Posts Tagged ‘I falchi della notte’

In mezzo alla cafonaggine sociale, cammino con estrema fanfaronaggine, sputtanando un po’ tutti ma soprattutto me, oltre il comune porcile pasoliniano


02 Feb

scopareEvviva Lino Banfi, Rocco Papaleo e Diego Abatantuono!

Anni fa, fui coattamente quasi prelevato da casa e rigettato in guerra. E dire che fui attentissimo a seppellirmi vivo, gustando la mia trincea nel dolcificare una realtà che sempre conobbi a livello prettamente formale ma mai avrei immaginato che fosse così mortificante e agghiacciante in maniera tanto glaciale e abissale. Una società carnale in modo sesquipedale.

Sì, addivenni in tenerissima età allo schifo della cosiddetta realtà sociale, invero assai poco solidale, bensì pronta a renderti una vittima presto inculabile. Dunque, con meticolosa adempienza alla mia convinta estraniazione giustamente insanabile e malsana rispetto a un mondo d’uomini di panza assai malati nel cervello ma soprattutto in quello, anziché putrefarmi in tale immondezzaio di viventi prosciutti e antropofagi da repellere anche Hannibal Lecter, vissi lietamente pasciuto, nella mia anima giammai dissoluta, come Sean Astin della seconda stagione di Stranger Things. E ho detto tutto, ah ah.

Presto però fui preso d’assalto dalle bestie, io, uomo dantesco costretto a vivere l’Inferno di uomini infermi, cioè demogorgoni cagneschi, animali dall’aspetto antropomorfo che, senza necessitare dell’effetto speciale del morphing, in una parola, cattivissimamente mi morsero in modo lupesco.

Sì, mi chiusi da bianca volpe nel lieto mutismo e, dinanzi a questa realtà poco bella, bensì belluina, m’espressi in maniera afasica, distillando, da taciturno uomo ammantato di un’aura bergmaniana, telegrafiche frasi come se stessi digitando, sulla mia bocca, un alfabeto Morse. Eppure non demorsi. Sì, praticamente fui sfortunato come David Morse di Tre giorni per la verità. Incazzandomi, inascoltato, contro il mondo come Jack Nicholson de La promessa. Provai a latrare il mio dolore in ululati da licantropo ma m’accorsi che mi diedero la caccia per via della mia acustica, no, sensibilità troppo acuta e, stordito, stetti per fare la fine di Christopher Walken di The Deer Hunter. M’irrigidii, vissi profondamente ogni emozione interiormente ed esteriormente mostrai solo espressioni monolitiche da π – Il teorema del delirio. Fui accusato di essere Edward Norton di The Score quando recita la parte del tonto ma anche dello stesso Norton in Stone. Dire, cazzo, che fu colpa sempre di Norton, però di American History X, se mi lasciai andare come Edward Furlong. Le uniche volte in cui il mio viso fu espressivo più di quello di De Niro depresso, in Taxi Driver, avvennero quando risi a crepapelle, diciamo a squarciagola dinanzi alle battute disperatamente sardoniche e tristissime dello stesso de Niro in Re per una notte. E ho detto tutto un’altra volta…

Accendo la radio e sento Michela Vittoria Brambilla che parla di maialini. E chi sarebbero? Quelli che votano Salvini e poi usano la salvietta dopo essersi masturbati sulle sue esibite cosce da porcellona che, avendo fatto i soldi dopo essersela, pure (non) sudata, di saliva con tutti sfatta dopo che la offrì, specialmente cotonata, no, condonata, no, regalandola agli arrivisti saliti alla massima potenza e potere in lei su()pina, ora augura buona domenica, preparando manicaretti con tanto di salvia e rosmarino?

Forse, ebbe ragione Francesco Salvi con Esatto!

Sì, in chat su Facebook, senza preavviso, vengo contattato da ragazze che, per l’appunto di domenica mattina, vanno a messa e poi, segretamente, fanno le messaline. Ragazze in fiore, come si suol dire.

Giovanissime studentesse universitarie, laureande in Scienze dell’Educazione, che mi scrivono delle chiare provocazioni. Senza che neppure le conosca, mi mandano link di siti semi-massonici. Come no. Io clicco e noto che, posizionato in una zona strategica, v’è un tasto per sottoscrivere un particolare abbonamento da elargire a queste malafemmine che se la tirano da b(u)one.

Insomma, è come il contenuto extra del primo dvd di Basic Instinct. Se possiedi la chiave d’accesso, se hai in mano… il numero criptato, il maschio medio subito lì crepita perché vede costei nuda integralmente e tutta la sua vita da frustrato uomo della cripta, in un nanosecondo di eiaculazione precoce, viene… decriptata. Non so se lui venga scappellato, sognando d’inchiappettarla o rimanga solo economicamente inculato. Dovrei appurare. Ah ah.

Questa è tutta gente che dovrebbe crepare, altroché.

Poi, abbiamo quello che invece, non sapendo che cazzo fare a tarda notte, ti chiede se stai facendo sesso.

Tornando invece alla Brambilla, forse è meglio Demolition Man di Marco Brambilla. Per anni fui considerato Sandra Bullock di Miss Congeniality. Sì, ebbi delle cosce muscolose da calciatore e tutti gli uomini di palle vollero sbattermelo in culo sotto l’incrocio dei peli, no, pali, urlandomi di non rimanere fermo impalato, mentre le donne depilate desiderarono avere il mio pelo sullo stomaco. Andassero piuttosto a strofinare i loro panni sporchi per pulire la palla, no, la padella da/i altre besciamelle.

Sì, ma quale Stallone italiano?! Ah, che genia di pazzi, che orrida criogenia, mi sciolsi ma m’accorsi di essere più dotato di Wesley Snipes. Però gli altri sono rimasti piccoli e maniaci come Rutger Hauer de I falchi della notte. Abbiamo ancora Aldo, Giovanni e Giacomo. Con le loro battute da Poretti, no, da poveretti.

– Un film per cinefili.

– Portate anche i cani?!

 

Veramente, non se ne può più. Altro che il sito provato-privato. Questa è provatissima.

Al che, conosco un’altra. Sembra socievole, mi porta a spasso, sebbene se li giri tutti.

– Stefano, ieri sera me la sono spassata. Volevo provare esperienze nuove con uno. Ora, provo questo vestito. Secondo te, come mi sta?

– Ti calza a pennello, no, fa pena, ti sta come il cazzo. Direi quindi che ti dona/i tantissimo.

 

Conosco un’altra ancora:

– Ah, ma tu mi parli, Stefano, solo di Cinema. Io ho bisogno di calore.

– Guarda, ho qui il numero di un tecnico che ripara le caldaie. Deve aggiustare anche il termosifone? Arriva subito, in cinque minuti farà tutto. Ora, scusami, vado a mangiare le caldarroste.

 

Poi, la dovrebbe finire pure Ligabue. Un ipocrita mai visto. Canta di stare fra palco e realtà ma, sinceramente, io vedo che sta solo lui sul palco da porco.

La valigia? Quale? Il trolley che usa per i suoi ricchi viaggi da Tokyo a Milano con tanto di ricevuta di ritorno e soldi rubati ai fessi che compiace?

Ma quale The Irishman! Mi sa che farò la fine di The Iceman. Non in senso metaforico di uomo freddo, bensì d uomo che, per tirare… a campare, non essendo un assassino, dovrà ammazzarsi e credere all’altra puttanata del vostro Paradiso.

Posso farcela solo così. Sì, credendo che possa esistere un mondo migliore, consapevole però che non esiste più nulla.

La fine è avvenuta. Quella invece viene eternamente e tutti fa (s)venire.
E questo è quanto.

Ci vediamo domani, anzi, non vediamoci più. Meglio così, tanto tu sei brutto e io di più. Ah ah.

provocazione 2provocazione 3provocazione

 

di Stefano Falotico

iceman

 

 

Omaggio al grande Rutger Hauer, la mia vita da replicante ricorda la Total Recall delle mie origini da Paul Verhoeven


24 Jul

ladyhawke blade runner sean young hauer blade runner

Sono specializzato, d’altronde, nelle freddure.

Ebbene, lo sappiamo. Se n’è andato anche un altro maledetto per antonomasia.

Ovvero, il grande Rutger Hauer, protagonista di tante pellicole memorabili, altresì onnivoro, cinematograficamente parlando, d’innumerevoli schifezze.

Born:

January 23, 1944 in Breukelen, Utrecht, Netherlands

Died:

July 19, 2019 (age 75) in Netherlands

Ora, nato a Breukelen, vale a dire in Olanda, cioè i Paesi Bassi ove purtroppo abitano a tutt’oggi molti italiani che, semmai, stazionano fisicamente a Milano ma nel cervello sono poco statuari, diciamo.

Breukelen, da non confondere dunque con Brooklyn, chiamata a sua volta da quelli di Little Italy as Broccolino.

Voi siete sempre brocchi e poi, umiliati da voi stes(s)i, sbroccate. Dando voce al peggio delle vostre bocche sboccate.

Abbisognate di più bocciature.

Di mio, sono bassino, solo uno e 68, portabile al metro e settanta se indosso scarpe da ginnastica coi tacchetti e potabile a uno e sessanta dopo una giornata di merda per cui ho la schiena a pezzi.

Sì, m’ingobbisco, mi rannicchio e soffro tutte le osteoporosi possibili.

A me furono fatte peraltro varie diagnosi totalmente erronee e ora erro, anti-eroe, in una zona di prognosi riservata, in uno spazio-tempo melanconico simile al celeberrimo monologo finale di Blade Runner.

Per cui s’utilizzarono molte scene di Shining. E ho detto tutto…

Sì, vago da Lupo solitario come il primo film da regista di Sean Penn, ricordando che fui young e ora sono un Indiana Jones solo delle mie tempie maledette, distrutte da emicranie che mi donano, si fa per dire, una semi-paresi facciale da Ryan Gosling di Blade Runner 2049.

Questo Ryan, cazzo, non muove un muscolo facciale ma riesce a essere più carismatico di Takeshi Kitano.

Kitano soffre, per caso, della paralisi di Bell? E allora come mai non è bello come Gosling?

Sì, l’ho già detto ma lo ripeto. In Drive, Gosling ha recitato invero il remake di Hana-bi – Fiori di fuoco.

In realtà, la storia è molto diversa. Ma le atmosfere di Nicolas Winding Refn ricordano molto quelle malinconiche del capolavoro kitaniano par excellence.

Insomma, se proprio vogliamo sintetizzare, alla buona, la trama di Drive:

un uomo che, a prima vista, potrebbe sembrare Kurt Russell di A prova di morte, si dimostrerà esattamente il contrario. Laddove Kurt fu misogino e testa di cazzo sfasciacarrozze, Gosling sogna invece con Carey Mulligan solo un amore pirotecnico da fuochi passionali assai poco artificiali, dei fiori di figa per farla breve, ma fanno fuori il suo unico amico, quello sposato con la sua prediletta con cui non finì mai a letto e scoppiò un bordello.

Sì, su per giù, questa è la trama.

Abbiamo anche quel brutto uomo di Hellboy, Ron Perlman. Ancora una volta nella parte dell’uomo a cui nessuna donna assennata, di sesso assetata, direbbe… ehi, sei un playboy, di nome Nino.

Mentre ne Il nome della rosa fu Salvatore di nome ma non di fatto per sé stesso. Tant’è che lo bruciarono vivo.

Ah ah.

Di mio, per anni m’hanno ridicolizzato, trattandomi da bambino quando invero avevo già un ottimo cosino, mi sfottevano, urlandomi:

– Ehi, Stefanino, anche oggi l’hai pigliato nel c… ino?

 

Sì, guardate, uno schifo. Una vita piena di botte…, mie mezzeseghe.

Ma andiamo con calma. Sempre meglio comunque che finire come quei minchioni esaltati che vanno soltanto, da mattina a sera, a mignotte.

Vado dallo psicanalista e mi sdraio sul lettino. Lo psicanalista è un uomo, non è dunque Lorraine Bracco dei Soprano…

– Allora, qual è la diagnosi del cazzo, dottorino?

– Falotico, lei non soffre di nulla.

– Ah no?

– No, ma se continuerà per la sua strada, farà la fine di Ray Liotta di Quei bravi ragazzi.

– Non è un grosso problema. Sempre meglio che finire come Joe Pesci.

Guardi, le sarò franco. Se io fossi davvero un gangster come James Gandolfini, lei sarebbe la mia Lorraine. Potrei pure innamorarmi di lei. Ha delle gambe stupende. Ma Lorraine è una gatta da pelare. Ottima figa, per carità, ma l’ha mai visto Tracce di rosso? In quel film, Lorraine tocca l’apice della gnocca, ma che zoccola…

– Dunque, che vuole fare nella vita?

– Non lo so. Canterò Luna di Gianni Togni e Il cielo è sempre più blu di Rino Gaetano. Anche Gianna!

– Un po’ pochino, Stefanino.

– Sì, ma vale la pena elevarsi? Ci si brucia presto. Pensi a Roy Batty…

Io ne ho viste cose…

– Ah sì? Mi racconti. Sono interessato. Mi tolga anche una curiosità. Ha visto anche molte cosce?

– Sì, gliel’ho detto, Lorraine Bracco ha un paio di cosce, almeno le aveva, da guinness dei primati. Sì, vai da Lorraine, lei è mora sebbene spesso si tinga di biondo, le offri una bionda, lei ci sta e diventi un primate.

Forse, sei talmente eccitato, da battere pure ogni primato.

– Cioè? Questa non l’ho capita.

– Ah, lei non ha di questi problemi. Con quella faccia… sembra Billy Crystal di Terapia e pallottole, lo sa?

– Ecco, a parte gli scherzi, mi dica. Lei mi ricorda la ragazzina di Ecce Bombo…

– Sì, faccio cos(c)evedo gente…

– Sostanzialmente, non fa niente.

– Diciamo che mi arrangio. Non sono un Soldato d’Orange.

Che poi, caro mio, uno crede all’amore e a dio ma è capace che un vescovo gli lanciai una maledizione da Ladyhawke.

Sì, ad Aguillon, preferisco gli aquiloni.

Comunque, è un casino essere un uomo, sa? Ci sono dappertutto degli attentatori dei nostri volatili…

Per dirla alla Lino Banfi, sono volatili per diabetici, cioè cazzi amari.

In Ladyhawke, Hauer è un falco, in Nighthawks è uno psicopatico che ammazza quelle più bone come Michelle Pfeiffer.

Al che interviene lo Stallone en travesti.

Cioè, per ammazzare questo porco che uccide come ne Il silenzio degli innocenti, indossa i panni di Buffalo Bill.

Il silenzio degli innocenti è un film reazionario, peggiore di Cobra.

Scusi, lei è uno psicanalista, giusto?

Mi spieghi il finale.

Allora, questa Clarice Starling va in manicomio… da Hannibal Lecter. L’unico che può aiutarla a capire la mente di Buffalo.

Che cazzo se n’è fatta di tutte quelle splendide delucidazioni, se poi, anziché aiutare Buffalo e curarlo, lo ammazza come una Furia cieca neanche avesse di fronte il protagonista di The Hitcher?

Buffalo non era un matto incurabile come John Ryder, era un uomo con dei problemi. Lei doveva salvarlo.

Peraltro, Jodie Foster è pure lesbica… sa com’è? Poteva addirittura sposarsi Buffalo. Avrebbero vissuto felici e contenti.

– Secondo me, Falotico, di lei nessuno ha capito chi sia davvero.

Lei è forse Andreas Kartack de La leggenda del santo bevitore.

Ma non voglio santificarla. Lei è un peccatore come tutti.

Sa che Anthony Hopkins, prima di vincere l’Oscar per il menzionato film di Jonathan Demme, era come lei, in questo momento?

Sì, pensava sempre al suicidio. Era perfino alcolizzato. Lei non è alcolizzato ma tabagista, questo sì.

Ora, il nostro colloquio è finito. Alla prossima.

Ma, prima di salutarla, mi dica… le piace ancora Cristina Quaranta?

– Certo. Come fa a saperlo?

– Ho appena visto il suo video su YouTube. Quali sono le sue bionde preferite?

Anche Katarina Vasilissa de L’uomo che guarda è stata un mio must per an(n)i.

Gliela faccio io, ora, una domanda.

Che ha da guardarmi?

– Lei mi piace, sa?

– Ah, ora capisco il significato del termine psic-ANAL-ista.

Non mi rilascia neanche la ricevuta fiscale.

Morale della favola:

mai pensare di avere a che fare con un agnellino quando invece hai dinanzi uno con una mente che ti sbrana.

 

di Stefano Falotico

Ryan Gosling di DRIVE, un titano: la più grande, vendicata storia di violenza psicologica di tutti i temp(l)i


19 Jul

Immagine

Tempo fa vidi Drive di Nicolas Winding Refn per la prima volta in vita mia e, devo dirvi la verità, non ne rimasi particolarmente entusiasta.

Lo considerai troppo giovanilistico e, a parte la meravigliosa Nightcall che furoreggia in post-apertura del film sugli smaglianti, psichedelici titoli di testa, reputai Drive una mezza, loffia patetica imitazione del miglior Cinema meglio sviluppato e più ramificato di William Friekdin miscelato alle atmosfere melanconicamente forzate da Takeshi Kitano.

Un film perciò alquanto dozzinale nella sua stilizzata, reiterata reificazione d’una ingiustizia impunitamente crudelissima, vendicata in maniera potentissima da un Ryan Gosling out of control come l’omonimo hit storico dei Chemical Brothers.

Un mio grande nuovo amico m’ha definito in questi sintetici termini:

rappresenti la sublimazione reificata dei più reconditi meandri dell’animo umano. Là dove il mondo cela, tu porti alla luce.

Peccato che molta gente stupida abbia pensato esattamente il contrario.

Invero, come potete vedere dallo screenshot, lui ha scritto due volte dei.

L’ha fatto apposta, non è una ripetizione. Io e lui sappiamo la verità… dei rappresenta a sua volta sia l’articolo indeterminativo suddetto che il plurale di dio.

Oddio, mio signore!

Sì, questo mio amico mi reputa una sorta di angelo sterminatore divino, anzi, divinatorio. Un po’ come Bacco, divinità simboleggiatrice del vino. Portatrice di buon umore, personificazione della guascona gagliardia in un mondo oramai bruciato in ogni senso, per filo e per segno d’ogni candido sogno più stupidamente, giustamente utopistico.

Sì, il mio amico è molto preso dalla Politica. Al che, gli ho proposto di creare un partito poco egoistico chiamato Utopia.

Il cui motto innalzato in gloria nell’alto dei cieli sarà… anche a Losanna, Osanna, Rosanna e Rossana odieranno ogni retorica da pettegola, falsa zia poiché noi siamo cherubini birichini come in City of Angels e, a Los Angeles, tutti sanno che adoriamo Mulholland Drive nella nostra Inland Empire sventolante la chimera lontana da ogni bandiera bianca!

Sì, Drive è un film futurista. Dunque, se nel 1909 nacque il Bologna Football Club, la squadra che tutto il mondo tremare fa, eh, come, no, se fu partorito anche il futurismo da Marinetti, perché noi nel 2019 non possiamo contrastare Di Maio il cretinetti, Salvini il panzerotto vivente, i figli troioni di ogni Berlusconi ed essere invece Colin Farrell di Miami Vice anche se quel figlio di zoccola di Flavio Briatore non lavora più per la Formula 1? Miei deficienti?

Sì, in questo gran baccano disumano, io brindo alla vita, malgrado non sia mai un uomo pietistico da Miserere…, in quanto sono l’incarnazione reale e regale di Richard Gere de Gli invisibili, capolavoro sesquipedale con tanto di accelerata scena super malinconica nel rush finale, poi lentissimamente immortalata in maniera tristemente realistica in quanto grande pellicola lievissima, però pauperistica.

Sì, non si sevizia così un paperino solo perché a tredici anni già disgustavo le oche e non guardavo Paperissima.

Di mio, infatti, ho sempre amato leggere Topolino e ce l’avevo già precocemente contro ogni Banda Bassotti che prendeva per il culo, di bullismi e nonnismi, le mie papere da Pluto.

Da allora, estraniatomi che ebbi dai miei coetanei, ancora fermi al Manuale delle Giovani Marmotte, cioè saccenti ragazzini pubescenti e di sé pienotti che sognavano il seno di Folliero Emanuela ma non venivano cagati neppure da Mariotta, la ragazza più brutta, invero molto mignotta, dei loro licei del cazzo, divenni un indagatore dell’incubo, ovvero Dylan Dog.

Nelle mie notti insondabili ed enigmatiche come Martin Mystère, mi celai in maniera tetra e cimiteriale.

Quelli della mia età sospettarono della mia sessualità ambigua da Rupert Everett. In realtà vi dico che ero e sono tuttora solo Sylvester Stallone di Nighthawks.

Sì, nonostante fossi depresso forte, quasi uno zombi da George Romero, Falchi Anna di Dellamorte Dellamore mi tirava sempre su.

L’ho rivista l’alta sera su Instagram. Ancora spinge…

Anna curò, sì, ogni mia presunta castrazione e attrazione verso Thanos, no, Thanatos grazie al suo seno sprigionante florido Eros pimpante su sue poppe esaltanti e sul suo culo molto piccante, assai sodo da pompare furibondamente in modo robustamente ficcante. A dispetto del mio autoerotismo peggiore di quei cazzoni che si fanno ora le seghe mentali sul significato esegetico della saga degli X-Men, sognando Scarlett Johansson di Avengers, io ero già talmente avanti che lo presi nel didietro.

Sì, la mia vita s’oscurò e la gente pettegola e maligna pensò perfino che fossi Black Dahlia, quindi mi trattò da lazzarone, ridendosela da matti.

Fra Di Lazzaro Dalila, Sansone e Maciste nella valle dei farmacisti, ancora nessuna mi resiste. Infatti, mi dà un calcio nelle palle ancora prima che possa lei fare l’ipocrita, leggendo a letto la Holy Bible dopo che s’è fatta fottere da Nick Nolte di Cape Fear.

Sì, esistono donne che (non) amano gli uomini come King Kong, donne come Jessica Lange. Le quali desiderano crescere le figlie nella dolciastra ruffianeria da Cinema di Muccino.

Che grande, Ryan Gosling.

Avete visto che coerenza, che statura morale impressionante?

È solo come un cane, s’innamora della dolcissima vicina di casa, Irene/Carey Mulligan.

Al che, ritorna il marito di lei dopo aver scontato il carcere. Ryan, di nome Driver come De Niro/Travis Bickle appunto di Taxi Driver e come Driver l’imprendibile di Walter Hill, diviene una sorta di Stellan Skarsgård nell’animo, ah, Le onde del destino.

Rinuncia, da quel momento in poi, a ogni avance carnale nei confronti della donna di cui s’è perdutamente innamorato.

Sublima la paralisi sua sessuale, dovuta al fatto che è amico di Oscar Isaac, eh già, gli amici non si tradiscono mai, assurgendo a eremita sceso in terra.

Poi, ammazzano il suo migliore amico, Isaac, appunto.

Al che, l’autista con un’espressione da semi-autistico, Gosling, non lo ferma più nessuno.

Come si suol dire, manco Cristo.

Solo dio perdona e siamo Too Old to Die Young…

Nella vita esistono molti uomini e donne “diverse” come Carey Mulligan.

Uomini come Gosling di Stay, sognatori come in First Man, uomini perfino antisemiti come Gosling stesso di The Believer. Questi ultimi però non si pentono mai, non si redimono e continuano all’infinito con le porcate. Distruggendo i migliori anni in fiore delle persone.

Maltrattandole, nazisticamente, da ultime ruote…

A quel punto, si scatena la rabbia vendicatrice di Gosling di Drive? No, non siamo epici, suvvia, biblici sì.

Mosè docet.

Tanti anni or sono, fui estremamente profetico e signorilmente chiarissimo.

Dissi contro chi volle farmi passare per matto che abbisognava di pesanti sedazioni farmacologiche, ecco, dissi imperiosamente: provateci, fatelo e si abbatterà su di voi una punizione divina.

 

Ora, non piangete.

Sono sempre stato sensitivo, d’una sensibilità unica. Questa magia e quest’unicità mia vollero che si appiattisse nel carnaio volgare di massa.

Per esempio, io sono un intellettuale, forse l’ultimo degli umanisti.

Non credo alle terapie psichiatriche né mi convincono, essendo io di natura scettico e razionale, oserei dire illuminista o forse illuminato, le storie buoniste del tipo… se soffri, ti curi e poi tutto andrà a posto.

Perché sono troppo intelligente per credere realisticamente alle utopie, appunto, sono Ryan Gosling de Il caso Thomas Crawford.

A me gli psicopatici omicidi che insabbiano i loro scheletri nell’armadio stanno sul cazzo.

Comunque, idioti, non ammazzerò proprio nessuno.

Potete dormire sogni tranquilli, cullati dalla vostra demenza narcotizzante.

Ma per il Festival di Venezia, sì, inizialmente avevo deciso di comprare una palandrana da Joe Pesci di Mio cugino Vincenzo per fare un po’ il Joker di turno, ma ho cambiato repentinamente idea.

Ho appena pagato Amazon per ricevere a breve, a casa mia, questa.

Che taglia ho scelto?

Non lo so, non sono un cacciatore di taglie…

 

di Stefano Faloticomio cugino vincenzo pesci palandrana gosling drive

giacca di drive

Il falco/Falò della notte: come (in)castrai un vile pornograf(ic)o su Facebook per direttissima e non suo (d)ritto…


06 Aug

00399605

 

All’attardarsi di ieri sera, sullo “sfinir” di me, travolto da un’esistenza sempre più (cap)ricci(os)a dallo sfogliar una Prosciutto Crudo e non una Margherita, sovrastato dalla noia sapiente e di bulbo capelluto sudato per l’afa della calura estiva “spappolante” le mie meningi, mi son “scervellato” a beccar in flagranza di reato, e suo (s)porco ratto, un maiale (s)social(e). “Recapitando” alla sorveglianza di Facebook di “vigilar” e vagliare il suo (pro)filo… alquanto pervertito. Un “uomo” che, con screanzata e carna(scia)le(sca) arroganza, esibiva un’immagine del Ferrarino e un d(iari)o pieno zeppo di foto da “zuppa”, cioè orge di villosi pet(t)i nerboruti e “bunga bunga” con tanto di suo “primo” (pi)ano “ridente” e sfacciato. Una bacheca colma di sconcezze oscene e “cenine”, forse solo “cerniere”, da uomo davvero “colto”, di coiti rivoltanti da coliti e conati, di pompini svenduti come il latte fresco alla COIN e di copp(i)e scop(piett)anti su culetti sbattuti e pochi bacetti ma molta “violenza”.

Indubbiamente, per me, uomo di levatura morale parimenti grande quanto la moral guidance di Clint Eastwood, un “tozzo” da boicottare, bloccare, eliminare e m’immagino la sua “emoticon” quando, aprendo stamane FB, non ha potuto “aprirle” più, bestemmiando come un porcellone. Patta chiusa e sue patatine fritte. Eppur non gli si rizza con la Salsa, ballo latino-americano del suo turismo sessuale.

“Pen” gli sta. E, presto, gli giungerà a casa, dopo la postale al suo post(eriore), la polizia ad ammanettarlo e a metter(glie)lo “bono” per vil(ipendio) al pudore. Proprio un crimine “purissimo”, “pulito”.

Da “camice bianco” ad arrestarlo per aver (s)f(i)orato t(r)op(p)o. Dopo tante “tope”, che brutto intoppo, adesso sarà già tapp(at)o e non può più metter all’“orrore” una pezza. (S)toppa(to).

Di mio, punisco tal pezzi di merda e continuo a mangiar le pizze.

 

A tal maniaco (p)azz(o), invece, le sue feci e un nero sempre più pozzo.

Si chiama “inculata” di “mani” in te, bassissimo.

 

Grazie per aver portato alla nostra attenzione il profilo che hai segnalato perché presenta contenuti non appropriati.

Abbiamo rimosso il profilo perché non rispetta gli Standard della comunità di Facebook. Comunicheremo a XXX che il profilo è stato rimosso, ma non forniremo informazioni sulla persona che lo ha segnalato.

Non esitare a contattarci se visualizzi altri contenuti che ti preoccupano: vogliamo che Facebook rimanga un luogo sicuro e accogliente per tutti.

di Stefano Falotico

Genius-Pop

Just another WordPress site (il mio sito cinematograficamente geniale)