Posts Tagged ‘Tim Burton’

Diavolo in corpo: per lo svecchiamento dell’Italia e dell’umanità limitrofa, propugno un insabbiamento dell’intellighenzia nostrana con tanto di Partigiano reggiano


12 Jan

hammamet amelio

HAMMAMET docet: i criminali come Bettino Craxi riescono a elaborare il lutto o dobbiamo anche compatirli?

Ah, un bel pagliaccio, Bettino.

Un crimine aberrante di natura politica lui commise. Ma si dimise?

Ma ci sono anche i crimini di natura sessuale e/o finto pedagogica e moralistica.
Potrei raccontarvene tante in merito. Genitori della cosiddetta borghesia bene capaci di ricattare i figli per via del loro carattere schivo e/o ribelle poiché li vollero medici, avvocati e giornalisti.
E repressero ogni loro sano capriccio pur di conformarli a un pensiero biecamente castrante le loro indoli vivamente di vita zampillanti. Anzi, vollero proprio che i loro pargoli volassero alti, così tanto alti da tarpare il volo libero dei loro usignoli brillanti, avidamente desiderosi di squittire godenti la giovanissima smania di sentirsi adolescenti furenti e fiorenti.

Sì, li avviarono a studi classici per pavoneggiarsi con gli amici dello stesso ambientino già putrefatto. Dei maiali da fiorentine.

A tutti gli altri diedero la patente di matti, violentandoli nell’animo e fortemente emarginandoli.

E, se si fossero per l’appunto ribellati ai loro codici severi e follemente intransigenti, avrebbero chiamato un centro di salute mentale per sedarli, a vita deridendoli e stigmatizzandoli.

Persone che s’accorsero dell’errore, anzi dell’orrore, della mostruosità da loro partorita solamente a danno già fatto. Capaci persino di chiedere scusa, giustificandosi pateticamente nel definire il loro imperdonabile affronto come innocuo sarcasmo.

Persone, in poche parole, criminali.

Quelle che, con la panza più piena di Bettino, ripetono, ricattarono i ventenni pur di piegarli alla loro visione bolsa, vecchia e già marcia dell’esistenza. Bloccandone addirittura la resistenza. Che gente lercia.

Che gente di merda.

Gridando loro solamente… crescete, idioti!.

Di questa gente non sappiamo più che farcene, dobbiamo sbarazzarcene, denunciarla alla prossima mossa falsa con ferrea spietatezza, non dobbiamo, per nessuna ragione, impietosirci ed essere tostissimi, duri, agguerriti.

Una generazione di gente che forse il suo immane dolore, la sua inguaribile, atroce sconsolatezza se la cercò.

Ed è la lezione di vita più cattiva che potessero ricevere dal dio della loro stessa oscena, terrificante (in)giustizia scabrosa.

Ma veramente in Italia ancora continuiamo a girare film come Hammamet e su Craxi? Meglio farlo nel taxi

Fu Don Tonino, cioè Andrea Roncato, no, Antonio Di Pietro a inchiappettare Bettino. Ora, non so se Tonino, durante i tempi universitari, quando studiò giurisprudenza, fece anche all’amore con una amante d’un Divo come il gobbo Andreotti, ma Paolo Sorrentino, no, Tonino, malgrado le sue incertezze linguistiche, il suo eloquio incerto, la sua parlantina poco sciolta e la sua oratoria non certamente da Cicerone, riuscì lo stesso a sbattere Bettino in quel posticino. Dopo che, Bettino, rubando soldoni assieme a tutti gli altri marpioni del Parlamento dei miei coglioni, dei miei stivali e di tale Italia di tromboni da stivaloni, con Spadolini fece sesso con Moana Pozzi, consegnando poi al cavaliere mascarato, ovvero il commendatore Berlusconi, lo scettro di questo Belpaese di Loro tanto lordo/i.

Bettino fu scoperto con le mani nella scrotale sacca, no, nel sacco. E se la fece nei pantaloni. Improvvisamente, fu rimpicciolito e confessò, non pentito però da picciotto d’onore ma ammanicato pure a quelli coi dollaroni, ogni maltolto e ogni mano pulita, finendo esiliato come Napoleone.

Tonino, uomo come Joe Pesci di Mio cugino Vincenzo. Uomo che forse ancora, in mezzo ai saputelli giornalisti, non c’azzecca.  Ma non fu una vuota zucca e alla fine tutti i soldi tornarono alla Zecca.

Fu lui il paladino di Tangentopoli e ogni Zio Paperone di tale Italia da Paperopoli che, seviziando i paperini, cioè i comuni cittadini, intascò money per poter ricattare anche la ricotta delle veline di Paperissima.

Siamo veramente stufi delle avventure erotiche di Mario Balotelli che ebbe un flirt pure con Barbara Ovieni, una che indubbiamente subito ti fa venire ma, appena apre bocca, non solo per leccare qualche altro “pezzo grosso”, il latte alle ginocchia fa scendere più di una rottura del menisco e dei legamenti crociati.

Evviva Riccardo Cuor di Leone e le sue Crociate!

Barbara, le sbarbine, donne da Disco e anche da ernia per uomini esplosivi come il vulcano che fu, l’Etna, che vedrei bene a Ibiza, la patria delle ragazzine italiche che, maturande delle superiori, vollero e ancora vogliono, eccome, sperimentare di essere precocemente sverginate e prosciugate nelle mutande.

Io, comunque, sono un topo, sì, uno strano tipo. Ragiono secondo i miei topos. Sono forse l’unico italiano che non ama i balli latino-americani, odia i latinismi e gli inglesismi ma riesce a essere, allo stesso tempio, no, tempo… Enrique Iglesias e Mickey Rourke di Hero.

Poi, al culmine del romanticismo più rustico da film di Sergio Leone o da C’era una volta in Messico, guarda nelle palle… degli occhi la topa Jennifer Love Hewitt. Lei s’è sciolta e io le dico, cucendomi una toppa ma non la bocca:

– Sì, ora vai a cagare la diarrea, zoccola.

 

Lei, imbestialita, non certamente fine come Paolo Stoppa, mi urla:

– Sei una merda! Ora, stop!

 

E io:

– Sì, infatti, una merda come te esce dal culo. Levati pure dal cazzo. Sennò, ti faccio la multa come Harvey Keitel de Il cattivo tenente.

 

Sì, l’Italia è un posto di mignotte. Ma non mi riferisco soltanto alle baby girl dei viali o che, su Instagram, si camuffano dietro una foto di Madonna (e ho detto tutto…), parlo soprattutto di tutti.

Per anni, non sapendo che fare il sabato sera, m’accodai a una combriccola di marmocchi, sì, dei paperini, delle giovani marmotte.

Mi trascinarono sempre all’Estragon, locale bolognese ove tutt’ora impazza, nonostante si sia rinnovato e abbia cambiato location, un gran troiaio, ah, che letamaio.

Vidi liceali senza cervello andare giù di testa per figlie di docenti universitari che vollero essere attrici piacevoli ma confusero Il piacere di Gabriele d’Annunzio per gli addominali di Lenny Kravitz. Ah ah.

Sì, mi chiamarono cocchino poiché ai loro bocchini preferii sempre non farmi imboccare dalle milf insegnanti di Lettere. Sono donne che sanno usare la Lingua… sì, bocciano quelli sboccati ma amano quelli che… si vede che sbocceranno a farlo con loro quando il marito, dopo aver perso il lavoretto, piglia, a un serale, delle orali ripetizioni un tanto all’etto o al suo inetto. Ah, uomo talmente retto da essere stato alla consorte quasi mai ritto.

Infatti, filosofeggiai, tirandomela da Bob De Niro di Cape Fear.

Guardate, una massa di ebeti da far impallidire Peter Sellers di Oltre il giardino.

Ora, sono sfioriti e mi piace inaridire ancora di più le loro rose, no, pose. Come Sellers di Hollywood Party. E ne vogliamo parlare di Bernardo Bertolucci? Un solo capolavoro all’attivo, Ultimo tango a Parigi. Poi, solo pellicole da conformista, lagne borghesi e dreamers come Eva Green. Una che, a forza di mostrare il seno a Tim Burton, lo costrinse a decapitarselo. Poiché Tim è sposato e, al massimo, gigioneggia nelle sue notti dark da Hessian Horseman/Chris Walken. Sì, ma a differenza di uomini cavallo come Manuel Ferrara, cazzo, gira film che le fanno girare come Dumbo, la storia della sua elefantiasi da uomo a cui, oltre a crescere il naso come Pinocchio, si allungarono le orecchie un po’ da ricchione. Ah, che figone tanto riccone. Sì, comunque Tim deve avere una bella oca. Eh sì, stette anche con Martian Girl, Lisa Marie, una di ottime tette, anche se rifatte, sì, una superba ochetta.

Insomma, siamo stanchi di Alex Britti, delle malinconie da Il volo, anche di Gianni Amelio, di Favino, di Sanremo e di chi, rintronato, ti dice che sei uno scemino. Tu sei arrivato? No, in questo Paese non si viene a un cazzo. C’è una moscezza che, quasi quasi, è meglio Er Monnezza.

Insomma, abbiamo problemi più seri che pensare alle favole, alle fave, alle elegie al contrario, alla magnificazione della tristezza. Siamo già a pecora così. Dobbiamo sorbirci pure i film su Craxi che, di questi tempi, possono interessare solamente a chi ancora crede nella Politica, povere polis, poveri polli.

Credo di non aver molta vita davanti a me. Dunque, per quanto mi resterà da vivere, voglio fottermene senz’alcuna regola, senza più reprimende, senza più prescrizioni, dettami, dogmi, indottrinamenti e minchiate varie. Tanto, voi falliste.

Meglio il Falotico, miei uomini fallici! Fallitissimi. Boriosi chiacchieroni e minchioni.

I miei libri sono un pugno devastante scagliato agli imbecilli che vollero che andassi a pulire i cessi… che sono loro. Nessun perdono per idioti di questo genere.

Tutti di nuovo in tribunale! Ah ah.

Vai di arringa. Poi, dopo aver sbattuto gli impostori dietro le sbarre, andremo in pasticceria a gustare le meringhe per la nostra crema contro questi qua, da cremare.

Ci urleranno che dobbiamo crepare ma offriremo loro un altro cornetto, alzando loro il dito medio, gustandoci pure tutta la marmellata…

Se vorranno internarci, chiamate uno psichiatra, cioè io.

 

di Stefano Falotico

Doctor Sleep sono io, un tempo fui anche un grande calciatore ma lessi Stephen King e divenni Ewan McGregor di Big Fish


14 Jun

doctorsleep poster

Indubbiamente, nel mio passato vi è un carnet di trofei mica male. Non ho molte donne da esporre però di campionario, diciamo. Nel sessuale campionato, ho giocato sempre in panchina.

Sì, da ammiratore sconfinato che sta seduto in mutande e applaude gli altri che ficcano le palle sotto le traverse di donne che sanno come marcare a zona i mediani dei sensuali giochi balistici. Li spompano. Queste qui stanno inizialmente in difesa, adottando la strategia delle terzine. Invero, in cuor loro, vogliono la tua doppietta, anche la tripletta ma, appena si sentono attaccate perché, semmai, le brami con troppa foga, dribblano ogni tua avance e frenano ogni tua tattica seduttiva troppo spinta.

Io sono uno che non ama troppo fare il centravanti di sfondamento con queste. Mollo subito. E chiedo il cambio.

Sì, io sono sempre stato un tifoso delle fighe altrui. Campione del mondo, dunque, della mia sfiga.

Ho sempre inneggiato al mio fuorigioco in quel campo… lì.

Mi son salvato però in corner. Anni fa incontrai una che mi fece del pressing. Sì, da parte sua ricevetti un corteggiamento sfiancante più degli allenamenti di Zeman.

Voleva che le corressi sempre dietro anche se, di mio, avrei preferito guardare una partita alla tv. Lei di me era patita, partitissima.

Adorava i miei quadricipiti. Che aveva adocchiato in un video ove, incazzato nero, mi strappai la maglietta, mi denudai e fui da me stesso ammonito poiché mi colpevolizzai di aver rovinato una divisa costosa quasi quanto il cachet di Cristiano Ronaldo.

Lei non mi espulse. Anzi, ebbe fiducia in me e volle fortissimamente che cacciassi il mio fendente in mezzo alle sua calze per gonfiarla/o.

Così, in zona Cesarini, all’ultimo minuto scop(pi)ai. Non fui velocissimo come Marco Di Vaio ma come Francesco Totti a fine carriera. Sì, ebbi l’orgasmo dopo novanta minuti più recupero dei miei polmoni asfissiati. Lei desiderò i supplementari ma le dissi che dovevo per un po’ interrompere per riprendere fiato nello spogliatoio, cioè in bagno. Quindi, mi recai in cucina e bevvi un tè caldo. Non che con lei fossi rimasto parzialmente vestito ma necessitai di curarmi, intimamente, dal suo fallo di aver scorrettamente sgambettato senza fair play. Sì, mi tirò… dei calci durante la prestazione e dovetti chiamare un medico con la barella. Leggasi ambulanza.

A parte gli scherzi, fu una finalissima semi-fallimentare, appunto. Lei stravinse e io arrivai secondo. Sì, come detto, la mia eiaculazione fu tardiva e lei mi batté 4-1. La verità comunque è che mi sverginai a Porretta Terme. Ove le mogli degli allenatori, quando questi ultimi di domenica danno le direttive ai loro giocatori, praticano massaggi idratanti con la crema detergente di amanti per un riscaldamento extratime, molto anti-coniugale e poco sportivo.

Sì, io sono rimasto sostanzialmente un puro, il bambino di Shining. La maggior parte di quelli della mia età hanno trovato una moglie affettuosa come Shelley Duvall. Con la quale, per non avere rotture di attributi, si sono ritirati in qualche Overlook Hotel. Lavorando da casa, in solitaria. Sono quasi tutti impazziti. E ora li vedo di notte al bar a parlare da soli…

Sì, può darsi che mi sposerò una come Jessica Lange di Big Fish. Lei adorerà e adotterà la mia follia e io continuerò a inventare storie incredibili senza perdere la testa come Jack Nicholson.

Avevo visto giusto di luccicanza… del matrimonio… fottetevene. Siate, diciamo, fantasiosi.doctorsleepfalo doctorsleep

 

di Stefano Falotico

 

big fish

A Settembre compirò 40 anni ma sono Tim Roth di Un’altra giovinezza, Brad Pitt di Benjamin Button, forse quello di Ad Astra oppure il principe dei francescani


05 Jun

61975191_10213795712789889_129681301937586176_n 62046967_10213795712389879_2804465850168377344_n brad pitt benjamin button

Sì, il tempo passa, miei passerotti e miei uomini grassi e ripieni più dei panzerotti. Per voi, per me no. Col tempo anzi, la mia brillantezza, levigata sempre più in simpatica asciuttezza, s’è eternata in un viso che, senz’ombra di dubbio e senza più ubbie da medioevalistici oscurantisti qual siete così come i praticanti della magia nera a Gubbio, mi rende simile al Joker, un intrattenitore che mette follemente di buon umore un’umanità sul lastrico e manicomiale.

Io do pepe ai vostri spenti ardori in quanto uomo di buon cuore che, al solo battito del sopracciglio destro, sa far sì che sui vostri volti sinistri, devastati da invidie e gelosie fratricide, si stampi un sorriso leggiadro ammantato di calore. Io santo non sono ma sano ogni vostro malestro, miei falsi maestri invero assai maldestri.

Ecco, cuccatevi questa foto, scattata da poco. Quanti anni mi dareste?

Che cosa? Cinquanta?

Mio cugino, su Facebook, roso dall’invidia, non si è smentito. Lui non mi fa un complimento nemmeno se dovessi avere i soldi per regalargli un residence. Invece, anche se dovessi sbancare alla SNAI, scommettendo che il Bologna Football Club, il prossimo anno, vincerà lo Scudetto, ipotesi tanto irreale quanto quella secondo cui Silvio Orlando, in un immediato futuro, diverrà più sexy dell’eternamente fascinoso Brad Pitt, non gli donerò proprio un beneamato cazzo.

Oggi, ero in macchina e ho acceso la radio. Al che su R101 quell’ex gran figa di Lucilla Agosti, ora indubbiamente inaciditasi nella maturità poco attraente da classe ‘78 un po’ troppo impigratasi, anche fisicamente, nella pasciuta maternità scarsamente eccitante da donna andata, ha intervistato degli ascoltatori, chiedendo loro se si sentano vecchi e spacciati.

Alcuni sono stati onesti con sé stessi. E hanno confessato la verità. Come se stessero cantando di riso amaro, pianto (a di)rotto e nodo in gola l’intramontabile Non ho l’età di Gigliola Cinquetti.

Ammettendo che, sì, in effetti, un tempo erano come Mickey Rourke di 9 settimane e ½ ma, nonostante la loro ancor furiosa grinta da lottatori della vita come Randy “The Ram” Robinson di The Wrestler, oggettivamente, e di ciò ne sono ammirevolmente coscienti, non vengono più cagati dalle loro ex ammiratrici alla Kim Basinger.

Sì, un tempo stavano con bionde tutte d’oro come Kim e come Alec Baldwin. Adesso, non sapendo come buttarla a ridere, cicciottelli, passano le loro giornate a scimmiottare i politici porcelli che loro detestano, trattandoli da cicciobelli. Un tempo erano magri come Spillo Altobelli, ora vanno in giro con le bretelle.

Sì, Baldwin al Saturday Night Live prende per il culo Donald Trump. Loro invece, distrutti da condizioni socio-economiche tristemente infognatesi nella merda, non sanno fare altro che sparare a zero su Di Maio, Salvini, Berlusconi, su Giorgia Meloni, urlando a costoro che sono tutti dei troioni. Che poveretti.

Quindi, ora che sta arrivando l’estate, eh sì, già me li vedo a mangiare prosciutto e melone in piatti che piangono l’effervescenza di notti ubriache non più di vino. Scusate, volevo dire divine. Notti in cui dormono come dei bambini. I bambini dormono sogni tranquilli perché per loro il futuro non esiste. I rincoglioniti fanno la stessa cosa. Per loro, infatti, non v’è domani. Hanno una vita sempre identica e immutabile.

Quindi, si recano dal chirurgo plastico per rifarsi il look. Sì, fino a qualche anno fa, la chirurgia estetica era una prerogativa femminile. Una peculiarità, diciamo, il cui primato di operazioni alle labbra era detenuto dalla celeberrima donna scosciata per antonomasia, l’Alba Parietti nazionale.

Oggi invece pure i maschi che una volta si rifacevano gli occhi su Alba quando lei accavallava da infarto a Galagoal, eh già, hanno preso gusto a scarnificare le loro pelli come fossero nella pellicola Il macellaio.

Vanno sempre in palestra ma gli effetti della rimodellante cura anatomica stentano a vedersi. Cosicché si recano appunto dal butcher, ordinando pezzi di salsiccia più grassi delle caviglie di Valeria Marini. Altra donna che fu un loro idolo. Bambola!

Che uomini putrefatti.

Io adoro Mickey Rourke. A mio avviso è stato forse il più grande attore degli anni ottanta. E tuttora, quando lo vedo così bravo e figo in Rusty il selvaggio e L’anno del dragone, mi vengono dei dubbi riguardo la mia eterosessualità. Dubbi che sciolgo però subito, riguardando Francesco di Liliana Cavani.
Sì, il protagonista di questo biopic sul santo di Assisi, invero, non fu Rourke. Il suo nome stava in cartellone e nella locandina del dvd come specchietto delle allodole. Il protagonista fui io.

Sì, erano tempi per me asessuati in cui solo tizie lontane anni luce da Helena Bonham Carter volevano parlare…., ci siamo capiti. Ero un passero solitario ed Helena compiaceva onanisticamente il mio Massimo Troisi di Ricomincio da tre.

Helena è una finta santa ma soprattutto una vera gnocca.

Kenneth Branagh, ad esempio, quando stava con lei, non azzeccò un film anche se il suo Frankenstein è quasi un capolavoro. Tim Burton, invece, da quando l’ha sposata, ha perso ogni gusto della fantasia più vivamente poetica e i suoi film recenti son stati delle porcate.

Diciamocela!

Big Fish, comunque, è stupendo.

Eh sì, sono sempre stato uno che ha preferito vivere di fantasie piuttosto che battermi il petto villoso per donne come Jessica Lange.

E dire che ho scritto La leggenda di King Kong.

 

 

di Stefano Faloticoroth altra giovinezza vastano banfi bar dello sport francesco rourke

Buona befana a tutti: Amber Heard si dimostra senza heart verso la sua fabbrica di cioccolato


06 Jan

cXc0cIXfICWlCITY OF LIES49472313_10212814849748926_6589406939409547264_n
49336108_10212811789192414_777308803342270464_n

 

Sì, è un mondo di diatribe. L’altro giorno, uno sventurato passeggero del suo viaggio esistenziale assai turbolento e disastroso, per allentare la noia dei suoi reumatismi da frustrato, mi ha gratuitamente attaccato. E di questi suoi impavidi quanto vigliacchissimi improperi ignominiosi, anzi suoi da nano, ho tutto riportato qui.

Ma non bisogna farsi sangue amaro e perderci il fegato. Sì, la gente mi gridava che non avevo le palle e il fegato per sbudellarmi nel porcile di massa. Perché voleva che crescessi, “sano e virgulto”, volgarmente repulsivo come tal gregge di pecorine… E me n’inculassi. Fregandomene.

Eppur io so come metter le palle in buca da grande Lebowski, del bowling son campione pregiatissimo, ottengo ogni rossa Julianne Moore soltanto col potere carismatico della mia pigrizia affascinante, lei mi tira su e lo manda giù. E, bevendoci assieme, ce ne fottiamo… dei Jesus strafottenti, da manicomio.

Il fegato mio si trova sempre allo stesso posto. Situato, come si confà a ogni essere umanissimo, fra lo stomaco e il colon, di traverso. Direi che ci sono uomini poco umani nei confronti di Farrell Colin, invidiosi della sua bellezza e a loro va storto il boccone. Non riescono a digerirlo e s’incazzano da impotenti marci. Colin si fa tutti i bocconcini mentre loro boccheggiano e leggono di filosofia zen per farsi imboccare da un idiota buddista, abboccando a ogni new age solipsista.

Può succedere se non si possiede una faccia come la mia. Bellamente esposta con tanto di fronte aggrottata su sorrisetto da Johnny Depp purissimo.

Sì, vai a far delle bene alle persone, vieni solo che angariato, vilipeso, mortificato, demoralizzato, svilito. E, disgustati, poiché a differenza di loro hai più gusto da uomo giusto, dapprima desiderano evitarti, quindi facinorosi vogliono… evirarti.

Ah, lo sa Johnny che ora fa pena ad Amber Heard dopo che costei, tale belloccia Barbie, volle pene a volontà.

Johnny elargì lei il potere della sua calda, coccolante eccentricità ma Amber, dopo essersi lasciata dolcemente ficcare, or reputa Johnny un mostro che la pietrificava. L’ha citato in tribunale e, nell’attesa sua perfidissima, succhia il Lindt da donna corrotta e non più linda.

Sì, è una city of lies, rimango sempre più impietrito da questo mondo di streghe, di zoccole e befanone.

E, alle vostre limonate e leccatine ipocrite, preferisco il mio gelato, voleste raggirarmi ma io vi raggelerò ancora con un’altra fottuta cucchiaiata ficcata alle vostre cattiverie disfatte.

Ben fatto, oh, mia fata, sarò in te dentro senza fiato. Togliti le calze, fai entrare il mio torroncino, lasciati imbiancare della mia glassa e arrostiremo come carboni, annerendo un mondo di buonismi falsi e di coglioncini bruciati.

Sgranocchio la tua gnocca, lecca in ginocchio. Intanto, mi rompo le nocche. E vedrai le stelle anche nella stalla, succhiandolo sin al midollo, assieme a me gusterai colorata il mondo come una meraviglia di Tim Burton.

 

Non fatevi fantasie. Vedete di scopare delle topolone, oh miei topolini.

ftn18

di Stefano Falotico

Attori rinati: Danny DeVito


20 Nov

Un gigante!

attori-rinati-danny-devito-01-1050x525

Eh sì, stavolta andiamo a parare proprio su questo “piccolissimo grandissimo uomo”, il mitico Danny DeVito.

Lo stiamo vedendo in una particina spiritosissima e molto buffa da medico gnomo che cura la prostata di Michael Douglas nella serie Netflix Il metodo Kominsky, e nei prossimi mesi lo attendiamo nel Dumbo del suo fido Tim Burton.

Quale occasione migliore dunque per soffermarci su di lui?

Quest’uomo all’apparenza insignificante, bassissimo ai limiti del nanismo, goffo, tarchiatissimo, cicciottello, appunto un freak da circo, una creatura burtoniana per antonomasia. Ma anche un grande attore coi fiocchi.

Di qualche giorno fa, peraltro, la notizia assurda secondo cui in un college americano sarebbe stato trovato un segreto santuario eretto in suo onore. Ah ah.

Danny è un uomo che, se non sai chi è e lo vedi camminare in giro per strada, indubbiamente attrarrebbe immediatamente la curiosità di chiunque per via delle sue alquanto anomale fattezze fisiche.

È invece un factotum geniale del Cinema. Oltre che attore, è tra i più intuitivi e fini produttori di Hollywood, e a mio avviso anche un bravissimo regista. Insomma, proprio un bel personaggio.

attori-rinati-danny-devito-03

Nato a Neptune il 17 Novembre del 1944, Danny, nonostante i suoi appena enunciativi difetti fisici perfino un po’ imbarazzanti, è uno che ha voluto da sempre fare l’attore. E con enorme coraggio, senza sprezzo del pericolo, come si suol dire, s’iscrisse giovanissimo all’Accademia americana di arti drammatiche di New York.

Un po’ per le sue marcate stranezze corporee e un po’ anche per il suo indubbio, spiccato talento, Danny viene subito notato.

Al che esordisce con enorme successo, al fianco del geniale Andy Kaufman, nella famosa sitcom Taxi, sul cui set conosce anche Christopher Lloyd.

Appare dunque ne Il dittatore dello stato libero di Bananas di Woody Allen ed è fra gli interpreti de La mortadella del nostro compianto Mario Monicelli.

Al che, girando sempre assieme a Lloyd il celeberrimo, epocale ed oscarizzato Qualcuno volò sul nido del cuculo, diviene presto amico del suo grandioso protagonista, Jack Nicholson.

Jack dirigerà Danny in Verso il sud, i due sempre più affiatati gireranno Voglia di tenerezza e Mars Attacks!, poi Danny sarà il regista di Hoffa – Santo o mafioso?

E a proposito di Michael Douglas, peraltro produttore di Qualcuno volò sul nido del cuculo, DeVito stringerà via via anche sempre più una collaborativa, fruttuosa amicizia con quest’ultimo.

All’inseguimento della pietra verdeIl gioiello del NiloSolitary Man, il già succitato Il metodo Kominsky e naturalmente La guerra dei Roses, diretto come sapete dal nostro Danny.

Ma Danny dimostra comunque di non essere l’ombra di nessuno e secondo neppure a divi molto più belli e fascinosi di lui.

Diventa lo straordinario protagonista de I soldi degli altri e nel corso degli anni continua a incrociare enormi cineasti. Brian De Palma con Cadaveri e compari, ovviamente Tim Burton col suo indimenticabile Pinguino di Batman – Il ritorno e con Big Fish, Curtis Hanson in L.A. Confidential, Francis Ford Coppola per L’uomo della pioggia.

I gemelli assieme ad Arnold Schwarzenegger diventa un hit mondiale e Danny gira con Jim Carrey, per la regia di Miloš Forman, lo stupendo Man on the Moon, ove chiarissimamente omaggia il mai dimenticato amico Kaufman nei panni del suo impresario Charles Shapiro.

Be’, mi pare inutile starvi a citare tutti i suoi film da interprete, finirò col dire che secondo me il suo ruolo più bello in assoluto… il nostro Danny l’ha avuto nello struggente, malinconico Kiss di Richard LaGravenese.

 

Insomma, si fa presto a dire nano. Danny DeVito è un gigante, altroché.

attori-rinati-danny-devito-04 attori-rinati-danny-devito-02

 

 

di Stefano Falotico

È uscito il trailer di Dumbo ed è uscito anche qualcos’altro…


15 Nov

dumbo-trailer-images-13

Sì, è stato rilasciato il trailer integrale del Dumbo di Burton. Il maestro dei freak e dei “diversi”.

Aggiornamento liveaction del classico per antonomasia della Disney.

Una storia che sarebbe da mostrare a quegli adulti invidiosissimi e cinici, cattivi più strega della Biancaneve.

Nella mia famiglia, ad esempio, la famiglia Falotico, molti di questa stirpe sono, ahimè, afflitti da una malattia genetica, le orecchie a sventola. Io n’ero affetto un po’ da piccolo. Infatti, quando i miei genitori erano assenti per lavoro, mi faceva da balia la vicina di casa, Angela di nome ma non di fatto. Che mi pigliava per il culo subdolamente, mostrandomi tutti i giorni, appunto, Dumbo. Io mi emozionavo e ridevo e lei, sotto i baffi (sì, donna baffuta l’Angela, ma nemmeno al marito davvero piaciuta), si sganasciava. Sebbene non pronunciatissime, le mie orecchie, così come il mio naso aquilino, erano leggermente sproporzionate rispetto alla testa.

Col tempo, si sono normalizzate, adagiandosi alla perfetta simmetria dionisiaca del mio viso da Gioconda.

Non che ora siano “attaccate” come quelle di Nicolas Cage. Avete notato le orecchie di Nic? Oltre ad avere un impercettibile cicatrice sotto al mento, che secondo me è stata causata dai succhiotti di quella troia della sua ex, Christina Fulton (Intervista con la vampira docet), una che nei panni di Nico spompinò sin a disossarlo quel cavallone di Val Kilmer/Jim Morrison in The Doors in un ascensore che faceva “su e giù”, ecco…, Nic ha davvero delle orecchie un po’ deformi. Sembrano mangiate dai topi.

Mentre, non so avete osservato la testa di Leonardo DiCaprio. Sì, ai tempi di Titanic la sua testa era normale. Dopo essere diventato il pupillo di Scorsese, se la montò. Guardatelo bene.

Le fonti internettiane sostengono che sia alto un metro e ottantatré. E secondo me peserà ottanta chili.

Sì, settanta di questi appartengono al peso della testa. Una testa gigantesca. Pare quella della Luna quando viene ingigantita nell’ottica di un telescopio.

Sulla mia vita, gente assai spregevole, d’inguaribile indole malvagia, gelosa della mia esistenza autarchica, principesca, aristocratica e troppo “cranica”, sì, essendo un uomo di enorme cervello, per anni raccontò un sacco di balle sul mio conto.

Una delle mie peculiarità è la gentile riservatezza, il volermene stare appartato lontano dal porcile, dal circo quotidiano degli orrori, dallo zoo dei puttanoni.

Al che questa gente, invece costretta da genitori imbecilli a immiserirsi e lerciarsi nella comune massa inculata giornalmente da piccinerie pettegole e stolte, inventò a mio danno calunnie a iosa.

Dapprima, addussero che, per via della mia esagerata galanteria figlia di un’epoca assai più educata, non scopassi le ragazzine mie coetanee perché soffrivo di elefantiasi.

Dunque, non paghi di questa mostruosa bugia da Pinocchi giganteschi, ben scelleratamente fieri di perseverare nelle menzogne e negl’inganni per coglionare il troppo buono di turno, in tal caso alquanto eccentrico il sottoscritto, insistettero, rincarando la dose.

Si passò quindi ad accuse e addebitamenti di malattie mentali varie. Dalla semplice, innocua fobia sociale alla stronzata sesquipedale che fossi castrato e poco dotato sotto ogni punto di vista, sessuale e non, perciò si arrivò alla schizofrenia e ai deliri paranoici.

Dopo molti anni di tremende cattiverie e oscenità mai confessate, dopo appuratissime indagini perfino psichiatriche, si è addivenuti a una sola, irrefutabile conclusione.

Che peraltro era già stata ampiamente acclarata dalla mia prima ragazza, alla quale i malfattori affibbiarono sempre patenti alquanto ripugnati: poco di buono, psicopatica, sciocchina, donnetta, creatura puzzolente.

Per il semplice “fallo” che stava con me.

Insomma, la conclusione, detta come va detta, è che a differenza di Dumbo non ho delle orecchie mostruose ma un uccello che vola alto…

Sì, il signor Vandevere di turno, che si è sempre attorniato di gente debole psicologicamente che lui ricatta e tratta da comparse e marionette, ha rimediato una delle più grosse figure di merda di tutti i tempi.

Ecco cosa succede quando qualcuno ti vuol far passare per Danny DeVito e invece sei sempre stato Colin Farrell.

A proposito, a Eva Green gliela diamo una bella botta?

A Vandevere, invece, per Natale regaliamo una bambolina. Vediamo se, trombando una di stoffa e non la cretina che ancora gli dà retta, probabilmente crescerà e la finirà coi giochini…

E comunque: è tutto bene quel che finisce bene. E anche pene…

Invece, è tutto idiota ciò che finisce col mascherone di Michael Keaton in questo film.

Ma perdoniamo Keaton: ai mostri non possiamo togliere la dignità. E la faccia di merda.

 

 

di Stefano Falotico

Attori rinati: Michael Keaton, da Batman decaduto a Birdman che ora vola ancora alto


01 Aug

attori-rinati-michael-keaton-cover- attori-rinati-michael-keaton-copertina-

Be’, che dire? È sotto gli occhi di tutti, è lapalissiano che l’attore di cui vi sto parlando negli ultimi anni ci ha stupito. Un attore verso il quale ho sempre nutrito una forte ammirazione, personalmente tenuto molto in auge. Chiamatela, se volete, una relazione alchemica fra me e lui dovuta a una sfrenata simpatia nei suoi riguardi.

Parlo di Michael Keaton che, stando al suo nome completo all’anagrafe, si potrebbe confondere con l’interprete di Basic Instinct, perché Michael Keaton è il suo nome d’arte, ma invero lui è nato come Michael John Douglas.

Michael Douglas, cioè quello, eh eh, di The Game, all’epoca era già famoso, e aveva peraltro vinto l’Oscar come produttore per Qualcuno volò sul nido del cuculo, e fu per questa ragione, per non essere confuso col Douglas di Coma profondo, che il “nostro” Michael cambiò il cognome in Keaton.

Ora, vi chiederete voi. Non è che Michael Keaton ha anche un certo grado di parentela con Diane Keaton, l’attrice di Manhattan? Per quello che ci risulta, no. Assolutamente.

Ma la storia è curiosa… Michael scelse Keaton come cognome proprio in onore di Diane, che lui stimava moltissimo, e per omaggiare al contempo un altro suo idolo, Buster Keaton.

Premesso questo, analizziamo in breve, lapidariamente, la sua carriera. Dopo qualche cortometraggio e una situation comedy, la sua faccia sta molto simpatica a Ron Howard e ad Amy Heckerling, ma è soltanto nel 1988, col macabramente spiritosissimo Beetlejuice di Tim Burton, che Michael Keaton comincia davvero a farsi notare. E lo stesso anno interpreta una pellicola, a molti tutt’ora misconosciuta, Fuori dal tunnel, nel quale offre una prova recitativa sofferta e intensissima che i ben informati sanno essere una delle sue migliori performance di sempre.

Quindi l’anno dopo finalmente s’impone, ancora grazie al suo beniamino Tim Burton, in Batman. Un Bruce Wayne decisamente atipico, dal fascino particolare. Sul quale aveva puntato soltanto appunto il suo fido amico Burton, perché lo studio desiderava un attore più famoso. Scommessa vinta appieno. Il Batman di Michael Keaton è misteriosamente carismatico e Keaton v’infonde rinomata personalità.

Così come poi avverrà anche col meraviglioso seguito.

Keaton continua a lavorare molto, nel suo carnet filmografico ci sono registi pregiati come il Kenneth Branagh di Molto rumore per nulla, ancora la sua vecchia conoscenza Ron Howard di Cronisti d’assalto, il grande Harold Ramis di Mi sdoppio in 4, Quentin Tarantino di Jackie Brown, e Barbet Schroeder di Soluzione estrema. Anche se la sua prova più citata e ricordata di quegli anni appartiene al film My Life – Questa mia vita con Nicole Kidman.

Poi, ecco che arrivano anni di oblio in cui Keaton, comunque, lavora sempre instancabilmente, ma in film che non arrivano neppure al cinema. E non è mai un buon segno…

Ci pensa Alejandro González Iñárritu a resuscitarlo, consegnandogli the role of a lifetime in Birdman, pellicola per la quale va davvero vicinissimo a vincere l’Oscar ma viene per un soffio sconfitto al rush finale dall’Eddie Redmayne de La teoria del tutto.

 

L’anno dopo è fra i valenti interpreti de Il caso Spotlight. Lui non viene candidato ma, come accaduto per Birdman, il film vince l’Oscar come Miglior Film dell’anno. Non sono tanti quelli che possono vantare di aver preso parte rispettivamente a film che, per due anni consecutivi, hanno primeggiato agli Academy Award. Voi vi ricordate altri casi? E infatti, sul palco, Michael Keaton gioisce come se avesse trionfato da Best Actor.

Soltanto l’anno dopo, offre un’altra interessantissima prova attoriale in The Founder. Ma sia i Golden Globe che gli Oscar lo trascurano. In compenso la Critica lo acclama nuovamente.

Diventa Adrian Toomes / Vulture nel nuovo franchise di Spider-Man con Tom Holland.

E presto, assai presto, lo vedremo nei panni del terribile Vandevere nel Dumbo del suo “mentore” Tim Burton.

Che grande, sfavillante ritorno!

Un ritorno che dobbiamo all’imprevedibile virtù dell’ignoranza?

Non credo.attori-rinati-michael-keaton-01- attori-rinati-michael-keaton-03- attori-rinati-michael-keaton-02-

di Stefano Falotico

Dumbo di Tim Burton e i Mondiali non m’interessano, nemmeno 2001, m’interessa la mia mente e anche quella lì


13 Jun

35162235_10211474637124448_1056037715402817536_n

È uscito il teaser trailer di Dumbo. Ora, con tutta la stima per Tim Burton, io credo che abbia girato un solo capolavoro, Big Fish, che ha inquadrato meravigliosamente il senso della vita. Posso lodare la sua poetica sui diversi, sui freak, sugli spostati, sui nati male, sui suoi “scherzi della natura”. Ma quando il compiacimento diventa estetizzante allora il manierismo è dietro l’angolo, seduta stante.

Non m’interessa questo elefantino in computer graphic e apprezzerò sempre mille volte di più il fascino naïf del cartone originale.

Poi, potrà essere anche un grande film, non lo voglio mettere in discussione, ma personalmente credo che sarà una stronzata micidiale. Come questa frase di Jacques Rivette: Kubrick è una macchina, un mutante, un marziano. Non ha sentimenti di alcun tipo. Ma è bello quando una macchina filma altre macchine, come in 2001.

Sì, una delle frasi più imbecilli che uno possa pronunciare nella sua vita.

Personalmente, non ho mai avuto l’occasione di cenare con Stanley, ma mi son fatto un’idea di lui. Secondo me, era diventato un misantropo per necessità. Talmente sensibile, senziente, quindi talmente umanista, che soffriva la realtà ch’è giocoforza spesso puttanesca e squallida. Quindi Kubrick era ciò di più lontanamente distante da una macchina.

Domani, inizieranno i Mondiali di Calcio. Il Calcio è una sorta di rito collettivo avito, cioè tramandato dagli avi. E, quando ci sono i Mondiali, ecco che vengono annullate tutte le differenze culturali, neri e bianchi, ispanici e tedeschi si riuniscono tutti assieme, tifando appassionatamente e brindando. Non avvengono quasi mai scontri e tafferugli negli stadi perché, anche se si perde, è stata comunque una festa. L’importante era partecipare. Può darsi anche che, caro argentino, per consolarti dalla sconfitta, una brasiliana t’inviti nella sua stanza. E allora il gioco di “palle” diventerà una “ola”. Anche una sola se farai autogol di eiaculazione precoce.

Noi non vi partecipiamo, eliminati dalla modesta Svezia perché in centottanta minuti non siamo stati capaci di fare neppure una misera, risicata rete. Ma comunque, cari moralisti dei miei stivali, so che tanto v’infoiate su Harvey Weinstein, per bella posa con vostra moglie, che poi tradite di turismo sessuale con delle svedesone. Questa è la verità.

E allora ben ci sta! Così evitiamo figuracce. Se non siamo riusciti a fare goal alla Svezia, tanto di guadagnato essere spediti fuori ancor prima di essere imbrattati di ortaggi e goleade umiliantissime.

D’altra parte l’Italia merita un Salvini in Parlamento, un fascistone che vuole mandare a casa i clandestini, perché gli tira il culo, facendo morire di fame donne e bambini. E se sta lì l’avete votato voi. Dunque, non vi lamentate se, un giorno, sarete senza lavoro, darete di matto, e uno così vi sbatterà in manicomio.

Che cazzo gliene frega? Lui ha la Isoardi, una che ha capito che mostrar le cosce in RAI le avrebbe dato il “lasciapassare” per essere la passerotta del senatore du’ caz. Salvini non poteva farsela sfuggire. Sì, fra un comizio e l’altro della Lega, vide Elisa in tv, e libero da sguardi indiscreti si sparò una sega. Quindi, pensò: oh, questa è “buona”, io sono il leader del Carroccio, adesso le telefono, la invito a mangiare degli spaghetti al cartoccio e poi tutta me la “incarto”. Sì, sì, sì.

Come Trump, che si pavoneggia con la più bieca bassezza ideologica che un essere umano possa dire: se sono il Presidente, significa che sono il più intelligente di tutti. E chi non ce la fa è un perdente e non si lamenti.

Di mio, ne ho buscate talmente tante che sono un illuminato. Ovvio. Come no?

Non sono illuminato in questa foto? Mi pare lapalissiano, incontrovertibile.

Ho detto tutto… Molti credevano sarei andato giù, invece io non vado mai giù, al massimo ascolto I’m Goin’ Down.

– Sai, Stefano, a me non piace Springsteen. Lo trovo un po’ tamarro.

– Sì, ovvio. Sei frocio. Quindi vedi di andare a prendertelo nel culo.

 

Ora, vi racconto questa. Molti anni fa, incontrai una che era convinto fossi un incrocio fra Sean Penn e Tim Robbins di Mystic River.

Al che, mi appoggiò la mano sulla gamba, dopo una bella conversazione “esegetica” di Cinema.

– Ah, tutto questo panegirico per arrivare lì?

– Perché no?

– Via, levati dal cazzo.

 

Questo sono io. Se non ti sta bene, noleggiati un porno.

Comunque, perché emulare De Niro quando sono indubbiamente molto più bravo, bello, intelligente e sexy di lui?

 

di Stefano Falotico

Il Cinema, che Sole, come son “sol(id)o”, mi consola dalle inconsolabili lamentele dark di Facebook, Tim Burton


16 Mar

miss_peregrines_home_for_peculiar_children_poster

Cinema, “odorandomi” di te, deambulando nei tuoi fotogrammi, disdegno quel patetico film che è 21 Grams.

Invece, mi tuffo in Burton Tim, “pagliaccio” in questo mondo miser(and)o. Sì, son miscredente di questi amori “vivandati”, sbandierati ai quattro venti, ai quattro vel(l)i. Mi spoglio della superficiale di tutti pelle perché ne ho piene le palle, e col Cinema mi sballo.

Drogati… (mettete su tal parola l’accento a mo’ d’imperativo o prendetela per quel che siete), questo mondo non si risolve coi paradisi artificiali. Ché già A.I. di Spielberg mi parve una cagata pazzesca.

Su Facebook, un’altra pazza, con sotto il naso la puzza, il suo diario da merda “qualunquista” sbrodola, “spruzzando” a tutti, “In condivisione” di “Mi piace”, la sua etica da una che s’è rotta la v(ag)i(n)a e monologa a interlocutori finti, come lei poco fini, a cui fa appello, domandando a uno se può “scappellarlo”. Lui ci sta(ppa)! Partono i “bacini”.

E allora io, da CappellaioMatto”, dinanzi a codesta non tanto sveglia, mi svesto, no, faccio sì che il mio “uccello” si ridesti, ché viva pure la sua Alice nel paese del “Che film ho visto stasera, meraviglioso. Domani, però, ho da farmi il culo”. Sì, glielo fanno, in quanto ella è meretrice di notte e mentitrice, sotto mentite spoglie da cassiera, di giorno. Una bella che racconta balle dietro la faccia come quello, appunto.

A “quel” si “viene” ed è duro… accettar la verità di una vita andata a “puttana”.

Eppur si lamenta. Dà agl’ipocriti la patente di falsi e si dichiara falsa(ria) del suo “vero” lavoro, “sudandosela”.

Al che, appare il trailer del nuovo Burton, e mi sembra di sognare…

Capolavoro o presa per il popò di dimensioni kolossal?

Di mio, preferirò sempre una pellicola Kodak a un iPhone con scatto selfie coi morti.

0226690904091821

 

di Stefano Falotico

Ogni Uomo è un Superman Nic Cage di Tim Burton, un ruolo da “Oscar”


04 Feb

Quest’anno vincerà l’Oscar Nic Cage col film Il tassista paramedico dell’al di là dell’ormai fottuta vita attoriale da ruote e sue botte di fortuna raccomandata, compresa la sua ex Patricia Arquette, di huge boobs bombata

Analisi dei più grandi attori per gli Oscar, la più grande nostra Storia del Cinema, e non solo, mai raccontata: and the winner is Vito Vino per il Film Corleone Vito che fa l’amore con Avril Lavigne

Oscar 2013, forse 2012, essendo i film candidati-“usciti” (come il cane che piscia sull’albero sbagliato) l’anno trapassato, quindi ancora entrante in gara.

Tiferò per Il lato positivo, in quanto fui Cooper ancor peggio, simil Leo DiCaprio di Shutter Island che, dopo il rehab, non m’abituai alla società eppure tira, nonostante “tutto”, per la Jennifer di turno.

Stamattina, ad esempio, una ragazza di Facebook m’ha lanciato dei “segnali di fumo” su cui ci sarebbe da ragionare, sempre che il mio cazzo resista…

– Sei intrigante, Uomo del mistero, voglio condividere il “Mi piace” in te “paciere” e bilanciere-balestriere dentro la mia pancia.
– Di mio, usuro gli addominali con la panca. Non so se questo “basculare” potrebbe dondolare d’amplesso con te nel ventre-ombelico.
– Che dici?
– Io dico, insomma che… quando il muscolo pompa, ti sfianchi.
– Non capisco.
– Come no? Non mi sembra difficile. Si chiama allusione allupante con freddura per il “riscaldamento”. Alla sera, corro per la periferia, sgranchisco le mie gambine, anche se vorrei sgusciare nelle tue. Insomma, stiracchiarlo un po’. Si definisce il “fine allungo” del pene come il Pongo che, manipolandolo, si rassoda nel plasmare al piantarlo, a prescindere se tu indossi pantaloni o mi prenderai per un coglione in mutande. Guarda che fa male, afferra senza “strappi al motore”.
– Lo sai che sei una merda? Ci giri attorno, fai l’asceta ma vuoi annusare le mie ascelle. Invece, ora ti slogo la mascella. Maiale, ecco il macello!
– Non vuoi l’uccellino?
– No, sei una quaglia. Non quaglierai mai niente.
– L’usignolo però m’ha detto che tu “la usi”.
– Cosa?
– L’uvetta.
– E tu saresti la volpe?
– No, sono Fox di New Rose Hotel.
– Quindi da me pretenderesti un pompino perfetto?
– No, m’accontento dei soldi per la benzina. Oggi, mezzo centilitro di “pompa” costa tutta la “liquidazione”. Altro che “drenare” di palle, questa vita è un diesel.
Vin?
– Sì, vai a dar via il cul’. Mancano i denari anche per pagare il lavavetri. Sgualdrina! Non sarò lava per te!
– Non sono una di quelle.
– Ma quello lo vuoi, vero?
– Cosa sarebbe “quello?”.
– Insomma, quel coso che sta un po’ in mezzo, fast & furious, a me e in mezzo a colei che (accon)sente.
– L’attributo?
– No, il budino. Meglio la vita cantando fra le brulle colline piuttosto che il burro nella bella.
Poi, vorrà… la pensione di “mantenimento” anche dall’amante spennato e tutto “contento” quanto cornuto da sua moglie.
– Fottiti!
– Tieni qua!
– Cos’è?
– Ah, non lo so. Tu dovresti saperlo.
– E perché mai?
– L’ho capito dalla faccia.
– Che faccia avrei io?
– Da culo.

Analisi dei pretendenti alla statuetta:

1) Daniel Day-Lewis, a tutt’oggi il più grande vivente, considerando il rincoglionimento dei De Niro vari, su cui indagheremo dopo.

Per molto Tempo, si trasferì nelle campagne toscare a fare il ciabattino.
Oggi, veste calzature inappuntabili prodotte dallo zoccolo del Butcher di Gangs of New York, pellicola che segnò il suo ritorno.

2) Tommy Lee Jones, dopo essersi assopito negli allori de Il fuggitivo, da anni azzecca quasi sempre i cosiddetti film che lasciano il segno. Insuperabile “vecchiaccio” butterato.

3) Philip Seymour Hoffman, detto “La panza che sa il fatto suo”. Non cambia mai, sempre più grasso rimane, eppure è versatilissimo. Come questo sia possibile, è un master da Paul Thomas Anderson. Il must.

4) Robert De Niro, emblema del viale del tramonto, sta piazzando a sorpresa dei colpi niente male.
Si parte con questa nomination per arrivare a The Irishman di Scorsese? Il Tempo (non) è dalla sua.

Harvey Weinstein sì.

In fondo, la vita è scommettere sul cavallo vincente e scoprire che Nick Nolte è un elefante che scopa un fantino.

Mi piglieranno per un fantoccio fanatico.

Di mio, accartoccerò… con pasti dei cartocci.

E ricordate: il cartone animato potrebbe trasformarsi in un manga(nello).

Ma non ho intenzione, affatto, di terminare l’analisi polemica-cinefila con tanto di polenta nel mio “scoscio” sul divano da pranzettino a Mezzanotte, dunque cena da lupo polentone sulla poltrona con tanto di “maccheroni” e matrone.

Vengo contattato da un losco figuro su Facebook, tale Centrino Gaetano, le cui foto tendono a immortalarlo di spalla tatuata nella nuca senza occhi nella fronte.

M’aggredì ieri mattina, la Domenica bella delle messine.

“Stefano, ho visto i tuoi video. Sono una merda. Però, in una massa di coglioni omologati, fai la tua figa?”.

Controrepliche di tal fatta: – Figura vorrai dire?

– No, proprio se ti fai la tua figa.
– Che starebbe a dire che mi faccio?
– Sì, un modo eufemistico per capire se t’effeminizzi con delle canne, dopo esserti sparato le pippe.
– Preferisco Pippo, il cane di Topolino.
– Che significa?
– Vedi che torna? Il segno figo del Nic Cage.
– Spiegati.
– Ti racconterò questo:

“Nic fu scoperto da Francis Coppola Zio Paperone, e da allora è un paperello fortunato. Fine”.

– Finisce già così. Che senso ha?
– Nessuno. Ma la sua carriera è passata dai capolavori dello zio al Futuro da Steven Seagal.
Insomma, dei film come delle seghe.

Sì, ivi vi racconterò il dietro le quinte sapor “Tendina dei suoi tendini a tenderlo in mezzo a tante con la quinta”, per tale racconto tratto… dalla sua storia vera, affabulata nelle fragolone, così intitolato: Nicola Coppola, la cappella più famosa di Hollywood, attore monnezza eppur che ama le “margherite” con la mozzarella da basco siciliano e basilico da Basilicata.

Che fine ha fatto Nicolino? In quest’anno solare, ancor nessun film suo nelle sale. Eppure, il suo salotto, dopo tanti debiti, causa lauti pagamenti alle prostitute che corruppe-eruttandovi sopra e nal trastullarselo, è pieno zeppo di quelle che “indossano” le zoccole, appunto.

Un attore dalla nomea che fa “paura”, temibile e che buca lo schermo, dopo essersi drogato di pellicole ad alto tasso di minchiata. Pellicole pericolanti, osannate dalla plebe adorante fra tagliatelle coi porcini e insalate da micine.

Ultimamente, la sua filmografia si sta appannando, appunto andando a puttane.

Dopo i fasti degli anni ’90, una serie di clamorose e colossali supercazzate invaderanno i grandi schermi, speriamo li programmino direttamente via cavo.

Fortunatamente, il progetto del Superman di Tim Burton è stato fermato prima della sciagura che si sarebbe potuta concretizzare. Ma eravamo a un passo dalla catastrofe formato kryptonite.

Guardare per (non) credere:

 

Genius-Pop

Just another WordPress site (il mio sito cinematograficamente geniale)