Posts Tagged ‘Sylvester Stallone’

Nemici sul grande schermo, amici nella vita reale, cornuti al cinema e sposi nella realtà: Stallone, Dolph Lundgren, Brigitte Nielsen, Van-Damme, Bolo Yeung, Michel Qissi e la lettera di Hopper di Stranger Things


06 Aug

van damme yeung

Ecco, partiamo dai due amici per antonomasia. Talmente amici che se lo danno in culo vicendevolmente, in senso metaforico, in C’era una volta in America. Ovvero Bob De Niro e James Woods.

Talmente amici, praticamente fratelli di sangue, platonicamente innamorati l’uno dell’altro, anche se non omosessuali, da fottersi reciprocamente in maniera epocale, oserei dire epica.

Chi dice donna dice danno. Fu tutta colpa di Deborah.

Poi, in Casinò, successe la stessa cos(ci)a.

Sam Rothstein/De Niro perde la testa per Sharon Stone/Ginger. Potete biasimarlo? Sharon era appena reduce da Basic Instinct. Parlavamo di una super figa che, quei tempi, non necessitava del cervello di Matt Damon di Rounders per battere quello stronzo di Teddy KGB/John Malkovich.

Sì, a Sharon sarebbe bastato aprire le gambe e te lo do io The New Pope. E te lo do io, Sharon, le tue nuove poppe di mastoplastica.

Comunque, se facevi l’amore con Stone di quei tempi d’oro, saresti impazzito. Saresti diventato Malkovich di Nel centro del mirino.

Sì, l’avresti mirata, ah, ammirabilissima, quindi lei ti avrebbe fatto volare lassù come in Con Air. E poi ti saresti schiantato a Las Vegas.

Ah, vedete che il discorso torna? Ah ah.

Non perdiamoci in Ginger e gingerini, torniamo a De Niro e James Woods.

In Casinò non sono amici. Ma mandano a puttane tutto non solo per colpa di Joe Pesci ma, appunto, a ca(u)sa di Sharon. Una puttanona.

Nella vita di tutti i giorni, De Niro e James Wood sono amici per la pelle. Si stimano tantissimo.

Vi basti vedere questo video:

Ecco, in Rocky IV, come tutti non sappiamo, Rocky Balboa/Sylvester Stallone e Dolph Lundgren/Ivan Drago si odiano a morte, anzi vogliono ammazzarsi, picchiandosi come bestie.

Ivan stava con Brigitte Nielsen nella finzione. Nella realtà, era la moglie di Stallone.

Comunque, cara BRIGITTA, te lo posso dire senza peli sulla lingua? Al signor Marion Cobretti, il Cobra, io se fossi stata in te, cazzo, avrei scelto Dolph.

Dolph Lundgren, alto un metro e novantasei!

Ora, Stallone in Rocky IV riesce a battere Dolph. Sì, perché è un film di fantascienza, diciamocela.

Stallone è alto 1,77 m.

Sinceramente, molto concretamente, a Dolph sarebbe bastato il mignolo sinistro del suo Golia per scaraventare per aria il Davide di turno.

Comunque, da allora Sly e Dolph sono amici. Invero, dobbiamo essere in questo caso un po’ più precisi.

Dolph Lundgren, caduto in disgrazia, contattò Stallone, leccandogli il culo affinché gli desse una particina nei Mercenari…

Le cose andarono così. Dolph era indebitato, doveva pagare il mutuo della sua villa. Al che telefonò a casa Stallone. Rispose la moglie di Stallone, Jennifer Flavin.

– Pronto?

– Ciao Jennifer, sono Dolph.

– Dolph chi?

– Come chi? Non mi riconosci?

– No, non so chi tu sia. Signore, perché chiama a quest’ora? Sono le due di notte. Mi sa che ha sbagliato numero.

– Guardi, signora, sono Lundgren. Io e suo marito siamo, diciamo, amici.

– Ne è sicuro? Conosco bene gli amici di mio marito. Non mi ha mai parlato di lei. Scusi, esattamente che desidera?

– Ecco, è lunga da spiegare. Onestamente, ho bisogno di lavorare.

– Ah, guardi, si rivolga all’ufficio di collocamento. Mio marito non è laureato in psicologia assistenzialistica. Ora, la prego di lasciarmi dormire. Altrimenti, la denuncio. Le sono stata chiara?

– Mi dia solo cinque minuti. Le spiego tutto.

 

All’improvviso, Stallone rincasò. Sì, era andato a ubriacarsi con Arnold Schwarzenegger al Planet Hollywood in compagnia anche di Bruce Willis.

– Cara, che sta succedendo?

– Caro, c’è un povero cazzone che sostiene di conoscerti. Te lo passo.

– Pronto?

– Ehi, vecchio filibustiere, come stai? Da quanto tempo…

– Sei Dolph?

– Eh certo. Chi sennò? Sly, sono nella merda. Mi devi dare una mano.

 

Adesso, dopo il secondo capitolo di Creed, Sly e Dolph stanno pensando a una serie televisiva da produrre…

Ho detto tutto.

Passiamo invece ora ad altri tipi muscolosi, presieduti da Muscles from Bruxelles, il Jean-Claude più famoso, forse di tutti i tempi, da non confondere con quel troione di Jean Val Jean. Pornoattore che guadagna un milione di volte di più di una persona normale.

Lui ha capito tutto. Mentre voi state a sbattervi su un libro di filosofia orientale per cercare di risolvere i vostri problemi psicologici dinanzi alle sempre più stressanti, impellenti richieste della società occidentale così massacrante, Jean se le sbatte tutte. Si va da quelle francesi a quelle tedesche, dalle asiatiche alle americane, dalle canadesi perfino alle piemontesi, dalle campagnole a quelle della Campania.

Sì, si va da Kendra Lust a Valentina Nappi in un batter d’occhio e anche di qualcos’altro.

Valentina è di Scafati, in provincia di Salerno, mentre Jean è un uomo (di che?) che ha dieci motoscafi grazie al fallo, no, fatto che ha sciacquato la sua “lingua” nell’Arno.

Ah, lui se ne fotte, scialacqua…

Come no? Se vi dico che è così è così. Sì, Jean è un poliglotta, conosce tutte le lingue del mondo. Approfondisce anche con studi e ricerche minuziose.

Sì, passa le sue giornate a connettersi ai siti delle Escort internazionali. Legge attentamente tutti i loro profili:

– Hi, Samantha, where are you from? JE VOUDRAIS ficcart’! Se po’ fa’?

 

E va pure a mangiare, ogni sera, alle migliori trattorie ove cucinano il vostro pesce fritto con tanto di linguine e inguine allo scoglio, forse pure allo scolo. Senza sconti.

Come fanno, peraltro, Van Damme e Bolo Yeung. Dunque, poveri stronzi, finitela con le rivalità, i pettegolezzi, le invidie e le gelosie.

Sembrate delle donnette da circolo del cucito.

Se ci si fotte pure fra amici, Senza esclusione di colpi, farete la stessa fine di Edward Norton di The Score.

Se vi dico che è così…

Comunque, alle lettere di San Paolo ai Corinzi, preferirò sempre quella di David Harbour di Stranger Things 3.

Dissi che era troppo mielosa.

Ma io sono un bugiardo conclamato.

Dopo averla vista, ho dovuto spendere tremila Euro per i Kleenex.

 

di Stefano Falotico

A Rambo preferisco Rocky, alla moglie di Stallone le figlie


01 Aug

stalloneROCKY con Little Marie docet: la mia unica debolezza è non avere debolezze, è avere ciò che i ricchi, in quanto avari, non avranno mai neanche in primaverarambo stallone

 

Sì, devo cambiare le cuffie e il microfono. Inserire nuovi spinotti mentre Stallone la dovrebbe finire con gli spinoff di Rocky, ovvero Creed.

Infatti, a quanto pare, girerà il settimo film della saga su Balboa, il suo miglior personaggio in assoluto.

John Rambo è altrettanto iconico e riuscito ma è la versione cattiva di Rocky. M’ero già poco tempo fa espresso su questa sottile, antitetica eppur molto importante, imprescindibile sfumatura.

Rocky era un cane bastonato, anzi, spesso solo come un cagnaccio. Ma sarebbe finito peggio, cioè incagnito, se l’avessero fatto solo abbaiare, no, arrabbiare.

Lui avrebbe terminato di svolgere anche il suo lavoro da underdog riscuotitore di crediti, abbandonando ogni residua speranza da clandestino pugilatore e, a gran malincuore, si sarebbe ritirato con la coda fra le gambe, come si suol dire. Del tutto svalorizzato e screditato.

Probabilmente, emarginato completamente, osteggiato e vilipeso da una società cinica e spietata, totalmente ignudo, dirimpetto a una nuova provocazione smodata, villana e screanzata, avrebbe dato di matto e l’avrebbero ricoverato.

Prima l’avrebbero fortissimamente insultato, sì, in maniera inusitata, dunque, dopo averlo bloccato, bocciato, boicottato e dopo avergli infilato il bastone fra le ruote in ogni dove, l’avrebbero maltrattato, reputandolo un’ultima ruota del carro, brindando sul camion dei falsi, pagliacceschi vincitori col drink in mano.

A Rambo andava subito data una mano, non una lametta da barba per sgozzare ogni sua già bruciacchiata, decollata speranza. Decollò, voleste decollarlo ma non a picco colò. Anzi, in culo ve lo ficcò.

Rambo, dopo essere stato medaglia al valore, soldato rimpatriato e perfino ultra-decorato, fu dallo sceriffo stronzo, infatti, che scorretto fallo, psicologicamente sodomizzato.

Cosicché, ancora non guarito, bensì sguarnito d’ogni dignità in quanto atrocemente nell’onore e nell’amor proprio spogliato, avrebbero addirittura attentato ai suoi passati traumatici, risvegliandolo dal letargo e inducendolo a un’irosa esplosione scriteriata.

Presto sedata per ancor più servirgli una fottuta, bastarda, doppia inculata.

A Rocky Balboa invece, miracolosamente, una seconda chance fu generosamente data. Dal cielo gli fu fortunatamente addosso piombata e donata. Mentre a Rambo i cattivi vollero soltanto riempirlo di piombo. Altra sfumatura che, per nessuna ragione al mondo, andrebbe trascurata.

Sì, desiderano che Rambo fosse del tutto oscurato in quanto, vivendo lui da ascetico vagabondo un po’ troppo cogitabondo, forse anche tonto, i fascisti pensarono bene, anzi malissimo, di rimproverarlo, di spedirlo coattamente in cura solamente perché, nonostante fisicamente fosse assai muscolato, la sua barbetta era trascurata e Rambo girovagava a zonzo con aria da gonzo, malinconica e sconsolata. Voleva farsi solo una birretta, cuccarsi forse un’insalata per una discreta, serena mangiata. Invece gli stronzi vollero papparselo e inchiappettarlo.

Rambo non era certamente il primo venuto e sappiamo bene che si dimostrò un osso duro.

Lo stesso lo prese in quel posto ma almeno restituì pan per focaccia a quel panzone di Brian Dennehy, trivellandolo pure in maniera sacrosanta e assai cazzuta, in modo parimenti micidiale da pollo nel girarrosto.

Rocky invece, nonostante le iniziali, comprensibili titubanze poiché, dopo tanta sociale latitanza, umanamente credette che sarebbe stato controproducente rigettarsi nella mischia, rischiando ancora una volta una figuraccia, tergiversò. Rimanendo un po’ sull’introverso.

Pensò che, dall’incontro contro Apollo Creed, ne sarebbe uscito sfigurato, massacrato e, costernato, nelle costole spappolato, sarebbe rincasato ancora più incazzato.

Invece, contro ogni pronostico a lui sfavorevole, sì, perse ugualmente ai pugni, no, ai punti ma, se l’incontro fosse durato solamente dieci secondi di più, sarebbe stato lui ad alzare le braccia in segno di vittoria. Mica pugnette. Mica pizze e fichi, pizzicotti e fighelle. Ricotte.

Ecco, spesso nella mia vita, ho fatto cascare le braccia, invece, a tutti.

Sono stato la pecora nera in quanto non mi è mai piaciuto fare il bugiardo e campare d’ipocrisie figlie d’una mentalità laida partorita dalla gente di panza piena e perciò pure nel cervello assai larda.

A forza di ricevere a raffica botte pazzesche, sono oramai indurito e collaudato.

Invero, come girano le cos(c)e a questo mondo, lo compresi già dopo il servizio civile. Non feci il militare, cazzo, lì ancora maggiormente i caporali e i maggiori, di nepotismi, nonnismi e bullismi m’avrebbero fatto a sangue il culo, ma comunque me lo spaccai lo stesso, archiviando tutti i manifesti della Cineteca di Bologna ove prestai diligentemente il mio obolo da obiettore di coscia, no, di coscienza.

Ah, lavoravo cinque ore al giorno. Ma non servì a molto. Dopo circa un anno di servizio, ferie e permessi inclusi, guadagnai un cazzo. Roba che in un giorno, oggigiorno, una modella su Instagram, oltre ad archiviare sempre più followers nel suo carnet personale, becca sempre a ogni orgia, no, ora… un figo della madonna, che lei non è, da chiavare perché sa mostrare la carne e non abbisogna, dunque, di girare di locandine in bettole per trovare un lavoro da sguattera, da cameriera. Diciamocelo, la cameriera è una donna onesta eppur da molti trattata a pesci in faccia in modo disonesto. E non vuole la riscaldata minestra! Infatti, serve in una trattoria che offre ai clienti solo il caffè amaro.

Se non vi sta bene solo il caffè ma volete il tè, la cameriera vi sbatterà… solo fuori dalla finestra.

No, invece la modella d’Instagram vi serve sul piatto d’argento la sua carrozzeria dorata per onanismi vostri da uomini a cui, in quegli attimi bollenti, più della vostra salsiccia ottimamente rosolata, non darei mai in mano, appunto, qualcosa di fine e di porcellana. Le vostre mani, oltre che sporche, tremano e potreste rovinare un vassoio che vale dieci milioni di modelle intoccabili perché troppo belle.

Eh sì, mie porcelle, no, porcellini, sono Lupo Ezechiele e vi conosco perché io non sono un ipocrita che pensa che la vita sia solamente rose e fiori, baci Perugina e confetture di miele.

Già, qualche volta pure io me la tiro, lucidando tutta la mia cristalleria d’assaggiatore che sorseggia le migliori, femminili bellezze rosate come il vino più pregiato, ambendo a smaltarne le lor labbra con calorosa, densa freschezza masturbata e, da buona forchetta di codeste tutte da gustare, sognandone le linguette allo scoglio, speriamo non allo scolo, i baffi mi lecco. Che leccornia ma loro con altri mi mettono le corna. Insomma, stimolano le mie cornee ma sono delle zoccole senza cuore.

Alcune sono solo delle galline spennacchiate ma non è da questo che si giudica un cedrone gallo che da bianco lo fa diventare giallo e poi rosso con tanto di cresta cremisi e finale cremoso.

A parte gli schizzi, no, gli scherzi, Rocky è un glande, no, un grande.

Avete presente quando avverte Little Marie, l’attrice Jodi Letizia, riguardo alle ipocrisie del mondo adulto?

Rocky le dice che lei si comporta da mignottella e, così facendo, a lungo… andare, la gente, quella che mangia solo le tagliatelle, comincerà davvero a considerarla come tale se non si darà presto una regolata.

Sarà per sempre confinata, stigmatizzata e come puttanella etichettata.

Poiché la gente preferisce farsi un quadretto assai distorto del prossimo, un’idea più conveniente e sbrigativa. Per lavarsene le mani, appunto.

E non vuole mai rivedere le proprie (im)posizioni nemmeno se uno le smonta e smentisce pezzo per pezzo.

Per esempio, se uno viene troppo velocemente preso per pazzo, agli occhi di chi emise questo giudizio sveltissimo, senz’appurare nel profondo, quel ragazzo rimarrà sempre pazzo.

Può diventare pure Gandhi e queste persone diranno che fa Gandhi per far credere a tutti che in verità non è un pensatore libero ma un povero cristo che si spaccia per uomo elevato. Continuerà a puntargli il dito, imputandosi, urlandogli perfino che s’è sputtanato.

Poiché, se prima era pazzo, adesso manco usa il cazzo. Sì, sputtanato significa non andare a puttane.

Quante cazzate… la gente, Gesù mio.

Cosicché, se vi sarete/foste annoiati di una vita di balli e cani, no, canti, vi diranno che vi siete arresi, che siete degli vigliacchi e sopravvivete alla bell’è meglio in squallidi appartamenti e in fatiscenti auto-inganni. Ah, non mi incantate. In voi non m’incarnate.

Arriverà un cinquantenne a farvi la morale per puro, sadico gusto di farvi del male. Farvi e farvi, sempre farvi.

Vi dirà… che siete uomini senza dignità che si fanno soltanto gli atti impuri quando, in verità, lui fa ben di peggio.

Oltre a segarsi, quasi ogni notte va appunto ove sapete. A mignotte!

Però, ogni domenica brinda con moglie e prole, continuando a raccontarsi frottole, magnandosi anche delle dolci frittelle.

I suoi amici credono che sia un grande uomo perché è perfino un tosto lavoratore. Non sta fermo una sola ora. Ci dà!

E voi, giovani, continuerete a farvi fottere da una merda così.

 

Morale della favola:

aveva ragione Trautman quando avvertì lo sceriffo, dicendogli che gli sarebbe convenuto mollare subito la presa. Lo sceriffo continuò a fare lo smargiasso e a ridersela grassa…

E aveva ragione pure Apollo Creed quando, dopo trenta secondi di match, capì immediatamente che aveva di fronte uno più forte di lui.

Sì, vinse. Ma solo nel primo perché aveva più esperienza, si chiama vantaggio psicologico, appunto.

Nel secondo però perde perché Rocky è, appunto, più forte e s’è esperito duramente dopo il primo incontro.

Insomma, la gente vede assai bene, spesso finge di non vedere, dunque ti sottovaluta apposta, facendoti credere assurdità perché è consapevole che, se scopri la verità, hai due reazioni possibili.

o come Rambo scoppi oppure finiscono loro scop(pi)ati.

Perciò farà di tutto per buttarvi giù e distruggervi, ne inventerà sul vostro conto di tutti i colori per farvi passare dalla parte del torto.

Voi pazientate, resistete e aspettate il momento giusto.

Quando vi sentirete pronti, sferrate un mancino pugno pari ai loro colpi bassi e ai loro giochetti mancini.

Che vi devo dire? Sono un macigno, forse un nero cigno, forse arcigno, fui Lucignolo e anche Pinocchio ma le bugie hanno le gambe corte, i vostri nasi sempre più s’allungano e ce l’avete molto più di me corto…

Il cervello. Quell’altro… non m’interessa.

Come dice il grande Renato Pozzetto di Grandi magazzini, signora, so che il cane è castrato, non ho mica paura che m’inculi…

Sì, non possiamo continuare a farci coglionare da gente che guardava roba come Lui è peggio di me e La casa stregata.

Comunque, anche Stallone è un ipocrita.

Nel quinto Rocky, dice al ragazzo che è un cocone, per svegliarlo, mettendolo in guardia dal successo e dal sesso arrivati troppo in fretta.

Peccato che da parecchio, fra l’altro, Stallone stia con Jennifer Flavin. Una rossa praticamente identica a quella mentecatta che George Washington Duke dà come premio a Tommy “Machine” Gunn/Morrison.

Sì, la Flavin fa la bella vita, va tutti i giorni in palestra e se la tira da milf assai figa.

Ha trovato quel coglione di Stallone che si spacca la schiena per girare il prossimo episodio de I mercenari, così che in famiglia possano continuare a pagare le super bollette e saldare i bolli della Porsche, della Ferrari e forse anche della Mercedes.

Sinceramente, mi farei le figlie di Stallone.

Ragazze che potrebbero insegnarvi, fidatevi, molte più cos(c)e dei luridi tromboni maestrini che oramai nessuno s’incula e che soprattutto da una vita non trombano.

Questa è la mia dichiarazione di dignità con tanto di mandare a fanculo questa gente falsa con gl’interessi della presa per il deretano non solo a loro. Pure a quelle due gran fighe delle figlie dello Stallone italiano…

M’immagino la scena…

Stallone, come un Provolone, scopre che ho scopato il sangue del suo sangue. Al che si precipita sotto casa mia per spaccarmi la faccia. Suona potentemente al citofono. Non gli apro. Sfonda allora il portone come Rambo e sale le scale a velocità pazzesca pari alla sua corsa fra le montagne del quarto Rocky:

– Falotico, apri! O prendo a calci la porta?! Chi cazzo pensi di essere?

– Sono Oscar – Un fidanzato per due figlie.

 

 

Stallone, dinanzi a questa mia risposta velocissima e imprevista, rimane stordito, spiazzato, imbambolato.

Mentre lui resta istupidito per circa una settimana intera, io gli scrivo la sceneggiatura del nuovo Rocky.

Al che, apro la porta. Stallone è fermo lì come uno stoccafisso, da settimana immobile, senza cibo né acqua. Una situazione orribile.

Gli do un pugno.

– Signor Stallone, mi sente?

– Sì, scusi. Eccomi. Dove sono?

– Tenga, licenzi il cazzone screenwriter del nuovo Rocky e usi il mio script.

– Ok. Vuole che la paghi?

– No, bastano le sue figlie. Pensi, Sly, sono loro che mi pagano affinché faccia gli straordinari.

Veda ora però di non rompere più il cazzo.

 

Comunque, le figlie di Stallone sono tre, forse quattro.

Dove stava la terza?

Sempre con me? Dove cazzo vuoi che stesse?

E la quarta?

Nascerà.

Ah ah.

 

di Stefano Falotico

Sarà un’estate di titoli caldi, il listino della Notorious Pictures ha un film in cartellone che è la storia della mia vita


06 Jul

stallone rambo last blood

Ora, chiariamoci. Beniamino Placido, il senior president della Notorious Pictures, mi sta simpatico.

Ha questa faccia da patatone, a metà strada fra Clive Owen e un toscano di origine controllata come il Chianti, certamente più presentabile di quella schifezza d’uomo di Rocco Siffredi. Uno che continua a propinarci la sua pubblicità delle patatine…

Basta, davvero. Almeno rinnovasse il suo repertorio. È come se il grande Castor Troy/Nicolas Cage girasse il seguito di Face/Off e recitasse alla hostess milf, molto battona, perennemente la solita, storica e stoica battuta da faccia da culo mai vista: mi dà gusto mangiare la patata.

Alla lunga, annoierebbe. Probabilmente glielo allungherebbe sempre ma noi spettatori non godremmo più di un colpo di genio così sfacciato. Sfrontato e gasato, limonato.

Dai, le limonate vanno forte con questo caldo.

Di mio, compro quelle della Sanpellegrino. Per un gusto pieno e deciso. Sì, vado dalla commessa della Conad, gran bella ragazza, una buona gnocchina. Lei non mi fa pagare nulla. Soltanto che mi rilascia sempre lo scontrino fiscale perché la polizia, altrimenti, sarebbe nei suoi riguardi assai irriguardosa e fiscalissima. E, si sa, fra le sbarre, non puoi nemmeno mangiarti una barretta di dolce cioccolato.

Comunque, le donne amano il bis. Se poi, oltre al dessert, sarete alla frutta in fatto di soldi, al tiramisù ci penserà il fratello di Troy, Alessandro Nivola.

Uno che, in Wizard of Lies, ha la sfiga di essere il figlio del più grande figlio di troia della storia. Chi è Brad Pitt?

Alessandro, in Face/Off, nella scena del carcere infatti recita un’altra battuta devastante. Proprio tirando in ballo il celeberrimo dolce inzuppato nel caffè, ripieno di crema pasticcera, zucchero, uova e mascarpone.

Mah, si dice che lo zabaione sia un afrodisiaco mentre la zuppa inglese la offriamo a quel cafone che continua a prendermi per coglione.

Per troppo tempo si approfittò della mia buona fede e io non gli regalerò mai più nemmeno un profiterole.

Sono un uomo che, a parte gli scherzi, vive delle sue ascesi spirituali. Qualche volta mi curo dagli ascessi mentre voi, cari cessi, salivate d’infiammazioni ghiandolari e ormonali per qualche donna al mare in bikini che vuole la crema solare ma non il vostro “ice cream”.

Dalle mie parti, ad esempio, aperta tutto l’anno e non solo nel periodo estivo, vi è la gelateria Voglia matta.

Molti anni fa, fra uno yogurt e l’atro, fra un gelato alla banana e una mia leccata alla padrona per non pagare la vaschetta del bacio con l’amarena, pensai d’incontrare in questa bottega… perfino Catherine Spaak.

Ah, Catherine spaccava davvero. Soprattutto quando ad Harem indossava lo spacco.

Uh, che freddura bollente che è questa. Ah ah.

Sì, sono un critico cinematografico come il compianto Beniamino Placido, omonimo del capo della Notorious. Oramai questo è arcinoto, lo sanno pure i vecchietti del circolo della bocciofila.

Ecco, la domanda è questa: i fascisti trattarono Rambo da matto, facendogli perdere ogni matta voglia, ma si erano informati bene su chi fosse? Lui li infornò.

È quello che nel grande Cinema chiamano colpo di (s)cena.

Di mio, sono uno Stallone che spesso sta sul moscio.

Ma non fatemi incazzare, eh. Sennò saranno amari.

Altro che al mare. Mi dovete amare, è un ordine. Se lei, uomo, non mi ama, io amerò sua moglie. Va bene, così?

 

– Falotico, ma lei lo sa che non è un uomo normale?

– Lo so. Sei tu che non lo sei, non lo sai.

– Cosa dovrei sapere?

– Che sei un Minotauro, no, volevo dire un minorato. Hai preso il Tavor?

– E quindi? Io sono normodotato, invece.

– Sì, io no, però. Ora lo prendi in culo.

 

Da allora, non riesce più non solo a mandarmi a cagare ma nemmeno a indossare i jeans e a calzare il cavallo dei pantaloni.

Comunque, me ne fotto.

Sono strafottente, un cazzone.

 

Ecco, detto ciò, sperando di avervi divertito, devo ammettere altresì con estrema onestà che ogni teoria freudiana con me andò a puttane.

Secondo Freud, la malinconia nasce dalla carenza affettiva, anche sessuale.

La gente mi provocò molti anni fa. Spronandomi a fare cowgirl. In parole povere, volle sverginarmi.

Io volli appurare se ero un puro soltanto da atti impuri o se duramente avesse funzionato.

Funzionò eccome, anche troppo.

E ora sono più triste di prima.

Questo non è un colpo di mitragliatore, non è un colpo di scena, è un altro pugno allo stomaco alla società erotica del porcile di massa. Sì, fra Rambo e Rocky, io scelgo sempre Rocky.

Perché io sono fatto così. Non mi cambia nemmeno Gesù.

Figurarsi dei poveri cristi.

Lo so, è triste che vi abbia detto la verità.

Anche molto vero. No, non sono come quasi tutti. Sono un diverso, lo sono sempre stato e non mi svenderò mai. A costo di morire povero, appunto, in canna o senza più cartucce e frecce al mio arco.

O come un pagliaccio con la maschera grottesca e tragicomica per sembrare felice.

Sono pure assai dissimile rispetto sia a Michele Placido che a Beniamino.

Sono un uomo tranquillo.

 

 

 

di Stefano Falotico

 

Il JOKER con Joaquin Phoenix sarà un filmetto dinanzi al mio ROCKY vivente, incarnato nella celluloide della mia anima sognante


05 Jul

65855580_10214003901274471_8774612834198749184_o


Be’, quando si entra in contatto col Genius-Pop, certamente sia gli uomini che le donne di questo pianeta, esseri indubbiamente primitivi rispetto a cotanto feto galleggiante di 2001: Odissea nello spazio, si sentono inferiori.

Sì, sono Starman/Jeff Bridges, uomo alieno ma soprattutto alienato dalla società, amato però dall’intellighenzia degli alto borghesi come Anthony Hopkins di The Elephant Man. Sono un uomo bello sia dentro che fuori ma sto spesso poco in giro. In quanto inferiormente, no, interiormente mi sento male e provo un forte disagio in mezzo a voi, matti in libertà da internare. È tutta colpa della mia sensibilità pazzesca. Sull’aggettivo pazzesca ci sarebbe da soffermarsi e riflettere con estrema oculatezza. Sviscerando ogni potenziale inespresso dei vostri limiti da trogloditi. Che volete farci? Utilizziamo tutti Instagram ma i più vi scaricano foto di loro semi-ignudi da ominidi di Neanderthal, mentre io scarico le foto delle modelle più fighe.

Ah ah. No, parafrasando lo psicanalista di Fantozzi alla riscossa…

– Allora, dopo tutto quello che le ho confessato, si può concludere?

… non sono io, sono gli altri che…

– Lei non li ascolti.

– Allora, io accetto il suo consiglio e quando esco di qui li mando tutti a quel paese.

– No, no, no. Questa è l’ultima cosa che lei deve fare. Lei non deve cercare rivalse. Lei si deve accontentare di quello che ha. E accettarsi per quello che è.

– Mi scusi, eh, ma in questo modo non riuscirò mai a guarire dal mio complesso d’inferiorità.

– Ma lei non ha nessun complesso d’inferiorità.

– Davvero?

– Lei è inferiore!

 

Ora, uno dei maggiori quesiti calcistici della storia è il seguente: il più grande calciatore del mondo è stato Pelé, Maradona o Messi?

 

Be’, io sono un primate, no, uno da primati in ogni campo. Ovviamente, la più veloce ala destra della storia, anche da pollo, è stato ed è il Genius-Pop. Sono più acculturato di centomila luminari messi assieme ma devo cambiare il lampadario della sala e a stento sono riuscito a pagare, tre giorni fa, la bolletta della luce. Mi pare che il mondo non è che vada benissimo. Come si suol dire. O no? Insomma, sono molto autoironico in puro stile Falotico. Voi invece siete sempre più seriosi, palestrati e nel cervello annacquati. Io sono del ’79 ma tre anni prima uscirono due capolavori assoluti. Uno è Taxi Driver, la storia della mia vita, l’altro è il nome della crema solare che state utilizzando sui bagnasciuga della riviera romagnola in questi giorni cocenti e ficcanti? Il Bilboa di Cadey? Ah, come siete decadenti.

Stallone ci dava di pesi, sì, anche lui era e rimane un fanatico della palestra. Voleva che in spiaggia tutte le orche, no, le oche ammirassero la sua tartaruga. Infatti, in Rocky ha una tartaruga a cui vuole benissimo, che ve lo dico a fare?

Era un uomo incarnatosi nell’ordine animalesco denominato Testudines Linnaeus. Sì, un bel testone lo Stallone.

Un caprone. Non ha mai voluto recitare Shakespeare, in compenso nel finale di Rambo dà sfoggio a un monologo che fa un baffo ad Amleto. Come no?

A parte gli scherzi e il quarto Rocky da denuncia, avendo il finale più ridicolo della storia e forse della perestrojka, con tanto infatti di Gorbaciov fake e voglia sul capone, Sly rimane un mito.

L’eroe proletario che l’ha sempre preso in culo anche dai più imbecilli. E s’incazza, spinge e colpisce.

Ma che cuore. Anche voi ce l’avete, altresì l’avete dimenticato alla maternità quando la cardiologa-pediatra vi ha misurato il battito cardiaco. Andava bene, sì, ma è durato appunto un battito, però di ciglia.

La scena finale di Rocky è sempre da brividi. Ma anche quella della vigilia. Quando Sly, in piena notte, si reca da solo davanti al ring e trema… perché comprende la sua umanità.

Su YouTube, un tale Vodani (guardate sotto i suoi video) continua a calunniarmi. Dicendo che sono matto e vado curato. Mi fate un piacere? Per piacere? Chiamategli l’ambulanza, per cortesia.

Devono misurargli, più che la sanità mentale, la pressione. Sì, questo è uno che fa pressioni al prossimo ma è un neonato.

Pensa che la vita sia fare a pugni col prossimo, anche soltanto dietro a un pc.

Mi diffama, urlando che sono solo e (s)perduto. M’immagino i suoi amici. Con molta probabilità più ritardati di lui per leccargli il culo.

A questi ci vuole un bel gancio sinistro. Altroché.

Adesso, scusate, devo andare in bagno.

A volte succede.

 

di Stefano Falotico

 

A proposito di The Italian Stallion, ovvero Sly: un tempo non mi risparmiavo e sognavo di essere Rocky Balboa…


27 May

saga rocky blu rayAdesso devo centellinare ogni spesa, anche quella del dentifricio della Coop, per risparmiare e potermi permettere, oserei dire, il lusso di comprarmi il Blu-ray di Rocky – La Saga Completa a prezzo scontatissimo di 13 Euro e 38, salvo… spese postali eventualmente gratis se mi abbono ad Amazon Prime.

Ho detto tutto. La mia vita è stata un franchise di sfighe a ripetizione, di spinoff e reboot ricalcati sulla solita trama con poche variazioni tematiche. Ovvero, ogni qualvolta credetti che si fosse accesa in me la spina, ogni volta che pensai d’aver imboccato la via della svolta, ecco che la gente noiosa e spenta, volendomi imboccare con le sue buoniste rose, adattandomi alla sua visione falsa, melensa e retorica, mi ha urlato che sono eternamente un brocco che nessuna ne imbrocca e imbroccherà, mi ha tolto pure le brocche d’acqua naturale, gridandomi che non sono e non sarò mai dotato di sufficienti, robuste spine dorsali (sì, non ce n’è solo una) per poter resistere in un mondo di bestie e dementi.

Sì, non ho mai preso ripetizioni da nessun insegnante. Però io posso dar lezioni a tutti.

Mi do, malgrado quest’inutile eppur lodevole virtù, solamente un altro paio di anni. Al cui scadere, no, non sarò miracolato come Re Artù, estraendo la spada nella e dalla roccia, bensì sarò in modo truculente infilzato dalla caudina forca di questa società medioevalistica e fetente. A partire dalla mezzanotte scoccata di quest’ultimatum datomi, altro che Cenerentola, avrò solo due scelte esistenziali e lavorative a cui abiurare come Andrew Garfield di Silence:

o andrò a elemosinare ai semafori oppure, essendo oramai fuori tempo massimo per insegnare, fuori dalla mia porta sgarrupata di casa, metterò su l’insegna con la scritta epocale e stoica come il celeberrimo underdog di Philadelphia interpretato da Sylvester:

stallone italiano sfiancato per colpa della crisi incombente, più che morto di figa, sta morendo di fame.

Per ovviare a un probabile suicidio immediato, diciamo coming soon, invisibile non soltanto sul grande schermo bensì pure alla tv locale, visto (da nessuno…) che se morirò non mi dedicheranno certamente un servizio tele-giornalistico ma mi daranno e regaleranno la patente di loser mai nato, sì, potrò salvarmi, reinventandomi come Rocco Siffredi delle periferie del sottobosco bolognese.

Uomo totalmente a pecora riceve gentili signori abbienti per luculliane carnalità abbondanti dalle 9 e mezza del mattino sino alle 20.00 di sera, da cui i film di Paul Schrader, American Gigolo, The Walker, eccetera, eccetera, previo almeno mezz’ora di pausa pranzo ove deve nutrirsi. Non di arrosto alla griglia bensì d’insalata rancida.

Sì, do merito a Sylvester, come ho più volte scritto, di aver tirato fuori dal cilindro questi due personaggi meravigliosi del Balboa e del Rambo.

Ma, a settantatré primavere, la dovrebbe finire di camminare sulla montée des Marches del Festival di Cannes, tirando in dentro lo stomaco certamente muscoloso e prominente, altresì grassottello, con tanto di toupet e quella finta topa di sua moglie, Jennifer Flavin.

Il machismo, caro Silvestro, è finito non all’ultimo giorno dell’anno scorso ma da quando il rambismo è passato di moda anche per Carlo Verdone di Troppo forte.

Aggiornati, suvvia.

Va sempre così per tutti. I giovani si ribellano alla generazione dei loro padri, alcuni si credono fichissimi, altri Tom Cruise di Fuori i vecchi… i figli ballano.

Quelli che si sono trovati meglio nella vita son stati quegli analfabeti che sono andati a lavorare a 14 anni e ora, a 35, sono dei puttanieri incalliti che se la godono da matti. E pigliano anche Kenneth Branagh per coglione.

Come scrisse il grande Allen Ginsberg:

(EN)

«I saw the best minds of my generation destroyed by madness, starving hysterical naked, dragging themselves through the negro streets at dawn looking for an angry fix, Angel-headed hipsters burning for the ancient heavenly connection to the starry dynamo in the machinery of night […].»

 

(IT)

«Ho visto le menti migliori della mia generazione distrutte dalla pazzia, affamate nude isteriche, trascinarsi per strade di negri all’alba in cerca di droga rabbiosa, hipsters dal capo d’angelo ardenti per l’antico contatto celeste con la dinamo stellata nel macchinario della notte […].»

 

Stasera, comunque trasmetteranno ancora per l’ennesima volta Momenti di gloria.

Musiche di Vangelis.

La mia vita non varrà forse una sega, no, saga. La vostra è veramente invece una mostruosità oscena.

Sì, la vostra esistenza è un Porno proibito.61110106_10213737070203861_5222764241496309760_n

di Stefano Falotico

porno proibito

 

Il ritorno di John Rambo, il ritorno del più grande revenant di tutti i tempi


26 May

Chiedo venia se talvolta mi sveno. Soprattutto mi sventro eppur mai mi svendo.

Che anni straordinari questi miei ultimi da cinematografaro letterato adoratore di Eastwood

Ma quale sfigato! Ma quale rincoglionito! Ma quale andato!

Io son bello che ritornato, sempre dannato e come il miglior vino d’annata, perfino azzimato, altolocato, sempre un po’ incurabilmente toccato, non so se guarito o forse stasera dalle gambe di una donna stupenda inguai(n)ato.

Sì, mi piacciono troppo le donne. Mi piacciono talmente tanto che, al primo due di picche, mi spacco più dei vertiginosi spacchi delle gonne più maliziosamente seducenti.

Sapete che ho scritto a una donna su Instagram felicemente fidanzata? Ah, sul felicemente avrei dei dubbi. Sarebbe, credo sarà, molto più contenta e soddisfatta se lasciasse quel baggiano con cui sta, quel baccalà senz’arte né parte e incontrasse Steve Everett di Fino a prova contraria, cioè il sottoscritto.

Ho scritto questo:

«Sei grande per me, cazzo, è brutta la grandine. Sei impegnata, non so se da lui impregnata. Se non stessi già con questo, il quale comunque credo che tanto a posto non s(t)ia, ti corteggerei a morte e tu crolleresti. Sì, so che con me coleresti…

Ti regalerò mille rose, forse anche 1000, 3 periodico, libri smaglianti come la tua pelle incantevole e intarsiata nei tuoi abiti aderenti alla perfezione stilistica delle tue cosce appassionanti come un romanzo eroticamente avventuroso e incalzante. Lascia che io sia per te incazzato.

Spero che il mio viso focoso potrò incorniciare fra le tue labbra ardimentose, incastonando la mia capacità linguistica al frontespizio della tua copertina, dopo la copertina esorbitante davanti ma soprattutto estasiante nel retro abbacinante.

Mi concederai almeno un bel ballo? No, eh? Mi darai invece una sberla. Che botta pazzesca, che sventola da capogiro».

Sì, quanti incontri magnifici che ho fatto negli ultimi anni.

Con Davide Stanzione scrissi qualche anno fa, quando ancora non era diventato inviato giornalista di Cinema e recensore raffinatissimo per Best Movie, il libro Nel neo(n) delle nostre avventure.

Un libro viscerale, sentito. Immaginifico. Scegliemmo di non usare il formato giustificato affinché il nostro impaginato fosse allineato alle linee sconnessamente editoriali dei blog.

Giustificateci.

E con Davide Viganò, che oggi si è sposato, questo qui.

Amici carissimi, chiedo venia a tutti. Sì, lo ripeto. Negli ultimi giorni, profondi trambusti esistenziali hanno scosso il mio melanconico torpore e mi sono dimostrato leggermente aggressivo nei riguardi di voi tutti.

Mi conoscete. Quando le burrasche emozionali inondano la mia anima spesso già di suo amareggiata, basta una frase storta per rammaricarmi ancora di più e buttarmi giù.

Ieri sera, leggendo la notizia secondo la quale Eastwood realizzerà The Ballad of Richard Jewell per la Warner Bros, mi sono ricordato, ah me, povero smemorato e spesso sciagurato, di questo libricino perlaceo.

Un mio omaggio sentito e dorato verso un uomo da me adorato. E venerato.

Nessuno credo che lo abbia comprato ma è una poesia amorosa onesta come la poetica del Clint, il regista da me onestamente più amato.

Ecco, sulla qualità cinematografica dei seguiti di Rambo possiamo discuterne. No, non sono granché.

Ma quante emozioni in First Blood.

Sapete, la vita va avanti. Alcuni miei amici sono tragicamente morti, non so quanto vivranno ancora i miei genitori.

Non so nemmeno quanto vivrò io stesso.

E questo è quanto.

Quanto sono melodrammatico, quanto sono bestiale.

Quanto sono romantico, aromatico, forse oggi malinconico, domani da manicomio, invero solo il leggendario Falotico.

stallone rambo 5

 

di Stefano Falotico

John Rambo, secondo voi, è uno gnostico?


05 May

rambo 5 stallone

Che cos’è lo gnosticismo?

E la dottrina gnostica?

Un’ascesi in poche parole.

Riguardate i film della saga e capirete che Rambo è uno gnostico, un ilico.

E, di fronte a tanta ignoranza, diventa una furia.

 

di Stefano Falotico

 

Manhunter in Blu-ray Limited Edition, parola di Marion Cobretti con tanto di Ray-Ban


22 Apr

manhunter bluray

Sì, me lo sono già pre-ordinato.

Vi racconto questa.

Da tempo immemorabile, sono tormentato da uno psicopatico.

Questa è stata una delle mie risposte all’ennesimo suo affronto da pavido cornuto:

– Non è che mi fai la fine di Tom Noonan di Manhunter?

 

Lui, incazzatissimo, ha replicato così:

– Ora, ti ammazzo!

 

E io:

– Ecco, vedo che sei già Dente di fata. Mi spiace.

A questo punto, guarda, non so come aiutarti. Chiedi ad Hannibal Lecter.
Lui:

– Io ti mangio vivo!

– Sì, io e Clarice Sterling adesso però andiamo a mangiare una bistecca al sangue al ristorante. E poi anche altrove.

 

Dopo questa risposta, costui è ora in un centro psichiatrico giudiziario ove mangia pane integrale e insalata perché ha dato troppo di stomaco.

Il suo compagno di stanza è Michael Rooker di Henry.

Ho detto tutto.

Cobra è veramente una stronzata se paragonato a questi capolavori da me appena succitati.

Ma più passa il tempo e più sono uguale a Stallone.

Sì, per anni il fuori di testa sopra menzionatovi ha pensato che io fossi pazzo.

Finalmente, con molto ritardo, ha realizzato che il matto è lui. Il fatto è che continua ad avere dei dubbi. Insomma, è pure scemo. Secondo voi, come la prenderà? Sì, la prenderà molto male, però da me lo prende sempre benissimo.

Ah ah.

Ecco cosa succede se un demente vuole rivaleggiare con uno che la classe di Anthony Hopkins.

 

di Stefano Falotico

cobra stallone hopkins hannibal

I geni innati e diventati, i criminali veri e quelli diventati nel Cinema e nella vita, i combattivi dannati


26 Mar

chris-pine-hell-or-high-water-exclusive-photos-05

Sì, da tempo immemorabile, son affascinato da questa questione.

Geni si nasce o si diventa?

E, come sostenuto nella tesi del professore-criminologo dell’episodio 1 di Mindhunter, tesi a sua volta avvalorata da studi accademici a riguardo, criminali si nasce o, meglio, l’indole criminosa è insita nel codice genetico oppure si è diventati criminali poiché costretti dalle circostanze?

Ebbene, forse mi pongo problemi inutili. Ma adoro l’inutilità della banalità. Perché, nell’apparenza del banale, son intrinsecamente celate molte verità a volte non accettate, inascoltate o, peggio, date per assodate.

Come nei proverbi. I proverbi son detti popolari spesso molto generalisti, appunto scontati. Ma se si sono generati e a loro volta tramandati di generazione in generazione, ecco, una ragione, anch’essa banale, la possiedono. Deve esserci.

Ad esempio, chi va con lo zoppo impara a zoppicare.

Uno dei detti più repellenti di sempre. Altamente discriminatorio di un handicap fisico sul quale non bisognerebbe scherzare. Che poi… anche la parola handicap mi pare alquanto obbrobriosa. Stigmatizzante.

Limitante. Poiché, con un epiteto così sinceramente imbarazzante, si classifica la validità di una persona sulla base di una carenza fisica, d’una sua difettosità. E di quella persona si giudica soltanto l’esteriorità, trascurando totalmente la sua anima e il suo valore umano, soprattutto.

Sarebbe come dire che se hai per amico un muto, diventi anche tu muto.

Sì, ora potrete obiettare in merito a questa mia netta, liberale presa di posizione. Perché io stesso, l’altro giorno, ho scritto che, a furia di frequentare gente ritardata, il ritardato diventi tu.

No, questo lo riaffermo orgogliosamente. Anzi, lo rimarco e sottolineo con tanto di evidenziatore. Col termine ritardata non definisco la gente con evidenti limiti percettivi della realtà, con scarsa capacità cognitiva e sottosviluppata coscienza, bensì il contrario.

Quel genere di persone molto superbe, dunque stupide, che impongono di conseguenza la loro visione stupida del mondo al prossimo. E, in maniera ricattatoria, altamente persecutoria e oppressiva, comprimono l’altro affinché si attenga ai loro bacati, superficiali, solipsistici schemi mentali e, di conseguenza, sociali.

Ora, ho tradotto in inglese il mio libro su John Carpenter. E presto lo vedrete sui maggiori stores internazionali.

Ho fatto, come sempre, tutto da me. Perché, se dovessi aspettare la mano di qualcuno il cui massimo pensiero è come rimorchiare una tizia, peraltro zotica e sciocca, che dunque non ha tempo da perdere con le mie creazioni “deliranti”, come si suol dire, starei fresco.

Anzi, al fresco. Perché talmente enorme sarebbe l’indifferenza, tanto terrificante e vergognoso sarebbe l’egoismo che sarei costretto a dargli un pugno in faccia per colpa del suo screanzato affronto e della sua perfida, invidiosa o menefreghista pusillanimità bastarda.

E mi trasformerei in un piccolo criminale. Sì, da strapazzo, invero molto ridicolo. Ma riceverei un’ammenda, mi beccherei una denuncia e semmai potrebbe capitarmi pure di peggio.

Soltanto per aver avuto il coraggio di affrontare a muso duro, è il caso di dirlo, la cafona codardia di una persona che reputavo amica, perciò una persona della quale mi ero fidato ciecamente e ritenevo che potesse aiutarmi nel momento del bisogno, la quale invece si è dimostrata inutile, in una parola stronza.

Preoccupata solo della sua panza e del suo c… o.

Eppure, a causa del mio gesto istintivamente rabbioso, partorito dall’esagerata cafonaggine scostumata, patirei pene dell’inferno.

Sì, mi fermerebbero, divorandomi l’anima per appurare se il mio gesto è stato indotto soltanto dalla rabbia oppure è stato il prodotto di un disturbo mentale. Sarei diventato un indagato.

E, per scagionarmi, intanto passerebbe tantissimo tempo. E, anche se fossi assolto, discolpato da ogni pregiudiziale accusa infamatoria, avrei perduto tempo prezioso dietro spiegazioni assolutamente superflue. E sarei stato distratto dai miei più vivi entusiasmi solamente per aver dovuto dar conto a una burocrazia macchinosa e ovviamente logorante.

Non solo… sarei stato schedato e, ripeto, anche se liberato da ogni sospetto, se un domani dovessi commettere un’altra cazzata, se dovessi avere anche una sola alzata di testa, chi di dovere andrebbe a recuperare il fascicolo archiviato del mio “caso” e sarebbe la totale fine.

Ogni altra discolpa e giustificazione non servirebbe a nulla se non a compromettere in modo gravoso e irreversibile la mia già precaria situazione esistenziale. Sì, la mia vita diverrebbe, agli occhi degli altri, pestilenziale, sarei stato marchiato a vita. Etichettato definitivamente come indifendibile criminale.

Ecco, invece geni si nasce?

Invero, di geni innati, diciamo, ne sono esistiti e ne esistono pochissimi.

Fra i geni innati possiamo annoverare senza dubbio il grande Wolfgang Amadeus Mozart.

Come altrimenti lo chiamereste uno che a otto anni sapeva suonare meglio dei maestri da cui prendeva ripetizioni?

Einstein è stato un genio della Scienza ma dovrei compiere ricerche molto approfondite sui suoi trascorsi giovanili per meglio capire se la scienza è diventata una sua passione irrinunciabile per sopperire alla sua bruttezza fisica, eh già, era parecchio bruttino, oppure la sua mente trigonometrica era innatamente orientata verso una planimetria di sua massa per accelerazione di gravità. Ah ah.

Quello che posso dire, da profano, è che ad esempio Woody Allen è un genio cinematografico… diventato tale per non esserlo affatto stato da giovane o, paradossalmente, per esserlo stato troppo.

E dunque, rifiutato per la sua scarsa avvenenza, ha dovuto sviluppare doti ironiche, melodrammatiche e perfino tragiche di pura genialità inconfutabile.

Leggendo alcune sue interviste e molte biografie, questo emerge in maniera chiarissima. Era lo zimbello dei suoi coetanei.

Al che, un giorno dev’essersi guardato allo specchio e deve aver pensato… Be’, non sono un pugile, se sollevo venti chili mi piglia un infarto. E certamente una pinup non verrà mai a letto con me.

Mi annoierei poi a morte a fare l’impiegato comunale. E della scienza non me ne frega nulla. Nemmeno della psichiatria. Dagli psichiatri ci vado per raccogliere informazioni che potrebbero tornarmi utili per le mie creazioni. Tanto, se m’illudo che questo trombone possa salvarmi, ah, sarei davvero matto.

Però lo sfrutto. Sì, sì, sì. Mi faccio una bella cultura, pigliando a ridere i miei disagi e tramutandoli in materia artistica. Cazzo, ottima idea. Sì, tanto è evidente che non sarò mai Brad Pitt. Manco se mi sforzassi e andassi da un visagista, pagandolo con i soldi degli incassi di Io e Annie. Sì, questo film spaccò.

Fece impazzire molta gente, ah ah.

Ecco, detto ciò, non è che mi fate la faccia di Jeff Bridges nel finale-doccia fredda di Hell or High Water?

Eh già. Mi sa che solo quella potete fare.

 

Insomma, morale della faloticata più che della favola.

Vedete, Rocky IV è un film decisamente bambinesco e cretino.

Ma guardiamo questa scena. Cosa succede al minuto 1 e 18?

Il gigante russo che pareva indistruttibile, oh, si becca una bella batosta.

E a questo punto tutti comprendono, primo fra tutti lui, che non sarà tanto facile massacrare il signor Balboa.

Eh no, per niente.

Di mio, sto con la gamba accavallata, in mezzo alle cavallette.

Ah, quante cavalline.

 

 

di Stefano Falotico

Compagni di scuola, gli altri hanno un bel ricordo di te?


25 Mar

roc206

Sì, ieri su Facebook, ho scritto che molti ex compagni di scuola, da quando c’è Facebook, mi hanno contattato a distanza di molto tempo da quegli anni acerbi e inquieti, forse rivisti col senno di poi, eh sì, inquietanti, e son rimasti stupiti dal fatto che io non sia più quello di una volta.

A volte, rimangono scioccati perché ti ricordavano ragazzino, semmai complessato, timido, pieno di paure. E hanno stampato nella lor memoria ancor l’idea di quel che tu eri, appunto ieri, ai loro occhi.

Un colossale imbranato, uno sfigato. Un impresentabile, sciocco squinternato, ingenuo e poco cresciuto.

Ma ora il velo di quelle apparenze passeggere, forse anche veritiere perché probabilmente rispecchiavi davvero quel che sembravi e proprio così eri come venivi visto, si è svelato.

David Lynch diceva che le persone non cambiano, bensì si rivelano.

E se oggi sei uno scrittore molto bello, molto cercato, dalla prosa ricercata e hai un gran fisico, forse tanto sfigato non lo sei mai stato.

Era solo questione di tempo. E il buio si sarebbe asciugato, le tempeste emotive sarebbero state superate e semmai pure il Genius si sarebbe mostrato come Dracula.

Immensamente magnificente. Oramai inarrestabilmente, furiosamente. Intrepidamente potente.

Altre volte, questi “perfetti sconosciuti” restano impressionati da metamorfosi tue che non riescono a spiegarsi. E, paralizzati paradossalmente dal cambiamento in meglio, increduli, tremano di commozione, si agitano nervosamente oppure buffamente, tra sé e sé, sorridono, pensando che il tempo è passato per tutti e forse riflettono sul concetto stesso di tempo. Pensando infine che tu sei cambiato e invece loro son rimasti agganciati ancora ai loro stupidi, puerili scherzetti e alla loro visione limitata e carnascialesca dell’esistenza.

Esiste il tempo anagrafico, cioè l’età registrata all’anagrafe per cui, inevitabilmente, a meno che in Occidente non scelgano di cronometrare il tempo fisico con un nuovo, rivoluzionario calendario, eh sì, può apparirvi incredibili, quaranta saranno presto.

Compirò i miei primi quarant’anni. Ma io non li sento. Ieri ero giù e ne sentivo ottanta. Oggi mi sento allegrissimo e me ne sento quindici.

Il mio tempo è infinito, lo riavvolgo, lo sciolgo nelle mie tempie, appunto. Lo mastico, poi lo cancello, elido i brutti ricordi. Ma essi non si assopiscono e, dalle profondità sepolte dei miei creduti, sopiti microtraumi subiti, riemerge la splendida superficie, dapprima semmai immalinconendoti, obbligandoti a commiserarti, poi schiarendoti le idee, aprendo a nuove luci del giorno fragranti. Straordinariamente romantiche.

Che, come uno scroscio marino, cavalcando le lancette del tuo orologio, si trasforma e modella a incastonatura delle tue iridi lucenti.

Un tempo annerito, dimenticato, adamantino, seppellito vivo eppur che ancor vivace vive.

E allora ecco perché succedono madornali equivoci. Avevi brutalmente, vergognosamente litigato col tuo ex miglior amico. E fu una brutta rottura, una lacera frattura, forse soltanto una triste fregatura.

E lui ti ricordava appunto intimidito dalla realtà, spaurito, chiuso e ripiegato nelle tue afflizioni depressive insanabili. E ancor scortesemente, in maniera canzonatoria, con infima malignità ti approcciò con far stronzo.

Poi, repentinamente, meglio ti adocchiò. Nuovamente adesso t’inquadra e i suoi ricordi non quadrano. Ti ricordava “tondo”, sì, tontissimo, e scopre che oggi sei invece velocissimo, un futurista ed è proprio vero che le donne ti corteggiano e sei pieno di spasimanti.

Come si suol dire, è rimasto impressionato. Dategli un calmante.

Spiacevoli o forse piacevoli sorprese.

Amici, e se non mi siete amici non m’importa, io ho sempre ben gestito (eh, come no) la mia solitudine pazzesca, un mio amico delle scuole medie mi ricordava come un grande.

Purtroppo, e sottolineo, purtroppo, sono ancora questo qui. Sì, di questa clip.

Un gigante fra i nani, un “nano” fra giganti solo di statura e invece piccolissimi nell’anima.

Una roccia fra bambini di cinquant’anni, lagnosi, maniaci, ingordi della tua pelle. Maliziosi, noiosi insopportabili.

No, non me ne frega niente di essere chirurgo, avvocato, giornalista da Pulitzer.

Io son sempre stato un underground.

Forte, spaccatutto.

E non permetterò mai più a nessun idiota di dirmi come si sta al mondo.

Perché io voglio vivere così.

Sennò, saranno altri colpi mancini.

Tutto ciò è patetico? Pensate quello che volete.

Come canta il grande Bruce Springsteen, Born To Run.

Eh già. Allora che cosa successe?

Successe che, oh, può succedere, che uno già molto avanti si fosse affezionato a dei ragazzini.
Molto indietro. E, a forza di farsi prendere per il culo dai ragazzini, stava perdendo di vista chi era.

Orribile a dirsi. Se frequenti i ritardati, diventi tu il ritardato.

Se frequenti gente sveglia, tutto ritorna e cambia.

Sì, un bel gancio sinistro.

 

di Stefano Falotico

Genius-Pop

Just another WordPress site (il mio sito cinematograficamente geniale)