Archive for September, 2019

Le gambe più sexy del mondo, ELIZABETH OLSEN


22 Sep

elizabetholsen

C’ERA UNA VOLTA A… HOLLYWOOD – What Just Happened al Falò? Perché contesta Mr. Marra?


22 Sep

dav

Innanzitutto, prima d’acclamare l’opus numero 9 di Tarantino, recatevi su IBS.it e comprate il libro Hollywood bianca del Falotico. Opera numero due della sua produzione letteraria. Poi ne riparliamo.

Sparatevi questi due video se volete. Sennò, fatevi una sega su Bridget Fonda di Jackie Brown e così sia.

Ah ah.

Dopo averli visti, ditemi tutto o mandatemi a fanculo subito, ancora prima di aprirle. No, aprirli.

Detto ciò, passiamo a questione quasi omeriche.

Ancora la vecchia storia secondo cui i cinecomic e le graphic novel sono cultura bassa?

Ebbene, io amo sfatare tutto. Ribaltare le logiche. Poiché, nella medietà conformista, nelle rigide prese di posizione immotivatamente radicali, v’intravedo sempre qualcosa di enormemente pregiudiziale.

Adoro abbattere i luoghi comuni e, purtroppo, in Italia siamo ammorbati dalla retorica qualunquistica, dai girotondi delle banalità a buon mercato, poiché l’Italia non si smentisce pressoché mai nel suo essere vetustamente agganciata a valori superati, a etiche retrograde, a una mentalità da tromboni da tempo immemorabile fottutisi e auto-trombatisi.

Da quando m’affrancai da certe marcissime convenzionalità iper-conservatrici, oscenamente moralistiche, orrendamente pedagogiche e dunque semplicemente raccapriccianti nel proporre un modus vivendi e “ragionandi” oramai tanto innaturale quanto inattuabile che, come si suol dire, non sta più né in cielo né in terra, la mia esistenza immensamente ne ha giovato. Ne giovò. Evviva il lancio del giavellotto!

E Ginevra che fece? Tradì Artù col Lancillotto? Mah, meglio mangiarsi un panzerotto. Cioè DiCaprio. Ah ah.

Anzi, a dirla tutta, sono da allora profondamente ravvivato, nell’anima rinsavito, in una parola semplice voglio dire e dichiarare con estremo entusiasmo, simile a un’estasi mistica, che sono ritornato furentemente all’azione fancazzista. Ah ah. No, spingo con più piglio anche se ancora poche ne pigi. Ah, adoro il mio pigiamino…

Sì, a causa di tutte le reprimende e delle contenzioni psicologicamente sedative inflittemi, delle suggestioni bigotte e oscurantistiche superstizioni stronze, mi chiusi talmente tanto da sfiorare quasi il mutismo. Relegato in una dimensione talmente asfittica e ascetica da far scendere soltanto il latte alle ginocchia in maniera tristissima.

Per quanto tempo, ad esempio, dovremmo ancora sentire la stolta idiozia secondo la quale il liceo classico è la scuola culturalmente più formativa?

La cultura vera, sentita, amata e inoculata nell’anima, introiettata nel cervello e nei nostri cuori non è qualcosa che si possa parcellizzare in classi(smi).

Sarebbe come dire che Maradona fu il calciatore più forte degli anni ottanta perché frequentò una scuola di Calcio prestigiosa. Ma de che?

Maradona cazzeggiava a tutto spiano e manco si presentava agli allenamenti. Poiché, nonostante un po’ d’evidente pancetta e la sua testa indubbiamente folle, quando in campo scendeva, cazzo, dimostrava che non abbisognava d’alcuna regola balistica impartitagli dall’allenatore-statista.

Dunque, non voglio più sentire altre stronzate da ballisti. Cioè che la Juventus vince sempre lo scudetto perché Agnelli sa scegliere gli allenatori più bravi.

Grazie al cazzo che vince. Ha la squadra coi giocatori più forti. L’allenatore non c’entra un cazzo.

Per esempio, Maurizio Sarri è un campagnolo, un villano, un cafone mai visto. Se allenasse il Lame Ancora, squadra del mio quartiere in cui militai sin all’età dei diciotto anni, al massimo vincerebbe il campionato provinciale e qualche torneo rionale. Ma non per merito suo. Avrebbe trionfato grazie a me. Ah ah.

Una volta, un mio allenatore dal cognome Bongiovanni mi sfidò:

– Stefano, ti sbatto in panchina. Cominci a starmi sul cazzo. Al tuo posto, metto Chiesi (no, non Chiesa, Chiesi). Vedrai che vinceremo lo stesso.

 

La partita finì 4 a 0. Quattro per la squadra avversaria, però. Ah ah.

Ve ne racconto un’altra.

Durante un allenamento pomeridiano, un mio compagno, non mi ricordo se Pirillo o Cetti, assistette a un mio goal pazzesco su punizione.

Al che, urlando come un matto, esclamò:

– Fermi tutti. Goal enorme, sì. Ma trattasi di colpo di culo.

Facciamo una cosa.

È un allenamento. Rischieriamo la barriera e posizioniamo la palla nella stessa posizione. Voglio proprio vedere se questo Falotico riuscirà a ripetersi.

 

Al che, sussurrò alla sua ragazza, la quale era a bordo campo ad assistere al suo gagà, quanto segue:

– Ehi, mia bella, adesso io e Falotico scommettiamo 100 mila lire (eh sì, all’epoca c’erano le lire).

Se riuscirà a realizzare nuovamente un goal come quello di prima, io gli darò 100 mila lire. Se invece non ce la farà, com’è ovvio che sia, Falotico mi darà il centone.

– Accetto – risposi io.

– Perfetto. Bravo, coglione. Ecco, a posto. Barriera schierata. Quando sei pronto, Stefano, calcia pure. Voglio proprio vedere se ancora infilerai la palla sotto l’incrocio.

 

La palla finì all’incrocio. Peraltro, col portiere che si lanciò verso lo stesso incrocio della prima volta. Che pirla… ah ah. Quello che si definisce un volo d’angelo da trimone.

Partì perciò la reazione isterica della sua ragazza:

– Idiota! Stasera dovevamo andare a mangiare fuori. Quelle cento mila lire erano la tua paghetta. Stronzo!

Ah ah.

 

Questo per dire che non dovete dare mai per assodato nulla.

Tranne questo…

Carlo Buccirosso, presente in 5 è il numero perfetto, è un ottimo caratterista e anche un bravo attore protagonista delle sceneggiate napoletane. Se però in Joker, al posto di Joaquin Phoenix, vi fosse stato lui, ne sarebbe venuto fuori un film comico.

Ho detto tutto…

Anzi, no.

Sarebbe come dire… prendiamo uno di questi sessantenni che disprezzano i giovani e il nuovo Cinema, facendo loro interpretare la parte da codesti tanto mitizzata, essendo legata ai loro entusiasmi giovanili, di Al Pacino in Serpico.

Forza, suvvia. Il circolo ARCI vi aspetta e, come dicono in meridione, fancul’ a mammata.

A me fanno inoltre molto ridere quelle ragazze che si professano virtuose e ambiziose. Quelle sui trent’anni, per intenderci.

Ora, non vanno con un loro coetaneo in quanto, nonostante lui abbia un’età per cui si presuppone che maturo dovrebbe esserlo, queste qua lo considerano, appunto, immaturo e un eterno, inaffidabile Peter Pan.

Poi, per divertirsi, vanno però con uno qualsiasi.

Se invece vengono contattate da un quarantenne, lo snobbano e l’offendono pure, reputandolo troppo vecchio.

Insomma, detta schiettamente, non sanno che cazzo vogliano.

Dalla vita?

No, nella figa.

Ah ah.

 

Questo è un (im)puro dialogo pulp che fa discussione sterile eppur giocosa fra iene.

Madonna era come la Virgin? Ma de che?

Intanto, il Genius-Pop, alias Joker Marino… passeggia e dà non solo nell’occhio.

 

di Stefano Falotico

dav

mde

dav

JOKER è il film più importante di sempre, siamo stanchi di Tarantino e dei solipsismi vari


21 Sep

joker apocalisse testi milian dollaro bucato vera gemma

E non voglio sentire ragioni.

Non voglio sentire, per esempio, Federico Frusciante delirare e obiettare in merito. Innanzitutto, durante la lavorazione di questa pellicola, ne disse peste e corna, inconsapevole che non fosse un cinecomic.

Ma Fede è perdonabile per via della sua natura da livornese ruspante che, appunto, non la manda a dire.

Ma è victorlaszlo88 che a raffica sta vomitando cagate a iosa.

Victor furoreggia su suoi capelli da Angelo Branduardi. Sì, se Angelo cantò Alla fiera dell’est, Victor per du’ soldi di tremila visualizzazioni in più, cazzeggia a tutto spiano, trolleggia da saputello nerd, sostenendo che l’ultimo film di Tarantino sia un capolavoro assoluto quando invece, a confronto, Un dollaro bucato con Giuliano Gemma/Montgomery Wood e I quattro dell’apocalisse di Lucio Fulci con Fabio Testi e Tomas Milian sono talmente trash da superare di guilty pleasure quest’immonda scemenza di Quentin.

A cui consiglio, onestamente, solo un piatto di fagioli da Terence Hill de Lo chiamavano Trinità. Poiché non deve più scoreggiarci certe cagate.

Sì, fu proprio Tarantino a inserire nelle retrospettive dei western all’italiana di serie b, in Sala Perla, al Festival di Venezia di molti anni or sono, queste perle scult.

Sì, prima che morisse, vidi Giuliano Gemma dal vivo vicino all’Hotel Excelsior. Leccò un gelato. Poi, senza dare nell’occhio, lanciò il cono in mare, continuando a camminare con signorilità e portamento da Clint Eastwood dei poveri.

Sua figlia Gemma è comunque una gran figa. Le scrivo spesso su Facebook ma lei non mi fuma. Notai immediatamente il suo culo liscio, notevole, gustoso e vellutato in Scarlet Diva della sua amica Daria Argento.

Ah, bell’amica. Guardate la scena “pasoliniana” da Sodoma… nel film succitato e poi ditemi se è un modo onorevole di omaggiare un’amica…

Victorlaszlo88 sostiene inoltre che Mike Moh sia identico al vero Bruce Lee. Ma che dice? Non era uguale, anzi diversissimo, perfino suo figlio Brandon.

Rispetto a Mike Moh, è più simile a Bruce Lee il nero del semaforo di via Prati di Caprara. Il quale, se non gli dai un Euro per averti lavato i vetri, si contorce in gridolini isterici, appunto, da Bruce Lee incazzato forte.

E ti spacca il cofano col solo potere del palmo della mano.

Victor afferma altresì che Margot Robbie sia la fotocopia di Sharon Tate. Ma de che?

Margot sembra appena uscita da Baywatch.

Ah, la mia figa preferita di Baywatch fu Marliece Andrada. Sono cazzi miei.

Ma non perdiamoci in donne bombastiche. Tanto Hugh Hefner di Playboy è morto e il puttanaio aumenta lo stesso a dismisura più delle nottate nella mansion di Hefner stesso, no, non Charles Manson, di James Caan. Sì, non lo sapevate? James Caan fu un conclamato puttaniere. Fra un Padrino e Rollerball, si rilassava con le bagasce rifornitegli da Hugh. Un uomo da Funny Lady.

Sì, Joker è il film più importante del mondo. La storia di uno che potremmo ribattezzare lo sputtanatore di tutti. Un genio.

Ma finiamo(la) con Tarantino.

Mr. Marra sostiene nella sua video-recensione di C’era una volta a… Hollywood che l’arte sia l’escamotage che l’uomo ha trovato per sopperire alla noia, per rendere il mondo più colorato di quanto in realtà non sia. Il mondo non è così bello come al Cinema.

E se invece ribaltassimo tutto?

Con un atto di coraggio potentissimo?

Per millenni l’uomo ha pensato che vivere in un certo modo, cioè schiavo dell’epoca in cui visse e sublimare la tetraggine e le noie nell’arte per ovviare alla sua tristezza esistenziale, perlomeno ai suoi momenti bui, per colorare la vita sua e altrui, significasse essere un artista.

E se invece l’arte moderna e contemporanea fosse oggi come oggi compiere il passo veramente evolutivo?

Cioè rendere la vita di noi tutti un’arte stessa? E, anziché migliorarci nell’arte, dunque in tal caso nella finzione, trasformare la nostra intima verità in arte mondiale?

Questo Joker lo fa.

Dice la verità. E dice con potenza immane che così non possiamo andare avanti.

Questa società è disagiata, disastrata, piena d’ingiustizie poiché l’uomo ha voluto che fosse così, mentendo per conservarne lo stato sbagliato, colmo di disparità.

Cioè, ha desiderato che il mondo fosse brutto e lo sublimassimo, per esempio, nel Cinema, lasciando la quotidianità triste alle nostre vite stesse.

Così facendo, abbiamo solamente creato più solitudine, più virtualità fallace. Ovvero il mondo è una menzogna, un inganno in quanto noi stessi ci siamo auto-ingannati, credendo che comportandoci così il nostro personale mondo sarebbe stato accettato da noi stessi.

E, in questa planetaria balla, è presto spiegato perché la gente sia depressa.

Semplicemente perché ha sublimato soltanto nell’arte la non accettazione della sua umanità.

È dunque l’umanità che deve diventare Arte maiuscola.

Mi spiego meglio.

Ora, parliamo di Arthur Fleck. Todd Phillips e lo sceneggiatore Todd Phillips non ci spiegano di quale “malattia mentale” soffra Fleck. Un po’ la stessa cosa che fecero Martin Scorsese e Paul Schrader con Travis Bickle di Taxi Driver.

Travis è schizofrenico, è un uomo affetto da disturbo borderline, è solo depresso, arrabbiato, incompreso o crede, illusoriamente, che salvare una prostituta minorenne dai papponi sarà la catarsi redentiva del suo male di vivere?

No, Travis salva Iris ma continua a essere Travis. Non è cambiato. Mentre Fleck si ribella ai soprusi. Rimanendo Joker in quanto così è nato. L’ha solo scoperto.

 

Morale: chi s’illude che con l’arte cambierà il mondo, si sta fregando. M’ha sempre stupito, a tal proposito, una cosa che disse Pasolini quando gli chiesero se lui si sentisse orgoglioso di essere considerato un uomo importante. Lui rispose… no.

La vanità dura un battito di ciglia, poi si ripiomba nell’oscurità e si sublima nell’arte la consapevolezza di essere diversi da una modella che ottiene due mila mi piace sulla sua nuova foto su Instagram e n’è contenta da matti/a, tirandosela.

È un’idiota.

Poiché non ha capito che in verità all’altro non frega un cazzo di lei.

E s’è fatto solo una sega.

Come l’ultimo film di Tarantino.

 

In parole povere. Potrei pure adorare la sciocchezza di Tarantino ma, se Tarantino domani morisse, continuerei ad amare solo la sua opera.

La vita era la sua. Non la mia.

Credo che manco a sua moglie sbatterà un cazzo. Tanto, ne troverà un altro.

 

Finisco con questo.

Non vi racconto balle.

 

Tempo fa, due psichiatri disputarono nei miei riguardi similmente a Will Hunting:

 

– Hai letto che cosa ha scritto questo ragazzo? Devo subito aiutarlo e inserirlo in un ambiente giusto. Per valorizzarlo. Deve laurearsi e mettere su famiglia.

– No, stai sbagliando. Si chiama manipolazione.

 

 

di Stefano Falotico

C’era una volta a… Hollywood di un poeta dall’inferno e dal coraggio sovrumano


20 Sep

hollywoodfalotico

Lasciate stare Rambo, evviva Arthur Rimbaud… Total Eclipse… of the heartuna volta a hollywood

Ecco, già questa storia dei puntini di sospensione m’innervosisce non poco. Dilania le mie viscere. Che senso hanno i puntini? Già odio quelli sulle i, figurarsi quelli nel senso di… ma che cazzo c’azzeccano e ci stanno a di’?

Non poteva essere C’era una volta a Hollywood e basta? A cosa vuole alludere il Quentin con questa sospensione?

Io sospenderei la sua carriera che, ultimamente, s’è gravemente ammalata di auto-referenzialità.

Sì, Paolo Mereghetti scrive onestamente cagate in quantità e obiettò, ancor obietta su C’era una volta in America, da lui reputato un film quasi abietto.

Chiariamoci. Aborrendo la posizione sua molto antipatica nei riguardi del Cinema di Sergio Leone, devo però ammettere che sono concorde con le sue recensioni degli ultimi film di Tarantino.

Non ho ancora visto l’opus numero nove di questo gigione di nome Tarantino e non credo, sinceramente, che mi recherò in sala a sorbirmi le maleducazioni oscene di ragazzini pubescenti in brodo di giuggiole, nel caso dei maschietti, per le forme graziosamente Baywatch della donna plastificata per antonomasia, ovvero Margot Robbie, e di donne quarantenni con gli ormoni in tiro, bavose nei riguardi del sempiterno Pitt e dello scavezzacollo Leonardo DiCaprio.

No, lo guarderò in home video, anzi, in streaming.

Poiché non ho alcuna voglia né mai l’avrò di comprare altri film di Quentin in Blu-ray.

Se, infatti, deve proporci e propinarci questa robaccia, al massimo sufficiente semplicemente perché gli siamo affezionati, è meglio spendere 15 Euro in maniera “feticista” sulle natiche di adultdvdempire.com.

Mereghetti ha ragione. E ha ragione a prescindere… dal fatto che io non abbia ancora visionato quest’ennesima bischerata di Tarantino.

È vero, verissimo più della bellezza finto-angelicata di Silvia Toffanin. Una che, dietro questa parvenza da signora educata, a mio avviso, nasconde perversioni peggiori di Charles Manson e della sua banda scriteriata.

Sì, negli ambienti Mediaset, quando cala la notte… avvengono macellazioni e stragi di vergini che, svendendosi per un programma televisivo in più, si danno al maggior (of)ferente.

Notti assai fosche e poco cristalline di compra-vendite, di mercimoni carnali, di complotti, di lerci insabbiamenti ma soprattutto di squallide inchiappettate di uomini-squalo affamati di brama, potere, sesso laido e lardo, assatanati più di Frank Langella de La nona porta.

Sì, per ripulire tutto questo marcio, questa corruzione e questa schifosa prostituzione, occorrerebbero due uomini, il grande Jean Dujardin di J’accuse e Bob De Niro di Taxi Driver.

Ah ah.

Sì, Tarantino continua a fare i pompini a sé stesso e voi, a vicenda, gli leccate il culo, pendendo dalle sue labbra manco se foste Sofie Fatale/Julie Dreyfus di Kill Bill. Una che, per recitare la parte d’una a cui Uma Thurman mozza quasi tutto, la diede quasi tutta a Quentin. Forse appena un po’ meno di Rose McGowan che, pur di avere la parte della frustrata ragazza senza gambe di Planet Terror, la diede non solo a Tarantino ma anche a Robert Rodriguez e, ovviamente, ad Harvey Weinstein.

Dal troiaio generale, Rose si salvò, sputtanando Weinstein e finendo comunque in mutande, mentre Tarantino sgattaiolò, lavandosene le mani e facendosi produrre C’era una volta a… Hollywood dalla Sony Pictures.

Sì, Mereghetti ieri disse che i deliri pindarici di Quentin assomigliano ai capricci di un bambino viziato che vuole far credere che i suoi giocattoli sono i più belli del mondo.

Sì, un’affermazione pesantissima, forse troppo cattiva.

Ma ci sta.

Tarantino ha veramente rotto il cazzo.

Tarantino, dammi retta. Dovevi davvero girare un noir dai dialoghi secchi, non auto-omaggiarti di meta-cinema in cui vuoi esibire la tua conoscenza dei western all’italiana con Giuliano Gemma e Fabio Testi.

Anche perché io conosco questi film meglio di te. Essendo io italiano e tu uno che li vide doppiati.

Detto ciò…

Ho attualmente in mano una denuncia che potrebbe sollevare un caso più grande de L’ufficiale e la spia.

Un caso molto più raccapricciante e mostruoso di quello dell’omicidio di Sharon Tate.

Andrò avanti.

Perché no?

Gli altri l’hanno fatto con me. Senz’alcuna ragione. Per puro fascismo e mentalità malata di mente.

Non vedo perché dovrei perdonarli.

Signore e signori, il Joker.

Ve lo siete andati a cercare.

 

di Stefano Falotico

La mia vita è un mistero carismatico da Twin Peaks – Il ritorno e da Joker/Phoenix, cari tonti


19 Sep

dav

Chapter One: il falò delle vanità! Ah ah

Vi chiederei di guardare con estrema attenzione questi miei tre video.

Uno totalmente improvvisato. Quando, durante le nubi addensatesi nel cielo bolognese sopra la mia testa, m’infilai negli anfratti delle mie cervellotiche teorie cinematografiche. Non so se bislacche, colorate come l’arcobaleno che spunta nella prima alba dopo una notte in cui hai fatto sesso con la pornoattrice Cherie DeVille e Margot Robbie d’amplessi sfiancanti più devastanti del calcio di rigore di Zaza agli Europei di Calcio nei quali, a causa della sua bischerata, fummo eliminati dalla Germania, eh sì.

Teorie falotiche, teorie di un uomo che conosce le domande retoriche, probabilmente solo stupide di Gigi Marzullo e, sottovoce, se ne fotte.

Sì, Gigi è sempre stato un provocatore da denuncia. Una volta, nella sua celeberrima trasmissione notturna, invitò Milly Carlucci. La quale, per l’occasione, sfoderò un paio di gambe mozzafiato in liscissimi collant attizzanti. Lui, da marpione, chiaramente guardandole i quadricipiti, con far ammiccante, le chiese da quanto tempo fosse sposata con suo marito proprio nell’attimo nel quale Milly imitò involontariamente Sharon Stone di Basic Instinct.

Un’altra volta invece l’attore Lino Capolicchio confidò a Gigi e a noi telespettatori che lui, in confronto a Vittorio Gassman, fu un semplice mestierante.

E Gigi, non smentendo la sua fama di stronzo per antonomasia, gli chiese:

– E cosa mancò a Lino per non essere Vittorio? Oppure Lino non desiderò essere Vittorio e preferì rimanere Capolicchio?

 

Invero, qui ho esagerato ma la domanda, per quanto un po’ diversa da come sopra l’ho appena scritta, fu ugualmente, terribilmente imbarazzante. Ecco, Gigi è uno che mette a disagio la gente. Porge sempre la domanda sbagliata nel momento più inopportuno. Per fortuna che gli ospiti vengono e vennero profumatamente pagati, sennò…

Ah, io sogno che un ospite, bullizzato da Gigi, di notte s’alzi in maniera tosta ed eretta come qualcosa che parimenti, se siete maschi eterosessuali normali, s’eleva dinanzi a Cherie DeVille. Ed esasperato dal terzo grado marzulliano fuori luogo, eh già, gliele suoni.

Porgendogli quindi la domanda:

– I sogni aiutano a vivere meglio o le botte aiutano a far sì, Gigi, che lei desista dall’imitare Freddy Krueger in giacca e cravatta?

 

Sì, contesto io con piglio deciso incastonato fra morbide labbra vellutate quei critici superati del cazzo che ebbero l’ardire di ardere Joker, cioè di stroncarlo o perlomeno non tributargli il giusto, doveroso apprezzamento sacrosanto.

Una Critica, come si suol dire, della vecchia guardia. Legata a un tipo di Cinema non dico antiquato, passatista, sì.

Paolo Mereghetti, schierandosi in prima linea, poiché ama fare spesso il bastian contrario soltanto per partito preso, assegnò a Joker un 7 in pagella.

Come già dissi, vista e considerata la severità mereghettiana, un 7 pieno assegnato da Paolo equivale a un 9 degli altri.

Mereghetti poi, nella disamina più articolata nel suo personalissimo editoriale del Corriere della Sera, sbuffò e fece spallucce. Vistosamente e pubblicamente deluso che Joker, per l’appunto, avesse vinto di tutto pugno.

Insomma, per Paolo questo film è una mezza pugnetta.

Paolo è uomo sospettoso. Celebri difatti le sue stroncature frettolose. Oserei dire epocali e piene di cazzate magistrali. Che possono battersela alla grande con le perle del Farinotti.

Come saprete, inizialmente Paolo non sopportò David Fincher. Solamente da un paio d’anni a questa parte, rivide e corresse le sue scarsissime valutazioni dei suoi film, alzando le stellette.

Qui lo dico e qui non lo nego, esiste solo un critico che, prima di attaccare un film o il prossimo, pondera, valuta, sa bilanciare il giudizio con savoirfaire serio e al contempo irresistibile magnetismo da agente Cooper di Twin Peaks.

Non vivo mai di certezze ma sino al giorno della mia morte sarò perennemente tormentato, nei miei incubi peggiori, da questa domanda marzulliana:

l’agente Cooper s’ingroppò Laura Palmer o fu il fantasma di Bob a incularlo?

 

Chissà.

Su tale quesito, probabilmente senza possibile risposta, adesso sparisco di nuovo e m’eclisso in altre notti ove, oltre ai film di Lynch e con Cherie DeVille, mi sa che riguarderò pure, per la milionesima volta, Il seme della follia.

Adesso, vi saluto.

Vi sto osservando con in mano i popcorn, idioti.

Sì, mi sa che molti di voi si fecero un film tutto loro sulla mia vita.

Peccato che non foste sarete Orson Welles ma Ed Wood. E ne venne fuori una stronzata.

Ricordate: io dico sempre la verità. Non racconto fandonie, al massimo delle faloticate.

A differenza di quel debosciato di Mickey Rourke che, pur di guadagnare qualche migliaio di Euro che peraltro dilapida in tre notti di luna piena con qualche bagascia di quart’ordine, va dalla D’Urso a sputtanare Bob De Niro. Affermando falsità assolute e assurde.

A quanto pare, Jane Rosenthal e Irwin Winkler, produttori assieme a Bob di The Irishman, stanno procedendo già legalmente contro mr. Rourke.

Mickey è comunque un mito.

È l’Antonio Cassano del Cinema. Ove c’è lui, ci sono litigi, zizzanie, casini e puttan(at)e varie.

Idolo imbattibile. Ha tutto il mio sentito, incondizionato appoggio. Un Pinocchio in carne e ossa su naso non lungo ma rifatto e (da) strafatto. Sì, prima va in giro a piangere miseria, poi il giorno seguente i paparazzi lo fotografano fuori da qualche locale malfamato con sottobraccio una super zoccola che chiede per una sola ora di amore e coccole più di Cherie DeVille.

Chapter 2: tutti i consigli moralistici dei nani, il Genius spazza e spezza in tre secondi netti

Ecco, se io avessi continuato a dare retta agli sciroccati, probabilmente adesso sarei rinchiuso assieme ad Arthur Fleck.

Il 3 Ottobre capirete perché.

Sì, io fui talmente superiore alla media di ritardati adolescenti, tutti affetti da patologie piuttosto invalidanti, sì, pressoché dei cerebrolesi asfissiati da genitori castranti, che optai per una scelta anomala e terribilmente, mostruosamente incompresa.

Quella d’estraniarmi dal comune volgo di damerini, viziatissimi fighetti, liceali nauseanti, una massa di cronici borghesucci tormentati da una stirpe malsana, da un albero genealogico dalle ramificazioni neuronali assai peggiori della depressione bipolare, anzi, subito da potare e anche sputtanare ché, se non si fossero laureati, li avrebbe sbattuti in cura psichiatrica.

Sì, non lo sapete? In Italia, il genitore medio è un malato di mente. Visto che non è riuscito lui a raggiungere vertici che, nelle sue illusioni fuori dalla realtà, s’era prefissato d’ottenere, avendo abdicato a un lavoro, semmai discretamente remunerativo, però poco vitalisticamente appagante, essendosi immolato a un’esistenza tristissima nella quale, una volta superati i trent’anni, una volta messa su famiglia, visse di nostalgie e di Amarcord, cibandosi dei peggiori film funerei di Pupi Avati, affidandosi all’assistenza comunale per farsi regalare la casa popolare, spacciandosi per intellettuale, sì, un intellettuale il cui ABC dell’anima consta d’una manciata di Bignami di psicologia mal applicata ai suoi teoremi da Pi greco del delirare di congetture poco elleniche sulle vite altrui, sì, una costanze insanabile delle sue limitatezze mentali, diciamo da demente con la panza scoreggiante e scoraggiante i giovani che non amarono la sua visione merdosa del mondo, ecco… in tale sua spaparanzata, screanzata villania da fanfarone Balanzone dei miei coglioni, tutti quelli che non la pensa(ro)no come lui da costui vennero trattati da minorati, da schizofrenici cazzeggianti, da handicappati distrofici, da impotenti sessuali, da pervertiti pericolosi, da in(f)etti.

Sì, tale uomo batté Savonarola soltanto col potere mi(s)tico dei suoi disagi proiettati sul prossimo per esorcizzare il suo male di vivere e anche la sua repressione an(n)ale di qualcos’altro. Poiché, essendo un piccolo borghese amante di Claudia Koll e di Così fan tutte, ma essendo al contempo ipocrita e dunque doviziosamente, ah ah, chiesastico, pontificò su chiunque, prendendosi arbitrariamente licenze gratuite sui destini altrui, sindacando sugli altrui liberi arbitri.

Insomma, costui non riuscì a fare nemmeno l’arbitro di Calcio perché nacque spompato, forse crebbe giammai ben spompinato, che volle spezzare le gambe a chi non s’attenne alle sue bandierine, ai suoi ammonimenti da terzino macellaio fuori tempo massimo.

Il classico personaggio così tanto ossessionato dai suoi fallimenti, sinceramente dal suo malfunzionante fallo, che si divertì a commettere falli per puro gusto sadico.

Sì, tremendo questo Mangiafuoco:

– Ti sei laureato? Hai messo la testa a posto? Ah, così mi piaci.

 

Invece, m’è arrivata oggi a casa tutta la collezione di My Friends Hot Mom.

Al contempo, anche tutta la saga di Tetsuo dello Tsukamoto.

Se non gli sta bene, indossiamo immediatamente il giubbotto di Drive e gli sfondiamo il culo.


Joaquin+Phoenix+Mercy+Animals+20th+Anniversary+gNDgjHkBLsql

Quando gli idioti pensano di avere di fronte Giancarlo Giannini di Ti voglio bene Eugenio ma si accorgono che sei davvero un Giannini iper-normalissimo, ingenuo ma genio, che doppia al Pacino di Riccardo III – Un uomo, un re ed è Louis Garrel


18 Sep

ti voglio bene eugenio

Eh già, che tragicommedia pazzesca che è stata la mia vita. Per me ma soprattutto per gli altri. Una sorta di sceneggiata napoletana, una pochade, una pantomima di fraintendimenti, di sospetti dalle proporzioni disumane, di semi-complotti da Amleto ma soprattutto di super scemotti che di me credettero d’aver capito tutto e invece nemmeno io capii qualcosa del sottoscritto. Ah ah.

Cosicché fui il protagonista assoluto, oserei dire da incontrovertibile premio Oscar sacrosanto d’una commedia degli equivoci disarmante, il re(o) d’un valzer pirandelliano di maschere camuffanti, di birbanti bastardi, di furfanti che se la fecero nelle mutande, di vigliacchi e cazzoni andanti, di colpi bassi e offese a raffica.

Per un minestrone-zibaldone ove nessuno dei contendenti di tali orgogliose diatribe e meschine rivalse piccine, di questa tenzone ove tutti facemmo la figura, sinceramente, dei coglioni, volle ammettere i suoi sbagli.

Proseguendo indefessamente, da fessi e basta, detta come va detta, a mantener salde le nostre posizioni poco savie.

Fra odi, pettegolezzi e zizzanie da Tina Pica ove io sto giocando tuttora al ruolo del principe Antonio de Curtis, in arte Totò, come ne Il medico dei pazzi.

Invero, d’invertita parte.

Non sono io infatti a credere di essere attorniato da matti, bensì sono i matti a credere che io sia pazzo.

Dunque, in tale pasticciaccio, da diavolaccio mi reco al ristorante e ordino un caffè caldo, dopo di che mi reco in pasticceria e me ne frego se non apparterrò mai alla crème de la crème.

Mando a cagare ogni ipocrita espressione consolatoria come bonjour finesse. Anche perché i francesi non sanno neppure che significhi questo detto storpiato dagli italiani con la panza piena e ignoranti.

Poiché, malgrado tutte le botte ricevute e i metaforici pugni allo stomaco vomitati e senza parsimonia dati, nonostante tanti infingardi invidiosi m’abbiano villanamente gridato “Crepa!”, a me piacerà eternamente gustare dolcemente una farcita crêpe alla Nutella.

Poi, col mio magnetico sguardo al cioccolato, mi dà zucchero osservare una donna dallo splendido culo dondolante che, sul marciapiede antistante, cammina fighissima, stimolando il tiramisù della mia voglia matta assai capricciosa da monello onestamente molto bello.

Sì, non sempre sono in forma. Però, a causa delle mie emozioni, diciamo, basculanti, del mio carattere umorale perfino instabile o forse semplicemente odiosamente amabile, per via del mio carisma bestiale, perciò dagli stronzi considerato insopportabile, talvolta in profondissima depressione casco.

Questo già spiacevolmente nella mia dura esistenza innumerevoli volte avvenne e, diciamocelo, proprio un cazzo venne.

Ah ah. Non chiedo venia ma non mi faccio in vena. Che volete che sia? Un peccato veniale, suvvia.

Dapprima, per risollevarmi dall’inculata devastante, optai per il misticismo e la new age.

Ma m’accorsi subitaneamente che Jude Law di The Young Pope non è santo per niente.

Ah, certo, riesce a fregare Silvio Orlando. Me no.

Lo va difatti a dire a sua sorella che non s’ingroppò Ludivine Sagnier.

Beato lui. Voi non v’inchiappettereste una così?

In The Young Pope c’è un altro falso mai visto, Stefano Accorsi.

Uno che in Radiofreccia perse le parole e si suicidò. Però, nella vita reale, non ne perse nemmeno una. Come no?

Laetitia Casta lo sa. Ma, appurato che Laetitia ebbe che Stefano la tradì ripetutamente, essendo l’Accorsi un Maxibon, ovvero uno che non ama le scremature ma a cui piace sia una bianca che una nera, da cui Du gust is megl che uan, lo mandò a fare in culo. Direttamente.

Ah, maledetti, mi faceste incazzare e persi la testa. Sbranato dalla rabbia, inizialmente pensai che sarebbe stato opportuno isolarmi all’Overlook Hotel come il mitico Jack Nicholson di Shining.

Per sgombrare la mente da ogni porcata subita.

Però, anziché diminuire l’ira, crebbe a dismisura in ogni sen(s)o ancora la sfiga.

Ma ora di nessuno ho più paura, essendomi venuta una voce da doppiatore Giancarlo Giannini e una bella faccia da culo come il migliore lupo “cattivo”.

No, non Al Pacino ma sempre lui, vale a dire Bob De Niro di Cape Fear.

Detto ciò, oggi ho letto un annuncio lavorativo che potrebbe fare al caso mio…

Stiamo cercando una figura di BIBLIOTECARIO/A presso le biblioteche di Bologna.

Profilo ideale:

Laurea di primo livello in: Lettere, Archivistica e Biblioteconomia, Scienze Storiche; Scienze dei Beni Culturali o Beni Culturali.

Esperienza documentata in servizi bibliotecari di front office.

Competenze relazionali elevate quali le capacità di ascolto, accoglienza, comunicazione efficace, spirito di gruppo, adattamento agli ambienti pluri-culturali.

Conoscenza del software gestionale SEBINA NEXT.

Disponibilità da settembre 2019

Mansioni da svolgere:

Servizi di Front Office: Gestione del pubblico (accoglienza, prima informazione, iscrizione al servizio e attività di prestito/restituzione, assistenza e orientamento all’uso delle risorse, iscrizioni).

Reference di base e specialistico.

Servizi di Back Office: Gestione del patrimonio documentario (ricollocazione, riordino scaffali, etichettatura, gestione emeroteca, gestione materiali informativi).

Sorveglianza e riordino dei locali della biblioteca anche in occasione di iniziative culturali diurne, serali o festive.
Attività di supporto alle iniziative culturali finalizzate alla promozione del Servizio e del suo patrimonio

Si offre:

Contratto e inquadramento a seconda del profilo individuato. Inoltrare candidature con foto a…

 

La mia risposta:

Buongiorno,

mi chiamo Stefano Falotico.

Ho letto su Indeed che siete in cerca di un bibliotecario. Ho altresì letto la descrizione della vostra prestigiosa offerta, dunque mi candido e v’invio il mio c.v.

Detto ciò, non posseggo una laurea triennale in Lettere, Archivistica e Biblioteconomia, ma ho scritto numerosi libri, romanzi d’avventura, noir e perfino storie erotiche, saggi monografici su registi e attori di estremo rilievo mondiale. Opere ottimamente apprezzate, tutte regolarmente in vendita sulle maggiori catene librarie online, dotate di codice ISBN e depositate legalmente proprio alle nazionali biblioteche di competenza e archiviazione dei testi editi in Italia.

Su Amazon e su IBS.it, le più fornite e importanti librerie online, per l’appunto, potete trovare tutte le mie pubblicazioni nei vari formati cartaceo e digitale:

https://www.ibs.it/libri/autori/Stefano%20Falotico

Sono anche creatore, ideatore e curatore di alcuni siti a tematica cinematografica come www.mulhollandlynch.com e da parecchi anni svolgo, in veste di collaboratore giornalistico, il lavoro di critico e recensore presso la rivista Daruma View:

http://darumaview.it/author/stefano-falotico

Poche settimane fa, infatti, da accreditato stampa sono stato alla 76.a Mostra d’Arte Internazionale d’Arte Cinematografica come inviato della rivista suddetta per recensire i film presentanti a quest’importantissima kermesse. Inoltre, l’anno scorso, il quotidiano Il Giornale mi ha dedicato un bellissimo articolo comparso nella pagina Spettacoli riguardo la mia monografia sul cineasta John Carpenter:

http://www.ilgiornale.it/news/spettacoli/john-carpenter-genio-discusso-destinato-rinascere-1581202.html

Se foste interessati alla mia candidatura,

potete gentilmente scrivermi alla seguente mail oppure telefonarmi al numero… al fine di poterne discutere assieme.

Distinti saluti,

Stefano Falotico

 

Ecco, arrivati a questo punto della storia, assomiglio sempre più al vero, attuale amante e marito di Laetitia Casta, cioè Louis Garrel di J’accuse del Polanski. Secondo voi, no? Secondo me, sì.

O forse ho solamente una voce migliore del figlio di Giancarlo.

 
Morale: a dispetto delle batoste micidiali di cui patisco ancora il contraccolpo, di Joker ce n’è solo uno, gli altri non sono nessuno.

 

di Stefano Falotico

joker phoenix

Marion COBRA Cobretti – Un cortometraggio di Stefano Falotico


18 Sep

dav

mdeluke perrycobrafalotico

In America, viene commesso un furto ogni 11 secondi, un’aggressione ogni 65 secondi, un reato di sangue ogni 25 secondi, un omicidio ogni 24 minuti e 250 violenze carnali al giorno.

Appartengo alla sezione gasati. Forse un po’ Abatantuono, sballato e completamente fuso.

Fa parte del personaggio. Sì, mentre la società viene funestata da un’umanità allo sbando, il Falò, con charme e strepitoso, implacabile, insormontabile sangue freddo da salamandra ancestrale, osserva la fatiscenza grazie all’arte scientifica della sua onirica decadenza abissale.

Fluttuando fra pub imolesi e gli American Graffiti di balli latinoamericani. In mezzo alla gente che sculetta, infoiandosi nel voyeurismo più passivo, Falò osserva con occhio fintamente mesto, nei suoi ricordi rimesta e semmai ordina anche una minestra.

Poiché la minestra riscaldata fa bene quando il mondo è oramai alla frutta e necessità di un uomo che forse non indossa occhiali Ray-Ban, un ficcante uomo bannato dalla frivolezza di massa che però sguscia tra la folla incazzata e occhieggia nel lanciare ammiccamenti inequivocabili, con malandrino carisma, a donne dagli ottimi fondoschiena danzanti negli ormoni suoi ancora potenti.

Un uomo puro dal fascino trasparente che s’eleva e distingue dai comuni mortali, è abbagliante fra le spente, ingrigite persone annebbiate che vollero di loro stolti intendimenti colpevolizzarlo coi loro moralistici indottrinamenti al fine d’obnubilargli la mente e farlo cascare nel più triste ottundimento.

Un uomo che conquista le donne soltanto con la virtù maliarda del suo occhio sinistro associato a un fantastico strabismo di Venere che ha poco di schizofrenico, bensì molto di bellezza anomala assai stordente, cari deficienti.

Un uomo che disserta perfino del compianto, mica tanto, Tony Scott. Dando lezioni di Cinema con calma olimpica mentre impazza la musica e i pazzi, cioè la maggior parte degli uomini, bigotti, scemi e limitati, agganciati a vetusti valori oramai ridicoli, da nazifascisti gironzolano incoscienti.

Falò non abbisogna dei moti rivoluzionari degl’idioti populistici, non è amico degl’incoscienti motociclisti anche se adora Mel Gibson d’Interceptor e, ai criminali, sussurra un laconico, eloquente…

Qui la legge finisce e comincio io.

Sì, non adopera questa frase (s)cult solamente contro le teste di minchia ma soprattutto la utilizza con le donne troppo timorate di dio e svampite che, a forza d’ascoltare Fedez e compagnia bella, finiranno appunto in mutande.

Poiché Fedez e la Ferragni hanno i soldi e vi stanno platealmente coglionando mentre l’uomo Falò non deve chiedere mai. Egli guarda la sua bella e col solo potere della sua voce roca e rock, eh già, quando lei mangia troppo, ingrassando, le dà un con(s)iglio molto saggio:

Le patatine potrebbero affogare nella salsa.

Lei, basita, risponde:

– Non va bene che bagni la patatina nel ketchup? Dove dovrei bagnarla?

– Ah, non lo so. Nella maionese, comunque, sarebbe meglio.

– Dici?

– Sì. Soltanto che devi mescolare solo in una direzione. Se cambiamo posizione, le uova potrebbero impazzire.

 

Non ci crede nessuno che io abbia 40 anni.

dav

dav

dav

dav

di Stefano Falotico

C’ERA UNA VOLTA A… HOLLYWOOD: Quentin Tarantino lavora per caso ai banner pubblicitari di… Leccami i piedi e altre amenità di so… a?


16 Sep

leccami i piedi

tarantino-foot-fetish-bridgetfonda

 

Compare anche a voi, talvolta, questa pubblicità sul desktop durante la navigazione per non dire qualcos’altro?

Ecco, trattasi di bagascia che, pur di tirare… a campare, s’è prostituita al vostro voyeurismo.

Vi conosco, eh? A me non la date a bere. A lei forse fate bere quello che sapete.

Sì, lo andrò a vedere.

Questa minchia(ta) di film. Ma parto stavolta prevenuto. Sì, da qualche an(n)o a questa parte, nei confronti di Tarantino uso il contraccettivo.

Sì, debbo premunirmi di pazienza poiché gli ultimi di Tarantino, a esservi sinceri, non m’esaltarono. Manco per il cazzo.

The Hateful Eight è il film più noioso della storia, 3 ore abbondanti di piani-sequenza tediosi, d’un Panavision 70 mm che, per gli spazi chiusi, non ha molto seno, no, senso. Caro bel Quentin, non sei John Ford e forse neppure l’erede di Leone.

Malgrado i tuoi continui ammiccamenti a Sergio. Che te lo dico a fare? Questo tuo nuovo film, sin ovviamente dal titolo, è un dichiarato omaggio a C’era una volta il West e in America.

A quanto pare però, Ennio Morricone, dopo che lo maltrattasti proprio per il succitato The Hateful Eight, ti mandò a fare in culo.

Nonostante ti dovesse essere debitore. Sì, riciclando la sua soundtrack de La cosa di Carpenter, vinse il suo unico Oscar dopo quello alla carriera consegnatogli nientepopodimeno che da Clint Eastwood.

Quentin, il qui presente eppur da te non visto Stefano Falotico, il Genius-Pop, ti accusa di autoreferenzialità ed eccessiva, indigesta verbosità. Oramai i tuoi film hanno perso quella freschezza ruspante, quel gusto sanamente goliardico, oserei dire quella giovialità ficcante, abrasiva e conturbante, in una parola brillante dei tuoi tre unici capolavori iniziali e magnificamente cazzeggianti. Questi, sì, realmente monumentali, esorbitanti. Mi riferisco naturalmente a Le ienePulp Fiction e Jackie Brown.

Perdonato che ti ebbi per Death Proof giacché ci stette in effetti la bischerata con Kurt Russell, debbo dirti, senz’alcun pelo sulla lingua, che sbandasti in modo pesante. Ah ah. Ahia!

Kill Bill è una sega tua mentale in due puntate, sì, una mini-saga dei manga con tanto di Black Mamba più Uma Thurman che, dopo aver partorito sua figlia avuta da Ethan Hawke, dimagrì trenta chili per fare la parte della mamma a cui ammazzarono, appunto, la (non) nascitura.

Dittico che, complessivamente, assemblate le due parti e attaccate con l’Attack, cade a pezzi ancora di più, è sinceramente improponibile. Te lo dico col cuore, fratello.

Tornando a Il Monco/Eastwood di Per un pugno di dollari… al cuore Ramón, al cuore.

Parafrasando Anna Maria Barbera, “in arte” la Sconsolata… che ce ne facciamo delle tue cazzatone se non ci arriva lì?

Ah ah.

Sì, ammiro Bastardi senza gloria, ho degli orgasmi multipli quando vedo Christoph Waltz gigioneggiare a tutto spiano ma con Django Unchained, veramente, toccasti il fondo.

Leo DiCaprio disse: avevate la mia curiosità ma ora avete la mia attenzione.

Quentin, sai che sono triste nel dirtelo ma devo esserti altresì onesto. Per me sei come un amico intimo, sei una donna che non si può offendere ma trattare coi guanti come fa Bill/Carradine nei riguardi della sua sposa… ah ah.

Io sono io e dinanzi a dio tu fai la figura del pirla e del pulcino, Quentin. Anzi, se continuerai su questa strada, dall’alto del mio padreterno, ah ah, ti sbatterò nel carcere di San Quintino.

Tu avesti la mia giusta ovazione per via dei tuoi film di superba qualità ma ora non solo non hai la mia attenzione bensì, appunto, meriti solo la mia costernazione.

Una costernazione sconsolata. T’offrirò un piatto d’insalata cosicché ti metterai a dieta e non ci propinerai questo tuo Cinema ipercalorico.

Ti stai sputtanando. Stai facendo, insomma, un po’ il troione. Perdonarmi per la sincerità. Non odiarmi.

Kill Bill… Come si suol dire, vi sono molte parti che efficacemente funzionano perfettamente ma il film, preso nella sua singolarità, essendo il bislacco, sconclusionato prodotto delle tue strambe peculiarità, mio caro Quentin, è scollato.

Non regge quasi quanto te stesso, Quentin, fidanzato con Mira Sorvino. Fidati, la dea dell’amore aveva poco da spartire con te che pigliasti in prestito le battute migliori di suo padre, Paul, di Quei bravi ragazzi.

Kill Bill verrà ricordato solo per un ispirato Michael Madsen che, appunto, in un film che dura spropositatamente, riesce a svegliarci dal torpore di tale tua pellicola iper-soporifera con l’oramai celeberrima battuta… quella donna merita la sua vendetta e noi meritiamo di morire.

Sì, una battuta di dieci secondi scarsi in un film con nemmeno un secondo in cui i personaggi stiano zitti, ove tutti se le suonano di brutto e ove, alla fine, il povero, compianto Carradine fa solamente la figura del suonato.

Ovvero del rincoglionito. Uma Thurman lo sfiora come Ken il guerriero, colui che imparò bene le tecniche, diciamo, di manipolazione, la tattile agopuntura della forza dei polpastrelli, avendo diligentemente frequentato la Divina Scuola di Hokuto, e David si scioglie.

Sì, vi ricordate il film Bomber con Bud Spencer? Quando Jerry Calà, tocca a stento un nerone a cui, pochi attimi prima, Bud gliele suonò di brutto, stendendolo?

Che dito…

Ecco, Quentin è fissato con le dita dei piedi femminili.

Esiste, come sapete benissimo, un termine per definire questa mania più maschilistica di Stuntman Mike, ovvero feticismo.

Tutto partì con le piante, anzi, le suole plantari di Bridget Fonda di Jackie Brown. E da allora fu un profluvio interminabile d’inquadrature di alluci valghi, di piedini contorti, di caviglie tatuate, di puzza sotto il naso, ah ah.

Veramente uno schifo. Quentin stai facendo la fine del pornoattore Manuel Ferrara. Uno che, nei suoi film quasi più valenti delle tue ultime porcate, odora i piedi delle meretrici manco fosse un cane da tartufo. Poi le stantuffa… Uff, che palle! Bene, un po’ di spray disinfettante e ripuliamo questo tuo Cinema recente da mezza calzetta.

Ah ah.

In verità ti dico, Quentin, che stai facendo proprio il bambagione.

Comunque, se fossi stato in te, avrei girato questa scema, no, scena così…

Brad viene provocato dalla puttanella-pollastrella. Al che, assume le fattezze dell’ex grande amico di Sergio Leone, Mario Brega.

E le urla, come in un Sacco bello, essendo Brad il bellissimo, ah ah:

– Ah, zoccolet’!

Sì, oramai le tue pellicole, caro Quentin, saranno pure esteticamente impeccabili ma sono prive di quella verve falotica che rende ogni stronzata che si rispetti, eh già, qualcosa di geniale. Perché io sono il redivivo Edward Bunker e contro di me, Quentin, passerai due minuti coi contro-cazzi.

Sì, perché io e te non potevamo essere capiti subito.

Non oso immaginare, fratello Quentin, prima che tu diventasti sceneggiatore di Natural Born Killers e regista di risma, quante umiliazioni e mortificazioni dovesti subire.

Invece immagino, eccome.

Tu, segregato in casa con una madre come quella a cui vanno a far visita i Blues Brothers.

– La signora Tarantella?

– No, Tarantino.

 

Sì, i tuoi coetanei fighetti e liceali, non comprendendo il tuo isolamento, ti avranno accusato di essere Anthony Perkins di Psyco, di essere Russell Crowe di A Beautiful Mind, di essere insomma un coglione.

Ma come disse l’Indio:

Quei due piuttosto che averli alle spalle è meglio averli di fronte, in posizione orizzontale, possibilmente freddi.

 

Perché? Perché potete anche picchiarli, sedarli, massacrarli.

Ma rimangono molto, molto più veloci di voi.

Amen.

Sì, sono stanco dei dementi maniaci, dei feticisti e di quelli che pensano che la vita sia solo aspettare il sabato sera per sbattersi la cretina che abbocca.

Sono di un’altra pasta, vale a dire non sfigato, bensì sofisticato. Visto, peraltro, che sono di un’altra pasta, non comprerò più quella della Barilla perché la Voiello è meglio

Sono di grano duro come Clint.

Se non mi capiste e fraintendeste tutto, faccio una telefonata a Margaret Qualley e le chiedo se, per compassione, vi può fare un pompo.

 

di Stefano Falotico

Mickey Rourke offende De Niro a Live – Non è la D’Urso… che Braveheart


16 Sep

rourke angel heart

Ah, cuore impavido e temerario quello di Mickey.

Un attore oramai bistrattato per l’ennesima volta dalla Hollywood che conta. E lui dunque, fottendosene, se la racconta, narrandoci aneddoti dei quali non importa niente a nessuno se non al suo portafoglio. Considerato che per queste patetiche ospitate Mickey riceve un cachet esorbitante soltanto, appunto, per recitare le sue memorie piagnucolose. Per le quali riceve la grazia e l’assoluzione perfino da Barbara. Una che sicuramente non è la Madonna nonostante sia bravissima a impersonare la parte della santarellina.

Sì, Mickey non ha affatto disimparato a recitare. Quando vuole, malgrado cinquemila botulini, tremila operazioni chirurgiche al suo visino, 4 milioni circa di liposuzioni, sì, arrotondiamo per i suoi vistosi, mal dissimulati difetti… fisici, sa inscenare pianti clamorosi e addirittura più degni del suo cammeo strepitoso nel film La promessa del suo amico Sean Penn. Che gli fregò l’Oscar.

Sì, Mickey avrebbe meritato di vincere l’Academy Award per The Wrestler ma rimase traumatizzato quando a impugnare la statuetta fu Sean pe Milk. Nascose la sua delusione dietro un tenero applauso, appunto, di facciata. Rodendo dentro e probabilmente, in cuor suo, silentemente bestemmiando. Al che, puntualmente, a scadenze (ir)regolari come uno scalcagnato orologio svizzero, Mickey si presenta bellamente (mica tanto) alle trasmissioni Mediaset. Moltissimi anni fa partecipò anche a Scherzi a parte, poi fu la volta di Paolo Bonolis. Andò anche alla Rai da quel fariseo di Fabio Fazio. Torniamo però a Bonolis. A Paolo, Mickey confidò le sue esperienze psichiatriche, non lesinando in dettagli assolutamente insignificanti e agghiaccianti pur di ricevere l’applauso di finta commozione del pubblico pagato per recitare meglio di Mickey stesso quando, nel finale di Angel Heart, scopre che il suo personaggio ha venduto l’anima al diavolo. Eh sì, in Italia molte persone curano la disoccupazione, facendo le comparse nelle platee dei programmi tv. Visto che non sanno scrivere, come me, dei saggi monografici sugli attori, ambiscono ai 15 nanosecondi di pubblicità-celebrità della loro spiattellataci falsità. Appena le inquadrano, ridono anche se la battuta, per esempio, di Zelig fa piangere ma, soprattutto, andando ad alimentare questo sistema imbonitore da Essi vivono.

Mickey vi sguazza e approfitta dell’italica idiozia per sfruttare i cretini impiegati comunali e parastatali che, dopo una giornata nella quale hanno lavorato, sì, leggendo Il corriere dello Sport e osservando nella pausa caffè le gambe della signorina Silvani, si mettono in pantofole la domenica pomeriggio sul tardi, dopo che sono peraltro finite le partite di Serie A, allentando la noia da spioni amanti del gossip più truce e da guardoni delle cosce plastificate, patinate della D’Urso. Donna sempre ottimamente pettinata su sguardo fake da catodica, no, catatonica che fa finta di commuoversi e provare empatia nei riguardi del debosciato di turno “straordinario”. Il quale, a sua volta, c’illustra tutto il suo campionario di sfighe e inculate senza risparmiarci un solo attimo di tregua. Per la gioia dei coglioni poveretti che guardano ‘sta roba di merda. Mickey c’ha detto, anzi, disse che doveva avere un ruolo in The Irishman. Quello che posso dirvi io, amici o nemici che siate, è che a differenza del personaggio di Mickey in Angel Heart, eh già io so chi sono! Voi no.

Sì, quando ritorno io, Mickey Rourke de L’anno del dragone mi fa un baffo. Ora, tutti zitti, bambagioni. Sì, sono Johnny il bello, ribelle contro le ingiustizie come Mel Gibson di Braveheart. Se non vi sta bene, scrivete alla De Filippi. Ma, per piacere, lasciate stare i poeti. Cari uomini e donne, che potete farmi? Sono Francesco. Sì, uno che piace ad Helena Bonham Carter. E non è facilissimo. Essendo Helena una mezza freak da Tim Burton e più colta di Kenneth Branagh.

E ricordate… Le mie notti sono più belle dei vostri giorni. Voi una come Sophie Marceau ve la sognate. Io me la scopai ma non ho da rendere pubico, no, pubblico il mio essere diabolico.

Ah ah!

 

di Stefano Falotico

 

sophie marceau notti belle

 

 

marceau braveheart

Ha parlato BRAD PITT: il fenomeno del divismo delle star di HOLLYWOOD


15 Sep

Voi non siete divi di niente. Non siete dee di nulla nemmeno dei vostri migliori nudi, miei giudei (im)pudici.
Ah ah!silvio orlando ex brad pitt divismofaloticopittorlando ex

 

di Stefano Falotico

Genius-Pop

Just another WordPress site (il mio sito cinematograficamente geniale)