi me sembra che
er tempo se sia fermato qui,
vedo la maestà der Colosseo
vedo la santità der cupolone (
e di Francis Ford Coppola, no?)
e so’ più vivo e so’ più bbono
 (eh, come no…)
no nun te lasso mai
Roma capoccia der mondo infame,
na carrozzella va co’ du’ stranieri
un robivecchi te chiede un po’ de stracci (
eh sì, Venditti straccia tutti, certo…)
li passeracci so’ usignoli;
io ce so’ nato Roma,
io t’ho scoperta stamattina

Te e quella buzzicona della Ferilli “scudettata”-sculettante-tettona-surrogante, rimanendo “in tema” di “cinepanettoni”, vedete d’andarlo a prender’ Inter… cul’ (infatti, tifo Manchester United…).

E tu, Carlo Verdone, finiscila di ascoltare Eric Clapton. Basta, non meriti il mio clap clap, oramai non più.
Sei “lento” più di Eric, dammi “retto”, spingi “forte” come Erik Everhard, “spacca” la “mula” del “suono”. Sei un italiano medio, di biancorosso e “verdognolo” di rabbia.

Io sono Hulk!

Sì, Alberta Chiappini, mostrami le chiappe! Sotto il “balcone!” Vai “rifatta”. Fat(t)ela “santa”, c’è il conclave, “eleggetela” infilzandola da “lanzichenecchi”, anche voi, checche! E tu, Rita Rusic, l’Elizabeth Hurley “nostrana” con amante Mastro Lindo, ama invece Banfi Lino, egli è medico in famiglia, mia “figa”. “Terrone” da “superfiche” non delicate come la tua.

Più che la Madonna dell’Incoronata, sì, le tue gambe son da coronarie ma, una volta che (ci) “entri”, ca(pri)cci poi, ammalato “sessualmente” (causa marmittoni di tuo “esercito” ed “esercizio ginnico” da “manovre” alla Edwige Fenech, la vacca degli anni settanta “a novanta” su Jerry Calà “abbronzatissimo” nella Parietti), degli “accidenti”: “Cazz’ ameri!”, pronunciato meridionalmente, “a mezzogiorno”, come Zagaria Pasquale! Come, appunto, “a puntino-a punta” di De Sica Christian, uno non tanto “cristiano” con l’ex di Troisi Massimo (non quel “burino” di Decimo Meridio da fossa dei leoni…), nella doppia parte di Cesare Proietti (un po’ Gigi, anche Sammarchi di voglie “Samarcanda” da Roberto Vecchioni) e Lando Marcelli (un po’ Buzzanca di panza…, sotto la panca, la capra crepa, sopra la panca, la capra campa…).

Sì, Rita mostri la “rucola” tua al mare e, onda su “unta”, la “cremina” ti “sbrodola”. La pioggia dorata, la “doccia” rinfrescante sapore di “noci di cocco”, per musica “estiva” ad “ambient” col “pino silvestre” che tu “addobbi” di “palle” come l’abete di Natale.
Eh sì, vai in vacanza all’Abetone, ove Alberto Tomba “slalomava”, gustandoti di “discesa libera” con tanto di Colombari Martina. Lo so, Cecchi Gori piangeva a di-rotto nervoso, rosicando per la tua “neve”.

Sì, il tuo “habitat” è la “giungla” della tua “foresta”, e ogni maschietto “Yeti”, poco cheta, tu allupi, tra le fronde del pineto.

Iettatrice! Meretrice! “Meritatela tutta!”.
Come te “lo inietta” lui, mia inetta, neanche Davoli NinettoUccellaccio e “uccellino”.

Sì, credete nell’Annunciazione dell’“arcangelo” ma è da D’Annunzio Gabriele che dovete “attingere” se volete che l’usignolo non sia estinto. D’Annunzio non era uno stinco, infatti era autoerotico anche di rotte “costolette”. “Erto!”. Ercole!

Ascolta, ascolta. L’accordo
delle aeree 
cicale (la “famosa”, affamata Heather Parisi nell’Hilton Paris)
a poco a poco
più sordo
si fa sotto il pianto
che cresce;
ma un canto vi si mesce
più roco
che di laggiù sale,
dall’umida ombra remota


Umidità, Sole “salato”, arsa e “deserta” ecco il (mi)raggio del mio “bacio”.

In poche parole, “detta” come va “data”, come dico io anche quando non lo “do”, l’Italia è un “paesello” di zoccole!

E da riceveranno solo un “Viva Topolin’! da Full Metal Jacket!

Rinunci a Satana? Rinunzio! Meglio Nunzio!

Rinunci a Sara? Rinuncio e “lo annuncio” ad Annunziata senza fedi nuziali!

Rinunci alla dichiarazione dei redditi? No, denuncio i miei “reni”. Non c’è nessun reddito!
Hanno confiscato anche il mio “roditore!”.

Capitolo 2

Se in America va forte il porno, in Italia c’è un Uomo masochista nel suo “snuff movie”… a me frust(r)ante

Uomini elefantiaci, infanti e nonnetti, dementi e saccenti, insipienti e saponi, evviva l’adolescenza “indolente” e protratta. Perché puoi “tirartelo” e “allungare il brodo”

Sì, l’altra sera discussi con un mio amico poeta, Raimondo, in merito a un meruitevole futuro altro libro sul Cinema.

Pignolo e “scrutatore”, volle appurare se davvero son scrittore o millantatore:

– Stefano, si dice “Gli hai visti” o “Li hai visti?”.
– No, tu mi vedi?
– Come si dice?
– Cosa? Il visto? Non lo so, tu mangi le ostie o prendi il nulla… osta? Insomma, sei uno da oche o da ostriche?
– Insisto…, non girare la fritta-ta. Come si dice?
– “Li hai visti”, vedi?
– No, che dovrei vedere?
– Non saprei. Ma è il Tempo di “mandarti” nell’avverbio più lungo “perifrasi-frastagliata” della “lingua” italiana alla Boccaccio sboccato. “Aiutino”: se vado precipitosamente, potrei rallentarlo d’altre lettere?
– Sei un filosofo?
– No, suono la fisarmonica.
– Sei un suonato, quindi?
– Meglio dell’insalata.
– Sei acido?
– No, “acetone”, eufemismo dell’uccellone.
– Insomma, un “maccheronico”.
– No, un agonico.
– Ciao.
– Può darsi.
– Sei titubante nei saluti?
– No, è tutta salute? Io saltello.
– T’è saltato il cervello?
– No, qualcos’altro…
– Oddio mio! No! Te l’hanno amputato?
– Non mi piacciono le puttane.
– Allora, cercatene una “brava”.
– Infatti, non ce n’è…

Ora, vi chiederete: e lo snuff movie dov’è?

Come dov’è?

“Li avete visti” voi?

Sì, infatti sono l’unico che è rimasto all’asciutto.

Ho detto tutto…

Capitolo 3

Se tu ami Sam Raimi, allora sei uno zombi. Meglio dei morti viventi

Fine e inizio.
Tutto qui.

– Come? Tutto qui? Ma non c’è svolgimento.
– Infatti, ci saran solo capovolgimenti di fronte.
– Cioè?
– Sei da cimitero. Ribaltatelo. Forza, “ficcatelo”.


Capitolo finale “dedicato” a imbecilli la cui vita è finita

Mio padre, come il sottoscritto, è identico a Tom Stall

Sì, un povero pazzo, di natura immonda ebefrenica, tentò, con pedissequo sghignazzare, di perseguitar a “fini perseguibili” il mio “bislacco” e giocondissimo modo di star al Mondo.
Essendo colui che vivrà e visse a collo e “a culo”, rispettando il benessere della mia anima, d’allevare con l’ipocondria tipica di chi è al di sopra delle quotidiane rivalse e dei poco valorosi “validi”.

Io rappresento la totale “invalidità” a codesti che non mi rappresentano niente, e non intendo, proprio per nulla, ammutinarmi per ammutolirmi alla loro ipocrisia muta. Io son alato e alleato agli angeli, che guarnisco e a cui fornisco il carburante del “lievito”. Gli altri son d’evitare. E, se me “lo” permettete, anche da evirare, seduta stante. Stessero seduti. Non si muovessero. Alla prossima mossa e moina falsa, altre monetine dovran sborsare se ancor non ammetteranno quanto son noiose “borsette”.
Che effeminati, bravi a “redarguire” e far i dirigenti. Io, invece, esigo il “mio dritto” che non sta buono e non si calmerà mai.

Sì, di mio padre, costoro devono aver equivocato un po’ tutto.

Solo perché svolse lavoro impiegatizio, pensarono di trovarsi di fronte a Peter Sellers. Primo, sciaguratissimo “granchio”. Ché “sgranchirà” molto “perbene” le loro bugie a gambe corte.
Sì, spezzerà quelle ossa da quaglie, per sedie a rotelle “allineate” al “picchiatello” delle picconate ai “testoni”.

E dire che eran di “testicoli”. Quanto testoline…
Mio padre, prima di fermarsi a contemplare la Bellezza dolce, era uno “scapestrato”. Ascoltava la musica del Cuore, su teschio ambulante del crocifisso nel pettorale, e non rispettava i caporali.
Bensì “fruiva” delle “vulve”, da lupacchiotto.

Molti ritardati s’accanirono da cagnacci per “scacciarmi” via i “demoni”.

Ma il demone è come mio padre, come me.

E, presto, saranno “palate”.

Uomo avvertito, mezzo salvato?

No, tanti “saluti e baci”.

– “Meglio porco che fascista!”.
– Chi l’ha detta questa? T’interrogo Stefano.
– Guglielmo Tell.
– Sei un ignorantone.
– Sì, scusi, è di Guglielmina mentre preparava i tortellini.
– Mi vuole provocare?
– No, la voglio scopare.
– Come ti permetti?
– No, te lo metto e basta. Silenzio, troietta.

Firmato il Genius
(Stefano Falotico)

  1. Il Grande e Potente Oz (2013)
  2. Moby Dick. La balena bianca (1956)
  3. The Untouchables – Gli intoccabili (1987)

 

Mezzanotte e va la ronda di Sean Connery alla Lino Banfi: “Sentimi Al Capone! Ti spezzo la noce del capocollo!”


28 Nov

Un tepore si discordò ma non vuole dimenticare le orrende, balzane pazzie d’una famiglia orripilante che, presto, sarà appesa parimenti omicida alle loro folli pretese che tutti pendan, dipendenti, dalle loro labbra

Fui molto scrupoloso d’avvertimenti, ma il figlio insisté e sarà punitivo della “blasfemia” più sua recidiva.
Quando l’invidia non vuole ammettere il suo reato, preferisce spesso nascondere il cadavere d’altri oltraggi, seppellendo la verità sotto nuove (ah, ma puzzano) coltri di bugie, perseverando di coito e sadisticamente “goder” del Mal inflitto.

Eppure, secondo ogni favola di Collodi che si rispetti, tal “emerito” doveva imparar prima la proverbiale lezione: errare è unamo, perseverare è diabolico, soprattutto se sbagli i conti (anche in tasca, visto che presto sborserà non pochi quattrini…) e ti “diverti” a raccontare di cotte e crude(ltà) dinanzi al Diavolo in persona. Pinocchio sfotte il tuo nasino, mio Lucignolo con le tue “cicaline”.

Pinocchio è uno di cui volesti, violento, indagarne l’arbitrio che si ribellò al tuo falso moralismo da “Padreterno” e già ti mise in guardia, recandosi sotto casa tua solo per chiedere legittimamente una tua dichiarazione di gravissima colpevolezza.

Ma l’angelo fu picchiato d’offese raccapriccianti, perfin il padre, difensore d’”ufficio” del figlioletto reo ma non confesso, intervenì a frenar la giustizia, rigirando il coltello nella piaga e “implacabilmente” raggirando pure la “legge”. Che burattinaio.
Perché esiste una logica inconfutabile fra chi nasconde la “refurtiva” nello scheletro degli armadietti.
Se l’agnello vessato e “sacrificato” tramutasse in lupo, è consigliabile non andar nella tana dei lupi che lo costrinsero, di ricatti, alla “ricotta” del loro “pelo”.

Sì, se azzardi di troppo coraggio, un branco ancor più affamato potrebbe assalirti con maggior veemenza, e arrivare anche a denunciarti, perché sei tu il “disturbato(re)”.

Così, dall’ignoranza della caccia alle streghe, da superstizioni che marchia(ro)n il prossimo dell’oscurantista superstizione secondo cui le persone libere sono tacciabili di “schizofrenia” per l’omertosa conservazione “a lunga scadenza” della scemenza crassona e pasciuta di massa, cademmo tutti in tribunale.

Per reazioni al vile “assaggio”, tali vassalli, coperti dal “potere” sociale che “privilegia” sempre le ragioni di chi è coperto dietro i “pezzi di carta” (ad “attestar” le loro testardissime testone molto ottuselle), rischiaron di sbattere il savio in “manicomio”, solo perché “senza prove” esigé che tal porci non sporcassero più, di lorde menzogne e calunnie, una giovane e ben più viva coscienza, ma si prostrassero (in)tagliati alle “atroci” gran “crostatine” dell’aver alzato la cresta.

Ma il matto vero proseguì nella sua ostinazione.

Il sano di mente fu (mal)trattato per appurare che non (si) fosse sbagliato.

Gli anni trascorsero, e il matto continuò a ridacchiar di gusto, fiero d’aver soddisfatto il delirio d’aver fatto “impazzire” una persona troppo grande rispetto alla sua carne da frivolo stupratore delle verginelle.

Sì, costui passò l’adolescenza da sanguisuga, profittandosi di tutti. Dinanzi ai suoi professori, egli stesso s’”ammaestrava” di “furba” scaltrezza per ottener il passaporto che gli avrebbe dato “diritto” alle passerine. Che “glielo” accordavano da stonato che sognava Seattle ed è ancor da paparino, che paperini.
Si sa, in questa società, con una buona “laureetta”, di “aureola santissima”, puoi facilmente guadagnare tutte le “bone”.

E poter “affliggere” quelli “cani”, “buoni come il pane”.

Ma, nel suo progetto criminoso, gli eran sfuggiti troppi particolari, elementi che non van mai trascurati se si vuol compiere l’assassinio perfetto.

Innanzitutto, “Una passeggiata perfetta”, chiara, lapalissiana, incontrovertibile opera “sleeper” a ficcargli un paletto nel suo “cuoricino”, pietrificato a vita nel leggersi così, come la “Gioconda”, ritratto del suo specchio vergognoso proprio “bellino”.

Varie cartelle cliniche a rinchiuder ora “lui” nella clinica.
Che cazzo urla?

Perché, prima che possa immaginarlo, sarà chiamato a deporre. Ah, ma non era così a(r)mato il nostro “fiore all’occhiello” di suoi “fori?”. Forza, ti danzo attorno.Ti piace il “lento?” O il ritmo martellante?

Eh sì, caro fornicatore, credo che diventerai “magrissimo” nel forno crematorio.

Con “mutata” stima, il “muto”.

Che, eternamente, t’ha inculato “al muro”, mio mulo.

Chiaroveggenza, per evitare la lobotomia scappai dal “cuculo” di McMurphy, divenni il Jack Nicholson di Qualcosa (non) è cambiato perché la mia misantropia verso i miei coetanei stolti fu fraintesa per “fobia sociale”, e m’ammalai, di meccanismi di difesa compensative delle ossessioni “disordinanti”compulsive, al che, propulsivo chiesi tre giorni per la verità, non riuscii a dimostrare che ero un genio “idiotizzato” da dei cretini ebetissimi e mantenni però solo la promessa. Cioè, uno ad uno, tutti me li son fottuti, tali deficienti

Psicopatici, pedofili, “troie idrofile”, cinofili del filetto “sanguinolentissimo”, truculenti, non sono “deboluccio” nel vostro buco da “bucati” e, di “stuzzichino”, plano non piano, miei “paninari” appianai i torti, torcendovi il braccio di stesso “torchio”. Tordi, tontarelli, ecco il toro che sgranocchia i vostri torroncini. Vi butto giù dalla torre.

Basta, critici pagati a caro prezzo per pezzi che spezzan solo la vita del “Vorrebbero ma non possono, essendo degli Opossum che impararon a papparedella un est “latino” e ora son nel mio West di Tarantino. Ecco la rivoltella, bang, a terra(gno)”.

Sì, Django è tornato. Piantagrane, bombardieri e proprietari di piantagioni, non provate a scagionarvi di “zucchero di canna(ti)”, ecco, queste son le mie canne, fucilate eastwoodiane sparate a raffica.
Chi è quella? Tua moglie? A me non pare tanto figa, quindi le sparo.
Sì, è una che sparla solo come una pettegola. A te, invece, leccaculo e “braccio destro”, sarò mancino dei vostri “manici”. “Ammanicati” al mio “maccherone”, guarda come fuma bollente, dicesi pistolone contro te, mio “pistola”. Volevi recintarmi, ecco il cinturone, miei cinghialoni, io vi prendo a cinghiate.
Voleste arrestarmi per rendermi accigliato, io vi taglio.

Evviva Jim Morrison, mia origine mentale, che va da una Donna, le strappa anche il neo sulla terza natica dello “sgambetto”, e “inciampa” molto “involontariamente” nel Joker più ridente, “lì”, addentando-sbranando, abbranchiando!
Tutto tutto inchiappettando!

Sì, sono la Spanish Caravan dei Doors su spagnola “vaccara”. Allattami con quel seno, guarda come si “insinua”.
No, non voglio “inseminarti” né seminar il panico.
Ma “scimmiottare” con te.
Dai, dai, più forte.

Vai di cavallina, che c’importa delle varichine?
Questo è il “lavaggio” a 90 gradi.

Sono l’Uomo che unisce le mie baby a La Bamba.

E ballo, miei abbindolati.

Io boccerò voi e ora voglio altre “boccione”. Te, invece, “filerai” alla bocciofila. Sei palloso.

Io sono come Valens, non Ri(t)chie ma v’invalido.

Datemi del poveretto, basta che il “mio” sia provetto senza pompette, miei spompati.

Io faccio benzina, mettendo fire springsteeniano.

Datemi Katherine Heigl, la bionda, e diverrà rossa, datemi una rossa e arrosseremo.
Datemi quello e vedrà i sorci verdi.

Ecco, cosa significa farsi il culo. “Farvelo”.

Babbeoni, ecco il “babbo”. Ecco il regalo di Natale.
Ecco la “festività”.

Salutatemi quella “gran” megera di vostra madre.
Pare che, per salvarvi dall’ergastolo, stia battendo.

Non vi piaceva “sbattere?”.
Siete stati accontentati perfino da chi ha partorito la vostra demenza. Che sciagurata. Per rimborsare, deve “incassarli”.
Il loro padre, d’altronde, è sempre stato un puttaniere “affezionatissimo”

Più che Pinocchio, con questi qua, a cui faceva “pena” il mio genio, son stato un pene negli occhialuti miopi.

Buona vita a tutti.
Speriamo che il loro avvocato sappia difenderli alla grande, eviteranno forse la sedia elettrica, ma sotto i ponti dovran ripararsi dai tuoni.

Sì, l’unico Amleto sono io, non il “dottore della minchia” Marco Belelli, più comunemente conosciuto come divino Otelma.

Fra chi lo prende in culo, essendo Marco un gay della specie più cialtrona, preferisco Otello.

Ho detto tutto.
Io “zizzanio” da Iago.
E, da figo, inzucchero.
Perché, senza pagliaio, l’ago è il vostro rogo!

Applauso!

Firmato il Genius
(Stefano Falotico)

  1. Di nuovo in gioco (2012)
    Profetizzai che sarebbe stato un mezzo film.

    Clint è immortale in Walt Kowalski.

    Questo è un film falso, come il buonismo.

  2. Io sono leggenda (2007)
    Leggenda di che?

    Tu sei un Will Smith a cui te lo farò nero. Alì sono io!

  3. The Untouchables – Gli intoccabili (1987)
    E ora m’incazzo come Kevin Costner.

    In questa storia, mi pare che si sia andato troppo oltre.

    Vero “caponi?”.

    E pagherete…

    Andremo a casa del criminale e sputerà anche l’anima del suo “mouse“.

    Visto, far le smorfiettine? Musino?

  4. A History of Violence (2005)
    Carina casa, “fratello”.
    L’hai comprata con altre violenze?

    Ti ricordi di me? O volevi ottenebrarmi da “dolcetto?”.

    Ti ricordi quand’eravamo piccoli?
    Te lo ricordi vero?

    Ecco, comincia a tremare.

De Niro Screen Shots


13 Oct

Ecco, mi “giunge voce” che quest’anno lo (ri)vedremo in molte pellicole.

Signore e signori, annessi detrattori dell’ultima ora (im-parzialmente scontenti delle sue ultime prove attoriali), ecco a voi il più grande camaleonte della Storia del Cinema. E non solo.

Vi presento questo personalissimo slideshow di Mister Bob De Niro.

Qui, lo vediamo “sfilare” in una galleria di tanti suoi personaggi famosi. Che ve li cito a fare?

No, qualcuno ve lo “enumero”: Vito Corleone, Travis Bickle (già), Jake LaMotta, Harry Tuttle, Al Capone, Jack Walsh, Max Cady, Sam Rothstein, Conrad Brean, Paul Vitti.

 

Gli altri, provate voi. Sì, vi verranno in mente.

 

Giocate infatti con la memoria e accostate le sue rispettive, tante facce ai capolavori “elencati” nei vostri ricordi. Vedrete che (IMDb.com alla mano…), riuscirete a indovinarli tutti.

 

In questo video, sono comprese anche due imminenti interpretazioni, direttamente-prossimamente, appunto, da Being Flynn Red Lights.

 

Buona visione.

 

 

(Stefano Falotico)

Genius-Pop

Just another WordPress site (il mio sito cinematograficamente geniale)