Posts Tagged ‘Legs’

Per fortuna ci sono le stupende gambe di Saoirse Ronan a far sì che mi riprenda dalle stroncanti, ammoscianti, scriteriate recensioni su The Irishman totalmente scandalose


08 Nov

Saoirse+Ronan+76th+Annual+Golden+Globe+Awards+EdZMUVIffX7l

Eh lo sapevo, sì.

Dopo tutti i bastian contrari a Joker, ecco che stanno spuntando come funghi anche i “fighetti” dell’ultima ora che, dinanzi al 95% delle recensioni entusiastiche della media di metacritic.com riguardo The Irishman, non ci stanno e vogliono dire scriteriatamente la loro, andando incontro a plateali, oserei dire eclatanti figure di merda senza pari.

Adesso arriva dal nulla un sedicente critico che non avrei mai voluto leggere. Di cognome fa Simonetti. Spero che non sia imparentato con una delle produttrici esecutive di Lake Film che, purtroppo, ha lo stesso cognome di tale “zacquaro”.

Dicasi zacquaro, in meridione, un essere che millanta grandi qualità infallibili e invece, messo alla prova, si dimostra impresentabile quanto Zaza agli Europei di Calcio in cui, per colpa del suo rigore scellerato con tanto d’inutile balletto da Zorba il greco, fummo eliminati dalla Germania.

Zacquaro è sinonimo anche di zammero. Rimanendo in ambiti calcistici, vi racconto questa.

Tanti anni fa, nel paese natio dei miei genitori, giocai a calcetto nel campetto comunale. Al che uno sbagliò un rigore e il suo compagno di squadra gli urlò, arrabbiatissimo: sei un zammero!

Poi, fu assegnato un altro rigore e colui che sbagliò il primo rigore, ecco, volle calciare pure il secondo.

Si beccò un altro zammero!

E dire che, prima della partita, si paragonò a Pelé ma, tornando a Zaza e alla nostra eliminazione, assomigliò più che altro a Graziano Pellè. Ho detto tutto…

La producer della Lake Film è bellissima, la recensione di costui invece induce al voltastomaco. Insomma, fa cagare e vomitare.

Non vi dirò da quale sito qui la estrarrò e copia-incollerò, rispettando la perfetta dicitura d’ogni sua stronzata certamente da censura.

Ecco la “zamarrata”:

The Irishman è davvero un capolavoro?

Il nuovo film di Martin Scorsese è il memoir di un gregario nato, ma con una durata piuttosto eccessiva e uno schedario di frasi già usate.

Recentemente uno scorbutico Martin Scorsese si è scagliato contro i film Marvel, confinandoli al di fuori dell’insieme “cinema” e relegandoli con sdegno nel più modesto insieme “intrattenimento audiovisivo”. I principali focolai di tensione sono la mancanza di complessità, le sale intasate da sequel molto simili tra loro, la tendenza del franchise supereroistico a fagocitare il resto del sistema. Intervento non elegantissimo, forse non così necessario, ma non divagheremo oltre. A noi, impegnati nel primo approccio a The Irishman, già venerato come film-testamento del Maestro, il suo C’era una volta in America, interessa soprattutto questo passaggio: «Se alla gente viene dato un solo tipo di cosa e viene venduto all’infinito solo quello, ovviamente vorrà sempre di più di quell’unica cosa». Ci torneremo in un secondo momento. Per ora teniamolo da parte e godiamoci la sinossi…

Se Aristotele avesse avuto modo di occuparsi di cinema, probabilmente avrebbe quantificato la durata ideale di un film in 90 minuti primi. Lo stagirita sarebbe uscito moderatamente irritato da una proiezione di 120 minuti, molto triste da una di 180, certamente in lacrime da una di 210. Se i Grandi Lunghi di Mankiewicz, Diaz, Von Trier e dello stesso Scorsese hanno nobilitato la settima arte e meritano una mezza giornata d’attenzione, l’esaustivo memoir di Sheeran non ha nulla da aggiungere alle centinaia di gangster movie e serie tv, spesso splendidi, che da decenni intasano cinema e piattaforme di streaming con Mafia, Camorra, ‘Ndrangheta, Sacra Corona Unita, Yakuza, Triade, zingari di Birmingham, clan rivali di Taiwan, narcotrafficanti di Medellín e Sinaloa, baby gang delle favelas di Rio e della Transnistria moldava, sodalizi di orfani sordomuti della campagna ucraina.

L’unica anomalia di The Irishman, con un po’ di buona volontà, è l’assenza in Frank di qualsiasi pulsione verso la scalata al potere: in barba al furibondo desiderio di ascesa di quasi tutti i personaggi di Scorsese, il nostro rimane fedele a Russell con l’abnegazione del maggiordomo Stevens di Quel che resta del giorno. Un gregario nato, complimenti vivissimi. Per il resto, il consueto voice over compulsivo ci racconta di un familiare sottobosco fatto di Jimmy Tre Dita, Chazz Sulmona e Frankie Mandarancio, di macchine che esplodono, di riunioni in cui famiglie rivali si promettono di non fare delle cose che poi, con nostra grande sorpresa, fanno subito dopo. Solo che Mean Streets ha ormai quarantasei anni, lo schedario delle frasi celebri è pieno, e insomma questo divertissement tra vecchi amici è più divertente per loro che per noi. E allora perché Netflix ha puntato a occhi chiusi sul Maestro, accollandosi decine di milioni extra per l’orrendo ringiovanimento in CGI dei protagonisti? Forse perché se alla gente viene dato un solo tipo di cosa e viene venduto all’infinito solo quello, ovviamente vorrà sempre di più di quell’unica cosa. Ironico, vero? In confronto al genere crime, la Marvel ha la frequenza produttiva di Terrence Malick con l’influenza: il pubblico vuole ancora automobili in fiamme, possibilmente a causa di Jimmy Tre Dita, se siamo fortunati dopo una riunione in cui Jimmy aveva promesso a Frankie di non incendiare più automobili. Il modello reggerà in eterno generando calchi di sicuro successo, esattamente come nel genere supereroistico, e va benissimo così. I capolavori, tuttavia, sono davvero un’altra cosa.

Qui ci vorrebbe, contro costui, Clint Eastwood.

Sarebbe come dire, infatti, che dopo la trilogia del dollaro di Sergio Leone, Gli spietati è un film inutile.

Sino a ieri, considerai Saoirse Ronan un’attrice brava ma bruttina.

Invece, dopo averla vista ospite da Ellen DeGeneres, credo che anche l’insuperabile Gemma Arterton vi abbia fatto un pensierino, come no?

Guardate al min. 1:49 di questo video.

Gemma accarezza il braccio di Saoirse da semplice collega e amica?

Siamo sicuri? Delle cosce di Gemma siamo sicurissimi ma anche di questa cosa siamo però altrettanto sicuri. Tale critico Simonetti non capì The Irishman. Credo sinceramente che se, davanti a lui, si spogliassero Gemma Arterton e Saoirse Ronan, non capirebbe un cazzo lo stesso. Ma non in senso figurato, cioè impazzirebbe di desiderio ma entrambe gli assegnerebbero il pallino vuoto. Un uomo, insomma, da flop totale.

Ho detto tutto.

Morale: se date retta a questi critici della minchia, siete fottuti. Ah ah.

Ora, scusate, si è fatto tardi e devo indossare il pigiama.

 

di Stefano Falotico

X-Files: il caso science fiction paranormale di Gillian Anderson – Da semi-racchia Scully sovrappeso a donna fra le più belle del mondo, incredibile


04 Nov

Gillian+Anderson+2016+InStyle+Warner+Bros+DxLoVe78f6fl Gillian+Anderson+2016+Weinstein+Company+Netflix+4FCM4njIN2_l Gillian+Anderson+2016+Winter+TCA+Tour+Day+D1CGqbq3vz7l Gillian+Anderson+2017+Weinstein+Company+Netflix+HfvavzgVLehl

Sono da qualche giorno sotto shock.

Non posso davvero credere ai miei occhi. No, non sono mai stato un gran patito della serie X-Files.

I coetanei della mia generazione ne andavano matti poiché, a differenza di me, non avevano mai letto un libro di Isaac Asimov.

Quest’appena succitata, super sopravvalutata serie televisiva, della quale poco tempo fa girarono una sorta di reboot con gli stessi attori, all’epoca faceva sfracelli.

Ora, sono passati molti anni da allora. Ma, mentre David Duchovny, eh già, esibiva espressioni da pirla e tutt’ora le conserva perfettamente intatte, ah ah, Gillian Anderson sembrava una media laureanda in Biologia o Chimica, cioè una donna secchiona che, a forza di studiare gli atomi e le cellule, trascurava la sua cellulite e anche forse gli uc… i del sesso opposto.

A quei tempi era assolutamente insulta. Non stimolava niente, nessun gamete, sì. Se un uomo la guardava, preferiva mettere le sue palle su un abete addobbato a festa della nascita del Cristo, ovvero sull’albero di Natale. Gillian era quasi ebete. Era pudica al massimo, indossava tailleur castigatissimi da maschio e aveva sempre un’espressione da professoressa in gamba, a livello cerebrale, ma poco arrapante di cosce a livello ormonale. Era troppo mielosa a forza di studiare la mitosi. Sì, pareva asessuata. Era talmente pulita che sicuramente non poteva essere malata nelle mucose. Infatti, cambiavo canale e preferivo sintonizzarmi su Milena Miconi.  Oh, ero veramente un minchione in piena adolescenziale afasia confusa e m’auto-inculavo. Da cui il termine anafase. Ah ah. Sì, mi sbagliavo di grosso. Grosso diventava per donne che oggi non valgono un cazzo. Ah ah. Ecco, credo di essere davvero schizofrenico, sapete?

Perché indubbiamente distorco la realtà. A me questa Gillian, oggi come oggi, sembra un figone di superba qualità. Ma molti miei amici sostengono che sia brutta. Siamo sicuri che questi miei amici conoscano la selezione naturale di Darwin? Secondo me, questi gorilla non meritano una donna così bella che potrebbe leccare mille banane in un sol boc… ne se solo li, no, lo volesse… È uguale a Sharon Stone di Basic Instinct in versione Jodie Foster non lesbica.

Ecco, esistono fenomeni indubbiamente al di là della comprensione umana, psichiatrica, geriatrica, pediatrica, scientifica e figa. Fenomeni come questo.72970244_10214872801356430_3285983180707856384_n

Uno che indossa tranquillamente il giubbotto di Drive con Ryan Gosling in un locale pieno di gente come se nulla fosse. Poi, torna a casa e riguarda Blade Runner 2049 ma soprattutto First Man.

Sì, il sottoscritto. Un uomo che, come Ryan, recita da autistico-autista e, come nel succitato film di Nicolas Winding Refn, dice una parola ogni tre minuti. Creando suspense irresistibile.

Non vive sulla luna ma non è neppure terragno come la maggior parte di questo Pianeta delle scimmie e delle sceme.

Un uomo carismatico, ipnotico anche se non si sa per quale motivo lo sia. Forse è Magneto di X-Men. Sì, poiché non ha bisogno del magnesio per smaltire quello che mangia.

Siamo attorniati da magnacci. Di mio, dinanzi a tali decerebrati, sussurro solo dio mio.

Fra l’altro, Gillian sembrava un’inglesina con le lentiggini. Invece, è statunitense naturalizzata britannica.

Insomma, chi crede a dio, alle dee ma soprattutto alla Regina Elisabetta, è un uomo che si merita un mondo monarchico, gerarchico, in una parola poco Gillian+Anderson+Olivier+Awards+Red+Carpet+9CFRI78qG13l Gillian+Anderson+Weinstein+Company+Netflix+7cArnBxsYCgl Gillian+Anderson+Weinstein+Company+Netflix+DAEMQRtiO75l Gillian+Anderson+Wizard+World+Comic+Con+Chicago+GwGOVQYLK8Tlfalotico.

 

di Stefano Falotico

 

Gillian+Anderson+Arrivals+GQ+Men+Year+Awards+_57iNt9PP_Xl Gillian+Anderson+Celebrities+Visit+SiriusXM+rTmKVDndSFAl Gillian+Anderson+Evening+Standard+Theatre+dCyW0CttI-yl Gillian+Anderson+Gillian+Anderson+Book+Signing+anwn9alovQpl Gillian+Anderson+Glamour+Women+Year+Awards+C3W3fDACxjUl Gillian+Anderson+Murdered+MP+Jo+Cox+Remembered+U41WTG7P4-Vl Gillian+Anderson+Netflix+TCA+Press+Tour+Sk5vdWYUhz6l

Le gambe più sexy del mondo, ELIZABETH OLSEN


22 Sep

elizabetholsen

ELIZABETH OLSEN: attualmente è a mio avviso la donna più bella del mondo


03 Sep

Elizabeth+Olsen+Wind+River+Photocall+70th+ijmIzzwVoIDlEbbene, ci sono uomini e donne che, nel corso del tempo, subiscono positivamente dei cambiamenti straordinari.

Basti pensare a me. Da piccolo fui molto carino, poi trasmutai in Calimero. Diciamo che un certo fascino di natura amletica, cioè scisso fra il piacevole, l’amabile e il non vivente odioso, sempre lo possedetti. Sebbene tardò a svolazzare e a evolvere a cigno nero.

Anzi, io sono celeberrimo per aver incarnato la parola arcigno. Sì, un ragazzo cupo, ottenebrato dalla scarsa autostima che s’eclissò nelle notti fosche ove, denutrito di emozioni vere, perse il senno ma soprattutto molti seni.

Ah, i seni delle donne poco li amai e ancora poco li amo. Delle donne preferisco le gambe, l’intarsio aggraziato delle simmetrie geometriche, forse solamente stimolanti la mia eccitazione chilometrica, ah ah, delle donne prediligo le natiche perfettamente rassodate.

Sì, una donna per piacermi non importa che sia di seno abbondante. La prima cosa che capta la mia attenzione sono i suoi occhi. In verità vi dico che lo sguardo si posa innanzitutto su qualcosa di posteriore su cui poggiarlo in maniera rosea, focosa, probabilmente durante una notte terribilmente afosa e abbrustolente. Mi auguro anche che possa essere durevole e penetrante. Cioè calorosa!

Vado matto per le caviglie femminili, ancor di più se soavemente tatuate per far sì che io possa subito graficamente graffiarle in baci feticistici nel gustoso odorarle. Versandovi il mio inchiostro macchiante anche se densamente bianco e molto colante una volta che alla mia bella sfilerò i collant, infilandoglielo nel buco della ciambella. Semmai prima offrendole una caramella per poi zuccherarci in orgasmi di cannamele.

Ecco, ci sono donne bruttine che hanno avuto una metamorfosi pazzesca.

Da racchie piuttosto insignificanti, in pochi, impalpabili istanti impressionanti d’un batter di ciglia travolgente, sono diventate delle fighe immani. Devastanti.

Pensiamo a Emma Watson. A differenza di Emily Watson, bruttina era e ora ancor di più, Emma è adesso, va (am)messo, un’ottima passerina.

Ma la donna che m’ha più sconvolto è Elizabeth Olsen.

Nel 2012, assieme a Bob De Niro e Cillian Murphy, interpretò Red Lights. La sua presenza non avvertii, non toccai con mano, ah ah, anzi pensai… ma che ragazzina stupidina e insulsa.

Ho cambiato idea. Ma che le è successo?

Non si può davvero vedere da quanto è bella.

Datemi un calmante!

Sì, finalmente ho trovato, dopo lunghissimo penare, ah ah, la mia attrice e donna ideale.

Dolcissima, con delle cosce liscissime, con un viso angelico eppur diabolicamente intenso da cerbiatta ammiccante, stimolante.

Insomma, Elizabeth è stupenda. Se dite di no, vi consiglio una visita dall’oculista e anche dall’analista.

Dai, scopate come conigli. Non auto-inculatevi, raccontando balle. Dicendo che Elizabeth non è il vostro tipo. Infatti è una topona.

Sì, andate dall’analista che, in modo anale, possa amarvi in quanto siete palesemente, inconfutabilmente omosessuali incurabili e inculabili.

Non sono omofobo, rispetto i vostri gusti sessuali.

Ed Elizabeth sa che anche se foste eterosessuali, eh già, a voi non la darà.

Quindi, non cagate il cazzo.

di Stefano Falotico

Elizabeth+Olsen+Ruth+Alex+Premiere+41st+Deauville+Jn4lWDbIi2ol Elizabeth+Olsen+Wind+River+Photocall+70th+wEzh6ZOpQ5Ol Elizabeth+Olsen+2017+ESPYS+Arrivals+IGBEl-6mY3ml

 

Il Falò della notte nell’Alba… Parietti


12 Aug

Alba Parietti 68621488_2249519295097384_6861666032994484224_n 69067234_2249571491758831_1592231800686510080_n

Cala la notte, i fari emanano la loro luce sulle onde del mare mentre il firmamento si copre di Fog e John Carpenter si lancia giù da uno strapiombo come Tania Cagnotto per immergersi negli abissi della sua grandezza oceanica.

Allora, carissima Alba. Chiariamoci innanzitutto su una cosa. Hai 58 anni. Dove? All’anagrafe, forse. Ieri, guardando le tue foto in bikini, spontaneamente ho avuto un’erezione enorme. E sono molto, molto più giovane di te. Dunque, 58 anni si fa per dire. Sembri una trentenne, hai un fisico mozzafiato, un culo portentoso, un viso stupendo che induce al dolce peccato più malizioso, gambe longilinee che ispirano ardori voluttuosi, insomma sei una grandissima figa scesa dal cielo per rendere paradisiaco ogni uomo ardimentoso. Nessun uomo non abdicherebbe dinanzi a te ignuda e libidinosa, strafottente nella soavità maestosa delle tue armoniose grazie erotiche incommensurabilmente seducenti. E lo sai.

Perché però reciti sempre il mea culpa? Pare che tu voglia scagionarti da qualcosa. Dall’essere una figa immensa? Che mi eccita da morire, con cui farei l’amore sino alla fine dell’inferno, no, dell’intero universo, bruciando fra le tue gambe e sospirandoti ogni atomica mia esplosione frenetica e ondosa, morbida, liscia e cremosa? Stai antipatica a molti. Anch’io, in alcuni miei scritti, ti avevo criticato, sai? Perché, appunto, pare che tu non sopporti di essere così bella. Sembra che per te sia quasi una colpa eccitare gli uomini e attirarti ovviamente le invidie delle donne. Non ho mai condiviso la tua scelta di rifarti le labbra, questo sì, ma stai benissimo lo stesso. Ti ho detto, se ti vedessi dal vivo, credo che nemmeno l’Apocalisse mi fermerebbe dall’avvicinarti e sfrenatamente corteggiarti. Spronandomi come un cavallo inferocito e imbizzarrito ad ardire per ardere, dentro di te, sospinto dalla lieve bramosia mia crescente fra le tue gambe lucenti.

Sei bellissima, per te il tempo non esiste. Anzi, più anagraficamente invecchi, più acquisisci fascino e sex appeal rifulgenti.

Smettila, perciò, con questi post in cui pare che tu debba giustificarti. Fellini ti definì una “mascalzona”. Sì, lo sei, nel senso positivo del termine. E allora? Io ti scoperei seduta stante e me ne fregherei, accarezzando anzi ogni tua caldissima fragranza. Non me ne fotte nulla, infatti, del giudizio della gente, vedo solo una donna desiderabilissima, magnifica, inaudita. Per fermarmi, bisognerebbe chiamare i marines, sarei un fuoco dinamitardo irreprimibile e sempre attizzato, una sex machine da guerra a letto come Rambo impazzito più di già come lo è.

Tu, Alba, hai coscienza di essere una delle donne più belle della storia? Sì, suvvia, non mentire. Cammina a testa alta, anzi, spogliati anche in strada. Mi fa piacere che in questi giorni tu stia inserendo tutte queste foto sfrontatamente provocanti. Tu incarni il peccato, tu sei la DONNA. Lo capisci?parietti

Pausa e ciak azione: Tagadà – Puntata 08/05/2019, Tiziana Panella, attrice-giornalista al suo massimo erotico, storico


11 May

A Tiziana si può dire tutto, tranne che non sia la donna più sexy della tv italiana.
Mrs. magnificenza. Un portamento da signora di classe.
Sì, è faziosa, stronza, scorbutica, smorfiosa ma sa di essere stupenda e dunque fa, appunto, la gran fatalona.

Lei può. Guardate qui. tizianapanella

Le gambe infinitamente mastodontiche di Sandra Bullock


19 Jan

Sandra+Bullock+2015+Toronto+International+M_H7DwOUFkCl

Pausa beltà: la bontà di Tiziana Panella a Tagadà del 3 Ottobre 2018, wow, che gambe, che matrona


12 Oct

Tiziana Panella

Ascesi rambistiche e idolatrie di Shannon Tweed


21 Sep

Stallone5175ZMG3S0L

La trama di Rambo 5 è sempre quella dei film precedenti.

John si è ritirato a vita privata nello chalet del padre, e indossa anche lo scialle. Sognando di morire a Venezia, suicidandosi in una calle.

Ha anche un padre, John? Non era orfano di madre?

Sì, io invece immagino questa trama.

Stallone, a torso nudo coi boxer, sta stravaccato sul divano, riguardando in dvd tutti i film softcore con quell’ex passerona di Shannon Tweed. E la sua ascesi va a farsi fottere.

Ora, se vi volete tirare il pisellino in totale comfort, liberi da sguardi indiscreti, quando la vostra ragazza è andata in Grecia a visitare i templi, non c’è bisogno di guardare tutti i film con Shannon. Nella maggior parte di essi non si vede ’na mazza. Ah sì, Valeria Mazza, altra biondona da bagnasciuga…

Ecco, vi chiederete voi? Perché cercare le scene “incriminate” con la Tweed, quando si può vedere un porno in streaming?

Perché la pornografia, in verità, è poco eccitante. L’erotismo, anche se poco raffinato e di bassa lega come nei film con Shannon, non quello della Juliette Binoche prima mano, no, maniera, è più stimolante.

Perciò, dopo un’accurata selezione, questi sono i titoli immancabili della filmografia tweediana.

Partiamo con moderatezza per salire su…

Innanzitutto, Trappola d’acciaio, semi-remake orribile di Trappola di cristallo. Ma che vale il prezzo del biglietto per una scenetta piccantina fra la Tweed e Michael Paré, un belloccio che m’immagino sia stato un bell’uccello ficcante come i suoi occhi azzurri penetranti…

Arriviamo subito al cul per antonomasia, no, allo scult imbattibile, ove Shannon fa la vera battona, vale a dire Vendetta fatale. In questo film, suo marito, pur di ottenere la promozione, lascia che il suo capo, un vecchiaccio bavoso, scopi sua moglie in cucina. Ma il vecchiaccio non mantiene i patti e promuove un altro al posto suo. Super-inculata bestiale. Il pover’uomo, cornuto e mazziato, come dicono in meridione, si ammazza.

La moglie, interpretata dalla Tweed, decide di vendicarsi. Ma, anziché farla pagare al Bill/Carradine di turno, se la prende con l’uomo che ha fottuto il posto di lavoro al suo defunto marito. Che cazzo c’entra questo qui? Non è mica colpa sua.

Però non va a ucciderlo. Seduce il figlio teenager, che ha un culo pazzesco a trombarsi una gnocca di questo livello, e poi si fa sodomizzare dal padre.

Per far impazzire la moglie dell’uomo che l’ha appena inculata. Insomma, una Terence Stamp di Teorema versione sexy.

Secondo voi, chi ha scritto una boiata del genere?

Ma il top della sua enorme topa la Tweed lo raggiunge in Body Chemistry 4: Full Exposure. Un Basic Instinct ancora più spinto e ridicolo. La Tweed interpreta la parte di un’assassina irredenta e bastarda che si lascia sbattere dal suo avvocato difensore. Un uomo tracagnotto e bruttino. Altro culone mai visto.

Qui la Tweed esagera. Nudi a godo, no, a gogo.

Sì, Stallone/Rambo, dopo aver “ripassato” i film con la Tweed, decide quindi di lasciar stare gli allenamenti e i suoi patetici video-selfie su Instagram, chiama la moglie, Jennifer Flavin, che sta in cucina a pulire il pavimento, e le urla: – Sono vecchio per Rambo, mia cara, ma per te no…!

E spinge, sì, pompa Sly.

Un vero duro col martellone!

 

 

di Stefano Falotico

Nella mia vita fui guardone, guardiano, guardingo, e non rinnego quest’eterno guardare i c… i altrui


05 Oct

720full-loryn-locklin

 

Cazzi o culi? Scegliete voi? Io opterei per la seconda, e se ha una quarta (sì, mi accontento, non esageriamo) va benissimo.

Vita da guardone

Durante la mia fase post-puberale, incominciai con “accanimento” a registrare VHS unicamente a un solo “scopo”, volerle scopare. Sì, tanto mi facevo di Cinema d’autore quanto, tradendo le ambizioni alte, “scendevo” laddove sognavo di farmele.

Ecco, non so se avete visto il trailer di Wonder Wheel con Jim Belushi. La prenderò “larga”, al suo “lardo”, per “penetrare” poi nell’argomento… ecco, James ha sviluppato un’indubbia panzona e sono lontani i tempi in cui in Filofax, per via del suo sguardo furbesco da lupacchiotto non di primo pelo, riusciva a concupire Loryn Locklin. Loryn, un nome che a voi dirà poco o niente, una perfetta sconosciuta, insomma. Eppure, io “la” conobbi perché in quel periodo così “produttivo” divenne, eccome se “venne”, una delle mie prugne preferite. Quando esce dalla piscina, in quel film, in bikini nero, mozza il fiato e induce inevitabilmente a un’erezione incontenibile. Oggi, Loryn è davvero appassita, il tempo passa e non è più quella gran passera. Ma vorrei ricordarla anche in 2013 con “Cristo Lambretta”, pellicola fra le più brutte della storia, d’altronde c’è il Lambert, che a parte Greystoke e Highlander, è specializzato nelle stronzate. In una scena di flashback onirico, però, il Lambert rimembra di “membro” che pare non patire la prigionia, o meglio se ne consola di dolci ricordi…, gli amplessi che aveva con colei che gli fu sposa, sempre appunto la Locklin. Una scena memorabile, che non ti fa dormir la notte.

Sì, rimpiango quegli “osceni”, ingenui onanismi. Oggi sono più “centrato”. Ma forse non è un bene. Si demonizza tanto la masturbazione, un momento invece “notevolissimo” in cui impariamo continuamente a prendere confidenza coi nostri pudori nascosti, con le nostre sessualità, con la parte più “delicata” e “lieve” del nostro poi avanzare nel reale “indurimento” della vita adulta… osate, dosate e con calma, nelle vostre indiscusse, inalienabili intimità, giovatene. Non abbiatene timore.

Parola di un peccatore che non ha più “cosce” da celare…

Vita da guardiano

Nella mia vita di “toccato”, svolsi anche per circa un anno, forse due, lavoro presso la Pinacoteca di Bologna. Ove, di guardiania museale, dovevo star attento che i turisti, soprattutto i ragazzini mai “fermi con le mani”, toccassero i seni di quei dipinti “cristologici”.

Parola di un santo…

Vita da guardingo

Eh sì, state sempre in guardia. C’è sempre qualcuno che vorrà mettervelo nel culo. La sa bene la Locklin, a cui “glielo” comunicai di fax che “filava”. Ah ah.

 

Insomma, ragazzi, non abbiate paura dei vostri desideri, enunciateli come meglio vi (con)viene, non reprimetevi, non c’è nulla di sbagliato nel sesso, sia esso virtuale, trasognato, masturbato oppure con una donna che vi spillerà tanti soldi da non farvelo più “inalberare”, se non di rabbie, ma solo il conto in banca “prosciugare”.

 

Oggi, tornando dal bar, dopo la mia lieta passeggiata per i cazzi miei, ho visto un padre elegantissimo che “ritirava” il suo figlio da scuola. Questo padre era contento. Ma non credo, posso anche sbagliarmi ma non penso, fosse felice di suo figlio in sé. Insomma, non credo voglia la sua felicità. Col suo sguardo già severo, questo padre pareva volesse prematuramente inculcare al figlio dei falsi valori per adattarlo a una vita che sogna per lui. Che non è una vita fatta di scoperte, del voler che il figlio nella vita faccia ciò che gli piace, mi “parse” piuttosto un padre che voleva che il figlio diventasse “qualcuno”. Un povero stronzo come lui, capace di andare a milf fra una ca(u)sa e l’altra.

Il classico tipo “vincente” che guadagna un sacco di Euro e poi va a mignotte, dicendo ai suoi amici che è felicemente sposato.

Insomma, siate falotici, non siate come questo qua.

Godetevela!

di Stefano Falotico

Loryn-Locklin-nude-butt-and-sex-Fortress-1993-HD-1080p-01-1024x576

Genius-Pop

Just another WordPress site (il mio sito cinematograficamente geniale)