Attimi di poesia, tutto il resto è noia e sesso avvilente

18 Feb

Over the Top

Oggi è domenica 18 Febbraio e ho riposato bene.

Mi son svegliato particolarmente ringiovanito, maggiormente rincuorato, più alla vita ancorato, anche accorato.

Al che, ho riletto una mail che ho inviato a una donna, l’altro giorno. Sì, penso che lei sia una donna, anche se credo che lei nutra dei dubbi se io sia un uomo. Un uomo alquanto bizzarro, che danza ballerino fra mille umori scostanti, e s’interrompe, riparte, gioca, piange, pagliaccesco cazzeggia.

Avete sentito Gattuso? Ha detto al suo pupillo di trovarsi una ragazza e fare l’amore. Schietto, ruspante, nel suo stile “ringhiante”; che incita a sentimenti semplici ma veri.

Mah, non so, mi ricordo che, dopo la prima volta, ero tutto inzaccherato e con le mani lerce, sì, non so come feci a sporcarmele in quel groviglio frenetico e singhiozzante, e cercai un bagno. Ma era notte fonda, i bar erano chiusi ma trovai un albergo e con faccia tosta, di cazzo appunto, entrai e sgattaiolai nella toilette. L’uomo della reception mi guardò male. Ma io mi pulii e tornai a casa con un sorriso idiota.

Devo dirvi la verità. Io non rimpiango mai il tempo ben utilizzato e nemmeno quello sprecato. E morirò con ancora tanti sogni mai realizzati, sepolti nel cassetto o solo gettati nel cassonetto.

Per due anni, andavo sempre dal mio amico cinese e mi sentivo uno di famiglia. Portava sempre la moglie e i suoi due bellissimi bambini in quel locale. E respiravo un’aria familiare che non avevo mai sentito. In mezzo a persone di un’altra cultura, calma, pacifica, contemplativa, come un libro di Mishima. Poi, all’improvviso, una brutta mattina il bar chiuse. E non so che fine hanno, o abbiano, fatto Ma conserverò nel mio cuore quei bellissimi momenti di pace e tranquillità.

No, non sono un vincente, sono un mezzo matto, e sbaglio sempre i toni, calco la mano sui soliti argomenti e potrei aiutare Paul Schrader in tante sceneggiature cristologiche, pietistiche, afflittive, fra deliri di onnipotenza, malinconie leggere e anche leggiadre, e poi istanti di estrema felicità, bambinesca.

Sì, nonostante tutto, io sono rimasto infantile. Si dice che i bambini siano i più grandi poeti del mondo, perché trasfigurano la realtà e sono lontani dallo squallore della quotidianità mendace e affaristica, pettegola e stupida. Sono candidi. No, non sono bambino da quando ho otto anni e sapevo che quel finale di Over the Top racchiude molte verità. No, non è un grande film, è ingenuo, sciocco e una volta che sei grande ci ridi sopra. Ma Lincoln Hawk è uno sconfitto, uno che è stato preso a calci nel culo, eppure non gioca mai di vittimismo, guida il suo camion e sogna di vincere un campionato di braccio di ferro. E quando cambia “marcia” e piega Bull Harley la commozione è molta.

Molti mi chiedono se guardo il Festival di Sanremo. No, ma la canzone di Barbarossa è di una delicatezza unica. Possiamo dirlo? È un capolavoro.

Ognuno ha la sua vita, e ognuno ha le sue spine, le sue rose, le sue ambizioni fallite e attimi di poesia.

Gran Torino

 

 

di Stefano Falotico

Perché Mereghetti, nonostante tutto, è il miglior critico italiano e perché io sono incorreggibile e le stronco

17 Feb

Mereghetti

Sì, l’autore del famoso Dizionario, comunque superiore al Morandini, ché quando era in vita Morando, opinabile ma colto, ci divertiva con le sue “fuoriuscite”, e l’uso desueto di termini ed espressioni perfino colorite, e associazioni inaspettate, parallelismi sofisticati e qualche birbante uso della lingua italiana pittoresco e appunto insolito.

Oggi, tutti, presupponendosi dotati di ottima istruzione, essendo appassionati di Cinema (questo poi lo dicono loro), sono critici. Su Facebook è la pazzia, ed ecco che spuntano come funghi i fanatici di Nolan, a cui consiglierei qualche memento delle loro vere emozioni per comprendere che siamo di fronte a un mezzo bluff.

Mereghetti è spietato, spesso poco allineato e mantiene coerentemente, parossisticamente una linea dura e intransigente ma, al di là delle severità e della scarsa accondiscendenza verso i film spazzatura, chi ha imparato a conoscerlo sa che la sua “misera” stelletta non sempre equivale davvero al voto “reale” che lui dà al film. Spesso la “consegna” in maniera punitiva, per stigmatizzare gli imperdonabili film sopravvalutati e si diverte, sadicamente dà così poco per puro spirito provocatorio. Perché, è vero, sa benissimo che von Trier non è un idiota, ma è anche un pallone gonfiato, allora lo “incula” come gli pare e piace, salvo poi dargli tre stellette quando lo eccita e stimola.

Detto questo, possiamo prendere seriamente un Goffredo Fofi, così dichiaratamente comunista, lapidario, esagerato, radicale più di Pannella, che è assolutamente avulso dalla contemporaneità e dalle istanze giovanili?

Possiamo considerare bravo, forse interessante, un Alò che, sapendo di rivolgersi a un pubblico poco più che trentenne, abbassa la sua età anagrafica a livello facciale ed espressivo nelle sue ostentate smorfie nel patetico tentativo di voler imitare quello slang e ammicca come un semi-cinquantenne con la panza piena che però vuol fare il simpatico e il figo? E sbanda clamorosamente, facendo il bastian contrario solo per vezzeggiarsi, per far sì che le visualizzazioni aumentino, per suscitare odiosa curiosità! Non mi stupisce che acclami Muccino, Gabriele lo descrive così perfettamente nelle sue ridicole pellicole.

Possiamo apprezzare l’autarchico Marco Albanese, uno che ha un sito di Cinema tutto suo, e nelle sue pur buone e spesso centrate recensioni non ha ancora capito che perché e vanno accentati correttamente come li ho scritti io e l’È a inizio frase non va mai messa apostrofata in E’? Secondo voi è serio uno così?

Poi, ci sono i nostalgici di Carpenter malati di solipsismo e tutto ciò che non rientra nei parametri carpenteriani deve essere, secondo loro, necessariamente brutto o inferiore.

Quindi, ci sono Gli Spietati, una manica di froci, lo dico affettuosamente, non sono omofobo affatto, ma i loro gusti sessuali inevitabilmente l’inducono a privilegiare soltanto la forma estetica, spesso senza contenuti, le depalmiate e i film francesi, le “r” mosce del Cinema con tanti orpelli alla Greenaway, un po’ paraculo e in fondo emotivamente poco viscerale. Poi, diciamocela, se uno ama Wes Anderson, sicuramente non può amare Clint Eastwood perché non è “duro” come Clint ma ama le ruffianate leziose che io non mi “inculo”.

Naturalmente, sopra Mereghetti ci sono io. Ma questo è un problema divino, essendo Dio uno che mi paga l’affitto. E non posso sfrattarlo, perché mi giudicherebbe male.

Io sono d’altronde un illuminato, molto meglio di Bevalaqua, il grande Chris Walken di Illuminata.

 

L’altra sera chattavo con una ragazza…

 

– Ciao, mi presento. Ti dico subito che non sono Brad Pitt…

– Sì, ho visto i tuoi album. Be’, direi che non sei proprio Pitt.

– Però potrei farti una recensione “a pelle”, come mi “viene” subito. Ci stai?

– Sì, che devo fare?

– Vorrei che tu fossi un film di Zalman King, sono uno che ama quella roba lì, sì, sono la tua orchidea selvaggia.

– Siamo sicuri che tu sia un recensore?

– Sì, e non amo la censura. Allora, posso essere Mickey Rourke nella tua fess(ur)a?

– Certo, quante stelle mi darai? Non 5, spero, io non sono grillina.

– Sì, io voglio solo smuoverti il grilletto, poi vota chi cazzo vuoi. Allora, metto la “crocetta?”.

 

A fine prestazione, le diedi il pallino vuoto perché fu poco appassionante, e non mi saziò. Sì, non ebbi “soddisfazione”. La snobbai.Illuminata Chris Walken

 

 

di Stefano Falotico

Lei mi provocò ma continuai a bere acqua Uliveto

17 Feb

27858776_10210685087826209_36915011625642284_n

Quello che può fare un uomo possono farlo tutti.

(Charles Morse, ovvero Anthony Hopkins in The Edge, scritto da David Mamet)

 

Sì, molta gente preferisce lentamente morire nell’anima. Così, si trovano un lavoretto che possa tenerli occupati per metà della giornata “diurna”, poi aspettano di andare alle urne, perché s’illudono davvero che quattro politicanti possano salvarli da esistenze tristissime, con le idee “giuste”. Fai la scelta giusta, come sostiene quella voce indisponente di Pasquale Anselmo, doppiatore storico di Nicolas Cage e John Turturro, nella pubblicità del supermercato. Quale? Non state a domandarmelo, non me lo ricordo, passava per radio ma, ascoltandola, non venni “irradiato” dalla persuasiva dizione schiacciata dell’Anselmo. Uno che, sentendolo appunto, mai avrei pensato fosse dell’anno 1958, anche se a dire il vero Nic Cage non è che poi sia molto più giovane. Alcune voci si addicono. Sì, alla fine quella di Anselmo calza a pennello per quella del Cage. Se sentirete la voce del Cage in originale, capirete che è sufficientemente profonda per fargli credere di essere un attore serio e impegnato, ma da noi, grazie proprio ad Anselmo, ha assunto sfumature davvero congeniali alla tipologia di attore che Nic incarna. Poco melodiosa, da squinternato, adatta al suo overacting, nevrotica, titubante, perfetta per un imbranato coi muscoli e la gobba. Sì, Nic Cage ha la gobba, non so se l’avevate notato.

Ma torniamo a me. Fra tutte le cose che non ho imparato mai a fare, far la spesa rientra fra queste. Come? Direte e penserete voi. Alla tua età, non sai far la spesa? Ma è assurdo! Sì, infatti appartiene alle tante cose apparentemente inconcepibili della mia persona. Sino ad ora c’è sempre stato qualcuno che l’ha fatta per me. Quando non ci sarà più, capirò che dovrò sprecare un’ora-due, anche di più forse, a settimana alla Coop o all’Esselunga. Adesso sostengono che si possa fare online.

Sì, è un mondo per il quale sono adattissimo… quello odierno. La gente, alla compagnia sociale, che sa solo condizionarti e circuirti nelle sue idiozie e nella sua frivolezza sconcia, oggi preferisce guardare i film su Netflix. E fa bene. Sì, l’altro giorno sono andato al cinema a vedere l’ultimo film di Eastwood e un’anziana signora voleva sedersi al posto mio. Invero, lì al The Space “numerano” i posti e, in effetti, avevo occupato il posto “ordinato” da quella donna. Ma le luci erano spente, il film stava per iniziare e le dissi che, per via dell’età, aveva letto male la scritta sul suo biglietto e che doveva sedersi da un’altra parte. Lei mi disse che, al buio, adesso non riusciva più a leggere il n. del suo posto, e io le dissi di sedersi dove cazzo le pareva, basta che non mi rovinasse l’incipit di Eastwood. Eastwood è maestro degli inizi, e il logo oscurato-“ceruleo” della Warner Bros è un suo marchio di fabbrica che già t’immerge nell’atmosfera crepuscolare delle sue pellicole. Tornando alla vecchia, aveva la cataratta.

Ora, è arrivato a casa il Blu-ray di Ronin con tutti i contenuti speciali, che guarderò su YouTube perché non mi va di scartarlo e lo lascerò “illeso” dalla polvere. Non so se, dalla fotografia scattata, si nota anche la smorfia quasi grandguignolesca di De Niro in The Comedian. Unico film della sua filmografia che, assieme ad Hands of Stone, nessuno si decide a distribuire qui in Italia, forse perché demotivato dal fatto che entrambi i suddetti film negli Stati Uniti sono stati un sonoro flop e non li ha visti quasi nessuno.

Sì, oggi mi sento allegro, festante anche se credo che, pur essendo sabato sera, starò a casa, meditando sulla vita di Picasso e riflettendo se fu meglio nei suoi panni sempre l’Hopkins nel film di Ivory o lo sarà di più Banderas. Quesito da Genius. Antonio, un desperado che stimo “a prescindere” perché sta ancora con Melanie Griffith, donna che sino a quindici anni fa mi sarei bombato e adesso mi par una strega di Eastwick. D’altronde, lui è esperto di donne sull’orlo della crisi di nervi. Infatti, divenne il testimonial della Mulino Bianco perché sapeva che Melanie oramai non è più donna in carriera ma mangia solo i Saccottini del suo botulino. Deve consolare la gallinella…

Sì, ero di là in cucina e immaginai una milfona che accavallava le gambe per eccitarmi. Con grande aplomb, senza “darglielo” nell’occhio, continuai a riempirmi il bicchiere di acqua Uliveto e stimolai la sua diuresi di mandarmi a fanculo.

Sì, la mia faccia di cazzo sa… che preferirò sempre conoscere quale sarà il prossimo film con De Niro piuttosto di “sistemarmi” con una puttana.

 

Forza, uomini di ogni razza e religione, ballate.

Scambiatevi un segno di pace anche se siete degli incapaci e scopatevi Noomi Rapace.

SOMETHING WILD, Melanie Griffith, 1986, (c) Orion

SOMETHING WILD, Melanie Griffith, 1986, (c) Orion

 

di Stefano Falotico

 

27972783_10210685185108641_3495628929038060415_n 28055662_10210685185628654_4408265930235362556_n

 

di Stefano Falotico

Siamo tutti dei clown, e si volteggia anche fra Wonder Woman con portamento da Clint e “punitore” dei moralisti e dei tonti

17 Feb

Shannon Tweed Clint+Eastwood+Clint+Eastwood+Jimmy+Kimmel+_A7jt6iGRwdl

Society molto strana. La gente attacca Attacco al treno, poi non capisco perché si attacchi alle piccine(rie).

Sì, piccini e Pulcinella. Ma la grandezza di Eastwood non va messa in discussione altrimenti prenderemo i detrattori e li obbligheremo a guidare solo i trattori. L’altra sera, invece, ero in trattoria e ho meditato sul mondo, applicando diverse mentali traiettorie. La mia mente, si sa, sfarfalla, gira e salta, alle volte stanca si adagia, va adagio e poi mal si arrangia, mannaggia, eppur soavemente si accascia. E gusta le cosce… di pollo o del mio ammirare Gal Gadot, planando di occhi giammai mesti sulla “durezza” che potrebbe nascere in quella succosa morbidezza. Sì, che lietezza “penetrare” in quella Wonder Woman, e volare “alti” di erotismo lontano dal moralismo.

Sì, io credo di essere un uomo di cultura eppure dinanzi alle gambe di Gal mi squaglio, qualcosa “densamente” fa sì che “scremi” la verità virile dalla retorica femminista. E non capisco un cazzo, o forse il mio sì. E osservo con far da voyeur un po’ volpino, solleticandomi di piccante baldanza del mio cor(po) ignudo, senza retorica, eppur “svuotato”. Ah ah.

Sì, lo ammetto, mi avete scoperto, son stato sempre un amante… dello “spogliatoio”. E tutte poco scopo eppur d’immaginazione bella-mente scopro.

A fine anni novanta, mi fissai e “lo” issai per la magnifica bionda Shannon Tweed, ed era auto-erotismo che del suo peccato “capitale” non si adontava eppur “ridondante” sguazzava ondeggiante… montante. Allegretto-andante.

Sì, la moglie di Gene Simmons, sebbene sia stata sempre rifatta, volevo farmela. Ero un collezionista dei suoi softcore molto “pimpanti”, soprattutto pippanti, in cui esibiva le sue poppe in “pompa magna”. Magnetica, sì, ah ah. Più che altro, stimolante una mano poco etica eppur godente quella splendida, statuaria estetica in maniera eretta, sciogliendosi… dirimpetto a quei “pettorali” che scendevan a valle, avvallando il mio puntarle il retto, stando ritto… di mira sulle sue colline tondeggianti. Come marinavo io gli obblighi dinanzi a quell’oceano di bontà cazzeggiante, lo sa solo il Cristo. E un giorno dovrò raccontargli che me la spassavo alla grande, un glande ripassato. Diciamo…

Sì, che cazzone… imbattibile, eppur mai son stato con delle battone, ma non batto la fiacca, sì, c’è gente presa, anzi, in modo masturbatorio, “rappresa” dalla figa e gente che si esalterà se Gary Oldman vincerà l’oscar. A ognuno la statuetta che merita. A me le belle statuine son sempre piaciute… A cui, eh che culi, “innalzarsi” in gloria, sì, io speravo sinceramente di elevarlo in maniera gol(os)a.

Rimasi a mezza strada, cercarono di (in)castrarmi ma ancor tira, ed è scomparsa anche l’ira. Tutto si aggiusta, e spero che “tutto” possa entrare o “inserirsi”, senza scorciatoie o vie traverse, in modo sghembo purché sia “collocato produttivamente” fra le gambe. Sì, di me tutto, appunto, senza punti, si può dire tranne che sia uno da canzoni di Annalisa… Non mi piacciono le melasse, vado “dritto” al sodo.

Concreto, tosto, come Clint. Quasi reazionario, non credo fascista ma in quelle… sfasciato. Senza (f)iato.

E, nonostante le stronzate che dico, il fascino classico di Eastwood mi appartiene.

Insomma, un uomo che ascolta Springsteen, un uomo Nebraska, un uomo al gelo eppur uccello… libero.

Ah ah.

Ma dove lo trovate uno “schizzato” più fuori di me, eppur spiritoso, gioviale, “fluviale?”.

Sì, proprio un fiume in pen…

 

– Falotico, ma lo sa che lei è l’emblema della sfiga e della fighetta incarnata?

– Sì, e tu lo sai che tua moglie è una zoccola?

– Come si permette?

– Mi permetto di dirlo perché lo so… Ho appurato con mano in maniera pura.

 

Freddura da uomo “monco”.

E ricordate: non sono un esodato, ma un “esondato”.

Sì, sono uno da Aspettando Godot. Ma intanto me la Gadot!

 

di Stefano Falotico

 

Punisher

di Stefano Falotico

 

27857937_414638112291082_4503185337856814093_n

TRUE CRIME, Clint Eastwood, 1999, (c) Warner Brothers

TRUE CRIME, Clint Eastwood, 1999, (c) Warner Brothers

 

Per un mondo migliore, il 4 Marzo vota la lista Falotico, uomo contro ogni luogo comune, insomma, uno non da comunali e pettegole comunelle

13 Feb

Pop Bowie Mosca

 

Ecco il mio programma elettorale. Bando alle ciance.

Innanzitutto, la sera prima delle elezioni, riguardate i film di Jim Jarmusch e, incantandovi in minimalista poesia amabile, il vostro cuore ne gioverà e sensibilmente, toccati emotivamente nell’animo da istanze più positive e romantiche, andrete alle urne rinnovati, dunque saprete ove mettere la crocetta. Prima, fate un esame delle urine!

Ora, mi presento, sebbene alcuni mi conoscono bene, o forse fingono di conoscermi.

La mia strada, spesso solitaria, è stata travagliata quanto un parto dalla sofferenza acutissima, eppur mai mi arresi dinanzi alle false illazioni sul mio conto. In quanto, nel bene e nel male, son amante del coito, con buona pace dei miei detrattori che sostengono che sappia amare solo me stesso. Devo dire la verità. Amo meglio da steso. Sì, quando sei sdraiato a schiena all’ingiù, lei ti cavalca e tu devi solo avercelo duro. Sì, a me far fatica non è mai piaciuto. Dunque, per una società che se la goda, propugno l’emancipazione da ogni tipo di lavoro fustigante, castrante e anchilosante. Viviamo in una società ove l’avanzamento tecnologico permette a chiunque di usare la mente, e dunque basta con questi lavori manuali, aprite la coscienza e scrivete storie fantastiche. Non addoloratevi in quest’immensa falsità dell’inserimento lavorativo. Dobbiamo smetterla di guardare al prossimo come un “elemento” produttivo, ché già la parola elemento elementarizza invero la complessità delle nostre grandiose potenzialità. Non siamo nati per produrre “industrialmente”, ma per vivere piacevolmente, gustando la lietezza del nostro passaggio in questa Terra per far fruttare la meraviglia d’idee brillanti. Dunque ben vengano i “pazzi”, i sognatori, coloro che non si pensano e penano come automi e pezzi di una catena di montaggio frustrante, che logora i nostri io profondi e ci appiattisce in dimensioni squallidamente mortificanti, in cui veniamo giudicati, valutati e quindi livellati solo secondo la nostra “efficienza” capitalistica. Stringiamoci le mani e rimbocchiamoci le maniche soltanto per rendere la vita un’esperienza irripetibile. Non si nasce per lavorare come coglioni, per sposarci con una donna che non amiamo solo perché gli altri possano dire che siamo “brave” persone, si nasce per essere. Dunque esplorate il vostro sangue, fatelo schizzare, issatevi in progetti che magnifichino la bellezza del contemplare, l’estasi madornale dello stare e non del ricattatorio “fare”. Non è una cultura, la mia, né negazionista del sistema e neppure nichilista, neanche fancazzista. È la visione sana del mondo. Anche un po’ santa. Quanti giovani ancora dobbiamo far soffrire dietro false induzioni meramente scolastiche, dietro indottrinamenti fascisti, tesi solo a voler oscenamente controllare le stratificazioni splendenti del nostro sentire vivo, del nostro patire, ripartire, emozionarci con calore e puro candore?

Quello che ho capito è che la gente che ti vuole male ne avrà sempre una per demoralizzarti, per spegnere le tue pulsioni, per castigare la nostra spontaneità, per irreggimentarla in facili giudizi legati soltanto all’apparenza e all’orrendo culto dell’esteriorità. Semmai, da adolescente, eri ritroso e rifiutavi la compagnia dei tuoi coetanei perché indubbiamente erano dei cretini. Così ti prendesti le peggiori e più derisorie patenti, ti dissero che eri afflitto da fobie sociali, che eri inetto, e non sapevi affrontare la realtà.

La realtà, amici cari, la costruiamo noi. E se la realtà dei nostri padri è stata una realtà piena zeppa di regole assurde, demagogiche e stupidamente “pedagogiche”, ben vengano gli artisti, che fan cambiare le mentalità, che si prodigano e si sacrificano per ideali superiori, per volontà ecumeniche di pace ed eguaglianza. Perciò, se qualche stronzo vi darà del fallito, del mentecatto, dello sfigato e del perdente, c’è una sola soluzione con una merda di questo genere. Mandatelo a fanculo e, se preferirà un film di Muccino a Heat di Michael Mann, chiamate un centro di salute mentale e curatelo a base di pellicole di William Friedkin.

Voi, che avete creduto di essere diversi, non avete mai pensato che la vostra diversità è un privilegio, una forma mentale e psichica elevata, superiore all’andazzo carnascialesco e puttanesco di un mondo porcellesco? E che le vostre malinconie sono solo l’avamposto di un punto di vista più sofisticato? Meno aderente alla putrescente realtà figlia di puttana?

Edgar Allan Poe era “pazzo”, Martin Scorsese è “aggressivo” nei suoi film, e perfino David Bowie preferiva scoparsi una nerona piuttosto che una scema col cervello proteso alle smancerie e alle melensaggini figlie della dolcezza più finta.

Insomma, leggete qualche mio libro. Alla fine della lettura, la vostra mente avrà esperito sensazioni che avranno dilatato la coscienza, così come Lynch ha reso il mescolar realtà e finzione qualcosa di stupendamente delirante.

Il resto è questo critico che andrebbe preso e sedato!

E ricordate: Qualcosa è cambiato è secondo me un capolavoro. Che classe quel “matto” di Nicholson!

E, tornando ai programmi elettorali, io una bella botta a Tiziana Panella gliela darei.

Il resto sono chiacchiere paracule.

 

di Stefano Falotico, incurabile, non inculabile, sostanzialmente unico

27867901_10204043019473427_1314950251655095038_n

 

 

Tiziana Panella

The Disaster Artist od Orson Welles-Ed Wood deniriano: la mia performance in Euridice nel tempo di un attimo, vedere questo “reperto” per credere

12 Feb

Femme Publique

 

Sì, quanti anni son passati e, da allora, il mio cervello visse attimi che non raccomando a nessuno. Eppure quella purezza di allora è incontrovertibile. Vi mostro un video che ho caricato proprio oggi, non in elenco, estratto dal canale ufficiale YouTube del suo autore. Lo posto io perché, si sa, le cose altrui potrebbero cancellarsi e dunque mi piace conservarle nel mio archivio, anche dei ricordi, delle piacevoli bizzarrie personali, di quei trascorsi irrimediabilmente ingenui da lasciare comunque il segno.

Credo fosse l’anno 2005, circa, giù di lì. E sicuramente fu un anno per me miracolistico, oserei dire. Dopo un periodo immemorabile di buio, di ansietà immani, di notti scambiate per giorno, di vampiristiche depressioni allucinanti ma giammai comunque allucinatorie, eccomi a ridanzar nella vita, con esuberanza quasi cafona e spigliata armonia di superate “fissità” del mio adolescente ancor burrascoso, inquieto e talvolta inquietante, strano, lunatico ma romanticamente lindo nell’anima come potrebbe esser chi, nuovamente catapultato nella realtà giornaliera, rivede ancor il mondo nella sua fresca giovialità, disancorandosi da tante indubbie melanconie glaciali di un me, ripeto, maestro dell’atimia, ringalluzzitosi in maniera ruspante, come lo spumante tenuto in frigorifero che ribolle effervescente, schizzando… dappertutto, bagnando di euforia contagiosa anime, come la mia, empaticamente fervide di emozioni.

Ora, riguardiamo questo “film”. Vi racconterò il dietro le quinte, e di aneddoti romanzerò quel mio balenar baluginante in tanta spontaneità innocente, quasi patetica. Ah, candori irripetibili, che rimpiango nella mesta consapevolezza del mio presente così farlocco, ancor balzano, saltellante di qua e di là con far però mai da furfante ma da (ele)fantino sempre dirompente nella sua sincerità magniloquente e alle volte indisponente. Il Sole, in questo video, tramonta a levante o a ponente? Mah.

Sì, conobbi il Romano grazie ai miei scritti, pubblicati su FilmTv.it. Lui, affascinato dalla mia prosa folle ma saggia, cercò il mio contatto telefonico e m’invitò a casa sua. Presi su la macchina e c’incontrammo al casello di Padova. Poi, mi disse di seguirlo e mi ospitò nella sua magione. Sì, ricordo che indossava un maglione. O era Estate? Qui il mio rimembrar sfarfalla…

Da buoni amici, ci frequentammo puntualmente, e lui veniva a trovare me e io andavo da lui. Parlavamo dei nostri “dissenna(n)ti” progetti. Quindi, un bel giorno si comprò una videocamera e decise di girare un cortometraggio. Nelle ore precedenti, anche se forse fu prima, perdonate l’incertezza della mia labile memoria, mi fece il lavaggio del cervello col Cinema di Andrzej Żuławski e mi costrinse a rivedere, pur avendolo io già visto, Amour braque – Amore balord. Sì, era ossessionato, alla pari della sua ammirazione maniacale per Brian De Palma, da questo regista. Tant’è vero che il suo nickname era Lucas Kesling, ben memore de La femme publique. Peraltro, rimanga fra noi, non credo si offenderà se qui gli rammento che l’idolo imbattibile e non “sbattuto” delle sue fantasie erotiche, proprio Valérie Kaprisky, lo consumava in onanismi “normalissimi”. Spesso “vulcanici” e incontenibili!

Ebbene, mi obbligò a studiare la parte, e non dormii la notte, si fa per dire… Il giorno dopo andai sul set…,
cioè il mini-ambulatorio casalingo del padre. Nelle ore antecedenti avevamo “filmato” scorci paesaggistici a base di steppa, campagna, arbusti, rovi e qualche inquadratura sghemba parimenti “distorta” come le nostri menti bislacche.

Il resto è quello che vedete. La mia recitazione, possiamo dircelo in tutta onestà, è acerba, per non dire pessima, anche se, nonostante il lungo bulbo crespo e già sfiorente, è “ravvisabile” un certo carisma alla Bob De Niro che c’è, indubitabilmente, eh eh, e sono da annotare anche alcune mie “speciali” inflessioni emiliano-meridionali fra il Totò più verace e un ragazzotto che si capisce è cresciuto con tagliatelle al ragù e la “panna montata” dei suoi neuroni intrecciati come tortellini raffinati. No, dico, riguardiamo il min 3 e 46 quando Falotico, cioè il qui presente-assente, con sfacciata sfrontatezza e faccia tostissima afferra il coltello e orgogliosamente inveisce sul “maledetto”. Cult istantaneo! Ah ah.

E perché mai la ragazza si spoglia e rimane in costume da bagno? Sì, invero il Romano morbosamente desiderava “ardentemente” un nudo integrale, ma lei si negò e la nudità fu parziale, assolutamente casta.

Quindi, il Romano, nel finale ha voluto fare qualcosa di “geniale”, giocando col tema del doppio, dell’occhio registico che guarda, “pugnala” lo spettatore, che è al contempo amante e voyeur. Demoni…

 

Insomma, perché poi nel piano sequenza a tre si vedono le mutande del mio antagonista?

Su questo dubbio, la vita va!

Cantore, villico, falso!

Eh, si capisce…

 

di Stefano Falotico

 

Ore 15:17 – Attacco al treno, recensione di Antisistema, utente di FilmTv

12 Feb

5a3d20893345eTHE 15:17 TO PARIS

Visto che porto l’avatar di questo mito del cinema, direi che è giunto il momento che parli finalmente di qualche film di Clint Eastwood, che a oggi volenti o nolenti resta il miglior regista vivente che ci sia ad Hollywood, nonostante gli sparuti detrattori che da American Sniper in poi stanno aumentando sempre più.

Con Ore 15:17 – Attacco al Treno, il regista conclude la trilogia filmica dedicata agli eroi recenti della storia americana; e tutto si può dire di quest’opera tranne che sia un brutto film come la gran parte della critica mondiale ignorante (in primis quella americana) vuole farci credere. Il massacro critico è presto spiegato, come i ben informati sanno, il signor Clint Eastwood sin dagli anni 50 è un sostenitore dichiarato del partito Repubblicano (è registrato come elettore), che ha sempre sostenuto in prima persona (anche con cospicui finanziamenti), e non da ultimo, ha dato il suo appoggio a Donald Trump. Ora da quando questo controverso presidente è riuscito a salire alla Casa Bianca, la reazione delle élite della cultura critica cinematogafica e di Hollywood è stata di totale chiusura verso questa novità. Tutto questo ha portato nell’ultimo anno a una repressione da parte della critica di tutti i film che non seguissero certi dettami come : il politicamente corretto, il femminismo, adeguata rappresentazione delle minoranze etniche, favore verso i diritti civili etc… in sostanza la solita solfa sterile di idee di sinistra… ma rigorosamente quella educata e “borghese” (chi spiega a questi geni che se non si raggiunge in primis una prequazione economica, i diritti che in astratto avrei non potrei ma farli valere nel concreto?). Il cinema di Hollywood oramai (quello impegnato in primis, ma anche il mainstream), sembra essersi ridotto per lo più a sterili spottoni di propaganda sulle pari opportunità e sui diritti civili affrontati in modo scolastico e con pensierini da terza elementare. Non dovrebbe stupire quindi che un regista, il cui cinema sin dagli anni 70 trae molta forza dalla rabbia, dall’insoddisfazione e dalla rappresentazione della lacerazione degli Stati Uniti, venga accolto molto male con questo film che non si preoccupa di seguire alcuna moda imperante del pensiero ed affronta in modo controverso la trattazione della materia in questione.

Affrontata questa doverosa premessa; c’è da dire che la trama è molto semplice e stringata, nonché nota poiché tratta da un fatto di cronaca molto recente e a cui è stato data ampio risalto.

Skarlatos, Stone e Sadler; sono tre ragazzi (i primi due sono anche militari in licenza) in vacanza nelle capitali europee che, durante un viaggio in treno verso Parigi, si troveranno loro malgrado ad affrontare e a sventare un attentato terroristico di un affiliato dell’ISIS.

 

Il film è semplice, schietto e diretto; questi tre giovani sono di forte ideologia Repubblicana e Clint Eastwood senza alcun timore reverenziale ce lo sbatte subito in faccia. Stringatezza e essenzialità nella narrazione della storia sono i due elementi cardini su cui si fonda quest’opera, che inizia dall’infanzia dei tre giovani per poi mostrarci di tanto in tanto dei flashforward dell’attentato al Treno del 21 Agosto 2015. Skarlatos, Stone e Sadler (Eastwood si focalizza specialmente sulla figura del secondo), sono tre giovani percepiti sin da piccoli come “anormali” e poco disciplinati. La loro vita è pura frustrazione per via di una società che punta a inculcare idee senza però spiegare il perché di esse (in primis i valori religiosi della scuola cristiana in cui i nostri tre ragazzini fanno parte). L’unico collante che li unisce è per assurdo la guerra… infatti passano lunghi pomeriggi a giocare a essa che, lungi però all’essere vista come demoniaca, è l’unico elemento che consente a questi tre ragazzini emarginati dal sistema di fare del cameratismo tra loro.

Come detto in precedenza, il cinema di Clint Eastwood sin dalle origini (e anche in veste puramente di attore) è cinema fatto di rabbia contro qualcosa o qualcuno… le istituzioni, i politici, la società, certe idee finto progressiste utopiche etc… ed Eastwood con quest’opera mette in piena luce tutto questo. Scegliendo di far interpretare il film ai veri protagonisti della vicenda reale, il regista cerca un’urgenza espressivo-formale che dei veri attori non avrebbero mai potuto dargli. Quello che la critica ha scambiato per appiattimento, semplificazione e inespressività degli attori, non è altro che la messa in scena della vita vera in tutto e per tutto. Per Eastwood i veri eroi non sono quelli che la Marvel ci vuole propinare con i suoi esseri fascisti di plastica e cartapesta, né gente dall’alta integrità morale e ideologica che spopolano in tanti biopic celebrativi (anche degli ultimi anni purtroppo); ma l’eroe per il regista è chi riesce a reagire immediatamente (anche incoscientemente) innanzi a un problema di grave entità e riesce ad affrontare in modo pragmatico quanto diretto tutti problemi della vita che sembrano volerti solo stendere. Interessante il discorso sull’immagine che il regista ultra-ottantenne riesce a compiere (e qua si collega alla TV di American Sniper che mostra le immagini dell’attentato alle Torri Gemelle) nella seconda parte di film molto criticata, dedita al turismo.

La vita di questi giovani e della loro generazione è fatta di immagini e indottrinamento tramite di esse. L’unico modo di potersi sentire qualcuno è replicare battute di film di scarso valore come quelle del Gladiatore nel Colosseo, oppure fare continui selfie (autoscatti) per condividere le proprie foto con gli altri… è l’immagine di sé che conta e non l’esperienza che si sta vivendo. In questo modo, questa generazione di esseri anonimi, pensa di poter uscire dalla massificazione egualitaria a cui sembra condannata, pensando di trovare la propria affermazione nel mare magnum della rete. Non a caso la regia, nella parte turistica del film, fa molto uso di stereotipi buttati in faccia allo spettatore e riprese tipiche da video condiviso da Instagram. Una generazione superficiale di americani che quando vanno in vacanza sono sempre i soliti cafoni (che poi per inciso, quando vado in vacanza, in un posto mai visto, vedo i monumenti, non è che vado nei luoghi quotidiani… sennò che viaggio a fare), che pensano che tutto ruoti intorno a loro e che la storia sia stata fatta da loro (un sapiente uso dell’ironia da parte della guida tedesca a Berlino fa capire che non è per niente così perché in effetti gli americani si prendono tutti i meriti, anche quelli che non sono i propri… come dire… se vi sono registi che pomposamente e didascalicamente celebrano gli Usa, il nostro vecchio Clint con una maestria da veterano demolisce il suo paese con una battuta politicamente scorretta).

In tutto questo vissuto normale di quotidianità vacanziera, il protagonista Stone ci dice ad un certo punto che forse pensa di poter essere destinato a qualcosa di più, ma è una riflessione giovanile superficiale, che viene subito derisa dal suo amico Sadler; ma la ripresa panoramica di Venezia fa capire come in realtà ognuno di noi, pur essendo interconnesso in un flusso vitale (in questo caso i calli di Venezia), cerca di trovare il modo di potersi realizzare uscendo da esso. A Eastwood non interessa il momento del treno, quello è un episodio che casualmente faceva parte del flusso della vita dei nostri tre amici e in cui, partendo da un semplice viaggio quotidiano, sono riusciti a salvare la vita a tante persone. Inoltre al regista non interessa minimamente creare momenti memorabili, perché tre amici che vanno in vacanza si comportano veramente così e non c’è bisogno di forzare l’espressività dei protagonisti, né di romanzare qualcosa dietro a questo viaggio e né di rendere il tutto artificioso con la recitazione di veri attori che, pur immedesimandosi nei veri protagonisti, non potranno mai far vivere la vera esperienza di quell’evento. In sostanza Clint Eastwood fa sembrare con questa sua scelta artistica invecchiati all’istante molti biopic contemporanei che puzzano di classicismo obsoleto, vecchio e stantio. Questi tre ragazzi (più un’altra persona) sono dei veri eroi; perché in quel preciso momento non c’era un’ideologia politica da difendere o quant’altro, ma si doveva solo agire e basta. Non c’è bisogno di approfondire il personaggio del terrorista di cui Eastwood sino all’ultimo non ci mostra il volto, poiché il pericolo è rappresentato da chiunque e ci passa accanto nella nostra vita e noi neanche ce ne accorgiamo (illuminante la scena del tizio di colore nel treno, e di fuori c’è il terrorista che tranquillamente cammina con il trolley). Un attentato sventato in modo secco, asciutto e senza retorica enfatica… realismo estremo e nessuna costruzione… non siamo assistendo alla recitazione, ma ciò che vediamo è un vero pezzo di vita. Il terrorista è solo un invasato che voleva fare una strage e saggiamente Eastwood non si addentra in una stupida quanto razzista critica contro i musulmani (l’ISIS viene citato di sfuggita da Skarlatoa in una conversazione internet… tutto viaggia verso il mare magnum della rete).

Che potrei aggiungere… l’ennesimo grande film di Clint Eastwood demolito da un’ignorante critica tesa a esaltare prodottini ordinari e demolire i veri film di qualità come questo… ce ne faremo una ragione e chi apprezza il vero cinema se lo saprà godere tranquillamente.

Sono un ottimista, quando dormo

11 Feb

0087 03140116

Eddie Brock (Tom Hardy) in Columbia Pictures' VEMON.

Eddie Brock (Tom Hardy) in Columbia Pictures’ VEMON.

Sì, la realtà è abominevole, è qualcosa da cui gli uomini dotati di intelletto devono starci lontani. E gustarsi dei bei sogni a letto. Ah, i letti. Ricordate: le notti in bianco sono meglio di quelle in branco, e le donne sono esseri che ti dissanguano, succhiano il miele e anche “qualcos’altro, e poi vanno in bagno a pulirsi, lasciandoti nudo dopo averti spogliato.

Oggi, su Facebook uno ha scritto che non vede l’ora di ubriacarsi di nuovo e limonare la sua bella. Di mio, mi basta il Limoncello, bevanda meno aspra del retrogusto amaro delle “trombate”…

Aspettatevi sempre di riceverle, anche se sarete invitati a un ricevimento. Se fosse per me, la crescita demografica non esisterebbe e sarebbe un arido censimento, essendo io uno che non abbisogna dei “tamponamenti”. Eh sì, state sempre a tamponare qualcuna, a tampinarla, di bocca tapparla se dopo l’orgasmo vi prende in quel posto. E allora comunque nascono i figli, scaraventati in questo mondo oggi dominato dalle citazioni su Facebook, ove ogni uomo medio, con tanto di sfondo “colorato”, elargisce quotidianamente perle di “saggezza” ad altri porci, calmando i suoi spiriti bollenti nell’istante di quel post fugace come la sua anima poco rapace. Sì, siamo pieni d’incapaci. Ah, che “godimento”, vero, ricevere i famosi Mi piace. Una magra consolazione per una patetica condivisione. E condividendo ecco che spopolano i dementi, e tutti si sentono re per 15 secondi di celebrità triste quanto il trailer di Venom, l’unico trailer su un “mostro” che non vediamo, perché non hanno avuto tempo per ricrearlo a computer, in cui però sentiamo solo la voce di Adriano Giannini che recita delle banalità dostoevskiane degne del teenagerismo più scioccamente ruffiano. Sul Giannini ho molte riserve. Doppiò talmente “bene” McConaughey in True Detective che ad ascoltarlo mi venne sonno. Sì, questo qui fa la voce del duro stereotipato, e carica le sue corde vocali d’intonazioni sfumate quanto un film di Andy Warhol. Cioè di una monotonia emozionale da lasciar senza parole. Sì, stia zitto questo Adriano e impari a usar la voce come Celentano, uomo scimmiesco d’ignoranza fenomenale e qualità attoriali da asilo infantile eppur “carismatico” di sfacciataggine imbattibile.

Sì, in Italia abbiamo l’Ambra Angiolini, una che s’è messa con Allegro Massimiliano, allenatore che se la deve vedere con la città del Maschio Angiolino, cioè con la squadra del presidente più “intellettuale” del “belpaese”, De Laurentiis, uno che col pizzetto “snob” vuol farci credere che è un produttore cinematografico, quando invero è solo uno che fa soldi grazie a De Sica Christian.

Ma d’altronde tu segui la Liga Spagnola o la f… svedese? Sì, scommettiamo sulla vittoria del Barcelona, e diamo il Pallone d’oro a Ronaldo Cristiano, mentre perderete un’altra bolletta della SNAI e i calciatori vivranno in ville di lusso. Voi invece avrete una vita piena di “lussazioni”.

Ah, poi c’è la lussuria. Le donne, sempre loro, non lo dicono ma amano essere molto “amate”, basta che l’uomo che “amano” abbia i soldi, e stanno con te. Sì, infatti non ho mai capito tanto la differenza fra una pornoattrice e una meretrice e una “seria col cervello” che sta con Berlusconi. Una viene considerata la feccia, l’altra una presentabile faccia. Quasi “votabile”. Che poi è vero, infatti in Parlamento è pieno di puttanoni.

Tutti sono presi dalla progettualità. Son sempre impegnati, e lavorano, lavorano, lavorano, tant’è vero che aspettano la domenica per “divertirsi”, giocando a tombola. Insomma, persone già nella tomba, vite davvero “eccezionali”, ma sono “brave” persone, infatti hanno tutti i dvd dei film di Muccino Gabriele. Ho detto tutto…

Mah, sarà. Hanno accusato Kevin Spacey di avere una predilezione troppo “pronunciata” per i ragazzini, invece Piccolo Grande Amore del Baglioni è considerata una canzone “dolce”…

 

Quella sua maglietta fina

Tanto stretta al punto che mi immaginavo tutto


E quell’aria da bambina

Che non gliel’ho detto mai ma io ci andavo matto…

 

Di mio, talvolta mangio i tortellini della Fini.

Non so se sono fine e se è la fine, non m’impiccherò con una fune ma ho una faccia da culo come quella di de Funès.

 

Sempre meglio di Bova.

 

Sono un cinico, sì, ma amo il Cinema di Michael Mann.

 

Miei bovari, sembro di emozioni avaro, ma non bisogno del VAR per sapere se in un bar ci sono i bari.

Alle volte, ci sono anche i baresi assieme alle donne bavaresi.

E su questa stronzata permettetemi di andare ora a cagare. Che indigestione!

 

di Stefano Falotico

Le tatoué Year: 1968 Director: Denys de La Patellière Louis de Funès

Le tatoué
Year: 1968
Director: Denys de La Patellière
Louis de Funès

 

00789103 03619115

 

 

 

Ore 15:17 – Attacco al treno secondo Stanze di Cinema

10 Feb

Attacco al treno Eastwood

Arrivato alle soglie dei novant’anni, Clint Eastwood ha deciso, con i suoi ultimi tre film, di ritornare su uno dei temi chiave della sua riflessione di regista, raccontando l’eroismo inconsapevole dell’uomo comune, di chi al momento giusto decide di agire, di prendere in mano il proprio destino e quello degli altri.

E se Hollywood dopo il crollo delle torri si è sempre più focalizzata sui superuomini in calzamaglia e maschera, Eastwood ha deciso di raccontare una faccia diversa dell’american way.

Come sempre nelle sue riflessioni, l’ideale libertario e l’individualismo di stampo liberale e ottocentesco hanno un peso che si declina diversamente a seconda del momento storico e degli accenti che Eastwood intende porre al suo discorso.

E allora ogni tanto sembra spostarsi più a destra come nel patriottico e semplicistico American Sniper, oppure più a sinistra quando racconta il desiderio di fare la cosa giusta a prescindere dalle buone regole, imposte dalle istituzioni, come in Sully.

In questo nuovo film Ore 15:17 – Attacco al treno, sceglie di mettere in scena la storia vera di tre amici di Sacramento, in viaggio alla scoperta dell’Europa, capaci di sventare un attentato terroristico sul treno da Amsterdam a Parigi, il 21 agosto 2015.

Due dei tre sono soldati di stanza nel Vecchio Continente, Spencer e Alek, un terzo, Anthony, è invece arrivato dagli Stati Uniti, apposta per passare una vacanza indimenticabile, con gli amici d’infanzia.

I tre ragazzi sono i protagonisti anche del film. Eastwood ha scelto di affidare a loro i ruoli principali del suo film.

È una scelta non nuova nella storia del cinema, ma piuttosto inconsueta all’interno dell’industria americana, dove il professionismo impera.

La sceneggiatura di Dorothy Blyskal è tratta dal libro che i tre hanno scritto per raccontare la loro storia.

Il film però non è un thriller sul treno, ma grazie a lunghi flashback, racconta l’incontro dei tre alle scuole medie cattoliche, la loro amicizia, la separazione dovuta alle diverse scelte delle loro famiglie.

Seguiamo in particolare Spencer nel suo tentativo di arruolarsi negli aviotrasportati, i suoi sacrifici, i fallimenti.

E poi seguiamo i tre nelle tappe del loro viaggio europeo. Prima Roma, quindi Venezia, Berlino, Amsterdam.

L’attacco al treno occupa solo l’ultimo quarto di un film breve, lineare, che cerca di evitare la retorica, in nome di un minimalismo assoluto.

Eastwood prosciuga ancora il suo stile, sceglie la semplicità più radicale, che fin dalla scelta di un gruppo di non-attori spinge il suo film verso un’essenzialità che forse non farà contento il suo pubblico, ma che invece racconta bene la sua idea di cinema.

Non siamo di fronte ad uno dei suoi film migliori, questo va riconosciuto: la sceneggiatura ha qualche buco, qualche caduta di tono, cerca di costruire attorno ai protagonisti una storia che forse va cercata più nelle pieghe del racconto che non nel suo sviluppo esplicito.

Eppure Eastwood, come accade spesso nel suo cinema, disattende ogni premessa e ogni illusione.

Il romanticismo, con cui Spencer e Alek immaginano la guerra e la vita del soldato, si scontra con una realtà tutta diversa: il primo scartato dalla burocrazia e costretto a imparare a cucire e fare l’infermiere, come addestramento alla sopravvivenza, il secondo da solo in Afghanistan a chattare via skype con gli amici lontani, isolato in un posto di cui non frega più niente a nessuno, perché il nemico ora è cambiato ed ha le forme sfuggenti dell’ISIS.

Non c’è più un territorio da conquistare, un campo su cui misurarsi, un obiettivo a cui dedicare il proprio coraggio. Come gli dice una guida turistica a Berlino, sarebbe ora di finirla anche di raccontare la Storia dal punto di vista del pensiero dominante americano.

È appunto nelle pieghe di questo Ore 15:17 che il cinema di Eastwood si manifesta più chiaramente e la storia semplice e lineare non è davvero così diretta, come sembrava all’inizio.

Anche nel finale all’Eliseo, con il vero Francois Hollande, la malinconia e l’anti-retorica prevalgono sulla celebrazione, in un film lontanissimo da ogni cinismo, che continua ad interrogarsi sulla natura umana, sui suoi motivi, sui sentimenti che la muovono.

Ore 15:17 – Attacco al treno, la questione Eastwood

10 Feb

Attacco al treno

L’ultimo film del Maestro fa discutere, la Critica in maniera pressoché unanime l’ha stroncato, definendolo il peggior film in assoluto della sua comunque indiscutibile carriera. E fioccano gli insulti, tutte le ombre che Eastwood aveva cancellato attorno alla sua persona “equivoca” e ambigua ecco che rifioccano. E la gente, in maniera unforgiven, si accanisce, coprendolo di vergogna. Io risparmio il mio giudizio a visione avvenuta che, in quanto ancora non successa e credo che accadrà Lunedì pomeriggio, non può esternare il suo parere.

Mi limito a osservare questo costernante bombardamento senza precedenti, rimanendo basito. Sì, io, essere vagante e alle volte vacante ma giammai vacuo, che ho elevato la perplessità a mio sguardo sul mondo, che è sempre suscettibile di dubbi, qui copio-incollo alcune recensioni che mi hanno indotto a pensare. E pensare non fa male, amici che sparate a zero, sentenziate con faciloneria degna dell’Inquisizione più mendace, e oscurantisti votate Salvini per un mondo poco fraterno ma invero, vi dico, assai ostile alla convivenza pacifica e al rispetto democratico delle opinioni che possono turbarvi.

Titolo originale: The 15:17 to Paris, durata 1h e 34 min

 

Mi duole il cuore vedere come un regista che mi ha emozionato decine di volte con i suoi film riesca a fare qualcosa di così atroce come Ore 15:17 – Attacco al treno.

Nonostante il nome altisonante di un Maestro come Clint Eastwood, non posso difendere un lavoro talmente retorico, reazionario, razzista e così modesto nella messinscena e nella narrazione da far accapponare la pelle.

Un film che passa costantemente il messaggio che la guerra sia una cosa bella e giusta non merita rispetto.

 

di Sharif Meghdoud, mio contatto Facebook, abrasivo, pungente, alle volte nullafacente, in qualche ora del giorno dormiente, come tutti

 

“Ore 15:17 – Attacco al treno” di Clint Eastwood, in sala da oggi, è purtroppo una sonora e spiazzante delusione.

È come trovarsi di fronte a un film di Eastwood privato della grandezza di Eastwood, un’operazione dove la “retorica” e il “patriottismo” connaturati e incorporati al suo cinema (qui, purtroppo, sono senza virgolette) non fanno i conti con le zone d’ombra che da sempre lo abitano e lo rendono grande.

Come nel caso dell’automa Chris Kyle di “American Sniper”, il più controverso degli esempi recenti: cecchino divenuto automa, sensazionale racconto della genesi di una macchina da guerra da una prospettiva ideologica tutt’altro che contraria e dunque illuminante, non giudicante.

La sospensione repentina e agghiacciante del chiaroscurale discorso eastwoodiano è invece in questo caso piuttosto sconfortante e si abbandona alla superficie letterale dell’eroismo con una serie di scelte sorprendentemente pigre: l’interminabile racconto dell’infanzia degli eroi non per caso ma già per desiderio, il viaggio in Europa alla «To Rome with Love», la piattezza formale da far cadere la mascella, la voce off evangelica del più militarizzato dei tre protagonisti.

Il fatto che il film sia interpretato dai veri, giovani uomini che sventarono l’attacco jihadista su quel treno diretto a Parigi da Amsterdam aggiunge un coefficiente di ambiguità che Eastwood non affronta, non risolve, non getta sul piano dell’esperienza di un momento di tensione irripetibile.

Il re-enactment avrebbe potuto fornire possibilità nuove e inattese, invece restano soltanto i fantasmi di un progetto sfuggito di mano, a cominciare dalla sceneggiatura di Dorothy Blyskal: un vistoso tallone d’Achille che i detrattori più ostinati potranno impugnare con foga e a futura memoria, ma anche con effetto retroattivo.

Un film sbagliato come questo non cancella invece la grandezza di Eastwood, ma chi ha rifiutato “American Sniper” qui dovrebbe come minimo levare gli scudi.

È il suo film peggiore, senza appello.

Tristezza.

di Davide Stanzione, redattore di Best Movie e mio amico a fasi alterne, forse altere, che non conosce la pizzeria Altero

 

E così, tra Il Fatto Quotidiano che lo definisce bellissimo, e Alò che sostiene sia geniale, aspetto il mio responso, in quanto uomo oggi stronzo, domani come questo McConaughey.

 

E ricordate: di Falotico ce n’è uno, ma Santamaria mi imita in maniera dubbia.

E, a proposito di cecchini, la mia vicina di casa, Angela, che di cognome fa appunto Cecchini, stamattina, in mia assenza, ha ritirato il mio Blu-ray di Ronin speditomi da Amazon.

Perché io sono uomo come Sam, segretamente so cosa c’è nella vostra valigetta, e lo sapevo anche prima di guardare Pulp Fiction.

Su questa stronzata, vado a vedere che posso cucinarmi a pranzo. Credo che mangerò dei maccheroni o forse degli spaghetti western.

Sì, nella vita si può perdere il treno, ma io guido la macchina. E lei, signora, si attacchi al tram. Lei, invece, che ha gusti sessuali che non mi appartengono, si faccia il trans.

 

di Stefano Falotico

 

Santamaria Stefano mcconaughey

Genius-Pop

Just another WordPress site (il mio sito, cinematograficamente, geniale)